La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La sicurezza nello spettacolo: verso una linea guida nazionale per il montaggio dei palchi ing. Renzo Simoni SCPSAL – ASS 1 Triestina Gruppo di lavoro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La sicurezza nello spettacolo: verso una linea guida nazionale per il montaggio dei palchi ing. Renzo Simoni SCPSAL – ASS 1 Triestina Gruppo di lavoro."— Transcript della presentazione:

1 La sicurezza nello spettacolo: verso una linea guida nazionale per il montaggio dei palchi ing. Renzo Simoni SCPSAL – ASS 1 Triestina Gruppo di lavoro nazionale Palchi e opere provvisionali utilizzate per manifestazioni sportive e similari COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Nuove sfide per una sicurezza sostenibile Incontro tecnico-operativo sulla sicurezza del lavoro in edilizia Trieste, 30 maggio 2013 cptrieste

2 Dobbiamo partire da qui: 12 dicembre 2011, ore 13.30

3

4 05 marzo 2012 Crolla il palco in allestimento del concerto di Laura Pausini a Reggio Calabria: muore operaio Un operaio, Matteo Armellini di 31 anni di Roma, e' morto ed altri due sono rimasti feriti in modo non grave nel crollo di parte del palco che avrebbe dovuto ospitare il concerto di Laura Pausini al Palacalafiore di Reggio Calabria. Armellini era impegnato a fissare le illuminazioni insieme ad alcuni colleghi quando la struttura sovrastante il palco, crollando lo ha colpito, uccidendolo

5 16 giugno 2012 Toronto, Canada, crolla il palco dei Radiohead: 1 morto e 3 feriti È l'ennesimo caso. Un altro concerto, un momento che dovrebbe essere di gioia, si trasforma in tragedia, con un morto e tre feriti per il crollo di un palco

6 17 agosto 1992

7 Milano, 30 marzo 2012

8 INAIL - ing. Paolo Giacobbo Scavo, direttore del dipartimento Tecnologie di sicurezza: Infortuni nello spettacolo e morti nella costruzione dei palchi servono norme e controlli più rigidi -più rigore nella progettazione, nelle istruzioni per il corretto montaggio, uso e smontaggio - autorizzazione preventiva degli enti locali interessati dai concerti

9 27 gennaio 2012: Prefettura di Trieste riunione con ASS1, DTL e VVF - iniziativa che prevede la predisposizione di una linea guida (nellambito della Segreteria tecnica del Tavolo permanente per la sicurezza del lavoro) 9 febbraio 2012: Gruppo di lavoro di Trieste (INAIL, DTL, Comune di Trieste, Confartigianato, Confindustria, Università, operatori dello spettacolo, esperti del settore) discussione sull'applicabilità del Titolo IV del D.Lgs. 81/08 al mondo dello spettacolo discussione sull'applicabilità del Titolo IV del D.Lgs. 81/08 al mondo dello spettacolo prima traccia dei punti da inserire nella futura Linea Guida sull'allestimento dei palchi per lo spettacolo prima traccia dei punti da inserire nella futura Linea Guida sull'allestimento dei palchi per lo spettacolo traduzione del codice di condotta inglese della TMA-BECTU traduzione del codice di condotta inglese della TMA-BECTU

10 Broadcasting, Entertainment, Cinematographic and Theatre Union CODICE DI CONDOTTA LAVORATORI SPETTACOLO Montaggio - Preparazione - smontaggio Maggio 2010 stabilisce le norme minime atte a garantire la sicurezza vengono indicate le migliori pratiche mirate adottabili Questo codice di condotta è stata concordato congiuntamente da TMA e BECTU e stabilisce le norme minime atte a garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro nell'ambito dello spettacolo in genere. Nello stesso vengono indicate le migliori pratiche mirate adottabili (Traduzione a cura di Enrico Massaro, Michela Bortolosso e Valentino Patussi )

11 Riunione c/o SCPSAL del TRACCIA DEI PUNTI DA INSERIRE NELLE LINEE GUIDA SULLALLESTIMENTO DI PALCHI PER LO SPETTACOLO committente Deve essere chiaramente identificata la figura del committente; Le Commissioni Prefettizia o/e Comunale devono valutare anche la correttezza del progetto ricevuto, qualora sia richiesta la competenza di un collaudatore (tecnico strutturista), per valutare i progetti più complessi, il richiedente ne sostiene gli oneri, mentre il tecnico viene scelto dalla Prefettura o dal Comune (non può essere il progettista o un referente della ditta richiedente); sempre presente un coordinatore per la sicurezza Deve essere sempre presente un coordinatore per la sicurezza o un delegato identificabile, conosciuto e con specifica formazione, nominato dal committente; semprepresente in fase di montaggio un direttore dei lavori per opere strutturali Deve essere sempre presente in fase di montaggio un direttore dei lavori per opere strutturali, che deve essere interpellato in caso di ogni modifica di montaggio si dovesse rendere necessaria, e la sua autorizzazione in tal senso deve essere formale e conservata a disposizione degli Organi di Vigilanza;

12 formati I lavoratori devono essere formati (avere parte della loro formazione, aggiuntiva, in funzione dello specifico spettacolo/progetto) tutti assieme prima dell'inizio del lavoro, in maniera che sappiano chi c'è e chi fa cosa; specificheidoneitàtecniche Nella descrizione dei lavori vanno identificati quelli per i quali servono specifiche idoneità tecniche (lavoro su funi, montaggio di opere provvisionali, lavori su impianti elettrici sotto tensione, ecc.); identificabili registro delle presenze I lavoratori delle diverse aziende devono essere identificabili in funzione anche del ruolo (montatori, elettricisti, rigger, ecc) e deve essere disponibile in cantiere il loro elenco (registro delle presenze), con indicazione della ditta da cui dipendono e della mansione da questi svolta. Non possono essere presenti in cantiere operatori che non siano registrato in tale documento; ditteoperatoripresentiincantiere referenti aziendali per la sicurezza Organigramma di tutte le ditte ed operatori presenti in cantiere con indicazione dei referenti aziendali per la sicurezza; coordinamentotraireferentidellamministrazione/Enteconcedentee il committente criticità connesse alle caratteristiche della struttura ospitante; In caso di concessione di una struttura ospitante vi deve essere un coordinamento tra i referenti dellamministrazione/Ente concedente e il committente dei lavori, che dovrà informare il progettista e i coordinatori delle criticità connesse alle caratteristiche della struttura ospitante;

13 coordinarsi controllianchenelleorenotturneofestive Gli organi di vigilanza devono coordinarsi (SPSAL, VVFF, DTL, altri O.d.V.) in modo da prevedere controlli anche nelle ore notturne o festive, ecc.; dispositivi tecnicidiprevenzione Per le strutture più complesse deve essere prevista ladozione di dispositivi tecnici di prevenzione quali celle di carico, fotocellule e altri strumenti tecnicamente disponibili ed adottabili al fine di verificare in corso dopera la tenuta della struttura; sistemadiallarme Deve esserci per le strutture più complesse un sistema di allarme che permetta limmediata evacuazione degli operatori; limitazionidiaccesso infunzionedellefasidiallestimento Per le diverse tipologie di lavoro possono essere previste limitazioni di accesso alle varie aree del cantiere, anche in funzione delle fasi di allestimento, evidenziando in fase di formazione aree diverse (es. area rossa in cui possono accedere in una specifica fase solo i rigger ed i montatori, area blu per i facchini, ecc.; Nelle fasi di sollevamento/caricamento delle Strutture non devono essere presenti operatori non addetti e formati a tali manovre;

14 Vanno stabiliti specifici contenuti per la formazione del personale addetto al montaggio/smontaggio delle installazioni per manifestazioni temporanee; sorveglianzasanitaria Bisogna definire gli obblighi di sorveglianza sanitaria, compresa la proposta di un protocollo consigliato per le diverse mansioni. I giudizi di idoneità devono essere a conoscenza di chi dirige il cantiere; idoneispazidedicatialriposo controllo Deve essere prevista la presenza di idonei spazi dedicati al riposo dei tecnici (definirne le caratteristiche minime) per qualsiasi evento che preveda più di 6 ore di lavoro e ci deve essere un controllo sulle ore effettive lavorate/di riposo dei lavoratori; alcolicisostanze psicotropestupefacentiaccertamentimirati Per gli operatori addetti a lavorazioni rientranti tra quelle previste agli Accordi Stato-Regioni riguardanti il rischio legato allassunzione di alcolici e sostanze psicotrope e stupefacenti vanno previsti gli accertamenti mirati a evidenziare leventuale assunzione.

15 Tavolo di lavoro per la sicurezza nello spettacolo (operatori dello spettacolo, sindacati, esperti del settore, ASS1-TS) Obiettivo: Obiettivo: individuare proposte di adeguamento del D.Lgs. 81/08 specifiche per il lavoro nello spettacolo ed eventistica. (Verona, 22 dicembre 2011) Bologna, 5 marzo 2012 Roma, 28 marzo 2012 Bologna, 7 maggio 2012 (Bologna, 4 luglio 2012) Analisi dei documenti redatti dal gruppo di lavoro triestino Analisi e sviluppo di buone prassi per l'applicabilità del Titolo IV del D.Lgs. 81/08 al mondo dello spettacolo. Il risultato del lavoro sarà consegnato al MLPS che ha espresso la necessità di avere i suggerimenti degli operatori che lavorano nel settore.

16 28 giugno 2012: Gruppo di lavoro di Trieste Elaborazione dei documenti da presentare nella riunione del gruppo nazionale a Roma il giorno 2 luglio Elaborazione dei documenti da presentare nella riunione del gruppo nazionale a Roma il giorno 2 luglio

17 Gruppo di lavoro palchi e opere provvisionali utilizzate per manifestazioni sportive e similari Coordinatore: ing. Michele Candreva - MLPS riunione preliminare: Venezia, 30 marzo 2012 prima riunione: Roma, 2 luglio 2012 successive riunioni a cadenza mensile COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Gruppo macchine - Gruppo edilizia

18 Indirizzi operativi tecnico-organizzativi per lallestimento e la gestione delle opere provvisionali e delle attrezzature da impiegare nella produzione e realizzazione di spettacoli ed eventi simili

19 Indice 1.Scopo e campo di applicazione 2.Terminologia del settore 3.Disposizioni legislative e normative applicabili 4.Soggetti coinvolti: compiti e responsabilità 5.Requisiti formativi 6.Luogo/sito dello spettacolo/evento o simili 7.Tipologie di opere provvisionali 8.Progettazione delle opere provvisionali 9.Individuazione delle fasi di realizzazione dellevento, figure coinvolte, criticità e interferenze, misure di protezione e prevenzione 10.Attività di controllo e manutenzione degli elementi delle opere provvisionali, delle attrezzature e degli impianti. Dichiarazione di corretto montaggio 11.Utilizzo dellopera provvisionale durante lo spettacolo o eventi simili 12.Impiego di attrezzature e impianti 13.Gestione delle emergenze durante il montaggio, smontaggio, trasformazione e cenni su aspetti particolari della gestione delle stesse durante lo spettacolo o eventi simili

20 1.Scopo e campo di applicazione I seguenti indirizzi operativi, ai fini della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, si applicano a tutte le attività di montaggio e smontaggio di opere provvisionali, di seguito denominate OP (compreso il loro allestimento e disallestimento con impianti audio, luci, scenotecnici, ecc..), poste in opera in occasione di spettacoli, mostre, manifestazioni fieristiche, culturali ed eventi simili. opere di notevole importanza e complessità, in rapporto o alle loro geometrie (forme e dimensioni) o ai sovraccarichi o alle caratteristiche del sito di installazione, per le quali è richiesta una specifica progettazione strutturale. Si precisa che le attività di cui sopra sono relative a quelle opere di notevole importanza e complessità, in rapporto o alle loro geometrie (forme e dimensioni) o ai sovraccarichi o alle caratteristiche del sito di installazione, per le quali è richiesta una specifica progettazione strutturale. rientrano nel Titolo IV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., il cui ambito di applicazione è limitato al confine spazio-temporale di realizzazione entro il quale si esplicano le attività di cui sopra, escludendo pertanto tutte le altre attività specifiche funzionali allo svolgimento di spettacoli, mostre, manifestazioni fieristiche, culturali ed eventi simili. Le citate attività rientrano nel Titolo IV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., il cui ambito di applicazione è limitato al confine spazio-temporale di realizzazione entro il quale si esplicano le attività di cui sopra, escludendo pertanto tutte le altre attività specifiche funzionali allo svolgimento di spettacoli, mostre, manifestazioni fieristiche, culturali ed eventi simili.

21 D.Lgs. 81/08 – Titolo IV Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intendono per: cantiere a. cantiere temporaneo o mobile, di seguito denominato: cantiere: qualunque luogo in cui si effettuano lavori edili o di ingegneria civile il cui elenco é riportato nell'allegato X. ALLEGATO X - ELENCO DEI LAVORI EDILI O DI INGEGNERIA CIVILE lavori di costruzione o equipaggiamento di opere fissetemporanee in metallo 1. I lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione o equipaggiamento, la trasformazione, il rinnovamento o lo smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, in cemento armato, in metallo, in legno o in altri materiali, comprese le linee elettriche e le parti strutturali degli impianti elettrici, le opere stradali, ferroviarie, idrauliche, marittime, idroelettriche e, solo per la parte che comporta lavori edili o di ingegneria civile, le opere di bonifica, di sistemazione forestale e di sterro.

22

23

24 Scopo e campo di applicazione non rientrano nel campo di applicazione dei presenti indirizzi operativi Fermo restando quanto indicato al successivo punto 6, non rientrano nel campo di applicazione dei presenti indirizzi operativi: pedane di altezza fino ai 2 m non connesse o supportanti altre strutture; opere che prevedono appendimenti alle travi/graticci che sono già presenti nel sito e dotati di calcoli delle strutture esistenti; travi lineari, ring o graticci, sospesi ad elevatori ("stativi") o torri, a sollevamento manuale e/o motorizzato, il cui montaggio avviene a terra e la cui altezza finale da terra, misurata allestradosso, non superi i 5,00 m nel caso di stativi e i 7,0 m nel caso di torri; le OP prefabbricate, realizzate con elementi prodotti da un unico fabbricante, montate secondo le indicazioni, le configurazioni e i carichi massimi, previsti dallo stesso, la cui altezza complessiva, compresi gli elementi di copertura direttamente collegati alla struttura di appoggio, non superi i 7 metri di altezza; tribune e altre strutture destinate al pubblico.

25 ... del palco per la festa parrocchiale... Non ci occupiamo e neanche del palco per il concertino della scuola

26 anche questi palchi sono esclusi

27 ... anche questi sono esclusi

28 ma ci occupiamo di questi di qualcosa che nulla ha da invidiare alla complessità di un ponte o di unaltra grande opera di ingegneria civile ma con tempi di costruzione che sono quelli di un garage prefabbricato

29 Tipologia dei principali pericoli: errori progettuali e conseguente perdita di stabilità della struttura per cedimento di una sua parte o ribaltamento come corpo rigido errori durante le operazioni di montaggio e smontaggio, comportanti il rischio di caduta dallalto del lavoratore errori durante le operazioni di montaggio e smontaggio, comportanti il rischio di caduta dallalto di gravi con schiacciamento del lavoratore

30 Importante !!! Le caratteristiche delle OP, degli impianti da montare e delle attrezzature da utilizzare dovranno essere valutate preventivamente in funzione delle caratteristiche del sito in cui si svolgerà levento. Sarà pertanto necessario individuare le principali caratteristiche tecniche del sito (dimensioni, pavimentazione, portate, possibilità di ancoraggio o di installazione di impianti a soffitto, caratteristiche degli impianti esistenti, condizioni climatiche come vento e neve, ecc.), riportandole in un documento che dovrà essere predisposto dal proprietario/gestore del sito e messo a disposizione del committente.

31 2.1 – Opere provvisionali – Palco E lOP sopra cui si svolge lazione teatrale/esibizione. Il palco, realizzato mediante struttura metallica o di altro materiale, è generalmente costituito da una pedana (ovvero palcoscenico, eventualmente a gradoni con differenti livelli di altezza) e dotato o meno di elementi di copertura. Se esistente, la copertura (detta ground support) viene realizzata in opera, direttamente in quota o a terra e in tale caso è portata in quota con sistemi di sollevamento manuali o motorizzati; essa può essere utilizzata per il supporto delle attrezzature audio e luci. Il palco è solitamente dotato di zavorre o altri sistemi di ancoraggio.

32 2.1 – Opere provvisionali – Palco Gli impianti luci e audio nonché gli altri materiali scenografici vengono sollevati ed appesi alla copertura o altro per mezzo di una travatura reticolare denominata americana. Tale travatura reticolare è generalmente costituita in alluminio è montata su supporti mobili (motorizzati o non, ad argano o a paranco, ecc.) che ne permettono la movimentazione in senso verticale. La pedana può anche essere semovente ovvero dotata di ruote (detto rolling stage) per consentire la contemporaneità di più fasi di lavoro. Questo sistema è utilizzato in ambienti indoor e permette di separare larea di appendimento delle strutture dallarea di allestimento della pedana e degli strumenti.

33 2.1 – Opere provvisionali – Strutture ausiliarie Sono strutture di ausilio alla esibizione e sono di supporto agli impianti. Generalmente sono strutture dalle forme diverse in relazione al tipo di supporto che devono sostenere. Ad esempio: a torre per i proiettori di luce, sistemi audio e postazione regia, ad intelaiatura controventata per il supporto di schermi video, a traliccio ad anello o lineare (americane) per sostenere lapparato illuminotecnico o acustico; ecc.

34 4.Soggetti coinvolti: compiti e responsabilità Qualunque sia il tipo di organizzazione aziendale e gli aspetti contrattuali, allinterno di detta organizzazione nei DVR/POS delle imprese devono essere individuate le figure che rivestono i compiti di datore di lavoro, dirigente, preposto e i rispettivi compiti, fermo restando quanto definito dallart. 299 del d.lgs. 81/08. Ai fini dei presenti indirizzi operativi, ferme restando le definizioni di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., si definiscono anche:

35 (definizione in progress) 4.1 – Committente (definizione in progress) Per committente, così come definito nellart. 89 del D.lgs. 81/2008, deve intendersi il committente della realizzazione delle OP per levento. Questi può essere: produzione artisticala produzione artistica, nel caso in cui sia questo il soggetto che organizza levento prendendo in affitto il luogo (teatro, palazzetto, piazza, ecc.) sede dellevento; promotore localeil promotore locale, nel caso in cui sia questo il soggetto che organizza levento e appalta alla produzione artistica la realizzazione artistica dellevento. La distinzione di cui sopra è fatta in base al tipo di contratto, che comunque deve essere verificato in quanto le opzioni riportate potrebbero non essere le sole.

36 4.1 - Committente Ha lobbligo di acquisire le caratteristiche del sito e di trasmetterle al progettista. In Italia in generalmente il committente è la produzione locale, mentre la produzione artistica, che va in tournè nelle diverse località in cui viene comprata nelle date di spettacolo prestabilite con mesi di anticipo, rappresenta limpresa affidataria. Comunque qualunque sia il tipo di organizzazione adottata per levento, il soggetto individuato quale committente della realizzazione delle OP per levento stesso e quel soggetto che esercita in concreto i poteri giuridici atti alladempimento degli obblighi di cui agli articoli 90, 93, 99, 100, 101 del d.lgs. 81/08 e che in tale adempimento ha facolta di avvalersi del responsabile dei lavori come definito allart. 89 del medesimo decreto. NOTA BENE NOTA BENE: recentemente, nelle grandi produzioni, il committente è stato individuato contrattualmente nella produzione artistica (legale rappresentante dellagenzia). chiaramente identificato in tutti i contratti Il committente deve essere chiaramente identificato in tutti i contratti; qualora ciò non avvenisse le varie responsabilità ricadono sulle figure sopra elencate.

37 2.5 - Produzione artistica E lentourage dellartista, ovvero lartista con la società produttrice dellevento, cioè lo spettacolo vero e proprio Produzione locale (local promoter) E lorganizzatore dellevento e dei servizi accessori nel luogo in cui levento deve essere effettuato: può essere il sindaco, il proprietario del teatro/palazzetto/ auditorium, una associazione, una società privata che organizza eventi. Il promoter locale chiama lartista a svolgere lo show appaltando alla produzione artistica la realizzazione dellevento.

38 PROBLEMA committente al di fuori della fase cantiere, definizione del committente al di fuori della fase cantiere, cioè durante lo spettacolo, quando il palco diviene luogo di lavoro.. NB: i due committenti, nelle diverse fasi di vita del palco, possono coincidere.

39 5.Requisiti formativi tutti Si premette che per tutti i lavoratori è obbligatoria la formazione e linformazione di cui agli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.. In particolare la formazione dei lavoratori deve avvenire con le modalità di cui allAccordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Nel seguito si elencano, in funzione delle mansioni, quelli che potrebbero essere i requisiti di formazione/addestramento obbligatori specifici per certe categorie di lavoratori dello spettacolo (lelenco non deve essere considerato esaustivo).

40 5.Requisiti formativi FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ALLUTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI DI III CATEGORIA (in particolare d.p.i. anticaduta) FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ALLUTILIZZO DI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE PROCEDURE DI SALVATAGGIO (ai sensi dellAll XXI del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO AL MONTAGGIO DI OPERE PROVVISIONALI (per lavoratori e preposti, qualora vengano utilizzati ponteggi per il montaggio/smontaggio dellOP) FORMAZIONE SPECIFICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI EMERGENZA (ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ALLUTILIZZO DI ATTREZZATURE DI LAVORO PARTICOLARI (ad es. piattaforme mobili e carrelli sollevatori, Accordo Stato-Regioni dd. 22/02/12) FORMAZIONE AGGIUNTIVA SPECIFICA PER DIRIGENTI E PREPOSTI DI TUTTE LE IMPRESE COINVOLTE (Accordo Stato-Regioni dd. 21/12/11)

41 ATTIVITÀCRITICITÀ /RISCHI FIGURE PROFESSIONALI BUONE PRASSI 1. Pre produzione Pianificazione e programmazione del tour, organizzazione esecutiva delle fasi di lavorazione. Vengono definiti il tipo di palco e le tipologie degli impianti, anche in funzione delle diverse sedi ospitanti. Vanno individuati: -il progettista -il direttore lavori -la ditta da cui vengono acquisite le strutture -leventuale progetto di struttura standard -il coordinatore dei lavori per lesecuzione, di tutto il tour o di singola sede -Identificazione certa del committente per tutto il tour o per ogni singola sede. -Valutazione dellidoneità delle diverse sedi ospitanti gli spettacoli in funzione dei palchi/impianti da allestire. -Interferenze con le caratteristiche delle diverse strutture ospitanti gli impianti, da acquisire e valutare preventivamente. Direttore di produzione, progettista strutturale, direttore dei lavori, coordinatore della sicurezza in fase di progettazione, scenografo, light designer, fonico di sala (arrangiatore). -Committente da individuare nella Produzione, o nel Promoter locale, ma vanno preventivamente chiariti i rapporti contrattuali. -Devono essere analizzate preventivamente le caratteristiche delle sedi ospitanti, sarebbe opportuno anche avere una griglia di riferimento nellanalizzare le principali caratteristiche delle stesse (pavimento, portate, possibilità di ancoraggio o di installazione di impianti a soffitto, le caratteristiche di compatibilità dellimpianto elettrico e le messe a terra, la presenza di presidi antincendio, le caratteristiche della sala e i suoi ricambi daria, anche forzati, lincompatibilità dellutilizzo di elevatori con motore a scoppio se i lavori non vengono svolti allaperto, ecc..) -Deve essere creato un documento/libro delle caratteristiche tecniche per ogni sede, a disposizione di tutti gli operatori dello spettacolo che vi accedono (Libro di sito?!) 9.Individuazione delle fasi di realizzazione dellevento, figure coinvolte, criticità e interferenze, misure di protezione e prevenzione

42 ATTIVITÀCRITICITÀ /RISCHI FIGURE PROFESSIONALI BUONE PRASSI 4.PreRigging/Rigging/De rigging Predisposizione, tramite laccesso in quota, dei punti di ancoraggio per i paranchi elettrici (motori) che saranno utilizzati per la movimentazione e sospensione di: - materiale scenotecnico (truss luci, casse audio) connesso direttamente ai motori. - Strutture modulari (ring, ground support) che verranno utilizzate come base a cui connettere altre apparecchiature per il materiale scenotecnico. Rischi individuati per le attività in quota: -rischio prevalente di caduta; -rischio susseguente alla caduta derivante da: oscillazione del corpo con urto contro ostacoli ("effetto pendolo"); arresto del moto di caduta per effetto delle sollecitazioni trasmesse dall'imbracatura sul corpo; sospensione inerte del corpo dell'utilizzatore che resta appeso al dispositivo di arresto caduta e da tempo di permanenza in tale posizione; -rischio connesso al DPI anticaduta derivante da: non perfetta adattabilità del DPI; intralcio alla libertà dei movimenti causata dal DPI stesso; inciampo su parti del DPI; Head Rigger, Rigger, Ground Rigger, Stagehand Il rigging plot deve essere fornito con congruo anticipo per permettere al progettista leffetuazione delle verifiche del caso. In presenza di rigger in quota è necessario: -Ove possibile, tutto il personale dovrà essere escluso dalle aree sottostanti ad operazioni di riggeraggio o movimentazione dei carichi. -La zona di esclusione dovrà essere identificata in modo chiaro è dovrà essere predisposta lopportuna segnaletica. Qualora questo non fosse possibile, larea dovrà essere identificata come Hard Hat, zona cioè in cui è obbligatorio luso dellelmetto. -Qualora si abbia la necessità di identificare una zona elmetto, sarà più efficace se a venir designato come tale sarà un intero spazio, piuttosto che una determinata area allinterno di quello spazio. La segnaletica dovrà essere chiara ed inequivocabile. -Si dovranno identificare una o più persone incaricate di gestire la demarcazione ed i confini delle zone zone di esclusione o delle zone elmetto.

43 Grazie per lattenzione La salute è un bene prezioso, impara a diventarne consapevole e responsabile !


Scaricare ppt "La sicurezza nello spettacolo: verso una linea guida nazionale per il montaggio dei palchi ing. Renzo Simoni SCPSAL – ASS 1 Triestina Gruppo di lavoro."

Presentazioni simili


Annunci Google