La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EPISTEMOLOGIA E SCIENZE COGNITIVE Parte I Corso di Psicologia Clinica II Prof. Marco Castiglioni Corso di Epistemologia Prof. Federico Laudisa CdL Mag.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EPISTEMOLOGIA E SCIENZE COGNITIVE Parte I Corso di Psicologia Clinica II Prof. Marco Castiglioni Corso di Epistemologia Prof. Federico Laudisa CdL Mag."— Transcript della presentazione:

1 EPISTEMOLOGIA E SCIENZE COGNITIVE Parte I Corso di Psicologia Clinica II Prof. Marco Castiglioni Corso di Epistemologia Prof. Federico Laudisa CdL Mag. Sc. Pedagogiche - A.A Ciclo di lezioni comuni I semestre

2 Parte Prima FILOSOFIA, SCIENZA, FILOSOFIA DELLA SCIENZA LA RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

3 Uno sguardo alla natura della filosofia (Thomas Nagel, Una brevissima introduzione alla filosofia, Il Saggiatore 1989) «La filosofia è diversa dalla scienza e dalla matematica. Diversamente dalla scienza non fa assegnamento sugli esperimenti o losservazione, ma solo sul pensiero. E diversamente dalla matematica non ha un metodo formale di dimostrazione. La si fa solo ponendo questioni, argomentando, elaborando idee e pensando ad argomenti possibili per confutarle, e chiedendosi come davvero funzionano i nostri concetti.» È una circostanza simbolica che la filosofia occidentale, intesa in questo senso usuale, nasca di fatto in forma dialogica con lopera filosofica di Platone (IV sec. a. C.)

4 «Il principale interesse della filosofia è mettere in questione e comprendere idee assolutamente comuni che noi tutti impieghiamo ogni giorno senza pensarci sopra. Uno storico può chiedere cosa è accaduto in un certo tempo del passato, ma un filosofo chiederà Cosa è il tempo? Un matematico può studiare le relazioni tra numeri, ma un filosofo chiederà Cosè un numero? Un fisico chiederà di cosa sono fatti gli atomi o cosa spiega la gravità, ma un filosofo chiederà Come possiamo sapere che vi è qualcosa al di fuori delle nostre menti?

5 Uno psicologo può studiare come i bambini imparano un linguaggio, ma un filosofo chiederà Cosa fa in modo che una parola significhi qualcosa? Chiunque può chiedersi se è sbagliato entrare in un cinema senza pagare, ma un filosofo chiederà Cosa rende unazione giusta o sbagliata? Non potremmo farcela a tirare avanti nella vita senza prendere per scontate le idee di tempo, numero, conoscenza, linguaggio, giusto e sbagliato; ma in filosofia ci occupiamo proprio di queste cose.»

6 Che cosè la scienza? Ecco una domanda alla quale sembra facile rispondere: tutti sanno che discipline come la fisica, la chimica e la biologia fanno parte della scienza, mentre arti, musica e teologia ne sono escluse. Quando però ci chiediamo in quanto filosofi che cosa sia la scienza, non è questo il tipo di risposta che cerchiamo. Non chiediamo una mera lista delle attività che sono di solito chiamate «scienza». Piuttosto ci stiamo interrogando sulla caratteristica comune condivisa da tutte le attività della lista. Ovvero su ciò che rende qualcosa una scienza. Intesa in questo modo, non si tratta di una domanda banale. S. Okasha, Il primo libro di filosofia della scienza

7 La domanda è in realtà molto antica e risale alle origini stesse del pensiero filosofico: il problema di cosa sia la scienza è al centro di uno dei più importanti dialoghi di Platone, il Teeteto. È proprio questo ciò che mi fa problema, e che non riesco da me stesso a comprendere a sufficienza: che cosa è mai scienza? [...] Ma quello che ti è stato chiesto, Teeteto, non era questo, ossia di quali oggetti sia la scienza, né quante siano le scienze. Ponendo la domanda, infatti, non volevamo enumerare le scienze, bensì sapere che cosa è mai la scienza in sé.

8 Platone utilizzava il termine scienza nel senso generale di conoscenza autentica e non distingueva in modo netto tra ciò che oggi intendiamo con scienza e ciò che oggi intendiamo con filosofia (torneremo dopo sullimportanza di questa distinzione). Nel nostro tempo, supponendo di sapere esattamente come e perché scienza e filosofia siano distinte, notiamo subito come esista unimplicazione reciproca tra filosofia e scienza: da una parte, la scienza ha ricadute sui modi di vedere il mondo (dalla scienza alla filosofia), ma dallaltro la filosofia influenza la scienza (dalla filosofia alla scienza).

9 I assunzione fondamentale della filosofia della scienza: Esistono questioni che nascono dalle scienze ma che non si esauriscono nelle scienze e che non possono fare a meno di unanalisi filosofica. Che particolare tipo di conoscenza è la conoscenza scientifica? Quali sono i limiti della conoscenza scientifica? Perché larga parte della conoscenza scientifica è dimostrativa? Cosa rende certa la conoscenza dimostrativa? Cosè una dimostrazione?

10 II assunzione fondamentale della filosofia della scienza: I tentativi di rispondere a queste domande sono importanti in generale non soltanto per la filosofia ma spesso si sono dimostrati importanti anche per la scienza. Esempi (recenti): Cosè una dimostrazione?LOGICA FORMALE Cosè un calcolo?INFORMATICA TEORICA Cosè la mente? Il pensiero è un calcolo?SCIENZE COGNITIVE Mente/linguaggio?

11 Per motivi non banali, la scienza è ritenuta una fonte di conoscenza certa, oggettiva, affidabile, ecc. Nel senso comune, laggettivo scientifico denota affermazioni che supportano una forma solida di conoscenza, idealmente non soggetta a quei punti di vista e a quelle interpretazioni che sembrano caratterizzare il mondo della cultura non strettamente scientifica. Quali sono i fondamenti di questa intuizione del senso comune? In che termini essa può essere considerata plausibile?

12 La filosofia della scienza prova a rispondere a domande come queste, che assumono grande importanza alla luce del ruolo che, in un senso o nellaltro, la scienza svolge nelle moderne società avanzate. In prima approssimazione, potremmo fornire la seguente definizione: FILOSOFIA DELLA SCIENZA Analisi dei metodi, dei contenuti concettuali e delle implicazioni filosofiche delle scienze

13 Due dimensioni fondamentali della filosofia della scienza, che spesso interagiscono: Una dimensione epistemica (da EPISTEME ) Quali sono le possibili giustificazioni della conoscenza scientifica? Quali sono i metodi utilizzati dalle teorie scientifiche per ottenere i loro risultati e come si giustificano tali metodi? Una dimensione ontologica (da ONTO - LOGIA ) Quali sono le rappresentazioni del mondo fornite dalle teorie scientifiche? Quali sono il significato di queste rappresentazioni e il loro impatto su nozioni filosofiche tradizionali?

14 La filosofia della scienza si configura dunque come indagine filosofica sulla natura della conoscenza scientifica. La filosofia si è sempre interrogata sulla natura della conoscenza in generale: dunque un problema ancora più urgente è stato quello di interrogarsi sulla natura di quella particolare forma di conoscenza rappresentata dalla conoscenza scientifica.

15 Si pongono allora questioni come: Cosa rende speciale la conoscenza scientifica? Perché riteniamo che la conoscenza scientifica sia più certa delle altre forme di conoscenza? La conoscenza scientifica è realmente più certa? E in che senso? Come è possibile distinguere la conoscenza scientifica dalla pseudoscienza?

16 Quando parliamo di filosofia, di scienza e di filosofia della scienza, assumiamo di sapere che la scienza e la filosofia sono discipline ben distinte; di essere in grado - con un buon grado di approssimazione - di tracciare la linea di demarcazione tra esse. Ma è sempre stato così?

17 Limmagine moderna di scienza come indagine sistematica dei fenomeni naturali e ad alto contenuto matematico-formale emerge in modo decisivo con la cosiddetta Rivoluzione scientifica (tra la seconda metà del XVI secolo e la fine del XVII secolo), a partire dalla quale diventa sempre più netta la distinzione tra scienze e altre forme di cultura.

18 Il carattere rivoluzionario di questa epoca della cultura europea si deve allintroduzione di un modo radicalmente nuovo di analizzare i fenomeni naturali, che non deriva soltanto dallaccumulazione di fatti ed esperienze precedenti (né tantomeno dalla scoperta di un presunto metodo scientifico) ma che si configura piuttosto come un autentico rovesciamento di prospettiva.

19 Un segnale culturalmente significativo della Rivoluzione scientifica è la ricorrenza dellaggettivo nuovo in centinaia di testi filosofici e scientifici del XVII: il Nuovo organo di Bacone, la Nuova astronomia di Keplero, i Discorsi e Dimostrazioni intorno a due nuove scienze di Galileo,......

20 Aspetti di interesse epistemologico della Rivoluzione scientifica Superamento dellimmagine aristotelica del cosmo (unimmagine qualitativa e gerarchicamente differenziata al suo interno). Un elemento fondamentale di questo superamento è la nuova centralità della modellizzazione e dellidealizzazione dei fenomeni (esempio importante tra molti: il principio galileiano di relatività).

21 Sì come a voler che i calcoli tornino sopra i zuccheri, le sete e le lane, bisogna che il computista faccia le sue tare di casse, involgie ed altre bagaglie, così quando il filosofo geometra vuol riconoscere in concreto gli effetti dimostrati in astratto, bisogna che difalchi gli impedimenti della materia; che se ciò saprà fare, io vi assicuro che le cose si riscontreranno non meno aggiustatamente che i computi aritmetici. Gli errori dunque non consistono né nellastratto né nel concreto, né nella geometria o nella fisica, ma nel calcolatore, che non sa fare i conti giusti. Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo (1632)

22 CONSEGUENZE: Applicazione crescente della matematica ai fenomeni naturali. Centralità del concetto di esperimento, inteso come costruzione artificiale - sia essa puramente mentale o concretamente realizzabile - e mirato a indagini specifiche.

23 Elemento centrale di larga parte della Rivoluzione scientifica è stata dunque la matematizzazione del mondo naturale, conseguenza di una nuova capacità di modellizzare i fenomeni. La scomparsa - o distruzione - del cosmos indica che il mondo della scienza, il mondo reale, non è più visto o concepito come un tutto finito e ordinato gerarchicamente, cioè qualitativamente e ontologicamente differenziato, bensì come un universo aperto, indefinito e anche infinito, tenuto insieme non dalla sua struttura immanente, ma soltanto dallidentità dei suoi contenuti e leggi fondamentali. Un universo nel quale la fisica celeste e la fisica terrestre vengono identificate e unificate, nel quale astronomia e fisica diventano interdipendenti e strettamente connesse a motivo della loro comune subordinazione alla geometria. A. Koyré, Il significato della sintesi newtoniana

24 Il principio di relatività galileiana e la nascita della cinematica moderna Dialogo sopra i due massimi sistemi delluniverso (1632), giornata seconda Rinserratevi con qualche amico nella maggior stanza che sia sotto coverta di alcun gran navilio, e quivi fate daver mosche, farfalle, e simili animaletti volanti; siavi anco un gran vaso dacqua e dentrovi de pescetti; sospendasi anco in alto qualche secchiello, che a goccia a goccia vadia versando dellacqua in un altro vaso di angusta bocca che sia posto a basso. [...]

25 e stando ferma la nave, osservate diligentemente come quegli animaletti volanti con pari velocità vanno verso tutte le parti della stanza; i pesci si vedranno andar notando indifferentemente per tutti i versi; le stille cadenti entreranno tutte nel vaso sottoposto; e voi, gettando allamico alcuna cosa, non più gagliardamente la dovrete gettare verso quella parte che verso questa, quando le lontananze sieno uguali; e saltando voi, come si dice, a pie giunti, eguali spazii passerete verso tutte le parti. [...]

26 Osservate che avrete diligentemente tutte queste cose, benché niun dubbio ci sia che mentre il vascello sta fermo non debbano succedere così, fate muovere la nave co quanta si voglia velocità; ché (pur che il moto sia uniforme e non fluttuante in qua e in là) voi non riconoscerete una minima mutazione in tutti li nominati effetti, né da alcuno di quelli potrete comprender se la nave cammina o pure sta ferma: voi saltando passerete nel tavolato i medesimi spazii che prima, né, perché la nave si muova velocissimamente, farete maggior salti verso la poppa che verso la prua, benché, nel tempo che voi state in aria, il tavolato sottosaltopostovi scorra verso la parte contraria al vostro salto. [...]

27 e gettando alcuna cosa al compagno, non con più forza bisognerà tirarla, per arrivarlo, se egli sarà verso la prua e voi verso poppa, che se voi fuste situati per lopposito; le gocciole cadranno come prima nel vaso inferiore, sensa caderne pur una verso poppa, benché, mentre la gocciola è in aria, la nave scorra molti palmi; i pesci nella lor acqua non con più fatica noteranno verso la precedente che verso la susseguente parte del vaso, ma con pari agevolezza verranno al cibo posto su qualsivoglia luogo dellorlo del vaso; e finalmente le farfalle e le mosche continueranno i lor voli indifferentemente verso tutte le parti.

28 Conclusione: I fenomeni avvengono nello stesso modo come se la nave fosse in quiete rispetto alla terraferma. Se dalla stiva non possiamo vedere lesterno, non cè niente nei fenomeni osservati che ci permetta di accertare se la nave è ancorata nel porto o se sta navigando in mare aperto. In altri termini La meccanica di Galileo e Newton soddisfa il seguente postulato: se un sistema di coordinate è scelto in modo tale che le leggi fisiche siano soddisfatte nella loro forma più semplice, le stesse leggi devono essere soddisfatte se riferite ad ogni altro sistema di coordinate K che si muova di moto traslatorio rettilineo uniforme rispetto al sistema K. A. Einstein, I fondamenti della teoria della relatività generale

29 Conseguenza per la difesa galileiana dellastronomia copernicana: è impossibile stabilire se la Terra, assunta come sistema di coordinate, sia in uno stato di quiete o di moto mediante osservazioni sul moto di corpi effettuate sulla Terra stessa.


Scaricare ppt "EPISTEMOLOGIA E SCIENZE COGNITIVE Parte I Corso di Psicologia Clinica II Prof. Marco Castiglioni Corso di Epistemologia Prof. Federico Laudisa CdL Mag."

Presentazioni simili


Annunci Google