La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL TERMINAL DI RIGASSIFICAZIONE DI ZAULE (AREA EX ESSO) A cura di Marco Torbianelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL TERMINAL DI RIGASSIFICAZIONE DI ZAULE (AREA EX ESSO) A cura di Marco Torbianelli."— Transcript della presentazione:

1 IL TERMINAL DI RIGASSIFICAZIONE DI ZAULE (AREA EX ESSO) A cura di Marco Torbianelli

2 IL PROGETTO Terminal S.I.O.T. Nave gasiera Pontile di attracco della gasiera Inceneritore ACEGAS-APS Rigassificatore

3 LA ZONA INDUSTRIALE 1 Linde Gas 2 Ferriera Servola 3 Depositi Costieri Trieste 4 RIGASSIFICATORE GAS NATURAL 5 Terminal S.I.O.T. 6 Alder S.p.A. (formaldeide) 7 Depositi Costieri Muggia 8 GTS - GPL 9 Depositi S.I.O.T Petroliere Nave gasiera

4 COSE UN RIGASSIFICATORE Si tratta di un impianto che trasforma il metano (o GNL – Gas Naturale Liquido) dallo stato liquido allo stato gassoso, per poi immetterlo nella rete di distribuzione. Si tratta di un impianto che trasforma il metano (o GNL – Gas Naturale Liquido) dallo stato liquido allo stato gassoso, per poi immetterlo nella rete di distribuzione. Il metano liquido arriva allinterno di navi gasiere alla temperatura di circa -160 °C. Il metano liquido arriva allinterno di navi gasiere alla temperatura di circa -160 °C. La trasformazione avviene utilizzando lacqua di mare, che cedendo calore al metano liquido lo riporta allo stato gassoso. Lacqua utilizzata viene poi restituita al mare ad una temperatura inferiore ed addizionata di ipoclorito di sodio (candeggina), utilizzato per evitare la corrosione delle tubazioni. La trasformazione avviene utilizzando lacqua di mare, che cedendo calore al metano liquido lo riporta allo stato gassoso. Lacqua utilizzata viene poi restituita al mare ad una temperatura inferiore ed addizionata di ipoclorito di sodio (candeggina), utilizzato per evitare la corrosione delle tubazioni.

5 LA SCELTA DELLUBICAZIONE Limpianto è progettato nellarea Ex Esso, tra il terminal petrolifero della S.I.O.T. e linceneritore dellACEGAS-APS, allinterno del Sito Inquinato di Interesse Nazionale. E un impianto a rischio di incidente rilevante e sottoposto pertanto alla Direttiva Seveso per la quale […] nelle zone interessate […], gli enti territoriali tengono conto, nellelaborazione degli strumenti di pianificazione dellassetto del territorio, della necessità di prevedere e mantenere opportune distanze tra gli stabilimenti e le zone residenziali, gli edifici e le zone frequentate dal pubblico, le vie di trasporto principali, […].

6 LA SCELTA DELLUBICAZIONE Nelle immediate vicinanze, oltre allinceneritore ed al terminal S.I.O.T., vi sono la Ferriera, la Linde Gas, i depositi costieri, la Alder, alcune delle quali sottoposte alla medesima Direttiva. Nelle immediate vicinanze, oltre allinceneritore ed al terminal S.I.O.T., vi sono la Ferriera, la Linde Gas, i depositi costieri, la Alder, alcune delle quali sottoposte alla medesima Direttiva. I quartieri di Servola, Borgo San Sergio ed Aquilinia si troveranno molto vicini allimpianto. I quartieri di Servola, Borgo San Sergio ed Aquilinia si troveranno molto vicini allimpianto. Labitato di Muggia si troverà molto vicino al percorso che le navi gasiere dovranno compiere per arrivare allimpianto, passando tra laltro davanti alle petroliere attraccate al terminal S.I.O.T. Labitato di Muggia si troverà molto vicino al percorso che le navi gasiere dovranno compiere per arrivare allimpianto, passando tra laltro davanti alle petroliere attraccate al terminal S.I.O.T.

7 LARRIVO DELLE GASIERE Per il rigassificatore di Zaule è stimato larrivo di circa 110 navi gasiere allanno, ovverosia circa una ogni tre giorni. Per il rigassificatore di Zaule è stimato larrivo di circa 110 navi gasiere allanno, ovverosia circa una ogni tre giorni. Durante il transito delle navi gasiere è interdetta qualsiasi operazione marittima. Durante il transito delle navi gasiere è interdetta qualsiasi operazione marittima. La manovra di attracco consisterà in una rotazione di circa ¾ di giro (270°) al centro della baia di Muggia, per permettere alla nave gasiera, che arriva di prua, di attraccare al pontile. La manovra di attracco consisterà in una rotazione di circa ¾ di giro (270°) al centro della baia di Muggia, per permettere alla nave gasiera, che arriva di prua, di attraccare al pontile. Le operazioni di scarico dureranno allincirca ore a seconda del tipo di nave. Le operazioni di scarico dureranno allincirca ore a seconda del tipo di nave.

8 IL COLLEGAMENTO ALLA RETE NAZIONALE Nel progetto Gas Natural non è fatta menzione alcuna a come il gas prodotto verrà immesso in rete. In questi giorni è emersa la possibilità di realizzare una condotta sottomarina da Trieste fino a Grado per poi proseguire sottoterra verso la zona di Villesse-Ruda, ove avverrebbe il collegamento (percorso simile a quello invece previsto nel progetto per il rigassificatore in mezzo al Golfo, proposto da Endesa). PERCHE FARE IL RIGASSIFICATORE A TRIESTE PER IMMETTERE IL GAS NELLA RETE A GRADO??? E SE GRADO NON VUOLE???

9 LA TECNOLOGIA La Gaz de France ha allo studio una La Gaz de France ha allo studio una nave rigassificatrice in grado cioè di trasportare il metano, rigassificarlo a bordo una volta giunta a destinazione ed immetterlo già sotto forma di gas nella rete di distribuzione, tramite degli attracchi sottomarini posti a distanza di sicurezza dalle coste. (Fonte: Il Sole 24ore del 17/11/2006) Questo di fatto rende superato il concetto di impianto di rigassificazione a terra, tenendo conto del fatto che i tempi di sviluppo del progetto nave rigassificatrice sono inferiori a quelli necessari a costruire limpianto di Zaule (5 anni).

10 GLI INVESTIMENTI La delibera n°178/2005 dellAutorità Nazionale per lEnergia stabilisce che lo Stato rimborserà i gestori degli impianti di rigassificazione qualora essi producano poco per mancanza di metano da rigassificare, annullando di fatto il rischio di impresa e favorendo le banche che, essendo lo Stato garante, non avranno difficoltà a finanziare queste opere. La delibera n°178/2005 dellAutorità Nazionale per lEnergia stabilisce che lo Stato rimborserà i gestori degli impianti di rigassificazione qualora essi producano poco per mancanza di metano da rigassificare, annullando di fatto il rischio di impresa e favorendo le banche che, essendo lo Stato garante, non avranno difficoltà a finanziare queste opere. In Spagna i rigassificatori esistenti lavorano al 50% perché non trovano metano da rigassificare. In Spagna i rigassificatori esistenti lavorano al 50% perché non trovano metano da rigassificare.

11 GLI APPROVIGIONAMENTI I nuovi recentissimi accordi con la Russia e lAlgeria porteranno gas nel nostro Paese per i prossimi 30 anni Un impianto di rigassificazione ha un periodo di funzionamento stimato in 30 anni

12 LA CONVENZIONE DI AAHARUS Nel 1998 ad Aaharus (Danimarca) i Paesi europei hanno sottoscritto la Convenzione sullaccesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e laccesso alla giustizia in materia ambientale, ratificata dallo Stato italiano con Legge n°108 del 16/03/2001. Nel 1998 ad Aaharus (Danimarca) i Paesi europei hanno sottoscritto la Convenzione sullaccesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e laccesso alla giustizia in materia ambientale, ratificata dallo Stato italiano con Legge n°108 del 16/03/2001. Tale convenzione prevede tra le altre cose la partecipazione della popolazione al processo decisionale in materia ambientale e tra gli impianti per cui essa è prevista ci sono proprio gli impianti di rigassificazione. Tale convenzione prevede tra le altre cose la partecipazione della popolazione al processo decisionale in materia ambientale e tra gli impianti per cui essa è prevista ci sono proprio gli impianti di rigassificazione.

13 I PRESUNTI VANTAGGI PRESUNTI VANTAGGI PER LE INDUSTRIE: Un abbassamento del prezzo del gas. PRESUNTI VANTAGGI PER IL COMUNE DI TRIESTE: Royalties, ovverosia tot euro a metro cubo di gas prodotto che Gas Natural verserebbe nelle casse del Comune di Trieste. La bonifica di una parte del Sito Inquinato di Interesse Nazionale (ma comunque non la parte più inquinata). PRESUNTI VANTAGGI PER LA POPOLAZIONE: Un abbassamento del prezzo del gas?!?!? Un abbassamento dellICI?!?!?

14 ….PER CONCLUDERE…. … nonostante quanto vi abbiamo mostrato, è da più di un anno che i nostri dipendenti amministratori pubblici ci stanno lavorando senza dirci nulla … PERCHE?

15 IL PARERE DEI COMUNI Mentre tutti i Comuni costieri si sono espressi unanimemente per il no, nel Comune di Trieste al si della Giunta si è opposto il no del Consiglio, giunto in serata il 18 gennaio. La motivazione del no di Trieste? LOFFERTA TROPPO BASSA DI ROYALTIES!!! SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE CHE PREZZO HANNO?!?!?


Scaricare ppt "IL TERMINAL DI RIGASSIFICAZIONE DI ZAULE (AREA EX ESSO) A cura di Marco Torbianelli."

Presentazioni simili


Annunci Google