La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO JACOPO RICCATI-LUIGI LUZZATTI Indirizzo Amministrazione, finanza e marketing.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO TECNICO ECONOMICO JACOPO RICCATI-LUIGI LUZZATTI Indirizzo Amministrazione, finanza e marketing."— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTO TECNICO ECONOMICO JACOPO RICCATI-LUIGI LUZZATTI Indirizzo Amministrazione, finanza e marketing

2 Linsegnante si impegna a: Rispetta i diritti dellalunno Promuovere la sua autostima Ascoltare lallievo A mantenere la riservatezza non rivelando fatti o episodi che possano violare la sua privacy Valutare ciascun allievo con regolarità Informare lallievo sulle attività didattiche e dei compiti in classe tramite il registro

3 Lo studente si impegna a: Affrontare lanno scolastico con impegno e voglia di migliorare Ad informarsi, in caso di assenza, degli argomenti svolti consultando anche il registro di classe Rispettare il calendario e gli orari scolastici Ad osservare e rispettare le norme contenute nel regolamento di Istituto Non usare il telefono cellulare allinterno dellistituto Non fumare allinterno dei locali scolastici Rispettare lambiente Mantenere un comportamento corretto e rispettoso nei confronti di compagni e insegnanti Lo studente: Conosce gli obiettivi educativi che lattività didattica propone Chiede sempre spiegazione su quanto non ha capito Conosce in breve tempo i voti Si riunisce in assemblee di classe o distituto per esprimere il proprio parere Conosce decisioni e norme

4 La famiglia si impegna a: Ad informarsi sugli obiettivi educativi Ad informarsi sullandamento scolastico dei figli A contattare tempestivamente la scuola in caso di comportamenti scorretti dei propri figli A controllare periodicamente le assenze dei propri figli A risarcire listituto dei danni provocati dal proprio figlio La famiglia: Conosce gli obiettivi educativi È informata regolarmente sullandamento didattico - educativo del percorso del proprio figlio Formula proposte per il miglioramento dellofferta formativa

5 Il presente regolamento individua i comportamenti che configurano mancanze disciplinari e stabilisce le relative sanzioni; è coerente e funzionale al Piano dellOfferta Formativa adottato dallistituto. Gli alunni responsabili di infrazioni disciplinari sono soggetti alle sanzioni stabilite. I provvedimenti disciplinari hanno la finalità educativa e rafforzano i sensi di responsabilità ed il ripristino di rapporti corretti allinterno della comunità scolastica.

6 Prima di erogare le sanzioni è necessario ascoltare la difesa dellallievo di fronte al Consiglio di Classe e al personale che ha rilevato il comportamento scorretto o anomalo, per capirne le ragioni. - Le sanzioni hanno carattere, valore e validità temporanei e la loro entità deve essere commisurata alla gravità dellinfrazione e, per quanto possibile, volta alla riparazione del danno arrecato. - Nellerogare la sanzione è prudente ed educativo valutare la situazione e la personalità dellallievo e offrirgli lopportunità di riparare il danno con azioni e comportamenti utili alla comunità scolastica. Non è soggetta a sanzioni la libertà di espressione quando essa esprima correttamente il pensiero dellallievo e non leda la personalità degli altri.

7 Nei confronti degli allievi che manchino ai doveri scolastici previsti dal Regolamento e dallart. 3 dello Statuto, si adotteranno i seguenti provvedimenti: - richiamo, privato o in aula, inflitto dal singolo docente per scarso impegno nello studio, - ammonizione scritta e debitamente motivata per negligenza abituale nello studio, per assenze ingiustificate, per comportamento scorretto nei confronti della comunità scolastica.

8 sospensione dalle lezioni fino a cinque giorni per azioni che turbino il regolare iter scolastico, - sospensione fino a un massimo di quindici giorni per reiterate infrazioni disciplinari, di cui al punto precedente, per offese gravi alla morale, al corpo docente - risarcimento del danno arrecato al patrimonio - sospensione oltre i 15 giorni; esclusione dalla valutazione e dallo scrutinio finale.

9

10

11 -Divieto delluso, nei locali scolastici, dei cellulari e di altri dispositivi elettronici (mp3, registratori digitali, videocamere …) - è obbligatorio per lo studente la consegna del telefono cellulare allinizio della prima ora - In caso di infrazione vi sarà lammonizione scritta (nel registro di classe) e comunicazione ai genitori, il ritiro dellapparecchiatura con riconsegna al termine delle lezioni da parte del Dirigente o dai suoi collaboratori

12 Lefficacia dei provvedimenti sanzionatori è condizionata dalla immediatezza e dalla tempestività della reazione. Le sanzioni, tenuto conto della finalità educativa e delletà degli allievi, per essere da loro comprese e concorrere alla modifica dei comportamenti, devono essere il più possibile immediate, in modo tale da far percepire allalunno il rapporto causa-effetto. Per le sanzioni che comportano lallontanamento dalle lezioni, e che devono essere comminate da un Organo Collegiale, va data comunicazione dellavvio del procedimento allo studente e/o ai suoi genitori anche attraverso vie brevi (raccomandata a mano, fax, fonogramma).

13 Le sanzioni di tipo A sono inflitte dai docenti. Le ammonizioni sono scritte sul registro di classe. Dei comportamenti più gravi dovrà essere informato il Dirigente Scolastico. Se il docente lo ritiene utile può chiedere la convocazione della famiglia dopo aver informato il coordinatore di classe. Le sanzioni di tipo B vengono irrogate dal Dirigente Scolastico per episodi di una certa gravità di cui ha conoscenza diretta oppure dei quali è stato informato da uno o più docenti, Le sanzioni di tipo C vengono disposte dal Dirigente Scolastico su delibera del Consiglio di Classe e dal Consiglio dIstituto in data 2/10/2008.) Le sanzioni di tipo D vengono disposte dal Dirigente Scolastico su delibera del Consiglio di Istituto quando la sanzione disciplinare preveda lallontanamento dalla scuola per oltre 15 giorni. LOrgano Collegiale viene convocato entro il termine minimo di cinque giorni dal contraddittorio. Le sedute del Consiglio di Classe e del Consiglio dIstituto sono valide quando vi sia la presenza di metà più uno degli aventi diritto. Le delibere vengono assunte a maggioranza relativa. In caso di parità, prevale il voto del Presidente.

14 Avverso i provvedimenti assunti dai docenti è ammesso reclamo verbale o scritto al Dirigente Scolastico. Il Dirigente Scolastico verifica i fatti sentendo i docenti coinvolti e quindi risponde in merito al reclamo, verbalmente se il reclamo è stato è stato posto oralmente, per iscritto se il reclamo è stato posto in forma scritta. Avverso i provvedimenti assunti dal Dirigente Scolastico è ammesso reclamo allOrgano di Garanzia interno allIstituto di cui al successivo art. 9 entro 15 giorni.


Scaricare ppt "ISTITUTO TECNICO ECONOMICO JACOPO RICCATI-LUIGI LUZZATTI Indirizzo Amministrazione, finanza e marketing."

Presentazioni simili


Annunci Google