La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dalla comunicazione del rischio alla comunicazione della prevenzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dalla comunicazione del rischio alla comunicazione della prevenzione."— Transcript della presentazione:

1 Dalla comunicazione del rischio alla comunicazione della prevenzione

2 1.Informazione sui rischi: diretta, da aziende, p.a. (depliant, internet, porte aperte) indiretta: giornali, media 2. Informazione agli abitanti area a rischio: mirata a tranquillizzare per preparare ad unemergenza 3. Informazione durante lemergenza

3 1.Informazione sui rischi data dai media: Informazione come notizia Effetto spettacolarizzazione La discriminazione tra I, II, III mondo Informazione su aspetti non sempre davvero importanti

4 3. Informazione nel vivo dellazione e tutto sotto controllo Messaggi contraddittori (tra parola e parola, tra parola e altre forme di comunicazione) Gaffes colossali percezione Messaggi contrastanti con conoscenza

5 3. Informazione nel vivo dellazione Curare il messaggio diretto (casa per casa) Chiedere alle persone cose che sono in gradi di fare sala stampa Curare i media formare un addetto

6 2. Informazione mirata a formare la popolazione Diversi elementi importanti Rapporto tra esperti e pubblico: * arena diversa da quella accademica * spiegare lincertezza anziché negarla

7 Su quali elementi si deve basare la comunicazione della prevenzione? l La natura collettiva dei rischi l Il concetto di vulnerabilità l La possibilità di ridurre o mitigare il danno

8 La natura collettiva dei rischi l Necessità di essere tutti coinvolti nella prevenzione; l Non delegare responsabilità, ma cercare ognuno di agire per ridurre la vulnerabilità Tutto quello che puoi dirmi è :stai attento?

9 Il concetto di vulnerabilità l Vulnerabilità legata al contesto territoriale l Vulnerabilità legata al luogo di lavoro/ residenza l Vulnerabilità legata alle condizioni sociali ed individuali Tutto quello che puoi dirmi è :stai attento? Viene prima lufficio legale o la commissione etica?

10 Come ridurre/mitigare il danno l Conoscere il rischio ed esserne consape- voli l Mettere in atto misure alla propria portata l Controllare che nel proprio ambiente di vita e lavoro sia fatto altrettanto Non puoi dire che il governo non ci stia provando

11 Come ridurre/mitigare il danno l Prendere visione del PEE l Aver chiari i propri riferimenti istituzionali l Conoscere le misure: - riparo al chiuso - modalità di evacuazione - comunicazione con parenti propri e genitori ragazzi Non solo tu, siamo tutti sulla lista delle specie in via di estinzione

12 La comunicazione nelle classi Domande: -dipende dalletà solo la forma o anche il contenuto? -possiamo stabilire un contenuto di minima? -è meglio predisporre lezioni ad hoc o fare riferimenti al tema in diverse lezioni (es. sia nellora di italiano che in quella di scienze)?

13 La comunicazione nelle classi Proposte: -Si può partire sondando quanto già i ragazzi conoscono: potremmo avere delle sorprese

14 La comunicazione nelle classi Proposte: - Sulla base di quello che già sanno, predisporre un paio di moduli formativi e informativi.

15 La comunicazione nelle classi Proposte: Le informazioni per il comportamento in emer- genza possono costituire un tramite per introdurre temi del corso di studi (ancorare il tema del rischio a temi da trattare nel programma di studi)

16 La comunicazione nelle classi Obiettivi: -Far capire il tema e renderlo qualcosa di quotidiano -Far entrare il tema nelle famiglie -Introdurre gli elementi base della protezione personale


Scaricare ppt "Dalla comunicazione del rischio alla comunicazione della prevenzione."

Presentazioni simili


Annunci Google