La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La classificazione e la normativa sismica italiana dal 1909 al 1984 R. De Marco, M.G.Martini, G.DiPasquale, A.Fralleone, A.Pizza

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La classificazione e la normativa sismica italiana dal 1909 al 1984 R. De Marco, M.G.Martini, G.DiPasquale, A.Fralleone, A.Pizza"— Transcript della presentazione:

1 La classificazione e la normativa sismica italiana dal 1909 al 1984 R. De Marco, M.G.Martini, G.DiPasquale, A.Fralleone, A.Pizza sito internet:

2 morti …. e lo Stato? 600 miliardi di lire (di allora) di danno 1909 inizia la classificazione sismica del territorio italiano

3 Ci fu un deciso impegno dello Stato ad operare in prevenzione rispetto al terremoto Lazione dello Stato Attraverso il binomio: normativa tecnica e classificazione Normativa tecnica di edilizia antisismica Classificazione sismica (e cioè definizione del territorio dove devono essere applicate le norme) Riduzione del rischio

4 Vennero tradotte in legge le esperienze maturate in ambito scientifico e nella tecnica delle costruzioni Il Regio Decreto n.193 contenente le norme tecniche obbligatorie per le riparazioni ricostruzioni e nuove costruzioni degli edifici pubblici e privati e lelenco dei Comuni sottoposti allosservanza di dette norme. Il Regio Decreto n.542 che inserisce nuovi comuni negli elenchi. Lazione dello Stato

5 la classificazione alla fine del 1909

6 Escludevano la possibilità di edificare su siti inadatti (paludosi, franosi, molto acclivi) Consentivano di edificare nuove costruzioni solo con specifiche tecnologie (muratura animata, squadrata e listata, telai) Imponevano il rispetto di dettagliate regole costruttive (cordoli, sbalzi, strutture non spingenti ) Limitavano laltezza degli edifici ed il numero di piani (a seconda delle tecnologie) Prescrivevano di considerare forze statiche orizzontali e verticali proporzionali ai pesi ( per tener conto degli effetti dellazione sismica, percentuale non determinata) le norme tecniche al 1909 Definivano la larghezza minima delle strade e gli spazi tra gli edifici

7 Tra il 1909 e il 1915 Inserimento di nuovi comuni nelle liste Aggiornamento della normativa tecnica Oltre morti

8 La classificazione alla fine del 1915

9 Tra il 1915 e il Riminese (VIII) Val Tiberina (IX-X) Mugello (IX) Garfagnana (X) Alto Adriatico (VIII) Appenn. Romagnolo (VIII) Toscana merid. (VIII)

10 La classificazione con il Regio Decreto n.431 del 1927

11 Il D.L del 1916 quantifica le forze sismiche e la loro distribuzione lungo laltezza delledificio..Le azioni statiche, dovute al peso proprio ed al sovraccarico, aumentate del 50% in modo da simulare leffetto delle vibrazioni sussultorie (incremento di forze verticali )..le azioni dinamiche dovute al moto sismico ondulatorio, simulate con accelerazioni applicate orizzontalmente alle masse del fabbricato nelle due direzioni (forze orizzontali) La normativa tecnica tra il 1915 e il 1927 Nei calcoli dovevano considerarsi:

12 La normativa tecnica tra il 1915 e il 1927 Il Regio Decreto n.431 del 1927: introdusse due categorie sismiche ( la I° e la II°) a differente pericolosità: Classificazione: cospicuo inserimento dei comuni interessati dai recenti sismi nelle liste, differenziandoli nelle due categorie in relazione al loro grado di sismicità ed alla loro costituzione geologica. Normativa tecnica: prescrizioni differenziate per ciascuna categoria sismica e conseguente applicazione di diverse forze sismiche nelle due categorie ( la I° e la II°). Il Regio Decreto n.2089 del 1924: stabilisce che le forze sismiche orizzontali e verticali non agiscono contemporaneamente ed impone la progettazione da parte di un ingegnere o architetto

13 Il Regio Decreto n.431 del 1927 In particolare le prescrizioni differenziate contenute nel Regio Decreto n.431 del 1927 riguardavano: Le altezze massime degli edifici ( in II categoria era ammesso realizzare fino a tre piani, mentre in I categoria si poteva giungere fino a due piani solo per strutture intelaiate o con muratura animata ) Le azioni di progetto (nuove percentuali di proporzionalità e di distribuzione lungo laltezza) le regole di dimensionamento delle membrature

14 Tra il 1927 e il Colli Albani (VIII) Friuli (IX) Bolognese (VIII)

15 La classificazione con il R.D.L. n.682 del 3/4/1930

16 Tra il 1930 e il Irpinia (X) Marche settentrionali (VIII-IX) Monte Baldo (VIII) Maiella (IX)

17 La classificazione con il R.D.L. n.640 del 25/3/1935

18 Le norme tecniche con il Regio Decreto n.640 del 25/3/1935 Con il Regio Decreto n.640 del 1935 ci fu un deciso passo avanti con lemanazione di specifiche direttive tecniche e con lobbligo per i Comuni di approntare propri regolamenti edilizi. Limitazione delle altezze degli edifici in funzione della larghezza delle strade Innalzamento delle altezze massime permesse in funzione delle tecnologie costruttive Dimensionamento delle strutture in cemento armato Variazione dellentità delle forze sismiche globali (coefficiente di riduzione dei sovraccarichi) Alcune di tali direttive riguardavano:

19 Tra il 1935 e il Alpago-Cansiglio (IX)

20 La classificazione con il R.D.L. n.2125 del 22/11/1937

21 Le norme tecniche con il Regio Decreto n.2125 del 22/11/1937 Con il Regio Decreto n.2125 del 22/11/1937 vennero definite le norme del buon costruire anche per i Comuni non classificati. Le norme nei Comuni classificati non si discostano sostanzialmente da quelle del 1935.

22 Tra il 1937 e il Golfo di Palermo (VIII) Marche meridionali e Abruzzo (IX) Calabria Centrale (IX)

23 … e che, d'altra parte, l'assoggettamento delle norme del decreto citato costituisce un notevole intralcio allo sviluppo edilizio di quella zona, di cui vari centri sono importanti stazioni balneari... (Provincia di Pesaro Urbino 1941) La classificazione tra il 1937 e il dai decreti: la richiesta si basa sulla considerazione che i danni prodotti in quella zona dal terremoto del 1915 furono minimi ed imputabili, più che altro, alla cattiva costruzione delle case, e che, d'altra parte, l'assoggettamento a tali norme costituisce un notevole intralcio allo sviluppo di quella zona eminentemente turistica;... (Terminillo 1938)... e che d'altra parte l'assoggettamento tali norme sismiche costituisce un notevole intralcio alla costruzione di nuovi fabbricati e anche alla ricostruzione di quelli distrutti dalla guerra in un momento in cui maggiormente è sentito il bisogno di nuovi alloggi;... (Vittorio Veneto 1947) Tranne linclusione nelle liste dei Comuni delle province di Ascoli Piceno e Teramo conseguente al sisma del si declassifica.

24 Le norme tecniche tra il 1937 e il 1948 Continuano ad essere in vigore le norme del Regio Decreto n.2125 del 22/11/1937 senza modifiche

25 Tra il 1948 e il Carnia (VIII) Valle del Velino (VII) Irpinia (IX)

26 La classificazione alla fine del 1962

27 La legge n.1684 del 1962 Possibilità di ridurre le azioni sismiche in condizioni geologiche favorevoli (previa relazione geologica e dispensa ministeriale) Nuovi limiti per le altezze massime ed il numero di piani (in funzione della categoria sismica) Obbligo di introdurre nei piani regolatori comunali le norme del buon costruire Ridefinizione dei coefficienti di proporzionalità e di distribuzione delle forze sismiche e nuovi coefficienti di riduzione dei sovraccarichi Consentite strutture in muratura, cemento armato, acciaio e legno e vietate le strutture spingenti

28 Tra il 1962 e il Monti Nebrodi (VIII) Valle del Belice (X) Tuscania (VIII-IX)

29 La classificazione alla fine del 1975

30 La legge n.64 del stabilisce il nuovo quadro di riferimento per la normativa tecnica ed in particolare quella sismica: Una pietra miliare nel percorso della normativa ! per seguire meglio il progredire delle conoscenze si demanda a decreti ministeriali dei LL.PP. (e non più leggi! ) laggiornamento della normativa tecnica; si stabiliscono esattamente i campi in cui tali decreti dovranno essere emanati (edifici, ponti,dighe,…); anche per la classificazione viene stabilita una procedura analoga. sulla base di comprovate motivazioni tecnico scientifiche La classificazione sismica del territorio italiano doveva procedere sulla base di comprovate motivazioni tecnico scientifiche.

31 Il decreto ministeriale del 1975 Nuovi criteri geotecnici per le opere di fondazione (in riferimento alla circolare Min. LL.PP del 1967) Nuovi limiti per le altezze massime ed il numero di piani (per edifici in muratura, a pannelli portanti od in legno), altezza illimitata per le costruzioni in cemento armato o acciaio Possibilità di eseguire analisi sismica statica o dinamica. Nuovi coefficienti di proporzionalità e di distribuzione delle forze sismiche, e nuovi coefficienti di riduzione dei sovraccarichi Progetti e calcoli devono essere firmati da professionisti a seconda delle proprie competenze Concomitante emanazione delle norme per il cemento armato (normale e precompresso) e per lacciaio

32 Tra il 1976 e il Friuli (X) Friuli (VIII-IX) Calabria meridionale (VIII) golfo di Patti (VIII) Valnerina (VIII-IX) Irpinia Basilicata (X)

33 La normativa negli anni 80 Con il decreto ministeriale del n.515 viene introdotta la zona sismica di terza categoria (a minor sismicità rispetto alle altre) e per essa vengono fissati i corrispondenti limiti e coefficienti in accordo con la legge del 1975 Coefficiente sismico: C= 0.1 I categoria (1975) C= 0.07 II categoria (1975) C= 0.04 III categoria (1981) Con il decreto ministeriale del , tra laltro si introduceva la differenziazione del livello di protezione sismica per particolari categorie di edifici (opere strategiche - carichi sismici + 40% opere a particolare rischio duso - carichi sismici +20%)

34 Lopera di riclassificazione degli anni 80 Alla fine degli anni 70 si avvertì la necessità di razzionalizzare la zonazione sismica del territorio nazionale Il progetto Finalizzato Geodinamica del CNR nel 1979 realizzò le carte di scuotibilità del territorio italiano sulle quali, per quantificare il livello di esposizione del paese al terremoto, venivano valutati tre parametri: Massima intensità macrosismica per ciascun sito (periodo di osservazione dal 1000 d.c. allattuale) Lintensità osservata allinterno di un periodo di tempo (per valori assegnati di 50,100,200,500 e 1000 anni) Il valore del coefficiente C utilizzato nella normativa sismica per la verifica progettuale delle costruzioni

35 Lopera di riclassificazione degli anni 80 Fu istituita presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici la Commissione per la riclassificazione Sismica. Per poter trasferire i risultati delle carte di scuotibilità in una proposta di riclassificazione del territorio, la commissione definì un metodo di scelta dei valori di soglia da assegnare a ciascuno dei tre parametri descritti in precedenza (che portasse a risultati in qualche modo rapportabili con la distribuzione della classificazione già in vigore), e di iscrivere negli elenchi di classificazione tutti quei comuni che superavano la soglia prefissata perlomeno per uno dei tre parametri e.. Utilizzando questi criteri, (validi per tutto il territorio nazionale) il Ministero dei LL.PP. tra il 1979 e il 1984 ha emanato una serie di decreti (di concerto con il Ministero per lInterno sentite le Regioni interessate) con i quali sono stati ridisegnati i limiti della classificazione sismica ancora oggi in vigore.

36 La classificazione odierna

37 La normativa tecnica odierna Il vigente DM introduce alcune modifiche rispetto alle precedenti norme sismiche. Non si fa più riferimento al numero di piani di un edificio ma alla sua altezza massima. Anche nelle zone sismiche è possibile adottare il metodo di verifica agli stati limite oltre quello delle tensioni ammissibili. Vengono limitati i danneggiamenti alle parti non strutturali ed agli impianti attraverso il controllo degli spostamenti La Circolare n. 65/AA.GG. del (non è cogente) richiama in vari punti le specifiche riportate nellEurocodice EC8.

38 Anni 90 progredisce la conoscenza sulla pericolosità sismica La Commissione Nazionale di Previsione e Prevenzione dei Grandi Rischi ha dato mandato nel 1997 al Servizio Sismico Nazionale di costituire un gruppo di lavoro (G.d.L.) per la formulazione di una proposta di riclassificazione sismica del Territorio Italiano. Il G.d.L., recependo lo stato dellarte delle conoscenze sulla pericolosità sismica, nel 1998 è arrivato alla formulazione di una ipotesi di riclassificazione.

39 La nuova proposta di classificazione

40 Variazione nel tempo dei comuni classificati oggi

41 Alcune riflessioni non protetto E imponente il patrimonio edilizio non protetto: La classificazione interessa il 45% del territorio nazionale Solo il 14% delle abitazioni è protetto Se prendiamo in considerazione solo le zone attualmente classificate: Il 60% delle abitazioni non è stato realizzato tenendo conto delle norme tecniche per le costruzioni in zona sismica Una parte notevole di questo patrimonio a rischio è proprio quella di maggiore interesse storico ed ambientale e ad essa si rivolge in misura crescente il recupero edilizio, il cui fatturato ha ormai superato quello delle nuove costruzioni.


Scaricare ppt "La classificazione e la normativa sismica italiana dal 1909 al 1984 R. De Marco, M.G.Martini, G.DiPasquale, A.Fralleone, A.Pizza"

Presentazioni simili


Annunci Google