La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Techdata – Andrea Faeti AM4 Copyright © 2009 - AM4

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Techdata – Andrea Faeti AM4 Copyright © 2009 - AM4"— Transcript della presentazione:

1 Techdata – Andrea Faeti AM4 Copyright © AM4

2 AM4 Corsi di formazione software Autodesk Authorized Training Center

3 AM4 Educational Libri Cad & grafica Autodesk Authorised Publisher

4 Emiliano Segatto Workshop 1 – Basi di 3ds Max e 3ds Max Design Stefano Armeni Workshop 2 – Rendering di esterni, inserimenti fotografici Matteo Magnazzi Workshop 3 – Rendering di interni, render design Relatori Copyright © AM4

5 Emiliano Segatto redazione Stefano Armeni Autore Matteo Magnazzi autore Copyright © AM4

6 Struttura del workshop Introduzione a 3ds Max e 3ds Max Design. Introduzione ai rendering. Il motore di rendering Mental ray. Interfaccia grafica e pannelli di 3ds Max. Impostazione delle unità di misura. Gestione delle scene: apertura, salvataggio e importazione. Gestione dellarea di lavoro: finestre, comandi di navigazione e shading (ombreggiature). Comandi di base: Sposta, Ruota e Scala. Creazione di Cineprese. I Materiali. Rendering. Copyright © AM4

7 1 – 3ds Max e 3ds Max Design 3ds Max e 3ds Max Design, arrivati alla versione 2009, sono due software di modellazione e rendering tridimensionali. Consentono di modellare da zero unintera scena (o di importarla dallesterno), di studiare e creare materiali fotorealistici, di impostare lilluminazione reale, di creare il rendering di scene statiche, di creare inserimenti fotografici o di generare animazioni (filmati). Grazie ad essi è possibile creare grafica 3d e rendering per ogni tipo di settore applicativo: architettura, architettura di interni, design, lighting design, automotive, character design, videogiochi, ecc. Copyright © AM4

8 1 – 3ds Max e 3ds Max Design Architettura di esterni Copyright © AM4

9 1 – 3ds Max e 3ds Max Design Architettura di esterni Copyright © AM4

10 1 – 3ds Max e 3ds Max Design Architettura di esterni Copyright © AM4

11 1 – 3ds Max e 3ds Max Design Architettura di esterni Copyright © AM4

12 1 – 3ds Max e 3ds Max Design Architettura di interni Copyright © AM4

13 1 – 3ds Max e 3ds Max Design Architettura di interni Copyright © AM4

14 1 – 3ds Max e 3ds Max Design Architettura di interni Copyright © AM4

15 1 – 3ds Max e 3ds Max Design Inserimenti fotografici Copyright © AM4

16 1 – 3ds Max e 3ds Max Design Inserimenti fotografici Copyright © AM4

17 1 – 3ds Max e 3ds Max Design Inserimenti fotografici Copyright © AM4

18 1 – 3ds Max e 3ds Max Design Mech & Design Copyright © AM4

19 1 – 3ds Max e 3ds Max Design Mech & Design Copyright © AM4

20 1 – 3ds Max e 3ds Max Design Mech & Design Copyright © AM4

21 1 – 3ds Max e 3ds Max Design DIFFERENZE TRA AUTODESK 3DS MAX E AUTODESK 3DS MAX DESIGN I due software sono praticamente identici, differiscono per i seguenti contenuti: La differenza fondamentale tra 3ds Max 2009 e 3ds Max Design 2009 è che ogni prodotto è configurato specificamente per i clienti in vari settori industriali. 3ds Max Design è ideale per architetti, progettisti e specialisti di visualizzazione, mentre 3ds Max è uno strumento di scelta per gli operatori dei giochi, film, televisione e industrie Autodesk 3ds Max Design dispone di un modulo per lanalisi luminosa (lighting analysis). Autodesk 3ds Max dispone di un modulo di programmazione per le plug-in, chiamato SDK: Software development Kit. Copyright © AM4

22 1 – 3ds Max e 3ds Max Design SITI E RIFERIMENTI Per ottenere maggiori informazioni su 3ds Max e 3ds Max Design, per consultare tutorial, consigli, community, ecc. vi sono numerosi siti di riferimento, alcuni dei quali sono dei veri e propri riferimenti a livello nazionale e internazionale. Sito italiano di Autodesk, sul quale è possibile accedere a centinaia di Mb di informazioni e materiale per 3ds Max. Community gestita da Autodesk, nella sezione specifica relativa a 3ds Max è possibile riportare problematiche e ricevere suggerimenti. Il maggior sito di riferimento a livello nazionale: molti dei più grandi esperti su 3ds Max sono utenti attivi di questo portale, nel quale vi è uno scambio di informazioni enorme. Tra gli altri, vi si possono trovare numerosi interventi di Stefano Armeni (Gattotondo) e di Matteo Magnazzi (Dagon). Community rivolta a tutti gli utenti mental ray, molto curata. Copyright © AM4

23 2 – Introduzione ai rendering IL RENDERING Tecnicamente, il rendering è un procedimento matematico, utilizzato dai software di grafica tridimensionale come 3ds Max, per realizzare la "resa" visiva di una immagine. Il rendering è frutto di molteplici parametri matematici che definiscono l'immagine punto per punto. Il software si occupa quindi di interpretare visivamente le geometrie 3d, i materiali, le fonti di luce e le loro tipologie, lilluminazione naturale, le inquadrature, gli effetti particolari per restituire un'immagine il più possibile vicino alla realtà. Creare un rendering con 3ds Max significa dover prestare attenzione a molteplici aspetti, non solo alla creazione del modello 3d ma anche allimpostazione corretta dellilluminazione, alle inquadrature, allo studio dei materiali, ecc. Il software contiene funzioni e comandi che permettono di gestire ogni più piccolo particolare di questi aspetti. Il rendering è una sorta di fotografia scattata alla scena 3d pre-impostata con 3ds Max. Una volta generato è possibile visualizzarlo a video o stamparlo come se fosse una normalissima foto digitale. Copyright © AM4

24 3 – Mental ray IL MOTORE DI RENDERING PER LA GLOBAL ILLUMINATION Quando viene creato un rendering, è necessario decidere con quale motore di rendering generarlo: 3ds Max contiene diversi motori di rendering, acquisiti negli anni, che possono essere utilizzati a seconda della situazione. I motori sono: Scanline. Molto veloce, ma incapace di calcolare lilluminazione indiretta; i rendering non sono fotorealistici. LightTracer. Motore capace di calcolare lilluminazione indiretta con pochi rimbalzi; è abbastanza lento, e si adatta molto bene al calcolo di scene architettoniche di esterni. Radiosity. Motore capace di calcolare lilluminazione indiretta molto agevolmente; se impostato correttamente permette di ottenere unilluminazione fisicamente corretta, ma è lento e genera file molto pesanti. E particolarmente adatto al calcolo di scene architettoniche di interni. Mental ray. Inserito in 3ds Max da pochi anni, è un motore di rendering molto potente, completo e versatile. Capace di calcolare molto bene lilluminazione indiretta e la Global Illumination, si adatta agevolmente a tutti i tipi di scena e consente un controllo totale sui tempi di calcolo. Copyright © AM4

25 3 – Mental ray SCOPI DI UTILIZZO DI UN MOTORE DI RENDERING QUALE MENTAL RAY Ottenere unimmagine precisa (campionamento/antialiasing). Ottenere unilluminazione naturale (global illumination). Simulare effetti reali con i materiali (shaders). Simulare effetti di rendering (bump, displacement, motion blur, caustiche). Renderizzare animazioni. Ottimizzare il calcolo del rendering. Copyright © AM4

26 3 – Mental ray OTTENERE UNIMMAGINE PRECISA: IL CAMPIONAMENTO Campionamento basso Copyright © AM4

27 3 – Mental ray OTTENERE UNIMMAGINE PRECISA: IL CAMPIONAMENTO Campionamento alto Copyright © AM4

28 CALCOLO DELLA GLOBAL ILLUMINATION Utilizzando due algoritmi (Final gather e Photon Map) viene calcolata solo lilluminazione indiretta. Aggiunta allilluminazione diretta creata con i primary ed i secondary rays si ottengono rendering con illuminazione globale. 3 – Mental ray + = Ill. Diretta: primary e secondary rays Ill. Indiretta: Final Gather e Photon map Global Illumination Copyright © AM4

29 MATERIALI FOTOREALISTICI Utilizzando materiali creati appositamente per architettura e design (chiamati Arch&Design) è possibile simulare effetti realistici. 3 – Mental ray Copyright © AM4

30 EFFETTI DI RENDERING Mental ray è in grado di simulare effetti di rendering che permettono di aumentare il senso di realismo dellimmagine. 3 – Mental ray Displacement (scostamento geometrie) Copyright © AM4

31 EFFETTI DI RENDERING Mental ray è in grado di simulare effetti di rendering che permettono di aumentare il senso di realismo dellimmagine. 3 – Mental ray Caustiche Copyright © AM4

32 EFFETTI DI RENDERING Mental ray è in grado di simulare effetti di rendering che permettono di aumentare il senso di realismo dellimmagine. 3 – Mental ray Motion Blur (effetto movimento) Copyright © AM4

33 EFFETTI DI RENDERING Mental ray è in grado di simulare effetti di rendering che permettono di aumentare il senso di realismo dellimmagine. 3 – Mental ray Profondità di campo Copyright © AM4

34 4 – Interfaccia grafica FINESTRE E PANNELLI DI 3DS MAX Larea di lavoro di 3ds Max è ottimizzata per lavorare su una scena tridimensionale, ed è costituita da icone, finestre di dialogo, pannelli, slider, caselle valori. Si tratta di uninterfaccia grafica dinamica, che può cambiare il proprio aspetto, i comandi o adattarsi allarea di lavoro a disposizione. Copyright © AM4

35 4 – Interfaccia grafica FINESTRE E PANNELLI DI 3DS MAX Copyright © AM4

36 4 – Interfaccia grafica FINESTRE E PANNELLI DI 3DS MAX Le parti più importanti dellinterfaccia grafica sono: I menu. Le finestre di lavoro. La barra delle icone principale. Il pannello dei comandi. I comandi di navigazione delle viste. Gli strumenti per lanimazione. Copyright © AM4

37 4 – Interfaccia grafica FINESTRE E PANNELLI DI 3DS MAX Vi sono poi altre finestre di dialogo che permettono di gestire funzioni e aspetti del rendering; le più importanti sono: Il Material Editor (editor dei materiali). Il Material/Map Browser. La finestra di dialogo Rendering. La finestra di dialogo Enviroment and Settings, per la gestione dello sfondo e del controllo di esposizione (Exposure Control ). Il Curve editor (Editor curve), che permette di gestire le animazioni.

38 4 – Interfaccia grafica FINESTRE E PANNELLI DI 3DS MAX Material Editor (editor Materiali) e Material/Map Browser

39 4 – Interfaccia grafica FINESTRE E PANNELLI DI 3DS MAX Finestra Render Copyright © AM4

40 4 – Interfaccia grafica FINESTRE E PANNELLI DI 3DS MAX Finestra Enviroment and Effects, per la gestione dello sfondo e del controllo esposizione (Exposure Control) Copyright © AM4

41 4 – Interfaccia grafica FINESTRE E PANNELLI DI 3DS MAX Finestra Curve Editor (Editor curve) per la gestione delle animazioni Copyright © AM4

42 5 – Impostazione delle unità LE UNITA DI MISURA Per lavorare con 3ds Max e lilluminazione globale (fotometrica) è necessario impostare correttamente le unità di misura. Le unità si impostano con il comando Customize, Unit Setup. Copyright © AM4

43 6 – Gestione delle scene APERTURA E SALVATAGGIO DEI FILE Per aprire e salvare i file è necessario utilizzare i comandi Open e Save dal menu File; 3ds Max può aprire i seguenti formati: 3ds Max (*.max). VIZ Render (*.drf). 3ds Max Character (*.chr). Con il comando Open non è possibile aprire i formati AutoCAD (*.dwg), 3dStudio (*.3ds) e Revit FBX (*fbx), per i quali è necessario utilizzare il comando Import. Copyright © AM4

44 6 – Gestione delle scene IMPORTARE FILE ESTERNI Con il comando Open non è possibile aprire altri formati oltre a quelli sopraccitati; per importare file di altri formati è necessario utilizzare il comando File, Import. Con esso è possibile importare: I formatiAutoCAD e AutoCAD Architecture (*.dwg). 3dStudio (*.3ds). Revit FBX (*fbx). Inventor (*IPT e *.IAM). Il formato FBX, in particolare, consente unimportazione efficace da Revit Architecture: tale formato riporta in 3ds Max non solo la geometria tridimensionale ma anche le Cineprese (viste 3d), le luci, i materiali e le impostazioni del motore di rendering Mental ray; i materiali vengono convertiti automaticamente in ProMaterials. Copyright © AM4

45 7 – Gestione delle viste COMANDI DI NAVIGAZIONE Per modificare lingrandimento o lorientamento visivo di una vista di lavoro è possibile agire sui comandi di navigazione, posizionati in basso a destra dellarea di lavoro. Zoom Zoom estensioni Zoom in tutte le finestre Zoom estensioni in tutte le finestre Massimizza o minimizza la finestra di lavoro Rotazione ad arco (orbita 3d) Panoramica Area di zoom (Zoom finestra) Copyright © AM4

46 7 – Gestione delle viste SCEGLIERE IL PUNTO DI VISTA Nelle finestre di lavoro è possibile utilizzare diversi punti di vista per visualizzare la scena. Cliccando con i tasto destro del mouse sul nome della finestra desiderata compare un menu contestuale; sotto la voce Views sono disponibilitutti i punti di vista. Copyright © AM4

47 7 – Gestione delle viste SCEGLIERE LA MODALITA DI VISUALIZZAZIONE Sempre dal menu contestuale è possibile modificare la modalità di visualizzazione, usando una delle modalità grafiche disponibili. Le più utilizzate sono: Wireframe (reticolo); permette di visualizzare solo i bordi delle geometrie. Smooth + Higlight (Smussato e illuminato); permette di valutare la colorazione delle geometrie, i materiali ad esse applicati e lilluminazione. E possibile attivare anche le ombre in tempo reale, ma è una funzione molto pesante per la scheda video ed è consigliabile utilizzarla solo in presenza di un hardware adeguato. E possibile passare dalluna allaltra premendo F3. Copyright © AM4

48 7 – Gestione delle viste SCEGLIERE LA MODALITA DI VISUALIZZAZIONE Wireframe Copyright © AM4

49 7 – Gestione delle viste SCEGLIERE LA MODALITA DI VISUALIZZAZIONE Smooth + Highlight Copyright © AM4

50 7 – Gestione delle viste SCEGLIERE LA MODALITA DI VISUALIZZAZIONE Smooth + Highlight Copyright © AM4

51 8 – Trasformazioni I COMANDI SPOSTA, RUOTA E SCALA I comandi Move, Rotate e Scale (Sposta, Ruota e Scala) permettono di posizionare, orientare e ridimensionare gli oggetti nella scena. Possono essere usati sulle geometrie o su oggetti quali Cineprese, Luci, ecc. Premendo il tasto destro del mouse su uno di questi comandi compare la finestra di dialogo Transform Type-in (Valori di trasformazione), che permette di eseguire le trasformazioni con precisione numerica. Copyright © AM4

52 8 – Trasformazioni TRASFORMAZIONI DINAMICHE CON GLI ASSI E possibile spostare, ruotare o scalare gli oggetti tramite il vincolamento dinamico degli assi: con il comando attivo, spostandosi sopra uno di essi viene vincolato (bloccato). Copyright © AM4

53 9 – Le Cineprese CREAZIONE DELLE VISTE 3D DI RENDERING La vista Perspective è, solitamente, una vista di lavoro. Per inquadrare il modello 3d e creare dei punti di vista fissi è possibile/necessario creare degli oggetti Camera (Cinepresa). I comandi per crearle si trovano nel pannello comandi, sotto Create, Cameras. Copyright © AM4

54 9 – Le Cineprese CREAZIONE DELLE VISTE 3D DI RENDERING Le due tipologie di Cinepresa sono: Target. Permette di controllare la posizione del punto di mira (target) tramite i comandi Move, Rotate e Scale. Free. Viene posizionata perpendicolarmente al punto di vista e permette il controllo della direzione dello sguardo agendo sul punto di vista, e non sul punto di mira. Copyright © AM4

55 9 – Le Cineprese CREAZIONE DELLE VISTE 3D DI RENDERING Le proprietà delle Cineprese permettono di scegliere il tipo di obbiettivo (Stock Lenses) da utilizzare per lapertura della vista. Copyright © AM4

56 10 – I Materiali GESTIONE DEI MATERIALI I materiali permettono la ricostruzione fedele del loro comportamento nella realtà. In 3ds Max vengono gestiti tramite leditor dei Materiali e il Material/Map Browser. Per caricare nellEditor un nuovo materiale è necessario premere licona Get Material, mentre per sostituire un materiale già presente in esso è necessario premere il pulsante Type. Copyright © AM4

57 10 – I Materiali GESTIONE DEI MATERIALI Copyright © AM4

58 10 – I Materiali GESTIONE DEI MATERIALI I materiali utilizzati da Mental ray sono identificati da una sfera gialla; i più utilizzati in architettura e design sono: Arch&Design: consentono di scegliere un modello tra quelli disponibili e consentono un totale controllo su ogni più piccolo aspetto del materiale. ProMaterials: divisi per categoria (muri, calcestruzzo, plastica, vetro, acqua, ecc.), ognuno di essi permette di impostare le caratteristiche del materiale replicato con pochi e semplici parametri; la loro configurazione risulta quindi molto veloce. Di contro, non permettono un controllo completo su ogni più piccolo aspetto del materiale. I materiali assegnati ad un file Revit importato diventano ProMaterials. Matte/Shadow/Reflection. Consente di effettuare inserimenti fotografici con una foto di sfondo. Copyright © AM4

59 10 – I Materiali GESTIONE DEI MATERIALI Copyright © AM4

60 11 – Il rendering GESTIONE DEI PARAMETRI DI RENDERING I parameti di rendering, disponibili nella finestra di dialogo attivabile con il comando Rendering, Render Setup permettono di controllare ogni più piccolo aspetto sia del rendering stesso che del motore utilizzato, in questo caso Mental ray. Copyright © AM4

61 11 – Il rendering GESTIONE DEI PARAMETRI DI RENDERING I parametri più importanti sono impostabili anche nella parte bassa della finestra di rendering, attivabile con licona Render Frame Window. Copyright © AM4


Scaricare ppt "Techdata – Andrea Faeti AM4 Copyright © 2009 - AM4"

Presentazioni simili


Annunci Google