La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I servizi per il lavoro in Piemonte e l'individuazione delle competenze quale strumento nei percorsi di reimpiego Giuliana Fenu Genova 12 settembre 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I servizi per il lavoro in Piemonte e l'individuazione delle competenze quale strumento nei percorsi di reimpiego Giuliana Fenu Genova 12 settembre 2013."— Transcript della presentazione:

1 I servizi per il lavoro in Piemonte e l'individuazione delle competenze quale strumento nei percorsi di reimpiego Giuliana Fenu Genova 12 settembre 2013

2 Nellambito […] dei servizi di istruzione, formazione e lavoro collegati […], la norma considera prioritarie le azioni riguardanti: a) il sostegno alla costruzione, da parte delle persone, dei percorsi di apprendimento formale, non formale ed informale ivi compresi quelli di lavoro[…] b) il riconoscimento di crediti formativi e la certificazione degli apprendimenti comunque acquisiti; c) la fruizione di servizi di orientamento lungo tutto il corso della vita L. 92/2012 di riforma del MDL: Art. 4, ulteriori disposizioni in materia di mercato del lavoro

3 Dlgs. N. 13 del Sistema di individuazione, validazione e certificazione in Piemonte E in corso la definizione di un Manuale regionale delle procedure e le operazioni connesse al processo di individuazione, validazione e certificazione delle competenze acquisite dallindividuo in ambito non formale e informale, in coerenza con quanto definito nel Decreto 13/2013

4 Il Sistema regionale dei Servizi per lImpiego Nel 2012 la Regione ha completato il disegno approvato con la L.R.34/2008 artt.19,20,21 attraverso: la definizione di standard minimi regionali di prestazione listituzione dellelenco degli accreditati per i servizi al lavoro (sperimentazione triennale)

5 Gli standard minimi verso le persone 1) Informazione 2) Accoglienza - primo filtro/presa in carico Il piano dazione individuale (PAI) è adottato quale riferimento regionale e si articola in: 3) Orientamento 4) Consulenza orientativa 5) Accompagnamento al lavoro 6) Incontro domanda/offerta di lavoro

6 …qualche precisazione I servizi di Informazione e Accoglienza/primo filtro sono considerati prestazioni preliminari allavvio delle politiche attive e devono essere disponibili a tutti. La Consulenza orientativa è il servizio regionale al lavoro cui ricondurre il riconoscimento di crediti formativi e la certificazione degli apprendimenti comunque acquisiti, introdotti tra le attività prioritarie di cui allart. 4, comma 55 della L.92/2012

7 RIFORMA MDL Prestazioni base da garantire a disoccupati e percettori di ammorizzatori sociali DISCIPLINA REGIONALE IN TEMA DI SERVIZI AL MDL Si estende il bacino degli aventi diritto Rete capillare di servizi pubblici e privati accreditati Misure a Servizi integrati di formazione e lavoro Standard di servizio

8 Lesperienza delle misure anticrisi Sono le persone trattate nellambito delle misure di contrasto alla crisi (cig in deroga) promosse dalla Regione nel periodo gennaio aprile 2013 a tutti è stato offerto un servizio di orientamento

9 Le Misure di politica attiva del lavoro programmate a partire dallentrata in vigore della L. 92 del 2012 introducono in via sperimentale lattività di individuazione delle competenze e di referenziazione dei risultati al repertorio degli standard formativi della Regione Piemonte. Dossier delle evidenze output del servizio di consulenza orientativa L'individuazione delle competenze nei percorsi di reimpiego

10 Dossier delle evidenze Ricognizione competenze Scelta delle competenz e Analisi delle esperienze Selezione evidenze Motivazione della scelta Ricostruz. competenze da contesti non formali e informali Scelta compet. in base a condizioni di mercato Relazione tra esperienze e competenze selezionate Documenti formali, prodotti e output Criteri: validità, completezza e coerenza

11 L'individuazione delle competenze: strumento per favorire il reimpiego Le prime Misure di ricollocazione che sperimentano lindividuazione delle competenze dei lavoratori riconoscono ai soggetti attuatori 10 ore di attività per la redazione dei Dossier e riguardano: Lavoratori espulsi dai settori tessile, ict e metalmeccanico Lavoratori occupati a rischio (negli ultimi 6 mesi di cassa integrazione) Disoccupati da meno di 24 mesi

12 Con la sperimentazione in corso la Regione sta dotando il proprio sistema di servizi di strumenti omogenei, seguendo da vicino il trasferimento della metodologia nella convinzione che lOrientamento sia il principale mezzo di snodo tra sistemi contigui del lavoro e della formazione, soprattutto in un contesto caratterizzato da difficoltà di ingresso nel MDL e carriere discontinue.

13 Obiettivi dei servizi di orientamento al lavoro nellambito di Misure Pal: emersione di competenze spendibili integrazione di quelle mancanti (rinforzo occupabilità) incontro tra fabbisogno individuale e domanda del mercato riduzione dei tempi di transizione tra contratti qualificazione degli inserimenti lavorativi

14 GRAZIE


Scaricare ppt "I servizi per il lavoro in Piemonte e l'individuazione delle competenze quale strumento nei percorsi di reimpiego Giuliana Fenu Genova 12 settembre 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google