La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il DIABETE e la LEGGE Affinchè… la Legge sia davvero uguale per tutti Emanuele Fraticelli ASL CN2 Alba-Bra.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il DIABETE e la LEGGE Affinchè… la Legge sia davvero uguale per tutti Emanuele Fraticelli ASL CN2 Alba-Bra."— Transcript della presentazione:

1 Il DIABETE e la LEGGE Affinchè… la Legge sia davvero uguale per tutti Emanuele Fraticelli ASL CN2 Alba-Bra

2 InvaliditàPatente Esenzioni e ticket Lavoro

3 Invalidità Quando un cittadino con diabete può chiedere il riconoscimento di uninvalidità e quando deve farlo

4 Liter burocratico 1. Presentare domanda di accertamento sanitario dellinvalidità civile 2. Allegare una certificazione del curante o dello specialista che attesti le diagnosi delle infermità invalidanti 3. Possibilità di delegare un ente di patronato con un mandato di rappresentanza 4. Le domande vengono esaminate in ordine di presentazione 5. Possibilità di chiedere esplicitamente nella domanda una precedenza documentando la gravità della patologia

5 Il procedimento Il procedimento deve concludersi entro 9 mesi dalla presentazione della domanda (DPR 21/09/94 n. 698 art. 1) La visita deve avvenire entro 3 mesi dalla presentazione della domanda (art. 3) Oltre tale termine linteressato può presentare all'Assessorato alla Sanità della Regione una diffida a provvedere. A quel punto lAssessorato fisserà la data della visita entro 9 mesi dalla data di presentazione La Commissione è presieduta da un medico legale, composta da altri due medici, uno medico del lavoro con o meno un medico designato da Associazioni Nazionali di categoria

6 La visita Esame della documentazione portata. Anche le menomazioni più palesi vanno documentate. La documentazione specialistica deve essere ampia, esplicita, meglio se qualificata. La Commissione accerta: lesistenza di una invalidità il suo grado (espresso in percentuale) leventuale visita di revisione a distanza di anni leventuale necessità di un accompagnamento. Se allatto della domanda è stato chiesto anche di accertare leventuale condizione di handicap, la Commissione accerta contestualmente anche lhandicap e la sua gravità.

7 Il verbale di invalidità Una volta terminato laccertamento la Commissione ASL redige unverbale di visita. Il Verbale viene dapprima inviato a una Commissione di Verifica. Dopo 60 giorni, se non intervengono contestazioni da parte della Commissione di Verifica, il verbale viene inviato al richiedente, alla ASL e se del caso allINPS o allaltro ente erogatore delle prestazioni. Se la Commissione Medica giudica che la minorazione riscontrata potrebbe modificarsi nel tempo, fisserà nel Verbale di visita un termine per una visita medica di revisione. Il diritto alla prestazione decade se la visita di revisione non è effettuata

8 Le tabelle di invalidità La tabella (art. 2 del D. Lgs 509/1988 e decreto del Ministero della Sanità il 5/2/92) indica per ogni tipo di patologia o condizione invalidante la percentuale di riduzione della capacità lavorativa. In alcuni casi è indicato un valore fisso, in altri un minimo e un massimo Linvalidità riguarda limpatto di una condizione sulla sola attività lavorativa Non esistono invece tabelle relative al concetto di handicap

9 Un catalogo di dolori Patologie/condizioni minmaxfisso Diabete mellito Diabete complicato da grave nefropatia e/o retinopatia proliferante, e/o arteriopatia ostruttiva Diabete insulino-dipendente con mediocre controllo metabolico o con ipoglicemie frequenti nonostante terapia Obesità 31400

10 Patologie/condizioni minmaxfisso Coronopatia lieve Coronopatia moderata Coronopatia grave Coronopatia gravissima Perdita di un piede 0035 Amputazione di gamba protesizzabile 0046 Amputazione di gamba senza protesi 0060 Un catalogo di dolori

11 Significato di invalidità Il calcolo della invalidità va effettuato consi- derando lincidenza reale sulla complessiva validità del soggetto. Linvalidità è data soprattutto dallimpatto di una o più condizioni sullo stesso organo o apparato Insistere su invalidità di contorno di minore entità a carico di vari organi è dispersivo e controproducente

12 Infermità plurime Se le infermità sono a carico dello stesso organo o apparato, (in 'concorso funzionale') si sommano le percentuali di ciascuna. Il totale non può però superare il valore relativo alla perdita dell'organo o dell'apparato stesso Se invece sono 'coesistenti', cioè di organi o apparati diversi, si valuta la percentuale di ciascuna e si procede a un calcolo detto riduzionistico nel quale, alla somma dei primi due valori percentuali viene sottratto il loro prodotto Le minorazioni inferiori al 10% sono considerate solo se si aggiungono ad altre a carico dello stesso organo o apparato mentre non sono considerate se coesistono con altre Verrà considerata inoltre la capacità semispecifica che si riferisce alle attitudini dell'invalido, all'eventuale specifica attività lavorativa e alla sua formazione tecnico-professionale e può aumentare il grado di al massimo di 5 punti percentuali

13 Le soglie di invalidità Al di sotto non si è considerati invalidi civili è la soglia minima per ottenere la fornitura di protesi soglia per l'iscrizione nelle liste speciali per l'assunzione obbligatoria al lavoro (L. 68/99) soglia minima per lesenzione del ticket diritto allo assegno mensile come invalido parziale maggiorazione contributiva: 2 mesi di contributi in più per ogni anno lavorato pensione di inabilità come invalido totale e esenzione totale del ticket

14 Può interessare anche solo una parte della decisione della Commissione (ad es. laccompagnamento) Linteressato ha solo sei mesi di tempo dal ricevimento del verbale per ricorrere L. n. 326/03 al Giudice del Lavoro competente Il Giudice nomina in genere un perito (un Medico del Lavoro o Medico Legale) che esamina la documentazione e ascolta eventualmente le parti in causa direttamente o attraverso dei Periti di parte e se necessario visita il richiedente. Il Giudice generalmente si adegua allopinione del Perito. Ricorsi

15 Aggravamenti La domanda va presentata alla Commissione Medica dell'ASL di residenza dell'interessato Va allegata copia del verbale del precedente riconoscimento d'invalidità Allegare una documentazione sanitaria completa e chiara che comprovi le modificazioni del quadro clinico Se la Commissione Medica nota una variazione, lo comunica alla Commissione di Verifica la quale ha 60 giorni di tempo per pronunciarsi.

16 Le prestazioni economiche

17 Pensione di invalidità totale Erogata alle persone di età compresa fra 18 e 65 anni con una inabilità lavorativa del 100% e permanente (art. 12 L. 118/71) Deve ricorrere lassoluta e permanente impossibilità a svolgere qualunque attività lavorativa Basso reddito (non superiore a ,69 euro nella denuncia dei redditi dell'anno precedente) Erogata dallINPS su delega delle Commissioni Mediche locali Impegno formale a comunicare ogni variazione nella situazione reddituale Nel 2004 è stato di 233,87 euro per 13 mensilità La pensione per invalidità civile totale può essere cumulata con le pensioni di guerra, di lavoro o di servizio, nonché con gli altri trattamenti pensionistici diretti erogati a titolo d'invalidità Al compimento del 65° anno di età cessa la corresponsione della pensione d'inabilità e in sostituzione è concesso la pensione sociale Gli eredi di un invalido civile possono chiedere la riscossione dei ratei maturati e non riscossi

18 Indennità di accompagnamento L. 11/02/80, n. 18: è erogata alle persone: di ogni età quale che sia la loro condizione economica indipendentemente dallo svolgimento di unattività lavorativa Viene aggiunta alleventuale assegno o pensione d'invalidità Devono sussistere: la totale inabilità per minorazioni fisiche o psichiche l'impossibilità di deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore, oppure l'impossibilità di compiere gli atti quotidiani della vita e la conseguente necessità di un'assistenza continua. Nei minorenni e ultrasessantacinquenni, non valutabili sul piano dell'attività lavorativa, le difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni dell'età (art. 6 del D.L. 23/11/88, n. 509) Non cumulabile con indennità concesse per causa di guerra, di lavoro o di servizio, (ma linteressato può scegliere il trattamento più favorevole) Incompatibile con il ricovero totale a carico dello Stato in un Istituto o in reparti di lungodegenza Per l'anno 2005 l'importo è di 443,83euro per 12 mensilità Possibile la temporaneità (es chemioterapia per alcuni mesi)

19 Anzianità ai fini pensionistici Dal 2002 i lavoratori con un grado d'invalidità superiore al 74% godono di una sorta di corsia veloce per raggiungere il requisito contributivo per il pensionamento Viene riconosciuto dallINPS, dallINPDAP e dagli Enti erogatori il beneficio previsto dallart. 80 della legge 388/2000: due mesi di contribuzione figurativa per ogni anno di lavoro effettivamente svolto fino a un massimo di 5 anni Per i disabili all80% valgono le età pensionabili precedenti alla riforma del 1992: 60 anni per gli uomini e 55 per le donne

20 Patente facile Un iter più semplice e non vessatorio per ottenere e rinnovare la patente

21 Il nuovo iter Commissioni patenti ASL monocratiche cioè composte da una sola persona, il diabetologo ASL o di struttura convenzionata delegato dallASL (coadiuvato o non da un medico legale) Se nel corso della visita normale il cittadino afferma di avere il diabete la visita dovrebbe terminare immediatamente senza diritto al rimborso del costo ed il richiedente viene invitato a rivolgersi alla Commissione medica della ASL Circolare del Ministero della Salute 4 maggio 2006

22 Le informazioni essenziali Presentare al medico certificatore un modello cartaceo redatto dal proprio diabetologo o medico curante contenente le informazioni sensibili per lidoneità psicofisica alla guida Il modello contiene anche la proposta fatta dal proprio diabetologo del periodo di validità della patente Il medico certificatore concede la patente accettando o meno il periodo di validità proposto dal proprio diabetologo curante o investe se del caso la Commisiione medica locale

23 Regione Piemonte SERVIZIO DI Azienda Sanitaria Locale n. 18 DIABETOLOGIA E S.S.D. Diabetologia ENDOCRINOLOGIA Dir. Dr.ssa A. Rosatello Bra, lì Si attesta che il/la sig./ra ____________________________________________________ Nato/a a___________________________________________________il____/____/____ È affetto/a da Diabete mellito di tipo__________________________dal____/____/____ E attualmente in terapia con________________________________________________ Valore di HbA1c _____ % in data _____________ Non presenta complicanze Presenta le seguenti complicanze: Retinopatia background proliferante Neuropatia autonomia sensitivo-motoria Nefropatia microalbuminuria macroalbuminuria insufficienza renale cronica Complicanze cardiovascolari Giudizio sulla qualità del controllo glicemico, che influenza direttamente la velocità di progressione delle complicanze croniche ADEGUATO NON ADEGUATO Giudizio complessivo circa la frequenza e la capacità di gestione delle ipoglicemie BUONO ACCETTABILE SCADENTE Giudizio sul profilo attribuibile in relazione al RISCHIO PER LA SICUREZZA ALLA GUIDA Basso, si propone il rinnovo per anni____________ Medio, limitatamente a quanto concerne la patologia diabetica e delle complicanze riscontrate si ravvisa la opportunità di limitare il rinnovo a________________ Elevato, il tipo e lentità di complicanze risultano tali da comportare un elevato rischio alla guida Il Diabetologo Controllo attuale Presenza di complicanze Capacità di sentire le ipo Giudizio sul rischio per la guida e proposta di rinnovo

24 Si giudica la sicurezza alla guida non il diabete La commissione medica locale è una eccezione in casi particolari La durata non è un voto allequilibrio glicemico Scadenza normale tranne eccezioni Limitazioni solo se si sospetta una riduzione della sicurezza prima della scadenza naturale della patente Possibilità di ricorso a Commissioni Mediche Provinciali contro giudizio di limitata idoneità

25 Durata normale o limitata? 10 anni a chi ha meno di 50 anni. 5 anni a chi ha superato 50 anni di 3 anni a chi ha superato 70 anni. 2 anni chi avendo superato i 65 anni di età, guida autocarri superiori a 3,5 t, autotreni, autoarticolati per il trasporto di cose e macchine operatrici 1 anno per chi sopra i 60 anni, guida autobus, autocarri, autotreni e autosnodati adibiti al trasporto di persone e non ha superato il 65° Ipoglicemie frequenti Ipoglicemie non avvertite Retinopatia avanzata Neuropatia sensitivo- motoria e autonomica Cardiovasculopatia La disfunzione renale in sé ed isolata non rende meno sicura la guida Normale Limitazioni

26 Patenti professionali Ricorso diretto alle Commissioni mediche locali per le patenti C,D, CE, DE Le commissioni mediche locali sono integrate da un diabetologo sia per gli accertamenti specifici che per il giudizio finale

27 Patente per i ciclomotori Legge 168 del 17/8/05: requisiti psico-fisici analoghi a quelli per la patente A ma con una disposizione transitoria Fino al 1/01/08 la certificazione è limitata a condizioni non ostative alluso del ciclomotore Medico curante (MMG) o pediatra (per i minorenni) Il medico dovrà solo escludere: deficit visivi e uditivi non correggibili, complicanze diabetiche oculari, nervose e cardiovascolari tali da compromettere la sicurezza, insufficienza renale non positivamente corretta da dialisi o trapianto

28 La patente a tutti Il Diabete (a prescindere dal tipo) non è di per sé considerato una controindicazione alla guida Al legislatore interessa solo che una persona sia in grado di guidare unauto o una moto senza mettere in pericolo la sicurezza propria e degli altri Il certificato è redatto in carta da bollo e controfirmato dal paziente o dai genitori In caso di giudizio negativo farsi rilasciare il certificato con la motivazione del mancato assenso per poter ricorrere alla Commissione Medica Provinciale per la revisione del giudizio

29 E se non li dico? La dichiarazione sostitutiva del certificato anamnestico è sottoscritta dal cittadino sotto la propria responsabilità civile, penale e amministrativa Chi sapendolo, omette di dichiarare di avere il diabete: 1. Incorre in un reato di falso perseguibile a norma di legge 2. Permette lesonero dei contraenti di contratti assicurativi ad es. la Compagnia assicurativa potrebbe NON risarcire danni per polizze RC auto o Kasko a seguito di incidente provocato da un guidatore mendace Obbligo di notifica alla ASL se il diabete insorge in corso di validità della patente con richiesta di visita di controllo La Compagnia assicuratrice potrebbe recedere dal pagamento di sinistri provocati La Compagnia non ha lobbligo di dimostrare che è stato il diabete la causa dellincidente ma solo che è stata omessa la richiesta di visita di verifica

30 Patente e invalidità Laccertamento di invalidità o handicap non esclude a priori il permesso di condurre Richiedendo linvalidità si consegna allASL unesplicita autorizzazione ad utilizzare le informazioni sanitarie raccolte ai fini dellaccertamento e lo stesso verbale (eccezione alla garanzia della privacy) La Commissione medica locale può avere accesso al verbale della Commissione che ha accertato linvalidità ma deve formulare un proprio giudizio

31 Esenzione e ticket Un sistema sanitario non esente da problemi

32 Lesenzione per diabete E possibile ottenere il rilascio del tesserino di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria quando un cittadino è affetto da malattie croniche come il diabete o lipertensione ai sensi del D.M. 28/05/99 n. 329 e succ. modifiche e integrazioni (D.M. 21/05/2001 n. 296) Il codice di esenzione per il diabete mellito è Lesenzione per patologia viene effettuata presso il Servizio di Diabetologia locale

33 Prestazioni diagnostiche esenti dal pagamento nel diabete Prima visita e controlli Prelievo venoso Glicemia HbA1c Trigliceridi Colesterolo totale e HDL Microalbuminuria Esame urine Uricemia C-peptide GOT/GPT e GGT Bilirubina tot/fraz. Clearance creatinina Emocromo Urocoltura Visite specialistiche inerenti al diabete Ecografia addome superiore (non completo) Ecodoppler dei TSA Ecodoppler venoso e arterioso degli aa ii EMG Fondo dellocchio Studio del campo visivo Studio della sensibilità al colore Tonometria Fluorangiografia Fotocoagulazione Laser ECG Valutazione sensibilità vibratoria Test CV per neuropatia autonomica

34 Le prestazioni esenti devono essere prescritte su una impegnativa, quelle non esenti su unaltra Deve essere riportato chiaramente il codice di esenzione sullimpegnativa Glicemia, HbA1c, colesterolo tot, HDL, trigliceridi, microalbuminuria Per ogni impegnativa si possono prescrivere 8 prestazioni della stessa branca Lautocertificazione deve essere firmata sullapposito spazio dellimpegnativa Rossi Mario

35 Ticket farmaci Liter delle ricette per i farmaci può variare da Regione a Regione Ogni ricetta è valida solo nella propria Regione di competenza Ogni ricetta può avere un massimo di 6 pezzi e validità non superiore a 3 mesi di terapia Per alcuni farmaci (insulina Lantus) occorre il Piano Terapeutico redatto dal Diabetologo in triplice copia

36 Presidi: i limiti amministrativi I cittadini affetti da Diabete mellito hanno diritto alla fornitura gratuita di: Strisce reattive per il controllo della glicemia Lancette e dispositivi pungidito Siringhe per insulina Aghi per penne da insulina Non vi è nessun obbligo di fornitura del glucometro da parte dei Servizi Ogni Regione pone dei limiti quantitativi alla concessione dei presidi Le procedure di concessione variano da Regione a Regione e spesso tra le stesse ASL

37 Tetti di prescrivibilità delle strisce reattive per glicemia Classi AMD/SIDTerapiaTetti mensili Classe 1 Insulinica intensiva 150 Classe 2 Insulinica convenzionale 75 Classe 3 Ipoglicemizzanti secretagoghi 25 Classe 4 Ins-sensibilizzanti o dieta Solo con deroga Classe 5 Diabete in gravidanza 150

38 Le striscette della discordia La durata della prescrizione di strisce è di massimo un anno Per ogni classe, a giudizio del diabetologo sono possibili deroghe (periodi di scompenso, malattie intercorrenti, cambiamenti di dosaggio farmacologico) Le deroghe possono avere durata variabile, massimo di 3 mesi In caso di cambiamento di terapia si ha diritto ad accedere ad una classe di prescrivibilità diversa

39 Presidi: liter Il Centro Diabetologico effettua la prescrizione on-line (sistema CSI regionale) se si possiede lesenzione per diabete: 013 I dati da inserire riguardano il compenso (HbA1c), il tipo di reflettometro e striscette usate, la prevista durata oltre che i dati anagrafici e amministrativi Con la prescrizione specialistica delle strisce si va dal medico curante che la traduce in prescrizione mutualistica (mensile o trimestrale) e con questa direttamente in farmacia Le lancette pungidito vanno prescritte assieme ed in numero uguale alle strisce

40 La strategia del SSN Lattenzione degli amministratori e di molti medici è rivolta alla gestione delle patologie acute: è su queste che vengono convogliati i finanziamenti per nuove strutture e presidi. La risoluzione delle patologie acute genera i riconoscimenti economici più generosi Un By-pass coronarico in un IMA viene pagato dalla Regione Lombardia Dieci visite ambulatoriali di prevenzione valgono appena un centesimo di questa cifra

41 Diabete e lavoro

42 Trovare lavoro Rari casi di segnalazioni alle sedi competenti di difficoltà lavorative legate al diabete e rarissimi i casi di licenziamenti per inidoneità lavorativa dovuta al diabete Il 35% dei ragazzi diabetici ha avuto difficoltà al momento dellassunzione a causa del diabete. Il 34% dei datori di lavoro non ha neppure preso in considerazione lassunzione di chi è affetto da diabete

43 Le promesse della Legge L. 115/87 art. 8 comma 1: La malattia diabetica priva di complicanze invalidanti non costituisce motivo ostativo per laccesso ai posti di lavoro pubblico e privato, salvo i casi per i quali si richie- dano specifici e particolari requisiti attitudinali Art.1 comma d: si deve agevolare linserimento dei diabetici nelle attività scolastiche, sportive e lavorative

44 Ambiguità della Legge Ma lAzienda potrebbe prendere così a cuore la salute del lavoratore da… licenziarlo! L. 300/70 (Statuto dei Lavoratori): divieto degli accertamenti sanitari da parte del datore di lavoro sullidoneità, sullinfermità e sulle malattie del dipendente. Riconosce un obbligo generale di garantire la salute dei lavoratori D. Lgs. 626/94: riconosce la figura del medico aziendale (medico competente) che constati lassenza di controindicazioni psicofisiche alle mansioni specifiche lavorative e effettui accertamenti periodici per controllare lo stato di salute del lavoratore ed esprimere giudizio di idoneità

45 Idoneità alle mansioni I casi di non idoneità assoluta ad una mansione dovuta al diabete sono pochi e in genere relativi al diabete insulino-trattato LAzienda, proprio per garantire la salute del lavoratore può attribuire al lavoratore mansioni diverse o risolvere il rapporto di lavoro Il datore di lavoro NON E TENUTO a modificare le mansioni del lavoratore non più idoneo Servizi territoriali di Medicina del Lavoro competenti alla valutazione dellidoneità

46 Licenziamento per inidoneità Il datore di lavoro potrebbe licenziare il dipendente per sopravvenuta incapacità fisica o psichica alle mansioni lavorative per le quali era stato assunto (Cass. N° /08/87) Linidoneità alle mansioni specifiche costituisce giustificato motivo di recesso del datore di lavoro (Cass. N° /11/81) In caso di licenziamento non esiste lonere per il datore di lavoro di dimostrare limpossibilità di adibirlo a diversa destinazione più adatta (Cass. N° /12/77) E del giudice lobbligo di accertamento delle motivazioni obiettive del licenziamento (Cass. N° /11/77)

47 Discriminazioni La L. 115 difende il lavoratore diabetico: art. 8 c. 1: si esclude qualsiasi forma di discriminazione verso i malati di diabete e riconosce il loro diritto di accesso a posti di lavoro pubblico e privato (se non ci sono complicanze) Il lavoratore che si ritenga discriminato può far valere il suo diritto solo documentando che lAzienda conosce lesistenza del diabete e che ha commesso comportamenti discriminativi proprio a causa di esso (lettere e/o esplicite) In caso di richiesta di modifica delle mansioni da parte del Medico Competente bisogna dimostrare con perizie lerroneità della sua decisione

48 Privacy L. 626/94 tutela la salute sul posto di lavoro attraverso la figura del Medico Competente che: 1. È vincolato dal segreto professionale 2. Ha mandato dallAzienda di assicurare che le mansioni del lavoratore non configurino rischio sanitario per lui Le Aziende possono chiedere una visita medica prima dellassunzione ed altre visite sono previste nel tempo La mancata o mendace dichiarazione non è perseguibile penalmente e non può essere causa di risoluzione del rapporto di lavoro a meno che il diabete non sia esplicita causa di esclusione dal lavoro (piloti o controllori di linea)

49 Orari e condizioni di lavoro Il dipendente può chiedere un colloquio con la direzione del Personale o con il Medico Competente e documentare la situazione (certificazioni del curante) Attenzione perché così si denuncia sia lesistenza della malattia che la propria relativa incapacità a svolgere le mansioni affidate Non esiste alcun obbligo legale da parte dellAzienda di modificare i contenuti e lo stile di conduzione aziendale LAzienda potrebbe esercitare un diritto di autotutela e utilizzare le leggi che obbligano a tutelare la salute del lavoratore per… licenziarlo! In Diabetologia lesigenza di orari fissi non è più ritenuta oggettiva ma soggettiva. Lo stile di vita flessibile non è più un impedimento assoluto

50 In dattaglio La persona con diabete, almeno che non abbia un handicap grave, NON HA ALCUN DIRITTO assoluto ad opporsi a un trasferimento o a chiedere un avvicinamento o una modifica della sede di lavoro Avvicinamenti, trasferimenti Lavoro notturno Art. 2 D. Lgs 532/99 prevede lesonero per alcune categorie di lavoratori. Non sono previste le persone con diabete. Nel caso di trattamento insulinico un Diabetologo può certificare la necessità di non modificare i ritmi di vita Part time Lazienda non ha nessun obbligo di creare posti di lavoro part- time per persone per il solo diabete. Le priorità sono: lhandicap grave, la disabilità (>46%), lassistenza ad handicap


Scaricare ppt "Il DIABETE e la LEGGE Affinchè… la Legge sia davvero uguale per tutti Emanuele Fraticelli ASL CN2 Alba-Bra."

Presentazioni simili


Annunci Google