La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Problematiche emergenti nei programmi di screening: le donne immigrate nella regione Emilia-Romagna Reggio Emilia 16 ottobre 2006 Priscilla Sassoli de.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Problematiche emergenti nei programmi di screening: le donne immigrate nella regione Emilia-Romagna Reggio Emilia 16 ottobre 2006 Priscilla Sassoli de."— Transcript della presentazione:

1 Problematiche emergenti nei programmi di screening: le donne immigrate nella regione Emilia-Romagna Reggio Emilia 16 ottobre 2006 Priscilla Sassoli de Bianchi Servizio Sanità Pubblica Regione Emilia-Romagna

2 Gli immigrati in Emilia-Romagna: un fenomeno rilevante Negli ultimi cinque anni la popolazione straniera residente è quasi raddoppiata.

3 La Regione Emilia-Romagna presenta il sesto rapporto sull´immigrazione straniera in regione - Volume edito da CLUEB (Cooperativa Libraria Universitaria Editrice Bologna). Finito di stampare nel gennaio pp. La popolazione straniera soggiornante è negli ultimi 9 anni pressoché quadruplicata. Le unità stimate nel 2004 sono circa il 10% delle presenze in Italia. Osservando la popolazione straniera residente si è evidenziata unincidenza al del 6,2%, che colloca l´Emilia-Romagna ai primi posti fra le regioni italiane. A livello italiano la percentuale è decisamente più contenuta ed è rappresentata dal 4,1%. Lincidenza dei bambini stranieri nelle scuole di ogni ordine e grado è rappresentata dall8,4% ed è la più alta in Italia.

4 Immigrati stranieri Unione Europea 20 milioni di persone 7% dei residenti Italia 2 milioni e persone 5% dei residenti Emilia-Romagna persone 7% dei residenti Stima al 31/12/2004

5 Le tre fasi storiche dellimmigrazione in Emilia-Romagna I. Anni ottanta: primi inserimenti consistenti di lavoratori egiziani nella provincia di Reggio Emilia ~ unità (1%) II. Anni novanta: cresce lafflusso soprattutto dai Balcani ~ unità (40% femmine) III. Seconda metà anni novanta-oggi: ritmo di crescita >10% annuo, ricongiungimenti familiari (46% femmine) provenienti da Africa ed Europa Orientale ma anche Asia ed America Latina

6 La popolazione straniera è quadruplicata dal 1996 al 2004 passando da a persone. (48% femmine) La popolazione straniera è quadruplicata dal 1996 al 2004 passando da a persone. (48% femmine) Incidenza sulla popolazione residente da 1,1% nel 1993 a 6,9% nel 2004 Incidenza sulla popolazione residente da 1,1% nel 1993 a 6,9% nel 2004 La Provincia con la percentuale maggiore: Reggio Emilia minore: Ferrara

7 Trend in aumento? Pressione demografica dei Paesi in via di sviluppo Pressione demografica dei Paesi in via di sviluppo Calo demografico degli scorsi decenni Calo demografico degli scorsi decenni Mercato del lavoro Mercato del lavoro Ripresa demografica: da nascite nel 1994 a nel % delle nascite da madre straniera

8 Le Aree di provenienza (%) 1) Marocco 2) Albania 3) Tunisia 4) Romania 5) Cina 6) Ucraina

9 Le donne immigrate di anni Stima delle AUSL

10 I Paesi di provenienza delle donne

11 Coinvolgimento comunità locali (EELL e associazioni femminili e di volontariato) Invito a tutte le donne residenti Sollecito alle non rispondenti Coinvolgimento dei MMG Comunicazione coordinata e diffusa Come pensavamo di garantire lequità?

12 necessità di invitare tutte le donne in fascia detà da screening, anche se con test recente documentato. necessità di invitare tutte le donne in fascia detà da screening, anche se con test recente documentato. Da opportunità per chi non fa il test, a diritto esigibile, pari opportunità. E inoltre, nel 2005 sono stati richiamati allattenzione dalla Regione: interventi tesi a favorire la partecipazione delle popolazioni immigrate e le fasce deboli della popolazione emiliano- romagnola ai programmi di sanità pubblica interventi tesi a favorire la partecipazione delle popolazioni immigrate e le fasce deboli della popolazione emiliano- romagnola ai programmi di sanità pubblica Come pensavamo di garantire lequità? Successivamente…………...

13 Le azioni intraprese

14 Si ritiene pertanto necessario adottare ovunque e sistematicamente una serie di interventi tesi a favorire la partecipazione delle popolazioni immigrate a programmi di sanità pubblica, che rafforzino ulteriormente le iniziative già in atto di offerta di test di screening, con particolare riferimento al Pap-test….. Si ritiene pertanto necessario adottare ovunque e sistematicamente una serie di interventi tesi a favorire la partecipazione delle popolazioni immigrate a programmi di sanità pubblica, che rafforzino ulteriormente le iniziative già in atto di offerta di test di screening, con particolare riferimento al Pap-test…..

15 E inoltre…… Piano Regionale della prevenzione Piano Regionale della prevenzione Obiettivi per il triennio ….. 6) Assicurare su tutto il territorio regionale lestensione dei programmi di screening alle persone domiciliate, in particolare alle fasce più svantaggiate ed emarginate come la popolazione immigrata.

16 Cosa possiamo fare per monitorare e ridurre le disuguaglianze? Necessità di dati periodici sulle caratteristiche socio- anagrafiche che possono condizionare laccesso delle donne Alcune Aziende Usl hanno già realizzato interviste, in particolare sulle non-rispondenti Favorire studi che permettano una migliore comprensione del legame tra reti sociali, etnie e disuguaglianze Ma soprattutto garantire un programma di screening che sia integrato nelle altre attività sanitarie e che assicuri continuità nel percorso di diagnosi e cura. (Lai Fong Chiu 2003 NHS Cancer Screening Programmes)

17 CONSIGLIO DEUROPA – PARLAMENTO UE Documento: Raccomandazioni sugli screening dei tumori del 2/12/2003 (2003/878/CE): 1.Attuazione dei programmi di screening dei tumori 2.Modelli organizzativi e gestionali 3.Registrazione e gestione dei dati di screening 4.Controllo 5.Formazione 6.Partecipazione 7.Introduzione di nuovi test di screening o di nuovi programmi solo se EB a seguito di programmi di ricerca validati a livello internazionale. Invita: 1.Relazione e attuazione dei programmi 2.Cooperazione degli stati membri 3.Ricerca sugli screening

18 Allegato: TEST DI SCREENING CHE SODDISFANO I REQUISITI DELLA RACCOMANDAZIONE: Striscio vaginale (PAP-TEST) per individuare anche i precursori dei tumori del collo dellutero, con inizio non prima dei 20 anni e non dopo i 30 anni Mammografia per individuare tumori al seno nelle donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni conformemente alle indicazioni dellUE (terza edizione) per quanto riguarda la garanzia di qualità delle mammografie Screening per lindividuazione del sangue occulto nelle feci per i tumori colo-rettali negli uomini e nelle donne in una fascia di età compresa allinterno dei anni

19 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO IN ITALIA LINEE GUIDA DELLA C.O.N LINEE GUIDA DELLA C.O.N.: Suppl. Ord. G.U. n. 127 del 1 Giugno 1996 PSN PSN e seguenti: Finanziamento degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale di cui agli articoli 34 e 34 bis della legge 626/96, Fondo sanitario nazionale 1998, 1999 e Le priorità indicate sono: liste dattesa, screening, ADI, salute mentale Documento 8/3/2001 Documento 8/3/2001: Conferenza permanente per i rapporti fra lo Stato, le Regioni e le Provincie autonome di Trento e Bolzano: Suppl. Ord. G.U. n. 100 del 2/5/2001 (Attualmente in revisione da parte di tre gruppi di lavoro del CCM – Ministero Salute) DPCM n. 26 del 29/11/2001 DPCM n. 26 del 29/11/2001: definizione dei LEA

20 Piano Prevenzione Attiva : Cernobbio 2004 (ora tradotto in accordo della Conferenza Stato-Regioni del marzo 2005 con stanziamento di 440 milioni di Euro per 6 progetti fra cui gli screening in Oncologia) Legge n. 138 (art. n. 2 bis) del 5/2004: 52 milioni di Euro in tre anni per i programmi di screening


Scaricare ppt "Problematiche emergenti nei programmi di screening: le donne immigrate nella regione Emilia-Romagna Reggio Emilia 16 ottobre 2006 Priscilla Sassoli de."

Presentazioni simili


Annunci Google