La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UN'ALTRA UMANITÀ Ma dove andremo a finire se continua così, si sente spesso dire alla gente qua e là; continua violenza, scandali imbrogli e mali dove.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UN'ALTRA UMANITÀ Ma dove andremo a finire se continua così, si sente spesso dire alla gente qua e là; continua violenza, scandali imbrogli e mali dove."— Transcript della presentazione:

1

2 UN'ALTRA UMANITÀ Ma dove andremo a finire se continua così, si sente spesso dire alla gente qua e là; continua violenza, scandali imbrogli e mali dove son finiti i veri grandi ideali?

3 É vero il mondo oggi si dipinge a tinte scure, si esaltano gli equivoci e le scene crude e dure, soldi e facili successi col piglia usa e getta, però mi si permetta non è questa la sola umanità...

4 Conosco un'altra umanità, quella che spesso incontro per la strada quella che non grida, quella che non schiaccia per emergere sull'altra gente... Conosco un'altra umanità, quella che non sa rubare per avere ma sarà contenta di guadagnare il pane con il suo sudore...

5 Credo, credo in questa umanità. Credo, credo in questa umanità che vive nel silenzio, che ancora sa arrossire, sa abbassare gli occhi e sa scusare... Questa è l'umanità che mi fa sperare.

6 NON UDITORE......MA INVIATO La messe è molta ma gli operai sono pochi...

7 Gesù ne sentì compassione...

8 Questa scena è sempre attuale: anche oggi Gesù vede una società lacerata e incapace di vivere fraternamente, unumanità prigioniera di una sofferenza immensa e priva della luce del Vangelo. Vede e ne prova compassione. E si impegna ad intervenire. Vuole unificare l'umanità divisa, facendone una famiglia

9 Tu provi compassione, Gesù, per le folle stanche e sfinite perché non hanno chi le orienti, chi le conduca, chi le guidi, chi si prenda cura di loro non per interesse, non per secondi fini, non per cavarne un vantaggio, ma gratuitamente, per amore, solo per amore. Tu hai compassione, Gesù, di questa gente senza pastore, senza qualcuno che prenda sul serio le sue fatiche e le sue attese, le sofferenze che si porta dentro nel corpo e nellanima, gli interrogativi e le domande rimasti senza risposta

10 CHIESA DI MATTONI Chiesa di mattoni, no, Chiesa di persone, si, siamo noi, siamo noi. Nasce la comunità, vive nella libertà, siamo noi, siamo noi

11 Quando ci incontriamo nasce la speranza che nel mondo c'è l'amore. Grideremo insieme tutta questa forza nata dalla libertà...

12 Gesù non vuole operare da solo, ma coinvolge i discepoli Li coinvolge nella sua "compassione" attiva Compassione nell'amore gratuito e attivo che spinge a impegnarsi per alleviare le miserie...

13 Gesù ci insegna che nessun servizio di evangelizzazione e di promozione umana è possibile senza la misericordia che lo motivi e lo accompagni. Occorre rinnovare senza tregua questo "sguardo compassionevole", anzi lasciarcelo rinnovare da Gesù

14 Tu provi compassione, Gesù, per le folle stanche e sfinite: per questo sei venuto, per annunciare che Dio è qui, accanto a loro, in mezzo a loro, deciso a cambiare il corso della storia, a guarire le loro ferite, ad asciugare le loro lacrime, a portare luce nelle loro esistenze, a far fiorire la gioia sul loro volto, a donare pace ai loro cuori da troppo tempo martoriati. Per questo, ai dodici che scegli e chiami, inizio di un nuovo popolo,tu affidi una missione di consolazione, realizzata con gesti e parole di salvezza

15 VOCAZIONE Era un giorno come tanti altri, e quel giorno Lui passò; era un uomo come tutti gli altri, e passando mi chiamò. Come lo sapesse che il mio nome era proprio quello come mai vedesse proprio me nella sua vita non lo so; era un giorno come tanti altri e quel giorno mi chiamò...

16 Tu Dio, che conosci il nome mio fa che ascoltando la tua voce io ricordi dove porta la mia strada nella vita, all'incontro con Te

17 Gesù, però, non comincia con l'appello "Datevi da fare!", ma con l'invito "Pregate il Padrone..."

18 La prima forma della missione: il campo è del Padrone, l'opera è sua e Lui solo può chiamare e inviare gli operai

19 ...perché mandi operai": preti, frati, suore, laici di ogni età e condizione, tutti coinvolti

20 Nessun battezzato deve essere semplice "cliente" passivo della Chiesa. Ma tutti, con ruoli diversi e complementari, sono chiamati a lavorare per la messe. Nella grande partita che si sta giocando per il Regno di Dio, non ci sono ventidue in campo mentre tutti gli altri fanno da spettatori tutti giocatori titolari... nessun "panchinaro".

21 "i dodici discepoli... i dodici apostoli", cioè inviati. Non puoi essere "apostolo" se non sei "discepolo", legato cioè a Gesù da un rapporto personale dentro la comunità fraterna dei suoi

22 Ma se sei discepolo, non puoi non essere "apostolo", uno cioè che Gesù invia insieme agli altri che gli appartengono: "li inviò". "Come il Padre ha mandato me, così anch'io mando voi..." (Gv 20,19 ss)

23 Ognuno di noi può essere (dovrebbe essere) missionario... portare testimonianza... dire con la propria vita, con la propria bocca e con il proprio cuore che Gesù Cristo è figlio di Dio, che è morto e risorto per noi, per la nostra salvezza...

24 "adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi"(1 Pietro 3,15).

25 GIOIA Guarda quante orme bianche Son segnate sulla tua via... Passi di chi annuncia gioia Sono richiami dinfinito... Gioia, pace vera che travolge Questa è la vita Tutto è primavera se tu sai fidarti di Lui (2 Volte)

26 ...E chi è che vince il mondo se non chi crede che Gesù è il Figlio di Dio? Questi è colui che è venuto con acqua e sangue, Gesù Cristo; non con acqua soltanto ma con l' acqua e il sangue. Ed è lo Spirito che rende testimonianza perché lo Spirito è la verità...

27 Poiché tre sono quelli che rendono testimonianza: lo spirito, l'acqua e il sangue, e questi tre sono concordi. Se accettiamo la testimonianza degli uomini, la testimonianza di Dio è maggiore; e la testimonianza di Dio è quella che ha dato al suo Figlio. Chi crede nel Figlio di Dio ha questa testimonianza in sé... (1 Gv 5,5-10).

28 Non serve fare grandi discorsi... si tratta di gettare un seme, che poi il Signore sa come fare germogliare...

29 Grazie, Signore, dell'incarico che affidi anche a noi: testimoniare la gioia di conoscere e seguire te. Grazie perché avvertiamo la tua presenza: in fondo sei tu il vero pastore che ci conduce ai pascoli della vera gioia, alle acqua dove possiamo dissetarci ed essere felici.

30 OGNI MIA PAROLA Come la pioggia e la neve scendono giù dal cielo e non vi ritornano senza irrigare e far germogliare la terra, così ogni mia parola non ritornerà a me senza operare quanto desidero, senza aver compiuto ciò per cui l'avevo mandata. Ogni mia parola, ogni mia parola

31

32 Signore, ci chiami ad essere comunità e vivere nella tua comunità Chiesa.

33 Tu mi vuoi con gli altri non per star meglio, né per essere forte, ma per essere vero, autentico. La comunità è forte se spera, la comunità è vera se ama, la comunità è dinamica se si dona ai fratelli, la comunità è santa se ognuno è santo. Essere comunità è esistere per gli altri, incontrarti negli uomini, pregare con essi, dare ragione della propria speranza.

34 Solo così avviciniamo a te coloro che non hanno ancora ricevuto la fede, possiamo risvegliarla in coloro che la stanno perdendo, possiamo sostenerla in coloro che la conservano a fatica. Saremo tuoi testimoni non nella misura di ciò che diremo ma di ciò che saremo, e di ciò che faremo per renderti credibile agli occhi degli uomini.

35 "predicate che il Regno dei Cieli è vicino. Guarite...". "Gesù percorreva tutte le città e villaggi insegnando...e curando ogni malattia e infermità" (Mt 9,35).

36 portare a tutti il dono della fede, dell'amicizia con Cristo... Abbiamo ricevuto la fede per donarla agli altri...

37 "Dobbiamo essere animati da una santa inquietudine: l'inquietudine di portare a tutti il dono della fede, dell'amicizia con Cristo. In verità, l'amore, l'amicizia di Dio ci è stata data perché arrivi anche agli altri. Abbiamo ricevuto la fede per donarla agli altri" (Benedetto XVI).

38 SU ALI DAQUILA Tu che abiti al riparo del Signore e che dimori alla sua ombra, di al Signore mio rifugio mia roccia in cui confido. Ti alzerà, ti solleverà su ali daquila, ti reggerà, sulla brezza dellalba ti farà brillar come il sole, così nelle sue mani vivrai

39 Dal laccio del cacciatore ti libererà, e dalla carestia che distrugge, poi ti coprirà con le Sue ali e rifugio troverai. Ti alzerà, ti solleverà su ali daquila, ti reggerà, sulla brezza dellalba ti farà brillar come il sole, così nelle sue mani vivrai

40 Non esiste alcuna scuola che insegni a diventare apostoli, perché non sono le parole, per quanto belle, che contano, ma quanta convinzione, quanta passione e stupore contengono

41 Signore, che hai fatto di noi un popolo profetico e sacerdotale, chiamato ad essere segno visibile della nuova realtà del tuo regno, donaci di vivere in piena comunione con te nel sacrificio di lode e nel servizio dei fratelli, per diventare missionari e testimoni del Vangelo. Fa' che la tua compassione sia la nostra.

42 Spesso vedete i fili elettrici, piccoli e grossi, nuovi o vecchi, dei cavi costosi e a buon mercato: da soli sono inutili e, finché non passa la corrente, non si ha luce. Il filo siete voi, sono io. La corrente è Dio. Noi abbiamo la possibilità di permettere alla corrente di passare attraverso di noi, utilizzandoci per produrre la luce nel mondo, oppure possiamo rifiutare di essere usati e consentire così alle tenebre di diffondersi. Noi abbiamo bisogno di pregare per comprendere l'amore che Dio ha per noi. Se veramente intendiamo pregare, dobbiamo essere pronti a farlo adesso. Questi sono solo i primi passi verso la preghiera, ma se non facciamo mai il primo passo con determinazione, non potremmo nemmeno raggiungere l'ultimo traguardo: la presenza di Dio! La mia preghiera è con ciascuno di voi, e prego che ciascuno di voi voglia essere santo, e così diffondere l'amore di Dio ovunque vada. Che la sua luce di verità sia nella sua vita di persona, in modo che Dio possa continuare ad amare il mondo attraverso voi e me. Impegnatevi con tutto il cuore ad essere luce splendente! MADRE TERESA DI CALCUTTA

43 ANDATE PER LE STRADE Andate per le strade in tutto il mondo, chiamate i miei amici per far festa: c'è un posto per ciascuno alla mia mensa.

44 Nel vostro cammino annunciate il Vangelo, dicendo: "E' vicino il Regno dei cieli". Guarite i malati, mondate i lebbrosi, rendete la vita a chi l'ha perduta.


Scaricare ppt "UN'ALTRA UMANITÀ Ma dove andremo a finire se continua così, si sente spesso dire alla gente qua e là; continua violenza, scandali imbrogli e mali dove."

Presentazioni simili


Annunci Google