La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 iutiamoli a ivere A V. 2 Sono io che do la morte e faccio vivere (Dt 32,39) Parola di Dio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 iutiamoli a ivere A V. 2 Sono io che do la morte e faccio vivere (Dt 32,39) Parola di Dio."— Transcript della presentazione:

1 1 iutiamoli a ivere A V

2 2 Sono io che do la morte e faccio vivere (Dt 32,39) Parola di Dio

3 3 iutiamoli a ivere A V

4 4 Malattia Vecchiaia Handicap Coinvolge ogni persona : Bambino Adulto Anziano Vita nella fase terminale

5 5 Sul piano biologico il dolore è benefico La rimozione del dolore La eliminazione Sofferenza fisica e psicologica Perché soffrire ?

6 6 Le radici culturali dal principio di autonomia del soggetto, il quale avrebbe diritto di disporre in maniera assoluta della propria vita; dalla persuasione più o meno esplicitata della insopportabilità e inutilità del dolore che può talora accompagnare la morte. Indebolimento spirituale e morale riguardo alla dignità della persona morente una via "utilitarista" di disimpegno di fronte alle vere necessità del paziente

7 7 Eutanasia Accanimento terapeutico Cure palliative Atteggiamenti di fronte al dolore

8 8 Definizione di Eutanasia Dal greco eu (buono) e thanatos (morte): BUONA MORTE Azione o omissione che procura la morte allo scopo di eliminare il dolore

9 9 Eutanasia attiva: Consiste nel determinare o nellaccelerare la morte mediante il diretto intervento del medico, utilizzando farmaci letali. Eutanasia passiva: Consiste nellastensione da parte del medico dal praticare cure volte a tenere ancora in vita il malato. Suicidio assistito: Atto autonomo di porre termine alla propria vita compiuto da un malato terminale in presenza e con mezzi forniti da un medico. Tipi di eutanasia

10 10 Livello delle intenzioni Porre fine alla vita o accelerare la morte (eutanasia) alleviare la sofferenza (non eutanasia)

11 11 Livello dei metodi Cè Eutanasia - Somministrazione di sostanze mortali - Omissioni di terapie normali Non cè Eutanasia - omissioni trattamenti sproporzionati

12 12 Accanimento Terapeutico Luso di terapie inutili, che aumentano la penosità, e sono spropozionate nel rapporto rischio/beneficio, prolungando lagonia più che offrendo delle cure.

13 13 Né Accanimento Né Eutanasia Medesima logica: onnipotenza delluomo Eutanasia: morte procurata Accanimento: vita ad ogni costo

14 14 Riduzione della spesa pubblica Rifiuto dellimpegno umano a fianco del malato Fuga di fronte alla paura della morte, del dolore e della sofferenza Handifobia: rifiuto della disabilità Perché lEutanasia?

15 15 Leutanasia è spesso motivata da ragioni psicologiche e psichiatriche transitorie o curabili e dalla paura del dolore e della sofferenza. Ricostruzione dellautostima Accettazione di sé Cura di una sindrome depressiva Terapia antidolorifica Le ragioni delleutanasia

16 16 Prendersi cura La medicina: Curare non guarire Cure normali : alimentazione e idratazione anche artificiali laiuto alla respirazione ligiene la somministrazione di medicinali normali

17 17 Le cure palliative Palliative: dal latino pallium (manto) Aspetto medico: somministrazione di medicine che non possono più curare la malattia, ma controllano i sintomi Aspetto umanitario: vicinanza e premura accompagnate da sostegno psicologico e spirituale

18 18 Si accende il dibattito Il 9 Ottobre del 2006 Piergiorgio Welby scrive al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

19 19 Il caso Welby Alle 23,40 del 20 dicembre, il dottor Mario Ricci, anestesista e rianimatore stacca la spina del ventilatore che consentiva a Piergiorgio Welby di restare in vita

20 20 Sgreccia: rifiutare le cure, se le cure sono proporzionate, è una richiesta illecita; però se il paziente insiste e rifiuta queste cure non lo si può costringere Non possiamo sapere se il paziente ha fatto richiesta di interruzione delle cure perché rifiutava questo trattamento per lui insopportabile, oppure il paziente ne ha fatto richiesta per farne una battaglia politica. Considerazioni etiche

21 21 Ordinamento Italiano attualmente non cè nessuna specifica regolamentazione giuridica. reato di 'omicidio del consenziente'art. 579 del codice penale: reclusione dai sei agli undici anni.

22 22 Corriere della sera del 26/01/07: Veronesi: No alla distinzione tra eutanasia Attiva da quella passiva Corriere della sera del 1/02/07: Archiviato dall'Ordine il procedimento per Riccio, l'anestesista di Cremona che sospese le cure al leader radicale Ultime notizie

23 23 Sono io che do la morte e faccio vivere (Dt 32,39) Parola di Dio

24 24 Il far morire non può mai essere considerato come una cura medica, neppure quando lintenzione fosse solo quella di assecondare una richiesta del paziente: è piuttosto, la negazione della professione sanitaria che si qualifica come un appassionato e tenace si alla vita. (89) Anche la sofferenza e il dolore hanno un senso e un valore, quando sono vissuti in stretta connessione con lamore ricevuto e donato.(97) Il papa della vita

25 25 I malati terminali possano godere di unassistenza veramente umana e ricevere risposte adeguate alle loro esigenze, in particolare alla loro angoscia e solitudine. Insostituibile in questi casi il ruolo delle famiglie; ma esse possono trovare grande aiuto nelle strutture sociali di assistenza e, quando necessario, nel ricorso alle cure palliative… (88). Il papa della vita

26 26 Quando, allindomani della mia elezione alla Cattedra di Pietro, venni per una visita al Policlinico "Gemelli", dissi di volere "appoggiare il mio ministero papale soprattutto su quelli che soffrono".....Riaffermo ora la medesima convinzione di allora...Invito tutti gli ammalati ad unirsi con me nellofferta a Cristo dei loro patimenti per il bene della Chiesa e dellumanità". Valore spirituale della sofferenza

27 27 iutiamoli a ivere A V


Scaricare ppt "1 iutiamoli a ivere A V. 2 Sono io che do la morte e faccio vivere (Dt 32,39) Parola di Dio."

Presentazioni simili


Annunci Google