La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università di Pisa, 3 Dicembre 2013 Le Impugnazioni in generale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università di Pisa, 3 Dicembre 2013 Le Impugnazioni in generale."— Transcript della presentazione:

1 Università di Pisa, 3 Dicembre 2013 Le Impugnazioni in generale

2 Acquiescenza La possibilità di impugnare la sentenza viene meno, nel caso in cui la parte abbia fatto acquiescenza, ovvero abbia tenuto un comportamento univoco incompatibile con la successiva impugnazione. Acquiescenza Espressa Tacita Acquiescenza TotaleParziale

3 Soccombenza Anche in sede di impugnazioni vale il presupposto processuale dellinteresse ad agire: per proporre un mezzo di impugnazione occorre avere interesse ad impugnare. Linteresse ad impugnare si valuta in base al concetto di soccombenza: è soccombente nel processo chi non abbia ottenuto laccoglimento delle proprie conclusioni. La soccombenza può essere reciproca, nel caso in cui ciascuna delle parti abbia viste parzialmente respinte le conclusioni rispettivamente formulate.

4 Il litisconsorzio nelle impugnazioni: art. 335 c.p.c. Qualora al giudizio di primo grado abbiano partecipato più soggetti (litisconsorzio), il legislatore vuole evitare che sorgano più giudizi di impugnazione. A tal fine è fissato il principio dellunità del procedimento di impgunazione. Il codice di rito distingue, a seconda che le cause siano scindibili o inscindibili.

5 Il litisconsorzio nelle impugnazioni: art. 335 c.p.c. Qualora al giudizio di primo grado abbiano partecipato più soggetti (litisconsorzio), il legislatore vuole evitare che sorgano più giudizi di impugnazione. A tal fine è fissato il principio dellunità del procedimento di impgunazione. Il codice di rito distingue, a seconda che le cause siano scindibili o inscindibili.

6 Integrazione del contraddittorio in cause inscindibili: art. 331 c.p.c. Se la sentenza pronunciata tra più parti in causa inscindibile o in cause tra loro dipendenti non è stata impugnata nei confronti di tutte, il giudice ordina lintegrazione del contraddittorio fissando il termine nel quale la notificazione deve essere fatta e, se è necessario, ludienza di comparizione. Limpugnazione è dichiarata inammissibile se nessuna delle parti provvede allintegrazione nel termine fissato.

7 Notificazione dellimpugnazione relativa a cause scindibili: art. 332 c.p.c. Se limpugnazione di una sentenza pronunciata in cause scindibili è stata proposta soltanto da alcuna delle parti o nei confronti di alcune di esse, il giudice ne ordina la notificazione alle altre. Il giudice fissa altresì un termine entro il quale la notificazione deve essere effettuata. Se la notificazione ordinata dal giudice non avviene, il processo rimane sospeso finché non siano decorsi i termini per limpugnazione. La notifica qui è una semplice litis denuntiatio, che non esclude la possibilità che la sentenza passi in giudicato con riferimento ad alcune parti, mentre per le altre pende un giudizio di impugnazione.

8 Integrazione del contraddittorio in cause inscindibili: art. 331 c.p.c. Se la sentenza pronunciata tra più parti in causa inscindibile o in cause tra loro dipendenti non è stata impugnata nei confronti di tutte, il giudice ordina lintegrazione del contraddittorio fissando il termine nel quale la notificazione deve essere fatta e, se è necessario, ludienza di comparizione. Limpugnazione è dichiarata inammissibile se nessuna delle parti provvede allintegrazione nel termine fissato.

9 Impugnazione principale ed impugnazione incidentale Data lesigenza di far confluire tutte le impugnazioni proposte contro la stessa pronuncia in un unico processo, il legislatore detta una disciplina particolare delle impugnazioni che possano assommarsi avverso una stessa decisione, distinguendo tra: - Impugnazione principale, ovvero quella proposta per prima; - Impugnazioni incidentali, ovvero quelle proposte successivamente alla prima. Ovviamente, dovrà esserci stata una soccombenza parziale. Limpugnazione incidentale potrà essere adesiva, oppure incidentale in senso stretto ed autonoma.

10 Impugnazione incidentale tempestiva/tardiva Se limpugnazione incidentale è proposta prima che sia decorso il termine breve o lungo per la proposizione delle impugnazioni, essa si definisce tempestiva. Limpugnazione incidentale può essere proposta dal convenuto in impugnazione, nonché dai litisconsorti in cause inscindibili, anche dopo il decorso dei termini di cui sopra ed anche nel caso in cui la parte abbia in un primo momento fatto acquiescenza. In tal caso, essa si definisce tardiva.

11 La ratio dellimpugnazione incidentale tardiva Per quale ragione il legislatore consente alla parte di impugnare anche dopo il decorso del termine o lacquiescenza? Perché laltrui impugnazione potrebbe far risorgere nella parte linteresse a rimettere in discussione la pronuncia, nonostante che in un primo momento tale parte avesse deciso di non impugnare.

12 Il regime dellimpugnazione incidentale tardiva: il rapporto di dipendenza dallimpugnazione principale Limpugnazione incidentale proposta tardivamente vive in un rapporto di dipendenza rispetto allimpugnazione principale: la prima sarà ammissibile solo nella misura in cui lo sia anche la seconda. Pertanto, ex art. 334 comma 2 c.p.c., se limpugnazione principale è dichiarata inammissibile, limpugnazione incidentale perde ogni efficacia.


Scaricare ppt "Università di Pisa, 3 Dicembre 2013 Le Impugnazioni in generale."

Presentazioni simili


Annunci Google