La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INVALSI - RILEVAZIONE NAZIONALE APPRENDIMENTI 04/05: ASPETTI INNOVATIVI per la SOMMINISTRAZIONE delle PROVE CENTRO SERVIZI AMMINISTRATIVI DI MODENA Chiara.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INVALSI - RILEVAZIONE NAZIONALE APPRENDIMENTI 04/05: ASPETTI INNOVATIVI per la SOMMINISTRAZIONE delle PROVE CENTRO SERVIZI AMMINISTRATIVI DI MODENA Chiara."— Transcript della presentazione:

1 INVALSI - RILEVAZIONE NAZIONALE APPRENDIMENTI 04/05: ASPETTI INNOVATIVI per la SOMMINISTRAZIONE delle PROVE CENTRO SERVIZI AMMINISTRATIVI DI MODENA Chiara Brescianini

2 Decreto M.I.U.R. 286/04 – Istituzione del Servizio Nazionale di Istruzione e Formazione Livelli di padronanza degli allievi nelle conoscenze ed abilità sugli OSA per Italiano – Matematica e Scienze

3 PROVE DI APPRENDIMENTO I ciclo – in riferimento alla Riforma – OBBLIGATORIETA sia statali che paritarie II grado statali e non pubbliche e paritarie – volontarietà -

4 I materiali seguenti sono riferiti alle indicazioni ed ai manuali provvisori per la somministrazione, scaricabili da - CONSULTARE PERIODICAMENTE IL SITO

5 Sito INVALSI: contatti utili Sul sito INVALSI è disponibile una pagina web utile di contatti relativamente a: Informazioni di carattere generale Informazioni di carattere generale Informazioni sulla somministrazione Informazioni sulla somministrazione Informazioni sugli studenti di madrelingua diversa dall'italiano Informazioni sugli studenti di madrelingua diversa dall'italiano Informazioni sugli alunni disabili visivi Informazioni sugli alunni disabili visivi Informazioni sugli alunni con altri tipi di disabilità Informazioni sugli alunni con altri tipi di disabilità Informazioni sugli alunni con dislessia Informazioni sugli alunni con dislessia Informazioni sulle scuole e le classi campione - scuola secondaria di II grado Informazioni sulle scuole e le classi campione - scuola secondaria di II grado Informazioni sulla somministrazione informatica Informazioni sulla somministrazione informatica Indagine nazionale funzionamento istituzioni scolastiche Indagine nazionale funzionamento istituzioni scolastiche

6 AREE DISCIPLINARI Italiano – matematica – scienze Stesse discipline per tutti i livelli MODI di SOMMINISTRAZIONE Cartacea Informatica Mista

7 PERIODO Prima metà aprile ( aprile 05 e recupero eventuale 18/19/20 aprile 05) Arrivo materiali cartacei a scuola (presumibilmente prima di Pasqua) per organizzarsi

8 CAMPIONE Obbligatorietà per 1°ciclo: classi 2 e 4° primaria; 1° per sec.1°grado 2° grado: 1° e 3° classe (campione) Strumento omogeneo: 3 prove oggettive con quesiti a scelta multipla per italiano – scienze - matematica

9 STRUMENTI a DISPOSIZIONE Prove oggettive con quesiti a scelta multipla (3 alternative in cl.2°; 4/5 altri livelli) Materiali di supporto – manuali, elenchi- Questionari on line su opportunità di apprendimento Altro In futuro Edizioni per alunni in sit.di handicap In futuro Questionario on line sulle edizioni delle prove per alunni in sit.di handicap

10 PRETESTING Somministrazione a campione equilibrato sul territorio per 1°ciclo e per più indirizzi per 2°grado Suddivisione quesiti in fascicoli Metà novembre in classe successiva a quella della rilevazione

11 PROVE Preparate da Invalsi per sottogruppi disciplinari – Gruppo di Lavoro Criteri Analisi approfondita item PP3 Individuazione n.limitato conoscenze ed abilità ritenute irrinunciabili Ricorsività conoscenze ed abilità ed esplorazione per livelli crescenti Struttura dei quesiti per favorire riflessione e non risposta meccanica Uniformità struttura (quesiti a scelta multipla per ridare risultati in tempi brevi) Durata predefinita Pretesting per tarare i quesiti

12 INNOVAZIONI a.s. 04/05 Obbligatorietà Casi particolari

13 Ipotesi di creazione di ARCHIVIO INVALSI con Prove personalizzate N.B. Ipotesi di INVALSI è per la.s.05/06 creare una commissione di studio del problema, anche in raccordo con lOSSERVATORIO NAZIONALE PERMANENTE SULLHANDICAP Prove per alunni in situazione di handicap Prove per alunni con problemi di decodifica linguistica – non parlanti italiano – Prove per alunni dislessici con gravità

14 Casi Particolari 1/3 ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Motorio e sensoriale: edizioni adeguate e modalità specifiche in sede di somministrazione Handicap mentale: PREPARAZIONE DELLE PROVE A CURA DELLA SCUOLA, anche in riferimento alle prove nazionali E SOMMINISTRAZIONE CONTEMPORANEA Invio delle PROVE AD INVALSI per ARCHIVIO

15 Casi particolari 2/3 Alunni con Disturbo Specifico di Apprendimento (Dislessia) Richiesta delle modalità consuete (strumenti dispensativi e compensativi) Indicazioni per la somministrazione (manuale)es.: tempi dilatati, presenza persona di riferimento, lettore, tutoraggio,… Decisione della scuola di cosa somministrare (tutta la prova, n.inferiore di items, …)

16 Casi particolari 3/3 ALUNNI CON 1°LINGUA DIVERSA DALLA LINGUA DELLA PROVA Se integrati prove nazionali Con problemi di decodifica, la scuola prepara le prove, anche in riferimento a quelle nazionali e le somministra in contemporanea La scuola invia le prove ad Invalsi per creare archivio nazionale

17 ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Suggerimenti Raccogliere Indicazioni dalla DIAGNOSI CLINICA Analisi approfondita nel caso di HANDICAP ASSOCIATI – valutazione didattica della patologia maggiormente incidente Necessità di effettuare le prove in CONTEMPORANEA Ricerca della maggior collaborazione possibile dei docenti di classe/area/disciplina Per la preparazione della prova Stesse verifiche cui lo studente è sottoposto durante lanno Uso prove INVALSI dei P.P.anni precedenti Come sopra ma adattate, quindi usate come modelli Come sopra ma di livello inferiore

18 Handicap mentale/cognitivo- ALCUNI SUGGERIMENTI: Realizzare le prove nel modo abituale Preparare, per quanto possibile, lo studente alla prova Utilizzare i mediatori abituali (persona di riferimento, contesto famigliare, strumenti di facilitazione, …) Calibrare i tempi in modo adeguate alle possibilità/capacità dello studente

19 Handicap visivo: Richiesta ad INVALSI di prove adatte nel formato – supporto stampa ingrandito, braille, cd… Concordare la presenza del docente di sostegno Uso degli strumenti tecnologici/didattici abitualmente utilizzati per lattività didattica (es.videoingranditore, carattere ingrandito, …) Possibilità di usufruire di maggior tempo per non vedenti che effettuano la prova in braille (indicati nel manuale) Possibilità di maggior tempo per ipovedenti che usano il materiale ingrandito ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

20 Handicap uditivo: Uso degli strumenti tecnologici/didattici abitualmente utilizzati per lattività didattica (es.mediazione linguistica,tutoraggio, strumenti iconici, LIS, lettura labiale… Tempi ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

21 Handicap mentale/cognitivo: Indicazione ad INVALSI che la scuola preparerà prove adeguate al PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO, in relazione alla programmazione dello studente Non esclusione dello studente al momento della prova – se possibile negli stessi momenti dei compagni – con flessibilità rispetto alla durata, allinizio ed alla fine della prova, in particolare in relazione a difficoltà nellattenzione e nel mantenimento dei tempi di prestazione Ricercare il massimo collegamento possibile con le prove nazionali Ricercare il raccordo con i colleghi di area/ambito/disciplina ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

22 Handicap mentale/cognitivo: Uso di P.C. e/o strumenti informatici: se abitualmente utilizzati Il gruppo dei docenti impegnato nellintegrazione (Consiglio di Classe, Team docenti) propone al Dirigente Scolastico se per lalunno in situazione di handicap si propongono prove personalizzate Il Dirigente Scolastico deciderà se effettuare prove personalizzate, in riferimento alle indicazioni dei docenti e si assumerà la relativa responsabilità ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

23 Indicare ad INVALSI gli studenti con DSA in possesso di adeguata segnalazione scolastica (indicata da INVALSI come certificazione) per avere CD Specifica su scheda delle caratteristiche delle prove e delle modalità di somministrazione Uso di strumenti dispensativi e compensativi Decisione del D.S. - sulla base delle indicazioni dei docenti – se far fare: Tutte le 3 prove Somministrare le prove in modo totale o parziale Tempi diversificati Se usare ulteriori strumenti compensativi oltre a quelli indicati da INVALSI ALUNNI CON DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO

24 Dalla nota 5/10/2004 MIUR gli strumenti compensativi essenziali vengono indicati: Tabella dei mesi, tabella dellalfabeto, e dei vari caratteri. Tavola pitagorica. Tabella delle misure, tabella delle formule geometriche. Calcolatrice. Registratore. Computer con programmi di video- scrittura con correttore ortografico e sintesi vocale. ALUNNI CON DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO

25 Dalla nota 5/10/2004 MIUR Uso di strumenti dispensativi, valutando lentità e il profilo della difficoltà, in ogni singolo caso : Dispensa dalla lettura ad alta voce, scrittura veloce sotto dettatura, uso del vocabolario, studio mnemonico delle tabelline. Dispensa, ove necessario, dallo studio della lingua straniera in forma scritta. Programmazione di tempi più lunghi per prove scritte e per lo studio a casa. Organizzazione di interrogazioni programmate. Valutazione delle prove scritte e orali con modalità che tengano conto del contenuto e non della forma. ALUNNI CON DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO

26 CODICI DI PARTICOLARITA Motivare lesclusione dalle Prove Nazionali con codici di particolarità: 1.Disabilità fisica: prove personalizzate (Dipende dal tipo di disabilità possibile la partecipazione) 2.Disabilità intellettiva: prove personalizzate 3.Lingua madre diversa dalla lingua delle prove: non comprende o comprende con difficoltà 4.Studente IPOVEDENTE con stesse prove ingrandite ed il codice segnala solo che limmissione dei dati è manuale e non con lettura ottica 5.Studente non VEDENTE con prova in Braille ed il codice segnala solo che limmissione dei dati è manuale 6. Studente ipovedente/non vedente ma svolge con fascicolo standard 7. DISLESSICO: o tempo aggiuntivo o prova personalizzata (tempo ulteriore e compilazione parziale del fascicolo) da indicare sia nellELENCO STUDENTI sia nel MODULO PROVE PERSONALIZZATE

27 CODICI DI PARTICOLARITA 1,2,3,7 (Handicap fisico,intellettivo, lingua madre diversa da italiano e dislessici), vanno segnalati sia nellELENCO STUDENTI che nel MODULO PER LE PROVE PERSONALIZZATE

28 PERSONALIZZAZIONE DELLA PROVA Nei manuali si prevede un capitolo apposito per la spiegazione delle prove personalizzate e per le avvertenze per le somministrazioni particolari (vd. fac simili dei manuali) Es. da manuale per primaria (2 e 4 classe versione provvisoria) Categorie: DISABILI FISICI (cod.1),DISABILI INTELLETTIVI (cod.2),LINGUA MADRE DIVERSA DALLE PROVE (cod.3),DISLESSICI (cod.7) N.B. cod.4-5 studenti non vedenti/ipovedenti; cod.6 studente non vedente/ipovedente con stessa prova Invalsi SEGNALAZIONE del TIPO DI PROVA P.STANDARD (S) P.INVALSI MODIFICATA (M) P.PERSONALIZZATA (P) P.PERSONALIZZATA da TENERE agli ATTI della SCUOLA (Psc)

29

30

31 Es di Avvertenze per SOMMINISTRAZIONI PARTICOLARI Manuale 5.4. Primaria versione provvisoria Sistemazione nella classe:non vedenti in prima fila affiancati da personale di sostegno e non udenti in prima fila per poter leggere più agevolmente il labiale Evidenziare la freccia che indica la prosecuzione dellattività nella pag.successiva Utilizzo di personale che funga da LETTORE da individuare preventivamente Lasciare sul banco strumenti compensativi per lo studente dislessico Se si usa il L.I.S. è necessario concordare i tempi fra il mediatore linguistico e il somministratore Se presente il mediatore culturale, possibile laffiancamento inclasse Per gli studenti che fanno prove PERSONALIZZATE individuare posto tranquillo in classe


Scaricare ppt "INVALSI - RILEVAZIONE NAZIONALE APPRENDIMENTI 04/05: ASPETTI INNOVATIVI per la SOMMINISTRAZIONE delle PROVE CENTRO SERVIZI AMMINISTRATIVI DI MODENA Chiara."

Presentazioni simili


Annunci Google