La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

"La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Le fonti energetiche si dividono in: non rinnovabili: sono le tradizionali fonti di origine fossile (carbone,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: ""La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Le fonti energetiche si dividono in: non rinnovabili: sono le tradizionali fonti di origine fossile (carbone,"— Transcript della presentazione:

1 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Le fonti energetiche si dividono in: non rinnovabili: sono le tradizionali fonti di origine fossile (carbone, petrolio, gas) che hanno la caratteristica di essere esauribili; rinnovabili: sono fonti alternative (eolica, solare, geotermica, del moto ondoso, maremotrice, idraulica, biomasse, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas) che hanno la caratteristica di essere non esauribili. Proprio in virtù della non esauribilità, la produzione di energia mediante limpiego di fonti alternative rispetto alle tradizionali risorse è, ormai da tempo, un importante obiettivo che le istituzioni internazionali, europee e nazionali tendono a incentivare introducendo misure atte a favorirne la diffusione.

2 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Il legislatore nazionale è intervenuto con lemanazione del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387, in attuazione della direttiva comunitaria 2001/77/CE del 27 settembre 2001, concernente la promozione dellenergia elettrica prodotta da fonti rinnovabili nel mercato interno dellelettricità. In particolare lart. 7, rubricato Disposizioni specifiche per il solare, prevede, uno specifico incentivo atto a favorire lo sviluppo dellelettricità generata per conversione fotovoltaica della fonte solare. Il successivo comma 2 del citato articolo, nellindividuare i criteri per lerogazione degli incentivi, alla lettera d) precisa che essi consistono in unaspecifica tariffa incentivante, di importo decrescente e di durata tali da garantire una equa remunerazione dei costi di investimento e di esercizio.

3 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" II criteri di erogazione della tariffa incentivante sono stati definiti in primis dai decreti ministeriali 28 luglio 2005 e 6 febbraio 2006 e, da ultimo, dal decreto ministeriale del 19 febbraio 2007, pubblicato nella G.U. 23 febbraio 2007, n. 45 (di seguito decreto ministeriale). L'incentivo viene erogato per un periodo di venti anni in ragione dell'energia fotovoltaica prodotta annualmente dall'impianto (c.d. Conto Energia). La ratio di tale incentivo, non è tanto quella di favorire la realizzazione dellinvestimento, bensì quella di sostenere la produzione di energia mediante lo sfruttamento dellimpianto fotovoltaico.

4 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Infatti: linvestimento iniziale non viene ridotto per effetto della corresponsione degli incentivi, ma può solo essere recuperato nel tempo attraverso la produzione di energia che, come detto, viene premiata mediante lerogazione di una somma pari alla tariffa incentivante, che varia in base alla potenza dellimpianto, moltiplicata per lenergia prodotta nellanno.

5 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" E' necessario distinguere tra: Impianti di potenza fino a 20 kw: possono accedere al c.d. servizio di scambio sul posto (anche detto Net Metering), facendone richiesta allimpresa distributrice competente per il territorio ove limpianto è ubicato o, in alternativa, possono cedere al gestore della rete elettrica lenergia prodotta. Impianti di potenza superiore a 20 kw: possono soltanto cedere al gestore l'energia elettrica.

6 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Il soggetto attuatore del programma di incentivazione della produzione di energia fotovoltaica è: Gestore dei Servizi Elettrici – GSE Spa

7 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Dal punto di vista del corretto trattamento fiscale dei proventi ed oneri derivanti dall'utilizzazione di impianti fotovoltaici è necessario riferirsi principalmente alla: Circolare n. 46/E emanata dall'Agenzia delle Entrate il 19 luglio 2007

8 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica, condominio o ente non commerciale che al di fuori dellattività dimpresa produce energia ai soli fini privati Ai fini IVA: tariffa: fuori campo dellapplicazione del tributo in ogni caso (anche in regime d'impresa). Infatti, ai sensi dellarticolo 2, terzo comma, lettera a), del DPR 26 ottobre 1972, n. 633, configura un contributo a fondo perduto, percepito dal soggetto responsabile in assenza di alcuna controprestazione resa al soggetto erogatore. Il contributo in questione non può essere considerato, inoltre, nemmeno come integrazione di corrispettivo ai sensi dellarticolo 13, primo comma, ultima parte, del DPR n. 633 del 1972, e dellarticolo 73 della Direttiva IVA (n. 2006/112/CE del 28 novembre 2006).

9 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica, condominio o ente non commerciale che al di fuori dellattività dimpresa produce energia ai soli fini privati Ai fini delle II.DD.: tariffa: non rilevante. Infatti in questo caso ai fini delle imposte dirette si configura un contributo a fondo perduto non riconducibile ad alcuna delle categorie reddituali di cui allarticolo 6, comma 1, del TUIR (neppure alla categoria dei redditi diversi, in quanto non rientra in alcuna delle ipotesi contemplate dallarticolo 67 del TUIR). Quanto sopra affermato si può ritenere valido anche in relazione ad un impianto fotovoltaico realizzato da un condominio che produce energia elettrica destinata esclusivamente a soddisfare i consumi condominiali.

10 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica, condominio o ente non commerciale che al di fuori dellattività dimpresa produce energia in eccedenza (con impianto posto presso labitazione/condominio o sede dellente) Ai fini IVA: tariffa: fuori campo (per le considerazioni già fatte nel caso precedente); vendita: fuori campo. Infatti non configurandosi lo svolgimento in via abituale di unattività commerciale, i proventi derivanti dalla vendita dellenergia prodotta in esubero non devono essere assoggettati ad IVA (impianto installato essenzialmente per fare fronte ai bisogni energetici dellabitazione o sede dellutente - ovvero per usi domestici).

11 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica, condominio o ente non commerciale che al di fuori dellattività dimpresa produce energia in eccedenza (con impianto posto presso labitazione/condominio o sede dellente) Ai fini II.DD.: t ariffa: non rilevante; vendita: i proventi derivanti dalla vendita dellenergia rilevano fiscalmente come redditi diversi (redditi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente ex articolo 67, comma 1, lettera i) del TUIR), mentre il costo di acquisto o realizzazione dellimpianto non è spesa specificamente inerente alla produzione del suddetto reddito, ex art. 71, comma 2 del TUIR (prevalenza per i bisogni energetici dellutente sulla produzione di reddito imponibile)

12 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica, condominio o ente non commerciale che al di fuori dellattività dimpresa produce energia in eccedenza (con impianto posto in altra sede) Ai fini IVA: tariffa: fuori campo per le considerazioni precedenti; vendita: i corrispettivi derivanti dalla vendita dellenergia sono da assoggettare a tale imposta comportando, conseguentemente, per il responsabile dellimpianto, ladempimento di tutti gli obblighi connessi allapplicazione del tributo in parola. Laliquota applicabile è del 10%.

13 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica, condominio o ente non commerciale che al di fuori dellattività dimpresa produce energia in eccedenza (con impianto posto in altra sede) Ai fini II.DD.: tariffa: concorre alla determinazione del reddito di impresa nellesercizio di competenza, ovvero nellesercizio in cui sorge con certezza il diritto alla sua percezione, in misura proporzionale alla quantità di energia ceduta (contributo in conto esercizio, in quanto erogato al responsabile dellimpianto per consentirgli di coprire sia i costi di esercizio, sia quelli connessi allacquisto dellimpianto, ex art. 85 del TUIR come anche il premio aggiuntivo, pari ad una maggiorazione massima fino al 30%, in presenza di investimenti migliorativi del rendimento energetico delledificio.

14 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica, condominio o ente non commerciale che al di fuori dellattività dimpresa produce energia in eccedenza (con impianto posto in altra sede) Larticolo 28, secondo comma, del DPR n. 600 del 1973 dispone che Le regioni, le province, i comuni, gli altri enti pubblici e privati devono operare una ritenuta del quattro per cento a titolo di acconto delle imposte indicate nel comma precedente e con obbligo di rivalsa sull'ammontare dei contributi corrisposti ad imprese, esclusi quelli per l'acquisto di beni strumentali. Nella relazione di accompagnamento alla citata legge n. 449/1997, con riferimento alla modifica in esame, si precisa che La disposizione è pertanto finalizzata, tra laltro, ad assicurare il prelievo alla fonte anche nei casi in cui detti contributi vengano erogati da enti pubblici successivamente trasformati in enti privati (trasformazione degli Enti creditizi pubblici L. 218/90 Amato).

15 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica, condominio o ente non commerciale che al di fuori dellattività dimpresa produce energia in eccedenza (con impianto posto in altra sede) Si ritiene, quindi, che GSE S.P.A. rientri nel campo di applicazione della norma in esame e che, quindi, la tariffa incentivante, per la parte commisurata allenergia ceduta, deve essere assoggettata alla ritenuta del 4 per cento di cui allarticolo 28 del DPR n. 600 del 1973, in quanto percepita nellesercizio di impresa.

16 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica, condominio o ente non commerciale che al di fuori dellattività dimpresa produce energia in eccedenza (con impianto posto in altra sede) Ai fini II.DD.: vendita: sono componenti positivi di reddito. Limpianto fotovoltaico utilizzato costituisce bene strumentale allattività svolta e conseguentemente sono deducibili le quote di ammortamento commisurate al costo dacquisto o di realizzazione. In particolare, si ritiene che: per una persona fisica: il costo dellimpianto fotovoltaico è ammortizzabile ai sensi dellarticolo 64 del TUIR, nella misura del 50% (bene promiscuo); per un ente non commerciale: il costo dellimpianto è ammortizzabile, ai sensi dellarticolo 144, comma 4, del TUIR, in base al rapporto tra lammontare dei ricavi ed altri proventi che concorrono a formare il reddito dimpresa e lammontare complessivo di tutti i ricavi e proventi.

17 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica, condominio o ente non commerciale che al di fuori dellattività dimpresa produce energia in eccedenza (con impianto posto in altra sede) Si ritiene che il coefficiente di ammortamento da applicare allimpianto fotovoltaico sia pari al 9 per cento, (coefficiente applicabile alle Centrali termoelettriche secondo la tabella allegata al decreto ministeriale 31 dicembre 1988 (Gruppo XVII - Industrie dellenergia elettrica del gas e dellacqua - Specie 1/b – Produzione e distribuzione di energia termoelettrica). Non essendo contemplata tale categoria di impianto nella citata tabella che definisce i coefficienti di ammortamento dei beni strumentali, occorre fare riferimento al coefficiente previsto per beni appartenenti ad altri settori produttivi che presentino caratteristiche similari dal punto di vista del loro impiego e della vita utile (cfr. da ultimo la risoluzione 9 aprile 2004, n. 56).

18 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica, condominio o ente non commerciale che al di fuori dellattività dimpresa produce energia in eccedenza (con impianto posto in altra sede) Ai fini IRAP: tariffa: la tariffa incentivante, in misura proporzionale alla quantità di energia ceduta, rileva anche ai fini IRAP, sempre come contributo in conto esercizio. vendita: i ricavi derivanti dalla vendita dellenergia sono da assoggettare a tale imposta, considerato che derivano dallo svolgimento di unattività abituale autonomamente organizzata diretta alla produzione e allo scambio del bene energia.

19 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica o giuridica che realizza un impianto fotovoltaico nellambito di unattività commerciale Ai fini IVA: tariffa: si veda il caso precedente; vendita: si veda il caso precedente.

20 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica o giuridica che realizza un impianto fotovoltaico nellambito di unattività commerciale Ai fini II.DD.: tariffa: si veda il caso c), con la precisazione che limpianto fotovoltaico utilizzato come bene strumentale è integralmente deducibile in base ai coefficienti di ammortamento previsti dalla tabella ministeriale. vendita: si veda il caso c).

21 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Persona fisica o giuridica che realizza un impianto fotovoltaico nellambito di unattività commerciale Ai fini IRAP: tariffa: si veda il caso c); vendita: si veda il caso c).

22 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Per quanto concerne lIVA applicabile sullacquisto o la realizzazione dellimpianto fotovoltaico, essa è nella misura agevolata del 10 per cento, ai sensi del n. 127-quinquies) della Tabella A, parte III, allegata al DPR n. 633 del 1972, che prevede lapplicazione di detta aliquota, fra laltro, per impianti di produzione e reti di distribuzione calore- energia e di energia elettrica da fonte solare-fotovoltaica ed eolica.

23 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Riguardo al regime di detraibilità dellIVA assolta a monte sullacquisto o sulla realizzazione dellimpianto medesimo, occorre fare riferimento ai criteri generali dettati dallarticolo 19 del DPR 26 ottobre 1972, n Come disposto dal comma 1 del richiamato articolo 19, la detrazione è ammessa in funzione dellutilizzo dellimpianto nellesercizio di impresa, arte o professione. Ove limpianto sia in parte utilizzato per fini privati o comunque estranei allesercizio di impresa, arte o professione, non è ammessa in detrazione lIVA corrispondente alla quota imputabile a tali utilizzi. Non solo. Il diritto alla detrazione dellIVA relativa ai beni citati, spetta – sempre in conformità ai principi generali - limitatamente alle ipotesi in cui i beni medesimi siano impiegati per leffettuazione di operazioni soggette allimposta.

24 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Per quanto concerne, invece, il rapporto tra percezione della tariffa incentivante e detrazione IVA sullacquisto o realizzazione dellimpianto, si ritiene, conformemente allorientamento espresso anche dalla Corte di Giustizia dellUnione europea, che ai fini della detrazione sia ininfluente la circostanza che lacquisto o la realizzazione dellimpianto benefici dellerogazione della tariffa incentivante, non rilevante ai fini dellIVA.

25 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" In merito al rapporto tra lagevolazione Conto Energia e altre agevolazioni, la Circ. n. 46/E dellAgenzia delle Entrate del 19 luglio 2007 ha negato la cumulabilità: con ogni forma di contributo in conto capitale o conto interessi, ricevuta per la realizzazione dellimpianto, che risulti eccedente il 20% del costo dellinvestimento; con la detrazione fiscale del 36% concessa per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio; con gli incentivi di cui allart. 2, c. 1, lett. o del D. Lgs. 387/2003, art. 9 c. 1 del D. Lgs. 79/99 ed art. 16 c. 4 del D. Lgs. 164/2000.

26 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Con Risol. n. 207/E del 20 maggio 2008 lAgenzia delle Entrate ha chiarito che lagevolazione spettante nella detrazione del 55% del costo sostenuto ai sensi dellart. 1, comma 344, L. 296 del 27 dicembre 2006, non è applicabile alla realizzazione di pannelli fotovoltaici, finalizzati alla produzione di energia elettrica e non alla riduzione del consumo per il riscaldamento invernale, anche in virtù del fatto che Attraverso la tariffa incentivante, linvestimento iniziale viene recuperato nel tempo mediante la produzione di energia e, pertanto, il contribuente che volesse beneficiare di tale incentivo non si troverebbe nella condizione di aver sostenuto lonere sul quale far valere la detrazione dimposta.

27 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" In merito alla produzione e vendita di energia elettrica da fonti fotovoltaiche da parte di imprenditori agricoli, si rileva che ai sensi, dellart. 1 co. 423 della L. 266/2005, come modificato ed integrato dallart. 2-quater del DL 2/2006, conv. L. 81/2006, esse costituiscono attività connesse ai sensi dellart co. 3 c.c. e si considerano produttive di reddito agrario. LAgenzia delle Entrate, con la circ n. 6, ha chiarito che la qualificazione di tali attività come attività connesse non implica che la cessione di energia elettrica rientri nel regime forfetario previsto ai fini IVA dallart. 34-bis del DPR 633/72.

28 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Con risoluzione n. 3 del 6 novembre 2008 lAgenzia del Territorio ha ribadito che le centrali elettriche a pannelli fotovoltaici sono soggette ad accatastamento; in particolare vanno accertate nella categoria D/1 – opifici, includendo nella determinazione della rendita catastale i pannelli fotovoltaici in analogia, con la prassi, ormai consolidata, adottata in merito alle turbine delle centrali elettriche.

29 "La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Per quanto concerne il versamento dellaccisa sullenergia elettrica, nel caso di impianti di potenza inferiore a 20 kW con vendita di energia, non sussiste lobbligo di denunciare la produzione allU.T.F., mentre tale obbligo (e relativo versamento dellaccisa) sussiste nellipotesi di impianti di potenza superiore a 20 kW.


Scaricare ppt ""La fiscalità del fotovoltaico per le imprese" Le fonti energetiche si dividono in: non rinnovabili: sono le tradizionali fonti di origine fossile (carbone,"

Presentazioni simili


Annunci Google