La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Disegni: Dominique Bach. Traduzione: Fr. Domenico Anzini. Realizzazione: Fr. Agustín Enciso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Disegni: Dominique Bach. Traduzione: Fr. Domenico Anzini. Realizzazione: Fr. Agustín Enciso."— Transcript della presentazione:

1

2 Disegni: Dominique Bach. Traduzione: Fr. Domenico Anzini. Realizzazione: Fr. Agustín Enciso.

3 CLICK para avanzar

4 Giunti i Fratelli a Parigi, il parroco di San Sulpice affidò loro una scuola di carità, raccomandando che i ragazzi poveri imparassero a leggere e scrivere, conoscessero i doveri di un buon cristiano e imparassero un mestiere. Ma il responsabile dellofficina era più interessato al profitto economico che poteva trarre dal lavoro dei ragazzi che non della loro formazione. Per questo motivo la scuola non andava bene. De La Salle iniziò subito la riforma della scuola: riunì i ragazzi in base alletà e al loro livello di conoscenza e fu esigente nel chieder loro puntualità, silenzio ed attenzione.

5 Visto il successo di questa prima scuola, ne aprì unaltra a Parigi in via du Bac. Ma il lavoro nelle scuole era duro, pertanto qualche Fratello iniziò a scoraggiarsi e a lasciare la comunità. De La Salle si rese conto che la formazione dei Fratelli era insufficiente. La scuola esige una grande dedizione e una grande preparazione! Allora, in via Vaugirard, affittò una casa molto ampia per formare i Fratelli e i giovani che chiedevano di entrare in comunità. Questi ultimi iniziarono a chiamarlo « Fondatore ».

6 Dopo un ritiro di intensa preghiera, il Fondatore e i Fratelli più impegnati nellopera, Nicola Vuyart e Gabriele Drolin, espressero il loro impegno per le scuole: Santissima Trinità. da oggi e per sempre, noi resteremo uniti per mantenere le Scuole Cristiane, anche se rimarremo soltanto noi tre e anche se dovessimo vivere di solo pane chiesto per carità ».

7 Giovanni Battista sentiva che il SIgnore proteggeva la sua opera, e tuttavia aumentavano anche le difficoltà: se le Scuole Cristiane non erano opera di Dio sarebbero già scomparse... Nonostante tutto la comunità dei Fratelli aumentava e De La Salle aprì un Noviziato per formare i futuri Fratelli e anche una piccola scuola per esercitarli nellinsegnamento.

8 Il parroco di San Sulpice propose a Giovanni Battista di utilizzare i locali della scuola, la domenica pomeriggio, per formare i giovani lavoratori della sua parrocchia. Lidea entusiasmò De La Salle che a questo scopo preparò due Fratelli. Lidea entusiasmò De La Salle che a questo scopo preparò due Fratelli. I giovani vi andavano con interesse, si istruivano, ascoltavano il catechismo e si divertivano con giochi diversi. I giovani vi andavano con interesse, si istruivano, ascoltavano il catechismo e si divertivano con giochi diversi.

9 Poichè non cerano Fratelli in numero sufficiente per rispondere a tutte le richieste, Giovanni Battista aprì una scuola per formare i maestri per la campagna. Poichè non cerano Fratelli in numero sufficiente per rispondere a tutte le richieste, Giovanni Battista aprì una scuola per formare i maestri per la campagna. Giovanni era convito che anche i contadini dovessero imparare a leggere e scrivere per difendersi e far valere i loro diritti. Giovanni era convito che anche i contadini dovessero imparare a leggere e scrivere per difendersi e far valere i loro diritti.

10 Le Scuole Cristiane fecero un gran bene e in altri luoghi della Francia si moltiplicarono le richieste dinvio di Fratelli De La Salle pensò che sarebbe stato bene far conoscere la sua opera nella città di Roma, centro della cristianità. Vi inviò i Fratelli Gabriele e Gerardo per cercare di realizzare il suo desiderio di aprirvi una scuola.

11 Per questo, Giovanni Battista partì da Parigi e a piedi o a cavallo visitò tutte le scuole, i Fratelli e gli alunni. Talvolta, per mostrare ai Fratelli come procedere, lui stesso si mise ad insegnare. Talvolta, per mostrare ai Fratelli come procedere, lui stesso si mise ad insegnare. Fratello, parli meno e sia più rispettoso verso gli alunni che lascolteranno con più attenzione. Consenta agli alunni più bravi di aiutare i loro compagni. Faccia attenzione, vigili sugli alunni; il loro comportamento sarà migliore e non sarà necessario punirli.

12 Tutto sembra andare a meraviglia, ma il successo delle scuole provocò gelosie e procurò difficoltà. Tutto sembra andare a meraviglia, ma il successo delle scuole provocò gelosie e procurò difficoltà. Il nuovo parroco di San Sulpice il signor de La Chetardie, accusò Giovanni Battista di essere incapace di guidare i Fratelli e di essere troppo duro. Il nuovo parroco di San Sulpice il signor de La Chetardie, accusò Giovanni Battista di essere incapace di guidare i Fratelli e di essere troppo duro. I Fratelli difesero il loro Fondatore dalla gelosia del parroco, e De La Salle continuò a dirigere le scuole. I Fratelli difesero il loro Fondatore dalla gelosia del parroco, e De La Salle continuò a dirigere le scuole.

13 Le difficoltà non si fermarono. I maestri calligrafi, che erano pagati per insegnare a scrivere, accusarono i Fratelli di togliere loro il lavoro e il pane. Non accettavano che le scuole del De La Salle fossero gratuite per tutti, anche per coloro che potevano pagare. Si vendicarono assaltando le scuole, distruggendo i banchi e rompendo le lavagne, versando linchiostro... …distruggendo libri e attrezzi scolastici. A colpi di riga maltrattarono alunni e Fratelli.

14 Lambiente delle scuole di Parigi divenne così negativo che non vi si poteva più educare. Era preferibile andarsene. De La Salle, rattristato, lasciò Parigi e si diresse verso sud dove fondò la scuola di Avignone. In seguito aprì quattro scuole a Rouen dove era nata la prima scuola di Adriano Nyel.

15 Dopo quei giorni difficili che avevano messo in pericolo le Scuole Cristiane, Giovanni Battista conobbe nuovamente la serenità. Dopo quei giorni difficili che avevano messo in pericolo le Scuole Cristiane, Giovanni Battista conobbe nuovamente la serenità. E il De La Salle acquistò la proprietà di Saint Yon vicino a Rouen; comprendeva giardini, campi e una grande casa. Vi aprì nuovamente un Noviziato per formare i Fratelli. Ne fece la sua abituale residenza, luogo nel quale riunire i Fratelli per pregare e condividere esperienze pedagogiche. Vi aprì nuovamente un Noviziato per formare i Fratelli. Ne fece la sua abituale residenza, luogo nel quale riunire i Fratelli per pregare e condividere esperienze pedagogiche.

16 E a pagamento, ma i soldi che guadagnano i Fratelli, servono a mantenere quattro scuole in favore dei poveri. Gli insegnamenti sono pratici; artimetica, geometria, disegno e architettura... E insegnano tutto in francese. Ho sentito dire che hanno anche un centro dove accolgono giovani con problemi con la giustizia per educarli e recuperarli. - Avete inteso come si parla bene del Convitto La Salle?

17 A Saint Yon, Giovanni Battista si occupò soprattutto di organizzare la comunità. Ma non dimenticò di occuparsi anche dei poveri che andavano da lui. A Saint Yon, Giovanni Battista si occupò soprattutto di organizzare la comunità. Ma non dimenticò di occuparsi anche dei poveri che andavano da lui. Un giorno andò a trovarlo un prete assai infelice a causa delle cattiva vita che conduceva e non riusciva ad abbandonare. Un giorno andò a trovarlo un prete assai infelice a causa delle cattiva vita che conduceva e non riusciva ad abbandonare. De La Salle invitò il sacerdote a pregare con lui e dopo un lungo tempo di preghiera e di colloquio, il peccatore chiese perdono a Dio e ritrovò, sul suo viso, gioia e felicità. De La Salle invitò il sacerdote a pregare con lui e dopo un lungo tempo di preghiera e di colloquio, il peccatore chiese perdono a Dio e ritrovò, sul suo viso, gioia e felicità.

18 Il giovane Jean Charles Clément andò a trovare De La Salle per proporgli un aiuto destinato allapertura di un nuovo Centro di formazione per maestri di campagna con il denaro delleredità che avrebbe ricevuto. Il giovane Jean Charles Clément andò a trovare De La Salle per proporgli un aiuto destinato allapertura di un nuovo Centro di formazione per maestri di campagna con il denaro delleredità che avrebbe ricevuto. Poiché riteneva necessaria questa fondazione, Giovanni Battista aprì il Centro investendovi, in più, il poco denaro disponibile. Poiché riteneva necessaria questa fondazione, Giovanni Battista aprì il Centro investendovi, in più, il poco denaro disponibile. Quando Clément ricevette i numerosi beni in eredità, suo padre, molto avaro, pensò di appropriarsene. Denunciò De La Salle dinanzi al tribunale per aver plagiato suo figlio. Quando Clément ricevette i numerosi beni in eredità, suo padre, molto avaro, pensò di appropriarsene. Denunciò De La Salle dinanzi al tribunale per aver plagiato suo figlio.

19 Che sofferenza per De La Salle con un simile processo! Aveva anche usato il poco denaro disponibile per il sostentamento della comunità. Che smacco! Che sofferenza per De La Salle con un simile processo! Aveva anche usato il poco denaro disponibile per il sostentamento della comunità. Che smacco! Ma De La Salle non si scoraggiò. Decise di dirigersi verso il sud della Francia dove cera un buon numero di Fratelli. Ma De La Salle non si scoraggiò. Decise di dirigersi verso il sud della Francia dove cera un buon numero di Fratelli. Partì alla volta di Avignone, quindi visitò i Fratelli di Grenoble e di Marsiglia, dove cera una scuola nel quartiere del porto. Partì alla volta di Avignone, quindi visitò i Fratelli di Grenoble e di Marsiglia, dove cera una scuola nel quartiere del porto.

20 Ma le cose iniziarono a complicarsi anche a Marsiglia. I sostenitori delle scuole preferirono affidarle a dei sacerdoti; il Noviziato di Marsiglia si vuotò e anche uno dei Fratelli si permise di dire: Ma le cose iniziarono a complicarsi anche a Marsiglia. I sostenitori delle scuole preferirono affidarle a dei sacerdoti; il Noviziato di Marsiglia si vuotò e anche uno dei Fratelli si permise di dire: - Siete venuto a Marsiglia soltanto per distruggere... Allo stesso modo, De La Salle non fu ben accolto in altre comunità per cui cominciò a pensare: Allo stesso modo, De La Salle non fu ben accolto in altre comunità per cui cominciò a pensare: Cercando di conoscere la volontà di Dio, De La Salle si diresse alla Certosa di Grenoble dove rimase tre giorni in profonda preghiera. Cercando di conoscere la volontà di Dio, De La Salle si diresse alla Certosa di Grenoble dove rimase tre giorni in profonda preghiera. - Sono forse un ostacolo per lopera di Dio? Non sono un vero disastro? Fa o Signore, che si compia in me la tiua volontà. Se Voi lo volete io abbandonerò lopera delle Scuole e mi occuperò soltanto dei miei doveri sacerdotali. - Sono forse un ostacolo per lopera di Dio? Non sono un vero disastro? Fa o Signore, che si compia in me la tiua volontà. Se Voi lo volete io abbandonerò lopera delle Scuole e mi occuperò soltanto dei miei doveri sacerdotali.

21


Scaricare ppt "Disegni: Dominique Bach. Traduzione: Fr. Domenico Anzini. Realizzazione: Fr. Agustín Enciso."

Presentazioni simili


Annunci Google