La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Paolo Ferri Università degli studi Milano Bicocca

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Paolo Ferri Università degli studi Milano Bicocca"— Transcript della presentazione:

1 Paolo Ferri Università degli studi Milano Bicocca

2

3 Come si sviluppa il gioco della rete Il web è dal 1993 o dal 1996 un nuovo gioco che appassiona, diverte, fa lavorare e a volte affligge i cittadini del terzo millennio. E proprio il gioco è una metafora efficace per descrivere la storia e il futuro della rete. Tra il 1963 e il 1996, Internet è stato un libero gioco scientifico e sociale anarchico e libertario, per fisici, artisti, nerds informatici, scrittori cyber (William Gibson, Bruce Sterling) e performer (Laurie Andersonn, Stelarc). Tra il 1996 e il 2000 Internet è divenuto ed stato rappresentato dai media come un vertiginoso gioco in borsa (gambling not play). Dal 2001 al 2003, dopo il crollo del NASDAQ, sembrava un giocattolo rotto come la cosiddetta new economy

4 Dati 2011

5 Accesso a internet in italia per fasce di età

6 6Università Milano Bicocca7 Novembre 2008 Nativi digitali VS immigranati digitali: appropriazione digitale molto precoce (0-6 anni) Relazione tra utente e artefatto tecnologico – Modellamento (modelling) – Esplorazione spontanea – Esplorazione guidata – per loro è lambiente normale di appredimento

7 1/28/20097 Activity diagram: Overall online pursuits Generations Online in 2009 Source: Qualitatively based on the combination of activities pursued by the majority (at least 50%) of each generation, based on type of activity. See next slide for more detail.

8 Il celluare come strumento di apprendimento

9 Immigranti e nativi digitali: Capacità comunicative e stili di ammprendimento quote Veen, W. & Vrakking, B. (2006). Homo Zappiens, Growing up in a Digital Age. London, Network Continuum Ed Digital immigrants Codice alfabetico Apprendimento lineare Stile comunicativo uno a molti Apprendimento per assorbimento Internalizzazione riflessione Autorità del testo Primo leggere Digital native Codice digitale Apprendimento Multitasking Condividere e creare la conoscenza (Mp3 Wikipedia) Apprendere ricercando giocando esplorando Esternalizzazionie dellapprendimento Comunicazione versus riflessione No autorità del testo multicodicalità Connettersi navigare ed esplorare

10 Le diverse tipologie di videogiochi

11 Figura 2 - Qual è il tuo genere di videogioco preferito?

12 La plasticità neurale Quando interagiamo con lambiente, le connessioni sinaptiche iniziano a cambiare: ne vengono create alcune nuove, quelle utili vengono rafforzate mentre quelle usate di rado si indeboliscono fino anche a scomparire. Le sinapsi attive e quelle che si modificano attivamente vengono mantenute, le altre vengono potate. Il principio secondo cui plasmiamo il futuro del nostro cervello è una sorta di se non lo usi lo perdi. cs_ID=4600

13

14 Antonio Battro: intelligenza digitale nuova forma di intelligenza - Opzione click - Euristica digitale -Intelligenza pragmatica Experience-dependent plasticity

15 Intelligenza digitale nuova forma di intelligenza 1. Deve poter essere rilevata o attraverso prove obiettive - ad esempio le mappature delle funzioni cerebrali (mediante PET e RNMI) - che permettano di verificare differenti mappature cerebrali rispetto quelle che caratterizzano le intelligenze tradizionali oppure attraverso il manifestarsi di un lesione cerebrale che inibisce questa particolare forma di intelligenza (Battro, 2007, Cap 1-5) ? 2. Deve poter essere ricostruita una sua storia evolutiva specifica. Si possono cio è rintracciare nel mondo pre-digitale le prove della sua esistenza in potenza ad esempio attraverso l analisi di come venivano utilizzati strumenti binari, caratterizzati cio è dal meccanismo acceso/spento di natura analogica (Battro 2007, cap 2) 3. Deve poter essere articolata e cio è strutturata e ramificata in almeno due sotto- domini, che ne specifichino le funzioni e il dinamiche di funzionamento (Battro, 2007, Cap.3).

16 Intelligenza digitale nuova forma di intelligenza 4) L intelligenza presa in esame deve poter essere codificata in un sistema simbolico particolare. come, ad esempio, quello della musica che viene identificata dalla sua notazione specifica e che varia a secondo della sua epoca. 5) Deve poter essere ricostruibile il suo sviluppo e cio è il suo articolarsi dal semplice al complesso dal pi ù esperto al meno esperto.

17 Intelligenza digitale nuova forma di intelligenza 6) Devono esistere in questo dominio - l intelligenza digitale -, casi eccezionali e cio è casi di talenti precoci, e deveono esistere incapacit à a sviluppare un intelligenza digiale e cio è delle disabilit à digitali che possono inibire lo sviluppo di questo tipo di intelligenza (Battro, Capitolo 5)? 7) Può interferire o perturturbare il funzionamento di altre intelligenze o si può trasferire in maniera proattiva ad altre intelligenze ? Si tratta cio è di comprendere se l intelligenza digitale può essere soggetta ad interferenze come ad esempio per noi nativi gutemberg è difficile eseguire un calcolo a mente se nel frattempo stiamo parlando o se può migliorare e potenziare altre intelligenze. 8) Deve poter essere misurata. Si può, cio è, in qualche modo, misurare l intelligenza digitale e valutarne lo sviluppo

18 LA NUOVA CULTURA PARTECIPATIVA DEI NATIVI Gioco Simulazione Performance Appropriazione Multitasking Negoziazione Conoscenza distribuita Intelligenza collettiva Giudizio critico Navigazione transmediale Networkig E807E1B0AE4E%7D/JENKINS_WHITE_PAPER.PDF Paolo Ferri


Scaricare ppt "Paolo Ferri Università degli studi Milano Bicocca"

Presentazioni simili


Annunci Google