La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Raffaella Punzo Ruolo del Collegio Seminario SIRONG Napoli, 16 novembre 2012 Attualità in Medicina Difensiva e Tutela Assicurativa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Raffaella Punzo Ruolo del Collegio Seminario SIRONG Napoli, 16 novembre 2012 Attualità in Medicina Difensiva e Tutela Assicurativa."— Transcript della presentazione:

1 Raffaella Punzo Ruolo del Collegio Seminario SIRONG Napoli, 16 novembre 2012 Attualità in Medicina Difensiva e Tutela Assicurativa

2 ORDINE O COLLEGIO PROFESSIONALE Definizione amministrativa E UN ENTE PUBBLICO NON ECONOMICO Definizione giuridico- sociale E L ORGANISMO DI RAPPRESENTANZA DELLE PROFESSIONI INTELLETTUALI Il Collegio professionale è l'organo investito, per legge, dei poteri di autogoverno della categoria ostetrica a livello locale. E' dotato di personalità giuridica pubblica e di natura associativa in quanto costituito da una pluralità di soggetti accomunati dall'abilitazione all'esercizio di una medesima attività.

3 Lo Stato attribuisce al Collegio la funzione di garantire la correttezza dell'esercizio professionale, realizzando la tutela: Dell'interesse generale della collettività; Dell'interesse particolare delle ostetriche; Dell'interesse del/della singolo/a professionista Gli ordini sono enti pubblici posti sotto la vigilanza del Ministero della Giustizia. Gli ordini e i collegi professionali sono Enti pubblici non economici, la cui finalità è il perseguimento dell'interesse pubblico e di tutela dei cittadini riguardo le prestazioni professionali

4 ordine professionale : professioni per le quali è richiesto un titolo di studio di livello non inferiore alla laurea (e tipicamente la laurea magistrale ), e il superamento del relativo esame di abilitazione. ordine professionale : professioni per le quali è richiesto un titolo di studio di livello non inferiore alla laurea (e tipicamente la laurea magistrale ), e il superamento del relativo esame di abilitazione. collegio professionale: professioni per le quali è sufficiente un diploma di scuola secondaria superiore o una laurea triennale. collegio professionale: professioni per le quali è sufficiente un diploma di scuola secondaria superiore o una laurea triennale. Tale distinzione terminologica non è, comunque, seguita in modo rigoroso dal legislatore (ad esempio, l'Ordine dei giornalisti ha tale denominazione, nonostante non sia richiesta la laurea per l'esercizio della professione).

5 Le attribuzioni dei Collegi delle Ostetriche (D.L.C.P.S. n. 233 del 13 Settembre 1946 e successive modificazioni). Il Collegio è un Ente: necessario: è voluto dalla legge; territoriale: la sfera di competenza è limitata, per legge, ad un determinato territorio ; obbligatorio: liscrizione ad esso è condizione inderogabile per lesercizio della professione; autarchico: ha potestà di autoregolamentarsi e auto amministrarsi; democratico: alla formazione dellorgano direttivo partecipano tutti gli iscritti con votazione segreta.

6 organi del Collegio Il Consiglio Direttivo

7 a. il giorno, mese ed anno; b. i nomi dei componenti il Consiglio intervenuti; c. le argomentazione allordine del giorno; d. i giudizi esaminati e le questioni trattate; e. i provvedimenti e le decisioni prese in ordine a ciascun procedimento. Le sedute del Consiglio non sono pubbliche. Per ogni seduta è redatto apposito verbale contenente:

8 La funzione di autogoverno di un ordine si esprime in adempimenti : Compilare e tenere l'albo degli iscritti pubblicandolo ogni anno; Vigilare sul decoro e sull'indipendenza del collegio stesso; Designare i propri rappresentanti presso commissioni, enti e organizzazioni di carattere provinciale o comunale; Promuovere e favorire le iniziative volte a facilitare l'aggiornamento professionale; Esprimere pareri su materie che riguardano la categoria nei confronti di Enti e Istituzioni pubbliche; il governo deontologico della professione riguardo a comportamenti censurabili del professionista che non rientrano nella legge ordinaria, nei quali casi possono essere disposte sanzioni proprie, o sussidiarie, come lammonimento, la sospensione e la radiazione; Esercitare il potere disciplinare nei confronti delle/gli iscritte/i all'albo; attraverso la segnalazione di abusi alla magistratura, ai sensi dell'art. 348 c.p.; la partecipazione alle Commissioni di esame di Stato per l'abilitazione di un aspirante all'iscrizione;

9 L'albo professionale è un registro in cui sono raccolti i nomi e i dati di tutte le persone abilitate ad esercitare una professione regolamentata dalla legge. Le leggi statali impongono l'obbligo di iscrizione ad uno specifico albo, per poter svolgere determinate attività, in particolare là dove entrano in gioco la salute e la sicurezza dei cittadini. la legge obbliga gli ordini professionali a pubblicizzare l'elenco degli iscritti e dei professionisti sospesi temporaneamente o radiati dall'albo (art. 16 regio decreto legge 1578/1933, e r.d. n. 37 del 1934, ancora vigenti e non abrogati dalla normativa sulla privacy). La funzione di autogoverno di un ordine si esprime in adempimenti quali:

10 La funzione di autogoverno di un ordine si esprime in adempimenti : Il Consiglio Direttivo deve : Vigilare sulla conservazione del decoro e dellindipendenza del Collegio. Vigilare sui comportamenti degli iscritti nellalbo. Tutelare il decoro della professione. Fissare le regole di funzionamento del collegio. Dettare delle regole di condotta professionale con lo scopo di orientare i principi etici tipici della professione. Tali principi in particolare riguardano: La correttezza nei confronti del cliente; La riservatezza; Il segreto professionale; Il rispetto della persona e dei suoi diritti; Il rifiuto di qualunque pregiudizio raziale etnico o religioso; La lealtà e il rispetto verso i colleghi.

11 La funzione di autogoverno di un ordine si esprime in adempimenti : In realtà nella legge attuale manca un pieno riconoscimento della funzione di pubblico interesse, non è sempre avvertita dagli organi pubblici la necessità di consultare il Collegio la necessità di consultare il Collegio. La funzione di rappresentanza organo competente a esprimersi a nome dellintera categoria. promozione del progresso culturale La Legge del 1946 attribuisce al Consiglio Direttivo la funzione di promuovere il progresso culturale della categoria. Il potere disciplinare Potere strettamente funzionale, ai fini della tutela e del decoro e dellindipendenza della professione, per garantire il corretto espletamento della professione, prestigio e dignità.

12 Il presidente del Collegio può disporre lapertura di procedimenti disciplinari, in presenza di notizie e di comportamenti che appaiono in contrasto con i principi e le regole sanciti nel codice deontologico e riferirne lesito al Consiglio Direttivo.. È FATTO OBBLIGO A TUTTE LE ISCRITTE Di informare lUfficio Segreteria cambiamento di qualifica o di residenza. Di segnalare al Collegio quelle colleghe che non abbiano soddisfatto allobbligo delliscrizione e non figurino perciò allAlbo o che, pur essendo cancellate, continuino ad esercitare. Di denunciare al Collegio ogni esercizio abusivo ed ogni fatto che leda il prestigio professionale. Di segnalare eventuali errori od omissioni nel presente Albo ed inviare rettifica.

13 accesso libero alla professione ed esercizio fondato sull autonomia e sullindipendenza di giudizio del professionista. Limitazioni numeriche del numero di persone che sono titolate ad esercitare una certa professione in tutto il territorio dello Stato. obbligo di formazione continua secondo percorsi predisposti sulla base di appositi regolamenti emanati dai Consigli nazionali. La violazione dellobbligo di formazione continua determina un illecito disciplinare e come tale è sanzionato sulla base di quanto stabilito dallordinamento professionale. (D.L. 138/2011) Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo liberalizzazione delle professioni regolamentate.D.L. 138/2011

14 (D.L. 138/2011) Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo liberalizzazione delle professioni regolamentate. D.L. 138/2011D.L. 138/2011 tirocinio retribuito, di durata non superiore a tre anni, da potersi svolgere anche durante il corso di laurea; definizione del compenso spettante al professionista allatto del conferimento dellincarico, prendendo come riferimento le tariffe professionali. In caso di mancata determinazione consensuale del compenso…… si applicano le tariffe professionali stabilite con decreto dal Ministro della Giustizia;

15 (D.L. 138/2011) liberalizzazione delle professioni regolamentate D.L. 138/2011D.L. 138/2011 istituzione di un organo nazionale di disciplina e di organi a livello territoriale, diversi da quelli amministrativi, che si occupino delle questioni disciplinari. istituzione di un organo nazionale di disciplina e di organi a livello territoriale, diversi da quelli amministrativi, che si occupino delle questioni disciplinari. pubblicità informativa libera su attività professionale, specializzazioni e titoli posseduti, struttura dello studio e compensi delle prestazioni. Le informazioni fornite devono essere trasparenti, veritiere, corrette e non devono essere equivoche, ingannevoli, denigratorie. pubblicità informativa libera su attività professionale, specializzazioni e titoli posseduti, struttura dello studio e compensi delle prestazioni. Le informazioni fornite devono essere trasparenti, veritiere, corrette e non devono essere equivoche, ingannevoli, denigratorie. Tutti gli ordinamenti professionali hanno a disposizione 12 mesi di tempo dallentrata in vigore del decreto 138/2011 per recepire i detti principi.

16 Direttiva n. 14/2011 del Ministro della Pubblica Amministrazione e della semplificazione Adempimenti urgenti per lapplicazione delle nuove disposizioni in materia di certificati e dichiarazioni sostitutive di cui allarticolo 15, della legge 12 novembre 2011, n Dal 1° gennaio 2012 i certificati sono validi, solo nei rapporti tra i privati. Le amministrazioni non potranno più chiedere ai cittadini certificati o informazioni già in possesso di altre PA. I Collegi, in qualità di Enti Pubblici non economici, non possono più rilasciare certificati di iscrizione destinati a rapporti con altre Pubbliche Amministrazioni bensì fornirli solo ed esclusivamente per eventuali rapporti fra privati.

17 Nuovo Accordo Stato-Regioni del 19 aprile 2012 Il nuovo sistema di formazione continua in medicina – Linee guida per i Manuali di accreditamento dei provider, crediti formativi triennio 2011/2013, federazioni, ordini, collegi e associazioni professionali, sistema di verifiche, controlli e monitoraggio della qualità, liberi professionisti Crediti formativi 150 i crediti formativi complessivi richiesti per il triennio Per ogni anno tutti i professionisti devono acquisire 50 crediti (minimo 25 crediti e massimo 75); inoltre è possibile farsi riconoscere un massimo di 45 crediti riportati dal triennio precedente Per i professionisti del territorio abruzzese colpito dal terremoto del 2009, i crediti formativi richiesti per il 2011 sono ridotti a 30 (minimo 15). I crediti ECM acquisiti allestero verranno riconosciuti non superiori al 50%. I Liberi professionisti e disoccupati possono acquisire i crediti formativi annuali attraverso modalità flessibili è data la possibilità ad Ordini, Collegi e Associazioni professionali riconosciute ai sensi del DM del 19 giugno qualora accreditati in qualità di provider - di presentare e assicurare unofferta formativa che preveda Piani Formativi su materie tecnico-professionali, etica e deontologica,

18 Formazione Blended Formazione caratterizzata da diversi approcci didattici che alternano e/o coniugano ambiente reale e virtuale (piattaforme). La formazione blended si contraddistingue per la flessibilità, apertura e personalizzazione degli interventi formativi. 1. Formazione residenziale (congressi, convegni, corsi, seminari) 2.Stage con ruolo di discente (tipo formazione sul campo, tirocini, affidamenti di supervisore) 3.Gruppi di miglioramento (tipo commissioni, linee guida) 4.Attività di ricerca (tipo progetti obiettivo, gruppi di studio finalizzati) 6.Autoapprendimento senza tutor (tipo riviste scientifiche, programmi di formazione a distanza 7.Autoapprendimento con tutor (tipo FAD con interattività) 8.Attività di docenza (tipo stage, tutoring, presentazione a convegni e pubblicazioni scientifiche)

19 Obiettivi formativi a) tecnico-professionali finalizzati allo sviluppo delle competenze e delle conoscenze tecnico professionali individuali nel settore specifico di attività, o disciplina di appartenenza. b) di processo f inalizzati allo sviluppo delle competenze e delle conoscenze dei processi di produzione specifici delle attività sanitarie. c) di sistema finalizzati allo sviluppo delle competenze e delle conoscenze nelle attività e nelle procedure idonee a promuovere il miglioramento della qualità, efficienza, efficacia, appropriatezza e sicurezza dei sistemi sanitari. 29 obiettivi generali, che compongono il dossier formativo di ogni singolo professionista e/o di équipe, allinterno del quale assumono rilievo tre tipologie di obiettivi formativi:

20 Obiettivi formativi In ottemperanza a quanto sancito con legge 214/ 2011 (art. 33) così come nel precedente DPR 138/2011 convertito con modificazioni dalla legge 148/2011 entro il 12 agosto 2012 un nuovo decreto dovrebbe stabilire come gli Ordini professionali dei medici chirurghi e quelli delle professioni sanitarie dovranno: Aggiornare una scheda anagrafica dei crediti formativi. Sanzionare i professionisti per il mancato aggiornamento Diventare garanti delle professioni sanitarie e certificatori della formazione continua

21 le rilevanti novità introdotte dalla legge di stabilità 2012 art. 25, commi 4 e 5 Posta Elettronica Certificata obbligatoria per pubbliche amministrazioni, società e professionisti. lomessa pubblicazione di suddetti elenchi o il rifiuto di comunicare con le pubbliche amministrazioni costituiscono causa di scioglimento e commissariamento dellOrdine/Collegio inadempiente. Tutti i professionisti, devono comunicare lindirizzo PEC allOrdine e/o Collegio di appartenenza, questi sono poi obbligati a stilare un elenco aperto alla consultazione delle pubbliche amministrazioni che ne facciano richiesta.

22 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dellarticolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n Art. 3. Albo unico nazionale Comma 1. Gli albi territoriali relativi alle singole professioni regolamentate, tenuti dai rispettivi consigli dellordine o del collegio territoriale, sono pubblici e recano lanagrafe di tutti gli iscritti, con lannotazione dei provvedimenti disciplinari adottati nei loro confronti. Comma 2. Linsieme degli albi territoriali di ogni professione forma lalbo unico nazionale degli iscritti, tenuto dal consiglio nazionale competente. I consigli territoriali forniscono senza indugio per via telematica ai consigli nazionali tutte le informazioni rilevanti ai fini dellaggiornamento dellalbo unico nazionale. Art. 4. Libera concorrenza e pubblicità informativa Comma 1. È ammessa con ogni mezzo la pubblicità informativa avente ad oggetto lattività delle professioni regolamentate, le specializzazioni, i titoli posseduti attinenti alla professione, la struttura dello studio professionale e i compensi richiesti per le prestazioni. Comma 2. La pubblicità informativa di cui al comma 1 devessere funzionale alloggetto, veritiera e corretta, non deve violare lobbligo del segreto professionale e non devessere equivoca, ingannevole o denigratoria. Comma 3. La violazione della disposizione di cui al comma 2 costituisce illecito disciplinare, oltre a integrare una violazione delle disposizioni di cui ai decreti legislativi 6 settembre 2005, n. 206, e 2 agosto 2007, n Art. 5. Obbligo di assicurazione Comma 1. Il professionista è tenuto a stipulare, anche per il tramite di convenzioni collettive negoziate dai consigli nazionali e dagli enti previdenziali dei professionisti, idonea assicurazione per i danni derivanti al cliente dallesercizio dellattività professionale, comprese le attività di custodia di documenti e valori ricevuti dal cliente stesso. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dellassunzione dellincarico, gli estremi della polizza professionale, il relativo massimale e ogni variazione successiva. Comma 2. La violazione della disposizione di cui al comma 1 costituisce illecito disciplinare. Art. 7. Formazione continua Comma 1. Al fine di garantire la qualità ed efficienza della prestazione professionale, nel migliore interesse dellutente e della collettività, e per conseguire lobiettivo dello sviluppo professionale, ogni professionista ha lobbligo di curare il continuo e costante aggiornamento della propria competenza professionale secondo quanto previsto dal presente articolo. La violazione dellobbligo di cui al periodo precedente costituisce illecito disciplinare.

23 RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE E OBBLIGO ASSICURATIVO Le condizioni generali delle polizze assicurative di cui al presente comma possono essere negoziate, in convenzione con i propri iscritti, dai Collegi Nazionali e dagli Enti previdenziali dei professionisti. Le condizioni generali delle polizze assicurative di cui al presente comma possono essere negoziate, in convenzione con i propri iscritti, dai Collegi Nazionali e dagli Enti previdenziali dei professionisti. «la Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche si riserva di porre in essere ogni attività utile al fine di individuare una compagnia assicurativa solida con cui negoziare le condizioni di un accordo quadro volto a garantire una reale copertura assicurativa dei rischi derivanti da qualsiasi attività professionale svolta dallostetrica/o.» Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dellarticolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n Newsletter della Federazione Nazionale Collegi Ostetriche Numero: 16

24 Lesercente delle professioni sanitarie che si attiene a linee guida e a buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica nazionale e internazionale risponde dei danni solo in caso di dolo o colpa grave. Creazione di fondo, finanziato dal contributo dei professionisti che ne facciano espressa richiesta e da un ulteriore contributo a carico delle imprese autorizzate allesercizio dellassicurazione per danni derivanti dallattività Il danno biologico è risarcito sulla base delle tabelle previste dalla legge 209/2005. RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE E OBBLIGO ASSICURATIVO

25 Lobbligo assicurativo per le professioni sanitarie ed il concreto realizzarsi di polizze collettive come delineato con il DPR non risolve però le notevoli criticità del settore sanitario entro la scadenza dellobbligo assicurativo (agosto 2013) tutti i professionisti ( e nel tempo necessario) e i Consigli nazionali degli ordini delle professioni dovranno stipulare idonee polizze collettive per gli iscritti «si rende necessario la definitiva regolamentazione del Ministero della Salute prima di attivare le polizze collettive previste nel DPR 137/2012, volta a tutelare sia la salute del cittadino e sia il professionista della salute». Newsletter della Federazione Nazionale Collegi Ostetriche Numero: 16

26 Il segreto per riuscire nella vita è prefiggersi un obiettivo. E il passo essenziale per il suo conseguimento E il passo essenziale per il suo conseguimento è riuscire prima a individuarlo. grazie


Scaricare ppt "Raffaella Punzo Ruolo del Collegio Seminario SIRONG Napoli, 16 novembre 2012 Attualità in Medicina Difensiva e Tutela Assicurativa."

Presentazioni simili


Annunci Google