La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Immanuel Kant: Critica della ragion pratica (1788) Napoli, Liceo Comenio, 9 febbraio 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Immanuel Kant: Critica della ragion pratica (1788) Napoli, Liceo Comenio, 9 febbraio 2012."— Transcript della presentazione:

1 Immanuel Kant: Critica della ragion pratica (1788) Napoli, Liceo Comenio, 9 febbraio 2012

2 Cosa devo fare? Ragione pura (i. e. a priori, non mescolata a nulla di empirico) Teoretica i. e.Pratica i. e. finalizzata alla conoscenzafinalizzata allazione, capace di determinare la volontà Vs. ragione empirica pratica, che determina la volontà sulla base di motivazioni legate alla sensibilità

3 Tesi: la ragion pura pratica esiste i.e. la ragione è sufficiente da sola a muovere la volontà, senza lausilio di impulsi sensibili Cosa devo fare? = In quali casi lazione è morale? Quando è conforme a una legge universale e necessaria.

4 Princìpi pratici a)massime soggettive Es. : vendicati delle offese che ricevi; b) imperativi oggettivi ipotetici es. : se vuoi essere promosso, devi studiare; se vuoi essere un campione, devi allenarti se vuoi … allora devi categorici: devi perché devi unica legge morale pura a priori universale e necessaria i.e. valida per tutti gli esseri razionali, nel senso che dovrebbe essere sempre attuata, anche se non sempre si realizza, a differenza delle leggi fisiche

5 Caratteristiche, formulazioni e fondamenti dellimperativo categorico a) Caratteristiche: Limperativo categorico è una legge formale, non contenutistica, e razionale: la ragione si impone come legge alla volontà pura buona. Morale autonoma, non eteronoma: lunica motivazione che rende lazione morale è il dovere, imposto dalla ragione pura alla volontà.

6 Invece le morali precedenti erano eteronome: lazione deve avere come scopo la felicità (Aristotele), lamore di Dio e i suoi comandamenti ecc.

7 Il bene morale non preesiste alla legge morale, ma viene determinato da essa. NON: la volontà pura vuole qualcosa perché è buono, MA: qualcosa è buono perché la volontà pura lo vuole. Rigorismo kantiano: il sentimento (i. e. ogni movente sensibile) inquina lazione morale. Unico sentimento ammesso, che scaturisce direttamente dallimperativo categorico: ilrispetto.

8 b) Definizioni Agisci in modo che la massima della tua volontà possa sempre valere, al tempo stesso, come principio di una legislazione universale. Agisci in modo da considerare lumanità – sia nella tua persona, sia nella persona di ogni altro, sempre anche come scopo, e mai come semplice mezzo. Limperativo categorico si impone alla coscienza come un fatto della ragione.

9 c) Fondamenti Libertà = postulato della ragione pratica = indipendenza della volontà dalla legge naturale dei fenomeni (meccanicismo causale) Luomo è una causa libera, anche se le sue azioni riguardano il mondo dei fenomeni.

10 Lobbedienza alla legge del dovere (= virtù) non necessariamente ci rende felici, ma ci rende senzaltro degni di felicità. Esistenza di Dio = postulato della ragion pratica. Garantisce il raggiungimento del Sommo Bene = Virtù + Felicità (= soddisfacimento della sensibilità) La ricerca della felicità non genera mai virtù; lesercizio della virtù non genera sempre felicità.

11 Perfetta adeguatezza della volontà alla legge morale = Santità Irraggiungibile in questa vita, è il limite di un processo infinito Immortalità dellanima = postulato della ragion pratica Le idee della ragion pura teoretica (noumeni) sono i postulati della ragion pura pratica.


Scaricare ppt "Immanuel Kant: Critica della ragion pratica (1788) Napoli, Liceo Comenio, 9 febbraio 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google