La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LACQUA CHE BEVIAMO E UNA SOLUZIONE Poniamo acqua del rubinetto sul fuoco e portiamola a ebollizione. Misuriamo la T di ebollizione. Cosa rimane sul fondo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LACQUA CHE BEVIAMO E UNA SOLUZIONE Poniamo acqua del rubinetto sul fuoco e portiamola a ebollizione. Misuriamo la T di ebollizione. Cosa rimane sul fondo."— Transcript della presentazione:

1 LACQUA CHE BEVIAMO E UNA SOLUZIONE Poniamo acqua del rubinetto sul fuoco e portiamola a ebollizione. Misuriamo la T di ebollizione. Cosa rimane sul fondo della pentola una volta che tutta lacqua è scomparsa? Un residuo biancastro. Cosa ti suggerisce questosservazione? Lacqua del rubinetto non è pura, ma contiene dei soluti. Prova ora con dellacqua minerale. Cosa osservi?

2 Prova ora con dellacqua demineralizzata (quella che si usa per il ferro da stiro). Cosa osservi? Lacqua è stata privata di molti dei sali disciolti ( attraverso un procedimento che si chiama osmosi inversa che fa sì che il solvente, sottoposto ad unadeguata pressione, passi da una soluzione più concentrata ad una meno concentrata). Un modo per ottenere acqua pura è la distillazione: si sfrutta la diversa temperatura di ebollizione di soluto e solvente. L'acqua viene fatta bollire, facendo successivamente condensare per raffreddamento il vapore acqueo ottenuto. Lo strumento utilizzato scientificamente è detto "tubo di Liebig" ed è composto da un contenitore, dove l'acqua viene fatta bollire ("caldaia"), da un tubo di raffreddamento e da un contenitore finale dove viene raccolta l'acqua pura.Liebigtubo di raffreddamento

3 Nellacqua sono disciolti oltre che sali anche gas. Il più importante è lanidride carbonica Come faccio a vederli? Quando fai bollire lacqua…sono quelle bollicine che vedi prima dellebollizione vera e propria. I gas escono dalla soluzione perché la loro solubilità diminuisce con aumento temperatura. Prendi una bottiglia di acqua addizionata di anidride carbonica e aprila. Cosa osservi? Compaiono delle bollicine prima non visibili. Questo perché la solubilità dei gas nei liquidi si riduce con la riduzione della pressione. Lacqua frizzante ha un sapore acidulo. Come mai? E dovuto alla formazione dellacido carbonico.

4 ACQUA POTABILE E ACQUA MINERALE Suddivisione acque a seconda utilizzo: Acque minerali ( imbottigliata così come sgorga dalla sorgente) Acque potabili ( destinate al consumo umano ) Acque industriali ( utilizzate nel funzionamento delle industrie e, in particolare, nei sistemi di raffreddamento) Acque agricole (destinate principalmente all'irrigazione ) Acque reflue (provenienti dagli scarichi civili ed industriali) Ma allora lacqua minerale non è potabile? Lacqua minerale e lacqua potabile (quella del rubinetto) sono regolate da leggi diverse. Vengono definite acque minerali quelle che hanno delle virtù terapeutiche, ossia vengono considerate come medicinali.

5 Alcuni parametri chimici dellacqua potabile e dellacqua minerale:

6 Consideriamo per esempio i fluoruri Fluoruri ( ) Concentrazioni ammissibili maggiori in acque minerali COME MAI ? Le acque minerali possono avere scopi terapeutici: possono contenere ioni necessari in caso di patologie, ma non adatti in concentrazioni elevate alle persone sane! Il Fluoro è un costituente di ossa e denti

7 Leggiamo qualche etichetta di acque minerali in commercio: ACQUE LISCE

8

9 ACQUA LISCIA ACQUISTATA ALLESTERO ACQUA FRIZZANTE

10 Cosè obbligatorio per legge indicare in etichetta? 1.Elementi caratterizzanti lacqua minerale 2. Conduttività 3. Residuo fisso 4. pH 5. libera alla sorgente (fatta eccezione per le acque minerali sottoposte a trattamenti consentiti, che comportino variazione di tali parametri) 6. le acque minerali naturali la cui concentrazione di fluoro è superiore a 1,5 mg/l, devono riportare la seguente indicazione in etichetta: Contiene più di 1,5 mg/l di fluoro: non ne è opportuno il consumo regolare da parte dei lattanti e dei bambini di età inferiore a sette anni. 7. le acque minerali naturali e quelle di sorgente che sono state sottoposte a trattamento con aria arricchita di ozono devono riportare in etichetta, in prossimità dellindicazione della composizione analitica, la seguente dicitura: Acqua sottoposta ad una tecnica di ossidazione allaria arricchita di ozono

11 ELEMENTI CARATTERIZZANTI: Indicazione vaga; lascia molta libertà a produttore. Es: CONDUTTIVITA Lacqua è un composto covalente: pura dunque non conduce elettricità perché non ci sono cariche libere (ioni). Sono i sali in essa disciolti a rendere la soluzione un conduttore di elettricità. Quindi la conduttività dellacqua ci dà una buona indicazione dei sali in essa disciolti. Lacqua pura ha una conducibilità di 1 μS/cm (leggi microsiemens per centimetro). La maggior parte delle acque minerali commercializzate ha una conducibilità tra 100 e 1000 μS/cm.

12 RESIDUO FISSO Anche il residuo fisso come la conduttività è legato ai sali disciolti in acqua. Viene ottenuto portando un litro dacqua a 180° e pesando la parte solida rimasta. E il residuo fisso a permetterci di catalogare le acque in: MINIMAMENTE MINERALIZZATE < 50 mg/l OLIGOMINERALI tra 51 e 500 mg/l ACQUE MINERALIZZATE tra 501 e 1500 mg/l RICCHE DI SALI MINERALI oltre 1500 mg/l pH E la misura della concentrazione degli ioni idrogeno in una soluzione. Quando più è basso, tanto più lacqua è acida, cioè tanto maggiore è la concentrazione di ioni. In genere nelle acque minerali esso ha un valore compreso tra 6,5 e 8 (ossia da leggermente acido a leggermente basico).

13 libera alla sorgente Il suo contenuto è legato come visto allacidità dellacqua. Frequenza analisi chimiche: Controlli alla sorgente almeno bimestrali da parte delle aziende e almeno una volta per ognuna delle stagioni da parte organi sanitari competenti; Controlli sul prodotto finito: almeno giornaliero da parte delle aziende imbottigliatrici e almeno una volta al mese da organi sanitari competenti

14 Una delle possibili classificazione delle acque a seconda della durezza: fino a 7 °f: molto dolci da 7 °f a 14 °f: dolci da 14 °f a 22 °f: mediamente dure da 22 °f a 32 °f: discretamente dure da 32 °f a 54 °f: dure oltre 54 °f: molto dure Perché è importante conoscere la durezza dell acqua? Perché ci permette di usare giusta quantità di detersivo. Le molecole che costituiscono il detergente si combinano con gli ioni calcio formando composti insolubili che, oltre a far aumentare il quantitativo di detergente necessario, si depositano nelle fibre dei tessuti facendole infeltrire. Ad oggi nessuna influenza negativa può essere attribuita allelevata durezza di unacqua per quanto riguarda la salute delluomo in generale e, in particolare, allinsorgenza di calcoli renali o biliari.

15 Ma da dove viene lacqua potabile del ravennate? Principalmente dal fiume Po….che è un fiume inquinato. Lacqua subisce dei trattamenti e viene resa potabile. A Ravenna le acque vengono gestite e trattate da HERA. In un opusculo scaricabile da internet (www.gruppohera.it) è possibile vedere descritti i trattamenti subiti dalle acque.www.gruppohera.it

16 Quale acqua è meglio bere? Ognuno può decidere cosa fare. E importante però sapere cosa si beve. Pensiamo anche ad una cosa. Bevendo lacqua del rubinetto: non si producono rifiuti (bottiglie) in plastica difficili da smaltire; non si incrementa il traffico su gomma dovuto al trasporto di una merce tanto pesante; non si fa la fatica di trasportare dal supermercato chili di un bene che abbiamo direttamente a casa nostra. Noi siamo fortunati!


Scaricare ppt "LACQUA CHE BEVIAMO E UNA SOLUZIONE Poniamo acqua del rubinetto sul fuoco e portiamola a ebollizione. Misuriamo la T di ebollizione. Cosa rimane sul fondo."

Presentazioni simili


Annunci Google