La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Or.S.A. SPV Aprile 2013. a cura di Elisa Buzza Art. 34 CCNL Mobilità TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Congedo di maternita e paternita Durante.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Or.S.A. SPV Aprile 2013. a cura di Elisa Buzza Art. 34 CCNL Mobilità TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Congedo di maternita e paternita Durante."— Transcript della presentazione:

1 Or.S.A. SPV Aprile 2013

2 a cura di Elisa Buzza

3 Art. 34 CCNL Mobilità TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Congedo di maternita e paternita Durante lo stato di gravidanza e puerperio, la lavoratrice usufruirà di un periodo di astensione obbligatoria : per i 2 mesi precedenti la data presunta del parto per il periodo intercorrente la data presunta ed il parto stesso Per i 3 mesi successivi al parto Qualora il parto avvenga anticipatamente rispetto alla data presunta, i giorni di astensione obbligatoria prima del parto verranno aggiunti allastensione dopo il parto fino a concorrenza del periodo complessivo di 5 mesi.

4 Ferma restando la durata complessiva di 5 mesi, le lavoratrici hanno facoltà di astenersi dal lavoro a partire dal mese precedente la data presunta del parto e per i 4 mesi successivi, previa attestazione da parte di un medico specialista del SSN e del medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro, i quali hanno lobbligo di appurare che lopzione della lavoratrice non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro

5 Lastensione obbligatoria per i 3 mesi successivi alla data del parto è riconosciuta al padre lavoratore In caso di morte o grave infermità della madre In caso di abbandono da parte della madre In caso di affidamento esclusivo del bambino al padre

6 Congedo parentale Nei primi 8 anni di vita del bambino ciascun genitore ha diritto di astenersi dal lavoro, anche contemporaneamente allaltro, previo un preavviso, comunicato per iscritto al datore di lavoro, almeno 15 giorni prima dellastensione, per un periodo continuativo o frazionato non superiore a 6 mesi Il limite massimo di astensione non può comunque eccedere complessivamente il limite massimo di 10 mesi

7 Nel caso vi sia un solo genitore, questi usufruirà di un periodo continuativo o frazionato non superiore a 10 mesi Qualora il padre usufruisca di un periodo di astensione facoltativa non inferiore a 3 mesi, il suo limite individuale di 6 mesi è elevato a 7 ed il limite massimo complessivo è elevato a 11

8 Lavoro notturno E vietato adibire le donne al lavoro notturno, dalle ore alle 6.00, dallaccertamento dello stato di gravidanza fino al compimento di 1 anno del bambino Non sono obbligati a prestare lavoro notturno La lavoratrice madre di un figlio di età inferiore a 3 anni o, in alternativa, il lavoratore padre convivente con la stessa La lavoratrice o il lavoratore che sia lunico genitore affidatario di un figlio convivente di età inferiore a 12 anni La lavoratrice o il lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104

9 E vietato adibire la lavoratrice, durante il periodo di gravidanza e fino a 7 mesi di età del bambino ai lavori faticosi, pericolosi e insalubri come indicato dallart. 5 del DPR 1026/76

10 Trattamento Economico Durante il periodo di astensione obbligatoria, lazienda provvede ad integrare la prestazione economica erogata dagli Enti previdenziali fino al raggiungimento del 100% del trattamento economico netto La retribuzione di riferimento per ogni giornata di assenza è la retribuzione giornaliera prevista per le giornate di ferie

11 Durante il periodo di astensione facoltativa la madre lavoratrice ed il padre lavoratore hanno diritto, fino al terzo anno di età del bambino ad un trattamento economico pari al 30% della retribuzione per un periodo massimo complessivo pari a 6 mesi CONTRATTO AZIENDALE GRUPPO FS Per i primi 2 mesi di astensione facoltativa verrà corrisposta la retribuzione nella misura del 100% per il primo mese e dell80% per il secondo mese. Per i rimanenti 4 mesi la retribuzione verrà corrisposta nella misura del 30%

12 Malattia del bambino Entrambi i genitori hanno diritto, alternativamente, ad astenersi dal lavoro per i periodi corrispondenti alla durata della malattia del bambino di età non superiore a 3 anni. Tra i 3 e gli 8 anni del bambino per un limite di 5 giorni lavorativi allanno per ciascun genitore CONTRATTO AZIENDALE DEL GRUPPO FS In ciascun anno, fino al terzo anno di età, per i primi 30 giorni di malattia del bambino, ai genitori verrà corrisposta la retribuzione giornaliera prevista per le giornate di ferie

13 Riposi giornalieri Il datore di lavoro deve consentire alle lavoratrici madri, durante il primo anno di vita del bambino, due periodi di riposo della durata di unora ciascuno, anche cumulabili, durante la giornata lavorativa Il periodo è uno solo quando lorario di lavoro giornaliero è inferiore a 6 ore I periodi di riposo sono riconosciuti al padre lavoratore Nel caso in cui il bambino sia affidato al solo padre In alternativa alla madre che non se ne avvalga Nel caso in cui la madre non sia lavoratrice dipendente In caso di morte o di grave infermità della madre In caso di parto plurimo i periodi di riposo sono raddoppiati

14 Adozione e Affidamento Il congedo di maternità spetta, per un periodo massimo di 5 mesi, anche alla lavoratrice, o alternativamente al lavoratore, che abbia adottato un minore Adozione nazionale il congedo deve essere fruito durante i primi 5 mesi successivi alleffettivo ingresso del minore nella famiglia Adozione Internazionale il congedo può essere fruito prima dellingresso del minore in Italia, durante il periodo di permanenza allestero per gli adempimenti relativi alla procedura adottiva, ferma restando la durata complessiva del congedo pari a 5 mesi La lavoratrice che per il periodo di permanenza allestero non richieda, o richieda solo in parte, il congedo di maternità, può fruire di un congedo non retribuito. Tale congedo spetta alle medesime condizioni anche al lavoratore In caso di Affidamento il congedo può essere fruito entro 5 mesi dallaffidamento, per un periodo massimo di 3 mesi

15 Il Congedo parentale spetta, qualunque sia letà del minore, entro 8 anni dallingresso in famiglia e comunque non oltre il raggiungimento della maggiore età I Riposi Giornalieri si applicano entro il primo anno di ingresso del minore in famiglia Congedo per malattia. Fino a 6 anni del bambino entrambi i genitori, alternativamente, hanno diritto di astenersi dal lavoro per periodi corrispondenti alla malattia di ciascun figlio. Dai 6 agli 8 anni del bambino hanno il diritto di astenersi dal lavoro, alternativamente, nel limite di 5 giorni lavorativi allanno Qualora allatto delladozione o affidamento, il minore abbia unetà compresa fra i 6 e i 12 anni, il congedo per malattia del bambino è fruito nei primi 3 anni dallingresso del minore nel nucleo familiare nel limite di 5 giorni lavorativi allanno per ciascun genitore

16 Art. 36 CCNL Mobilità PERSONE CON HANDICAP Per ogni minore con Handicap in situazione di gravità accertata la lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre, anche adottivi, hanno diritto, entro lottavo anno di vita del bambino, al prolungamento del congedo parentale per un periodo massimo non superiore a 3 anni, a condizione che il bambino non sia ricoverato a tempo pieno presso istituti specializzati, salvo che sia richiesta dai sanitari la presenza del genitore La lavoratrice o il lavoratore possono chiedere in alternativa al prolungamento fino a 3 anni del periodo di astensione facoltativa, due ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del terzo anno di vita del bambino

17 La lavoratrice o il lavoratore che assiste persone con handicap in situazione di gravità, coniuge, parente o affine entro il secondo grado, ovvero entro il terzo qualora i genitori o il coniuge della persona con handicap abbiano compiuto i 65 anni di età oppure siano anche essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti, ha diritto a 3 giorni di permesso retribuito mensile. Il lavoratore ha diritto di scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede

18 Art. 39 CCNL Mobilità FACILITAZIONI PER I LAVORATORI STUDENTI Ai lavoratori studenti che frequentano corsi di studio presso scuole di istruzione e di qualificazione professionale, statali, parificate o legalmente riconosciute saranno riservati, su richiesta degli stessi e in relazione alle possibilità tecnico-organizzative del servizio, turni di lavoro che agevolino la frequenza ai corsi e la preparazione degli esami

19 Ai lavoratori studenti sono concessi su richiesta permessi giornalieri retribuiti per la giornata di discussione della tesi di laurea e per le giornate in cui svolgono le prove di esame Gli stessi possono usufruire di permessi retribuiti per i due giorni lavorativi precedenti ciascun esame. Tali permessi non assorbono la giornata individuata come riposo settimanale Per gli esami universitari ripetuti verrà riconosciuta una sola giornata di permesso non retribuito con un massimo di due giornate nellanno I lavoratori studenti con meno di 5 anni di anzianità aziendale, potranno richiedere nel corso dellanno 120 ore di permesso non retribuito

20 Art. 40 CCNL Mobilità CONGEDI PER FORMAZIONE E PER FORMAZIONE CONTINUA A far data dal compimento del quinto anno di anzianità di servizio presso la stessa azienda, il lavoratore può chiedere un congedo per formazione, continuativo o frazionato, per un periodo non superiore a 11 mesi per lintera vita lavorativa Il congedo sarà fruito per un periodo minimo continuativo pari ad un intero mese di calendario La richiesta dovrà essere presentata allazienda con un preavviso di almeno 60 giorni Durante il congedo il dipendente ha diritto alla sola conservazione del posto

21 Art.41 CCNL Mobilità CONGEDO PER GRAVI MOTIVI FAMILIARI Lazienda potrà concedere al lavoratore che ne faccia richiesta scritta un periodo di aspettativa, continuativo o frazionato, non superiore a 2 anni, per gravi e documentati motivi familiari Durante il periodo, il lavoratore conserva il posto e non ha diritto alla retribuzione, il periodo di congedo non è computato nellanzianità di servizio né ai fini previdenziali

22 Art.42 CCNL Mobilità PERMESSI Su richiesta scritta del lavoratore saranno concessi permessi giornalieri retribuiti 3 giorni allanno in caso di decesso o di documentata grave infermità del coniuge e/o di ogni parente entro il secondo grado e/o del convivente 15 giorni consecutivi di calendario in occasione del matrimonio del lavoratore non in prova

23 Art.43 CCNL Mobilità PERMESSI PER DONATORI DI SANGUE E DI MIDOLLO OSSEO I donatori di sangue e di emocomponenti hanno diritto ad astenersi dal lavoro per lintera giornata in cui effettuano la donazione, conservando la normale retribuzione In occasione di donazione di midollo osseo, al lavoratore che ne faccia richiesta scritta sono concessi permessi giornalieri retribuiti per lintero periodo di degenza ospedaliera

24 Riferimenti normativi CCNL della Mobilità/Area AF Contratto Aziendale di Gruppo FS Legge 8 marzo 2000, n. 53 D.Lgs. 26 marzo 2001, n.151 Legge 28 giugno 2012, n. 92 Legge 5 febbraio 1992, n.104


Scaricare ppt "Or.S.A. SPV Aprile 2013. a cura di Elisa Buzza Art. 34 CCNL Mobilità TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Congedo di maternita e paternita Durante."

Presentazioni simili


Annunci Google