La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Scuola in Ospedale Dal Curare a prendersi Cura LE BUONE PRATICHE Anna Rita Orsini 16 Aprile 2013 ISTITUTO COMPRENSIVO VIRGILIO Sezione Ospedaliera Ospedale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Scuola in Ospedale Dal Curare a prendersi Cura LE BUONE PRATICHE Anna Rita Orsini 16 Aprile 2013 ISTITUTO COMPRENSIVO VIRGILIO Sezione Ospedaliera Ospedale."— Transcript della presentazione:

1 La Scuola in Ospedale Dal Curare a prendersi Cura LE BUONE PRATICHE Anna Rita Orsini 16 Aprile 2013 ISTITUTO COMPRENSIVO VIRGILIO Sezione Ospedaliera Ospedale Pediatrico BambinoGesù ROMA PROGETTO

2 La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura Le buone pratiche MODELLI DIDATTICI DI RIFERIMENTO PROGETTO REALIZZATO FINALITA SCUOLA IN OSPEDALE

3 La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura Quando un bambino si ammala ed entra in ospedale, tutto il suo mondo subisce dei cambiamenti improvvisi e misteriosi. Le persone, i luoghi, gli oggetti attorno a lui assumono fisionomie e forme nuove, sconosciute. Gli stessi ritmi di vita vengono condizionati dalla routine dell'ospedale e dalle limitazioni imposte dalle malattia. Un bambino per il quale ci si deve comunque impegnare in relazione a tutti i suoi molteplici e complessi bisogni. Pur in questa strana atmosfera che assomiglia a volte ad un sogno e a volte ad un incubo, il bambino resta sempre un bambino, con la volontà e la forza di vivere, di giocare, di ridere e conoscere.

4 La Scuola in Ospedale GARANTISCE due Diritti Costituzionali: Il diritto alla salute e il diritto allistruzione. INTERVIENE secondo le tipologie dei degenti e la durata del ricovero CONCORRE allumanizzazione del ricovero e, spesso, diventa parte integrante del programma terapeutico. La presenza della scuola allinterno dellospedale favorisce il processo di umanizzazione della realtà ospedaliera ormai in atto da diversi anni La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura

5 La Scuola in Ospedale è intesa come parte integrante nella cura del bambino o ragazzo degente con il duplice intervento di sostenere a livello scolastico e di rassicurare a livello psicologico Ogni piccolo paziente che entra in ospedale non porta con sé solo una malattia, ma anche il suo "essere bambino" collegato a una parte sana e quindi a una serie di potenzialità, di abilità e di competenze Così come all'interno dell'istituzione sanitaria il bambino incontra chi si prende cura della sua parte malata deve incontrare anche chi sa identificare e valorizzare la parte sana della sua persona La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura

6 La Scuola si pone come "mediatore tra il mondo interiore del bambino e la realtà esterna", aiutandolo ad orientarsi all'interno di un mondo sconosciuto, accompagnandolo lungo la strada che lo riporterà alla sua realtà che è fuori dallospedale. Instaurare un dialogo con l'alunno senza che la malattia interferisca ottenendo l'allontanamento momentaneo dalla situazione di ospedalizzazione e il coinvolgimento nel vissuto scolastico Accanto alla funzione di "mediazione culturale con l'ambiente" l'insegnante ne svolge un'altra di segno opposto La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura

7 FINALITA SCUOLA IN OSPEDALE GARANTIRE IL DIRITTO ALLO STUTDIO ASSICURARE CONTINUITA AL PROCESSO EDUCATIVO ATTENUARE LA CONDIZIONE DI ISOLAMENTO DAI RITMI DELLA VITA QUOTIDIANA PERSONALIZZARE LE ATTIVITA DIDATTICHE PER IDONEI PERCORSI COGNITIVI MANTENERE VIVA E VIVACE L'IDENTITÀ DEL BAMBINO La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura

8 La Scuola in Ospedale agisce su tre fronti principali PIANO DIDATTICO GARANTIRE la possibilità di continuare a esercitare il diritto allo studio PIANO DELLIDENTITA AIUTARE Il bambino a costruire Il difficile percorso dellaccettazione della nuova realtà PIANO DELLA CONTINUITA ' OFFRIRE metodi e strumenti per mantenere il contatto con la realtà esterna: famiglia, amici, scuola La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura

9 Una Scuola che volesse ignorare la realtà propria del bambino, del suo passato, del suo presente e del suo futuro per concentrarsi esclusivamente sul lavoro più propriamente contenutistico (la lezione di matematica, seguita da quella italiano e così via) svolgerebbe forse il ruolo di una agenzia dell'istruzione, ma è indubbio che ignorerebbe gran parte dei bisogni del bambino ospedalizzato. La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura

10 La Scuola, se vuole esercitare il proprio ruolo di comunità educante anche all'interno dell'ospedale, deve sapersi adattare a svolgere una serie di attività (tra le quali anche quella curriculare più tradizionale) adatte ad aiutare i bambini e i ragazzi a creare un percorso cognitivo, emotivo, sociale che gli consenta: Mantenere i legami con il proprio ambiente di vita Comprendere, naturalmente in maniera adeguata, la realtà dell'ospedale La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura

11 MODELLI DIDATTICI DI RIFERIMENTO Il modello didattico di riferimento, quando si opera in una sezione ospedaliera, non può essere solo quello dell'insegnamento bisogna prevedere un cambio di PARADIGMA verso DIDATTICHE DI TIPO TUTORIALE e lattivazione di due livelli di intervento: Il PEER LEARNING e il RECIPROCAL TEACHING Il ONE-TO-ONE La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura

12 ONE-TO-ONE Ricorrere a tutte quelle tecniche di aiuto individuale che nel linguaggio del costruttivismo sono indicate come scaffolding, cognitivo ed emotivo. PEER LEARNING e RECIPROCAL TEACHING Ricorrere pratiche di apprendimento tra pari e di reciproco insegnamento in cui il ragazzo più esperto si fa trainer del meno esperto. Strategie tipiche delle cultura partecipativa giovanile che si aggregano nel social network: un elemento in più per adottarle nella didattica La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura

13 LUSO DELLA TECNOLOGIA NELLINSEGAMENTO IN OSPEDALE LA TECNOLOGIA o meglio LE ATTIVITA CHE NE PREVEDONO LUSO hanno una funzione motivazionale e di supporto agli apprendimenti e allattività didattica. Non è infatti dando un I-pad a ogni ragazzo che si possono ottenere risultati, ma progettando attività interessanti di cui l'I-pad sia il baricentro. La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura Il primato non va dato alla tecnologia, ma alla condivisione delle pratiche

14 Pezzettino, uguale differente come me a cura di Anna Rita Orsini – Alberto Antinori La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura IL PROGETTO

15 Lintento del progetto Pezzettino è stato quello di introdurre un elemento di diversità rispetto alla situazione di ospedalizzazione affinché fosse possibile lasciare nel tempo una traccia positiva nel ricordo di un vissuto doloroso come quello di un ricovero in ospedale IL PROGETTO: Pezzettino, uguale differente come me

16 Il progetto ha mirato alla creazione di un spazio dedicato alla lettura, alla musica ed alla drammatizzazione ed è nato dalla convinzione che un libro di qualità potesse costituire per i bambini ed i ragazzi uno strumento valido per svagarsi, divertirsi, incuriosirsi, lasciarsi trasportare dalla fantasia e dallimmaginazione. Pezzettino Uguale differente come me La Scuola in Ospedale: Dal Curare a prendersi Cura

17 Molto è possibile progettare per migliorare le condizioni di vita in un ospedale pediatrico, ma il punto fondamentale è che professionisti di formazione diversa sappiano lavorare al progetto comune di accompagnare e di sostenere il percorso di crescita dei bambini, che potrebbe risultare impedito o rallentato dalla malattia sia a livello fisico sia a livello emotivo e sociale. Promuovere il loro benessere fa parte della cura e bisogna offrire un messaggio di fiducia per il futuro. IL PROGETTO: Pezzettino, uguale differente come me

18 I bambini/ragazzi ricoverati presso il reparto di Neuropsichiatria sono per molto tempo lontani dalla propria casa, dalla scuola, dagli amici; la loro vita viene scandita dai tempi delle terapie. Abbiamo ritenuto quindi che favorire e promuovere linteresse per la lettura, la musica, la drammatizzazione, le attività più creative potesse contribuire a fornire ai bambini/ragazzi che frequentano la scuola in ospedale unopportunità di crescita a livello cognitivo, emotivo ed espressivo che altrimenti gli sarebbe venuta a mancare, proprio a causa di queste prolungate assenze dai luoghi dove normalmente queste attività vengono promosse o incoraggiate IL PROGETTO: Pezzettino, uguale differente come me

19 OBIETTIVI Concedere momenti di svago e di divertimento Promuovere il piacere della lettura, della musica della drammatizzazione Stimolare la curiosità, limmaginazione e la creatività Facilitare lespressione delle paure, dei dubbi e dei sentimenti Fortificare i bambini incoraggiandoli ad uscire dal loro isolamento Conferire autonomia e responsabilità Favorire uno strumento e uno spazio di relazione affettiva e di collaborazione tra i bambini/ragazzi e gli adulti Supportare didatticamente, attraverso laboratori espressivi, le attività scolastiche svolte presso il reparto di Neuropsichiatria. Realizzare un cartone animato IL PROGETTO: Pezzettino, uguale differente come me

20 Sviluppo La Storia è stata liberamente tratta dalla favola di Pezzettino di Leo Lionni Attraverso la narrazione, e la drammatizzazione della fiaba di Pezzettino abbiamo affrontato con i bambini ed i ragazzi il tema della disabilità o della diversità che può essere causata anche da una malattia. Numerose sono state le riflessioni ed i pensieri elaborati dai ragazzi durante le conversazioni IL PROGETTO: Pezzettino, uguale differente come me

21 Lobiettivo che ci siamo posti insieme ai i ragazzi nel voler realizzare il cartone animato di Pezzettino è stato quello di trasmettere agli altri il loro lavoro e far diventare questa storia un valido strumento di sostegno nel percorso di acquisizione di competenze e di consapevolezze, trovando numerosi spunti per valorizzare le storie ed i saperi spontanei di ognuno fornendo così uno strumento per crescere. OBIETTIVO FINALE: REALIZZARE UN CARTONE ANIMATO IL PROGETTO: Pezzettino, uguale differente come me

22 Il cartone animato che abbiamo realizzato con i bambini e i ragazzi degenti presso il reparto di neuropsichiatria è la narrazione di una fiaba che vuole farsi strumento per concorrere al cambiamento, attraverso la spiegazione, facilmente fruibile, della disabilità e della diversità che ne è conseguenza e delle cause che possono determinarla, in modo da affrontare le paure, le curiosità ed i dubbi che gravitano intorno alle malattie. IL PROGETTO: Pezzettino, uguale differente come me UN CARTONE ANIMATO per COMUNICARE

23 E lo scopo ultimo del lavoro in ospedale dovrebbe essere proprio questo: lasciare dei sassolini, cioè delle tracce, dei segnali, che aiutino chi entra in ospedale per la prima volta ad assicurarsi una via di uscita, a ritrovare la strada che conduce al proprio mondo, divenuto improvvisamente così lontano e remoto. Lidea di traccia, di segnale, ci richiama il concetto di comunicazione. E per comunicare bisogna anzitutto avere un linguaggio (cioè un modo di lasciare e leggere le tracce) simile, o quantomeno comprensibile da chi ci ascolta. UN CARTONE ANIMATO per COMUNICARE LA RAPPRESENTAZIONE DI UN RACCONTO CHE AIUTI A TROVARE LA VIA DI CASA IL PROGETTO: Pezzettino, uguale differente come me

24 La narrazione della fiaba, servendosi di archetipi e di immagini simboliche, ha offerto ai bambini e ai ragazzi la possibilità di immedesimarsi nel protagonista suscitando emozioni, sentimenti attraverso cui comprendere il disagio e le limitazioni a cui è sottoposto un bambino diversamente abile. LABORATORIO DI LETTURA PRIME ATTIVITA REALIZZATE IL PROGETTO: Pezzettino, uguale differente come me

25 Realizziamo uno StoryBook

26 LABORATORIO DI MUSICA INSIEME

27 Attraverso il racconto della fiaba di Pezzettino i ragazzi hanno rafforzato le loro competenze ed elaborato attivamente e consapevolmente le loro conoscenze. LABORATORIO GRAGICO PITTORICO IL PROGETTO: Pezzettino, uguale differente come me

28 IL COLLAGE

29 LA PROGETTAZIONE DEI PERSONAGGI

30 I PERSONAGGI IL SUO NOME ERA PEZZETTINO Tutti i suoi amici erano grandi e coraggiosi e facevano cose meravigliose. Pezzettino invece era piccolo e di sicuro era un pezzetto di qualcuno, pensava un pezzetto mancante. Molto spesso si chiedeva di chi fosse il pezzettino. E un giorno decise di scoprirlo!

31 I SUOI AMICI Quello-Che -Corre Quello-Forte Quello-Che -Nuota Quello-Che –Vive -Sulle Montagne Quello-Che -Vola Quello-Che - Canta Quello-Che Striscia Quello-Saggio

32 I FOTOGRAMMI DELLA STORIA

33

34

35 Giovani Ricercatori Crescono

36

37 Anna Rita Orsini


Scaricare ppt "La Scuola in Ospedale Dal Curare a prendersi Cura LE BUONE PRATICHE Anna Rita Orsini 16 Aprile 2013 ISTITUTO COMPRENSIVO VIRGILIO Sezione Ospedaliera Ospedale."

Presentazioni simili


Annunci Google