La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

U NIVERSITA DEGLI S TUDI DEL M OLISE Dipartimento di Bioscienze e Territorio 16 maggio 2013 Aula Magna G. Galilei Lucia Pallotta BIODIVERSITA E NUTRIZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "U NIVERSITA DEGLI S TUDI DEL M OLISE Dipartimento di Bioscienze e Territorio 16 maggio 2013 Aula Magna G. Galilei Lucia Pallotta BIODIVERSITA E NUTRIZIONE."— Transcript della presentazione:

1 U NIVERSITA DEGLI S TUDI DEL M OLISE Dipartimento di Bioscienze e Territorio 16 maggio 2013 Aula Magna G. Galilei Lucia Pallotta BIODIVERSITA E NUTRIZIONE Un modello dinamico per lanalisi quali-quantitativa dei sistemi agroalimentari

2 Nel 2010, anno della biodiversità S imposio scientifico internazionale dal titolo Biodiversità e diete sostenibili: uniti contro la fame, organizzato congiuntamente dalla FAO e da Bioversity International – Definizione di dieta sostenibile L UNESCO dichiara la dieta mediterranea patrimonio dellumanità I l Barilla Center for Food and Nutrition propone per la prima volta un modello figurativo noto come piramide alimentare Dipartimento di Bioscienze e Territorio - 16 maggio 2013

3 Una premessa Dal 1960 ad oggi, a scala globale specie descritte specie per le quali si è valutato lo stato di rischio, delle quali estinte o a rischio di estinzione ( IUCN, 2012) se la proporzione fosse rispettata, specie su , cioè il 18.6%, sarebbero scomparse o in procinto di scomparire circa razze agrarie note, di cui il 90% razze locali, ma tra estinte e a rischio di estinzione ( FAO DAD-IS, 2012 ) 23 milioni di ettari di foresta primaria scomparsi dal 1990 al 2005 ( FAO, 2012 ) raddoppio della popolazione mondiale produzione agricola triplicata attualmente 2800 kcal procapite giorno Ma: 12.5% sottonutriti 35% adulti sopra i ventanni sovrappeso 12% obesi (adulti + bambini) 60% della mortalità complessiva dovuta a malattie non trasmissibili legate allalimentazione (diabete, ipertensione, cancro, malattie cardiovascolari) ( WHO, 2012 ) Perdita di biodiversitàMalnutrizione ? Dipartimento di Bioscienze e Territorio - 16 maggio 2013

4 Il percorso di ricerca Analisi della letteratura Raccoltadati Banca dati Modello concettuale Selezione degli indicatori Statistica descrittiva Modello quantitativo Problema Esiste una relazione tra perdita di biodiversità e malnutrizione? Biodiversità Capitale naturale Capitale umano Capitale dinvestimento e di esercizio Produzione Distribuzione e commercio Consumo Dipartimento di Bioscienze e Territorio - 16 maggio 2013

5 La banca dati: 200 indicatori ed indici, circa record 237 paesi 34 aggregati

6 Struttura e funzioni del modello completo Dipartimento di Bioscienze e Territorio - Dottorato di Ricerca in Ambiente e Territorio - XXV Ciclo Organizzazione gerarchica dellinformazione Livello 1 blocco tematico Livello 2 area tematica Livello 3 indicatori SALUTE - Sottonutriti - Obesi - … Relazioni tra blocchi Produzione e Consumo sono classicamente regolati dal meccanismo di domanda/offerta (linee rosse)

7 La produzione Dipartimento di Bioscienze e Territorio - Dottorato di Ricerca in Ambiente e Territorio - XXV Ciclo Produzioni vegetali: da 2 mld ton nel 1961 a 6 mld ton nel 2010 Dipartimento di Bioscienze e Territorio - 16 maggio 2013

8 Il capitale naturale Dipartimento di Bioscienze e Territorio - Dottorato di Ricerca in Ambiente e Territorio - XXV Ciclo SUOLO Var. assoluta del periodo (mln Ha) Var. assoluta del periodo (%) mln Ha % sup. mondiale mln Ha % sup. mondiale mln Ha % sup. mondiale Foreste Prati e pascoli Superficie Agricola Seminativi Cereali Colture Permanenti Superfici Artificiali Superficie mondiale totale (inclusi i corpi idrici di superficie): milioni di ettari ACQUA La risorsa idrica rinnovabile procapite da mc nel 1990 a mc nel 2010 (AQUASTAT, 2012) Più del 70% dellacqua è utilizzata in agricoltura (Hoekstra e Chapagain, 2007) Solo il 20% delle superfici coltivate sono irrigate artificialmente, ma da esse proviene il 50% della produzione (da dati FAOSTAT, 2012) (Hoekstra e Chapagain, 2007)

9 Il capitale umano Dipartimento di Bioscienze e Territorio - Dottorato di Ricerca in Ambiente e Territorio - XXV Ciclo Paesi con una variazione percentuale assoluta della popolazione economicamente attiva in agricoltura maggiore del 20% per il periodo var. % var. % Gabon (Middle Africa) Malaysia (South-Eastern Asia) Saudi Arabia (Western Asia) Réunion (Eastern Africa) Maldives (Southern Asia) Romania Eastern Europe) Honduras (Central America) Brazil South America) Republic of Korea (Eastern Asia) Dominican Republic (Caribbean) Nigeria (Western Africa) Greece Southern Europe) Egypt (Northern Africa) Dipartimento di Bioscienze e Territorio - 16 maggio 2013

10 Gli investimenti Dipartimento di Bioscienze e Territorio - Dottorato di Ricerca in Ambiente e Territorio - XXV Ciclo Consumo di fertilizzanti (mln ton principio attivo K,N,P) Low Income Food Deficit Countries European Union World Africa Northern America Eastern Asia Macchine agricole in uso (1000) Low Income Food Deficit Countries European Union World Africa Northern America Eastern Asia Investimenti per miglioramento fondiario (mln $ - prezzi costanti 2005) Low Income Food Deficit Countriesnd European Unionnd World nd Africa nd Northern Americand Eastern Asiand

11 Il commercio Dipartimento di Bioscienze e Territorio - Dottorato di Ricerca in Ambiente e Territorio - XXV Ciclo Dipartimento di Bioscienze e Territorio - 16 maggio 2013

12 Il consumo Dipartimento di Bioscienze e Territorio - Dottorato di Ricerca in Ambiente e Territorio - XXV Ciclo

13 Disponibilità alimentare (kcal/procapite/giorno) – 2007 (FAOSTAT 2010) Congo democr., Eritrea1.605Canada, Francia, Israele3.532 Burundi1.685Germania3.547 Haiti, Zambia1.870Portogallo3.584 Comore1.884Irlanda, Malta3.612 Angola1.973Italia3.646 Etiopia1.980Belgio, Lussemburgo3.694 Repubblica Centrafricana1.986Grecia3.725 Territori Occupati della Palestina2.020USA3.748 Tanzania2.032Austria3.819 Il consumo Dipartimento di Bioscienze e Territorio - 16 maggio 2013

14 I 45 indicatori selezionati: evitare ridondanze, minimizzare limputazione dei dati BLOCCO (n. indicatori)AREAINDICATORESIGLA BIODIVERSITA (2) ECOSISTEMI E HABITATOGMB11 POLITICHE AMBIENTALIPARTECIPAZIONE AI TRATTATIB21 CAPITALE NATURALE (13) ACQUA PRELIEVO IDRICO IN AGRICOLTURACN11 SUPERFICIE IRRIGUACN12 SUOLO SUPERFICIE AGRICOLACN21 SUPERFICIE FORESTALECN22 SUPERFICIE A CEREALICN23 SUPERFICIE A FORAGGERECN24 CLIMATOTALE EMISSIONI DA COMBUSTIBILI FOSSILICN31 RISORSE GENETICHEACCESSIONI PER PROVENIENZACN41 CAPITALE AGRARIO BOVINI E BUFALICN51 OVINI E CAPRINICN52 AVICOLICN53 EQUINI E CAMELIDICN54 SUINICN55 CAPITALE FISICO (1) CAPITALE DI ESERCIZIOCONSUMO DI FERTILIZZANTICF21 CAPITALE UMANO (1) TECNOLOGIABREVETTICU21 PRODUZIONE (12) QUANTITA' PRODOTTE PRODUZIONE TOTALE DI CARNEP11 PRODUZIONE ANIMALE LAVORATAP12 PRODUZIONE ANIMALE PER ALIMENTAZIONE UMANAP13 PRODUZIONE VEGETALE TOTALEP14 PRODUZIONE VEGETALE PER ALIMENTAZIONE UMANAP15 PRODUZIONE VEGETALE LAVORATAP16 RESA CEREALIP21 CARNE BOVINAP22 LATTEP23 SCARTIPERDITE TOTALI DA PRODUZIONI AGRICOLEP31 INTENSIFICAZIONE PRODUTTIVAN. DI TRATTORI PER 1000 ETTARI DI SUPERF. AGRICOLAP41 VALORE MONET. DELLE PRODUZ. AGRICOLEINDICE DI PRODUZIONE AGRICOLAP51 COMMERCIO (5) IMPORTAZIONIIMPORTAZIONI AGROALIMENTARICOM11 ESPORTAZIONIESPORTAZIONI AGROALIMENTARICOM21 DIPENDENZA-AUTOSUFFICIENZA ODACOM31 INDICE DI AUTOSUFFICIENZA PER I CEREALI (SSR)COM32 DISTRIBUZIONEVEICOLI COMMERCIALICOM41 CONSUMO (11) FATTORI DEMOGRAFICI POPOLAZIONE URBANACON11 POPOLAZIONE RURALECON12 DISPONIBILITA' ALIMENTARE DIETARY ENERGY SUPPLY (DES)CON21 KCAL/PROCAPITE/GIORNO DA VEGETALICON22 KCAL/PROCAPITE/GIORNO DA ANIMALICON23 SALUTE PREVALENZA SOTTONUTRIZIONECON31 PREVALENZA OBESITA'CON32 ISTRUZIONE E CULTURA ASPETTATIVA SCOLASTICACON41 UTENTI INTERNET (SU 100)CON42 FATTORI ECONOMICI REDDITO NAZIONALE LORDO PRO CAPITECON51 INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO (2005=100)CON52

15 Dipartimento di Bioscienze e Territorio - Dottorato di Ricerca in Ambiente e Territorio - XXV Ciclo MONDO + trattati, + OGM BIODIVERSITA + prelievo idrico CAPITALE NATURALE + fertilizzanti CAPITALE FISICO + brevetti CAPITALE UMANO + produzione di carne PRODUZIONE + importazioni agroalimentari COMMERCIO + popolazione urbana CONSUMO - sottonutrizione + obesità SALUTE

16 Dipartimento di Bioscienze e Territorio - Dottorato di Ricerca in Ambiente e Territorio - XXV Ciclo + trattati BIODIVERSITA + prelievo idrico, + capitale agrario CAPITALE NATURALE + fertilizzanti CAPITALE FISICO + brevetti CAPITALE UMANO + produzione agricola PRODUZIONE + ODA COMMERCIO + indice dei prezzi al consumo CONSUMO - sottonutrizione + obesità SALUTE Africa + trattati, + OGM BIODIVERSITA + superficie agricola CAPITALE NATURALE + fertilizzanti CAPITALE FISICO + brevetti CAPITALE UMANO + produzione agricola, + carne PRODUZIONE + importazioni, + esportazioni COMMERCIO + indice dei prezzi al consumo CONSUMO - sottonutrizione + obesità SALUTE Asia orientale + trattati, + OGM BIODIVERSITA + superficie irrigua CAPITALE NATURALE + fertilizzanti CAPITALE FISICO + brevetti CAPITALE UMANO + produzione agricola, + carne PRODUZIONE + importazioni, + esportazioni COMMERCIO - popolazione rurale,+ popolazione urbana CONSUMO + obesità SALUTE Nord AmericaUnione Europea + trattati BIODIVERSITA + superficie irrigua CAPITALE NATURALE + fertilizzanti CAPITALE FISICO + brevetti CAPITALE UMANO + produzione agricola, +carne PRODUZIONE + importazioni agroalimentari COMMERCIO + popolazione urbana CONSUMO + obesità SALUTE

17 Tecnologia e innovazione in agricoltura Il fattore tecnologico altera la produttività dei fattori rivoluzione verde, biotecnologie Il progresso tecnico si sostanzia in un cambiamento, in una dinamica temporale di trasformazione del modo di produrre produzione intensiva, monocoltura, OGM Ipotesi schumpeteriana di una stretta interdipendenza tra lo sviluppo tecnologico, quello scientifico e quello del mercato negli stadi iniziali predomina spesso l'influsso esogeno della scienza e delle nuove tecnologie, mentre nella fase della maturità prevalgono la domanda di mercato le innovazioni di processo e le invenzioni secondarie processi industriali, import/export, filiere lunghe Quale innovazione per il sistema agroalimentare? Europa 2020 e la nuova PAC competitività indotta dalla conoscenza sostenibilità ambientale capacità di creare occupazione e coesione sociale. Tutte le correlazioni sono coerenti con la teoria dello sviluppo agricolo Dipartimento di Bioscienze e Territorio - 16 maggio 2013

18 Considerazioni conclusive e prospettive future Negli ultimi cinquantanni il sistema agroalimentare si è evoluto allinsegna della complessità. Lagricoltura, lindustria e il commercio hanno stretto forti e complesse relazioni che ne rendono difficile una lettura immediata e chiara. Questo studio ha cercato di affrontare il problema della sostenibilità del sistema agroalimentare attingendo a varie discipline, sia sotto il profilo concettuale (economia, ecologia, sociologia) e sia sotto il profilo metodologico (statistica, informatica). Da una prima applicazione del modello gli attuali sistemi agroalimentari risultano economicamente, ecologicamente e socialmente insostenibili poiché tanto a scala globale quanto a scala regionale diminuisce il capitale naturale, diminuisce lautosufficienza alimentare mentre aumenta la dipendenza dalle importazioni, e ovunque peggiora lo stato nutrizionale. Dipartimento di Bioscienze e Territorio - 16 maggio 2013

19 Esprimo tutta la mia gratitudine al mio Tutor, Prof. Davide Marino, che ha dato spazio e vigore al mio operato. Ringrazio per i loro preziosi consigli il prof. Sergio Camiz, il Prof. Giovanni Capobianco e il Prof. Fabio Divino.. Infine, ringrazio tutti voi per lattenzione Un grazie particolare va a Marcello Pizzi per il prezioso supporto informatico U NIVERSITA DEGLI S TUDI DEL M OLISE Dipartimento di Bioscienze e Territorio 16 maggio 2013 Aula Magna G. Galilei Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "U NIVERSITA DEGLI S TUDI DEL M OLISE Dipartimento di Bioscienze e Territorio 16 maggio 2013 Aula Magna G. Galilei Lucia Pallotta BIODIVERSITA E NUTRIZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google