La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GENOVA 29 settembre 2009 PRIN 2008-2010 prof.ssa Beatrice Ligorio, Annese S., Cucchiara S., Daprile G., Loperfido F., Ritella G., Sansone N., Spadaro P.,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GENOVA 29 settembre 2009 PRIN 2008-2010 prof.ssa Beatrice Ligorio, Annese S., Cucchiara S., Daprile G., Loperfido F., Ritella G., Sansone N., Spadaro P.,"— Transcript della presentazione:

1 GENOVA 29 settembre 2009 PRIN prof.ssa Beatrice Ligorio, Annese S., Cucchiara S., Daprile G., Loperfido F., Ritella G., Sansone N., Spadaro P., Traetta M. Prof. Stani Smiraglia, Grimaldi D., Conte M. Unità locale Bari-Cassino

2 Costruire e sperimentare un modello di formazione blended in cui il processo di apprendimento coinvolga processi identitari, di appartenenza e di costruzione collettiva di artefatti culturali Obiettivo dellUnità Bari-Cassino Università di BariUniversità di Cassino Sistematizzazione di un sistema di analisi che consideri congiuntamente dinamiche psicosociali e dinamiche psicoeducative

3 Contesti Università di BariUniversità di Cassino BARI CASSINO Insegnamento: Psicologia sociale delle comunicazioni di massa (modalità blended) Popolazione di riferimento: 250 iscritti alla modalità online. Studenti di sociologia e culture digitali al terzo anno. Ambienti online: BLOG, EBOOK, FACEBOOK 0 Attività off line: lezioni in presenza Attività online: Blog:discussioni tematiche sulla lezione del giorno caricata online dal docente; Ebook: lavori di gruppo altamente strutturati (sintesi critica, costruzione di glossario, preparazione domande per test finale) Facebook: area informale e non strutturata per caricare materiali ed agevolare le interazioni tra colleghi Insegnamento: Psicologia delleducazione e dellelearning (modalità blended) Popolazione di riferimento: 40 studenti del corso di laurea magistrale in Psicologia dellorganizzazione e della comunicazione al secondo anno. Ambienti online: Synergeia Attività off line: lezioni in presenza, seminari Attività online: discussioni tematiche su domande di ricerca concordate con il docente; attività individuali strutturate (scrittura di review, compilazione delleportfolio); lavori di gruppo finalizzati alla creazione di artefatti di gruppo (strutturati attraverso assegnazione di ruoli e definizione del calendario di attività per ogni modulo); area informale e non strutturata per caricare materiali ed agevolare le interazioni tra colleghi.

4 Oggetti dellindagine Università di BariUniversità di Cassino Stili di partecipazione e apprendimento Competenze trasversali Ruolo del tutoring Efficacia del Blended Valutazione del processo

5 Università di BariUniversità di Cassino 1. Stili di partecipazione e apprendimento Strumenti Schede di auto-valutazione, Eportfolio, Discussioni online Obiettivo Individuare i processi metacognitivi degli studenti e conseguente costruzione di categorie metacognitive. Metodo Analisi qualitativa del contenuto sulle riflessioni online dei discenti (eportfolio/discussioni). Analisi quantitative sulle schede di autovalutazione. 1.1.

6 Università di BariUniversità di Cassino 1. Stili di partecipazione e apprendimento Strumento Auto-presentazioni, Obiettivo Osservazione e categorizzazione dei processi di costruzione della identità ed implicazioni sulla partecipazione. Metodo Analisi del contenuto. (da definire) 2.

7 Università di BariUniversità di Cassino 1. Stili di partecipazione e apprendimento Strumento Artefatti costruiti dagli studenti Obiettivo Analizzare le dinamiche di apprendimento e le interazioni comunicative allinterno dei prodotti dei discenti. Metodo Analisi del contenuto Social Network Analysis 3.

8 Università di BariUniversità di Cassino 2. Competenze trasversali Strumento Schede di autovalutazione, Discussioni, Eportfolio, Focus group Obiettivo Indagare la negoziazione e lacquisizione delle competenze trasversali. Ruolo dellinformal learning. Metodo Analisi qualitativa dei prodotti comunicativi (discussioni, eportfolio, focus group). Analisi quantitativa delle schede di autovalutazione. (da definire)

9 Università di BariUniversità di Cassino 3. Ruolo del tutoring Strumento Discussioni online, Artefatti costruiti dagli studenti Obiettivo Individuare il ruolo del tutor attraverso lanalisi incrociata dello stile di tutoraggio con la rete di interazioni sociali dellintera comunità e il processo di costruzione di conoscenza Metodo Analisi del contenuto SNA

10 Università di BariUniversità di Cassino Strumento Discussioni online, Artefatti costruiti dagli studenti, questionari finali Obiettivo Impatto di una progettazione mirata rispetto alla connessione tra attività online/offline. Individuazione di indicatori in grado di testimoniare l'effettiva integrazione tra attività online e offline. Costruzione di un modello per la misurazione dellefficacia del blended. Metodo Analisi del contenuto, analisi dei questionari finali 4. Efficacia del Blended

11 Università di BariUniversità di Cassino Strumento Questionario finale Obiettivo Misurare efficacia ed efficienza del corso attraverso: incremento di conoscenze e capacità relative a competenze trasversali e di dominio; valutazione di attività e strumenti soddisfazione e suggerimenti di modifica Metodo Analisi quantitativa dei dati, descrittiva e multidimensionale (da definire). 5. Valutazione del processo

12 Università di BariUniversità di Cassino Strumenti comuni E-portfolio Schede di auto-valutazione Questionario finale Discussioni tematiche Artefatti costruiti dagli studenti

13 E-portfolio Aspettattive Il meglio di me Autovalutazioni Valutazione aspettative

14 Università di BariUniversità di Cassino Schede di auto-valutazione 1. Utilità lavori di gruppo 2. Abilità di studio trasversali 3. Partecipazione

15 Università di BariUniversità di Cassino Questionario finale

16 Problematicità Nel confronto tra Bari e Cassino bisogna tener conto delle differenze tra i due corsi (numero di studenti, differente stile di tutoraggio, diversa tipologia di studenti, differenti tecnologie) La mole dei dati potrà essere solo parzialmente analizzata nel corso del PRIN Integrazione e reciproca fertilizzazione tra le unità del PRIN


Scaricare ppt "GENOVA 29 settembre 2009 PRIN 2008-2010 prof.ssa Beatrice Ligorio, Annese S., Cucchiara S., Daprile G., Loperfido F., Ritella G., Sansone N., Spadaro P.,"

Presentazioni simili


Annunci Google