La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL DISTACCO DI RETINA Maurizio Iacobone. RETINARETINA Rappresenta la tunica più interna dellocchio; è la sede dei fotorecettori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL DISTACCO DI RETINA Maurizio Iacobone. RETINARETINA Rappresenta la tunica più interna dellocchio; è la sede dei fotorecettori."— Transcript della presentazione:

1 IL DISTACCO DI RETINA Maurizio Iacobone

2 RETINARETINA Rappresenta la tunica più interna dellocchio; è la sede dei fotorecettori

3 RETINARETINA Si estende dall ora serrata alla papilla. Anteriormente si continua con lepitelio del corpo ciliare e delliride, che hanno lo stesso significato embriologico e formano la pars cieca della retina. Ha uno spessore di 0.5 mm al polo posteriore, 0,3 allequatore, 0,1 allora serrata

4 RETINARETINA non adatta alla funzione visiva, si estende dallora serrata al margine pupillare. Parte ottica : Parte cieca : serve alla funzione visiva e si estende dal nervo ottico allora serrata

5 RETINARETINA Foglietto esterno Strato unico di cellule esagonali, contenenti pigmento (melanina) Poggia sulla membrana di Bruch Foglietto interno Costituito da più strati cellulari. Poggia sullepitelio pigmentato, ma non vi aderisce epitelio pigmentato

6 Foglietto esterno barriera semipermeabile regolazione produzione di porpora retinica funzione importante nella visione dei colori schermo protettivo verso la luce RETINARETINA

7 RETINARETINA Foglietto interno membrana limitante interna membrana limitante interna strato delle fibre nervose strato delle fibre nervose strato delle cellule gangliari strato delle cellule gangliari strato dei granuli interni strato dei granuli interni strato plessiforme interno strato plessiforme interno strato dei granuli esterni strato dei granuli esterni strato plessiforme esterno strato plessiforme esterno strato dei coni e dei bastoncelli strato dei coni e dei bastoncelli membrana limitante esterna membrana limitante esterna

8 RETINARETINA Coni e bastoncelli Elementi di fotorecezione Coni: 7 milioni Bastoncelli: 130 milioni Visione scotopica Visione fotopica Regione maculare

9 RETINARETINA CONI E BASTONCELLI Elemento recettore Fibra articolo interno Corpo cellulare + nucleo dischi impilati contenenti rodopsina articolo esterno forma a cono o bastoncello di unione con la fibra

10 VITREOVITREO E il più voluminoso mezzo diottrico dellocchio;occupa tutta la parte della cavità del globo oculare situata tra il cristallino, il suo sistema sospensore e la retina. ha una forma più o meno sferica con una infossatura anteriore detta fossa ialoidea, nella quale si incastra la faccia posteriore del cristallino. E costituito da una sostanza incolore, trasparente,gelatinosa (idrogel), il cui substrato principale e lacido ialuronico che garantisce unalta viscosità, cioè lo stato colloidale. peso specifico : 1,005 indice di refrazione : 1,33 contenuto in acqua : 98,4 % FUNZIONI NUTRITIZIA (CRISTALLINO E RETINA) MORFOSTATICA (MANTIENE LA FORMA DEL BULBO)

11 ANATOMIA TOPOGRAFICA POLO POSTERIORE: comprende la macula e la papilla ottica ed è delimitato da un cerchio immaginario che lambendo le arcate vascolari retiniche temporali passa allesterno del disco ottico e da esso dista un diametro papillare MEDIA PERIFERIA: si estende dal polo posteriore sino ad una linea immaginaria che sfiora posteriormente le ampolle delle vene vorticose ESTREMA PERIFERIA: posteriormente il cerchio che sfiora le ampolle delle vene vorticose separando la periferia propriamente detta dalla media periferia; anteriormente il bordo anteriore della base del vitreo fino allora serrata ORA SERRATA: esternamente corrisponde allincirca allinserzione dei muscoli retti che, negli emmetropi, è localizzata 7 mm dietro il limbus dal lato temporale e 6 mm da quelllo nasale CORPO CILIARE: è localizzato ad 1 mm dal limbus e si estende posteriormente per circa 6 mm. I primi 2 mm sono formati dalla pars plicata, i rimanenti 4 mm dalla pars plana. Per non compromettere la retina, il cristallino e la base del vitreo la sede ideale per una incisione chirugica (sclerotomia) è la parte centro-superiore della pars plana situata a 3-4 mm dal limbus BASE DEL VITREO: è una zona larga 3-4 mm situata a cavallo dellora serrata

12 DEFINIZIONE DI DISTACCO DI RETINA SEPARAZIONE DELLA RETINA SENSORIALE DALLEPITELIO PIGMENTATO PER LA PRESENZA DI LIQUIDO SOTTORETINICO

13 CLASSIFICAZIONE DDR REGMATOGENO DDR NON REGMATOGENO

14 DDR REGMATOGENO TRAUMATICO SPONTANEO

15 DDR NON REGMATOGENO DA TRAZIONE RETINOPATIA PROLIFERANTE TRAUMA OCULARE PERFORANTE ESSUDATIVO PROCESSI INFIAMMATORI SECONDARIO TUMORI COROIDEALI

16 METODICHE DI ESAME Esame del fundus previa instillazione di midriatici Oftalmoscopia diretta Oftalmoscopia indiretta (indentaz. sclerale) Biomicroscopia del segmento posteriore

17 TECNICHE CHIRURGICHE DDR REGMATOGENO AB ESTERNO VITRECTOMIA VIA PARS-PLANA

18 DEFINIZIONE Il distacco di retina regmatogeno consiste nella separazione dellepitelio pigmentato dal neuroepitelio ed è sempre preceduto da una rottura

19 PATOGENESI DEL DDR REGMATOGENO MECCANISMI FONDAMENTALI Considerazioni generali Formazione delle rotture retiniche Perdite delle normali adesioni Effetti delle forze inerziali

20 PATOGENESI DEL DDR REGMATOGENO MECCANISMI FONDAMENTALI Considerazioni generali Alterazione croniche degenerative Vitreo e strati retinici interni Epitelio pigmentato con la coriocapillare

21 PATOGENESI DEL DDR REGMATOGENO MECCANISMI FONDAMENTALI (Distacco Posteriore di Vitreo) Formazione della rottura retinica

22 PATOGENESI DEL DDR REGMATOGENO MECCANISMI FONDAMENTALI Perdita della normale adesione E causata da una alterazione quantitativa e qualitativa della matrice mucopolisaccaridica o di glicosaminoglicani normalmente esistente tra i segmenti esterni dei fotorecettori ed i processi villosi dellepitelio pigmentato

23 PATOGENESI DEL DDR REGMATOGENO MECCANISMI FONDAMENTALI Effetti delle forze inerziali Le forze inerziali sono quelle che, una volta instauratosi un distacco vitreale, contribuiscono allestensione del distacco vitreale stesso, ad accellerare la formazione di una rottura retinica, ad incrementare le dimensioni del distacco retinico.

24 PATOGENESI DEL DDR REGMATOGENO (Distacco Posteriore di Vitreo)

25 LIQUIDO SOTTORETINICO 1.Essudazione coroideale da contatto vitreo-epitelio pigmentato 2. Essudazione coroideale primitiva

26 Liquido sottoretinico Fisiologia Pressione idrostatica Forze Osmotiche Trasporto Attivo Equilibrio

27 Liquido sottoretinico Fisiologia Forze osmotiche Dovute al gradiente di pressione osmotica presente tra lo spazio sottoretinico e la coroide extravascolare e tra questa ed il plasma Pressione idrostatica Se esiste una pressione differenziale tra il vitreo e lo spazio sottoretinico, essa può influenzare il movimento di liquido attraverso lEPR Trasporto attivo acqua-soluti Il movimento di liquido in vitro attraverso lEPR nonostante differenze di pressioni osmotiche e idrostatiche lesistenza di un trasporto attivo acqua-soluti

28 Liquido sottoretinico Fisiopatologia del liquido sottoretinico Danno dellEPR Passaggio di proteine dalla coroide allo spazio sottoretinico e richiamo di acqua Dopo qualche settimana lEPR guarisce,ritorna barriera impermeabile e blocca il passaggio di proteine dalla coroide allo spazio sottoretinico liquido sottoretinico a densità sempre maggiore Ciò determina un aumento della pressione oncotica sottoretinica che si contrappone allazione di deturgescenza dellEPR Ulteriore accumulo di liquido proveniente dai corpi ciliari umor vitreo spazio sottoretinico

29 DISTACCO DI RETINA REGMATOGENO FATTORI PREDISPONENTI sesso e razza ereditarietà alterazioni retiniche periferiche anomalie oculari congenite agenti miotici malattie ed anomalie sistemiche fattore stagionale

30 FATTORI PRECIPITANTI DISTACCO DI RETINA REGMATOGENO miopia traumi operazioni intraoculari emorragie vitreali flogosi corioretinica

31 MIOPIA Il 40% dei DDR si verifica in pz miopi a causa di: Degenerazione a lattice : più frequente nei miopi 3D Atrofia corioretinica diffusa piccoli fori in miopia elevata Vitreo : la sineresi, la sinchisi ed il DPV sono più frequenti Miopia > 5 D Pazienti di oltre 60 anni miopi > 5 D hanno il 2,4% di rischio di sviluppare un DDR differentemente dai coetanei emmetropi che invece hanno un rischio dello 0,06% Il rischio aumenta sempre più allaumentare della miopia ed ancor di più in occhi sottoposti ad estrazione del cristallino

32 TRAUMI Precedono il DDR nel 30% circa dei casi Causa principale di DDR nei giovani adulti e nei bambini La maggioranza dei DDR post-traumatici è causata da traumi contusivi Dopo traumi contusivi il 75% delle rotture è costituito da dialisi retiniche Nell85% dei casi dei DDR post-traumatici si riscontrano dialisi retiniche

33 PSEUDOFACHIA ED AFACHIA 0,5 - 2% dei soggetti pseudofachici sono a rischio di sviluppare un DDR. Tale rischio è incrementato in caso di interruzione della capsula posteriore del sacco del cristallino e di perdita di vitreo. Tale rischio è maggiore nel primo anno postoperatorio (ICCE > ECCE > PHACO). Incremento del rischio di sviluppare un DDR è riscontrato anche in soggetti sottoposti a capsulotomia Nd:Yag laser.

34 DISTACCO DI RETINA REGMATOGENO CLASSIFICAZIONE equatoriale orale misto

35 SINTOMATOLOGIA Fotopsia (trazione vitreoretinica) Miodesopsie (degenerazione vitreale) Riduzione del campo visivo Perdita della visione centrale a grande anello (anello di Weiss) a ragnatela a piccole macchie

36 SEGNI OBBIETTIVI DI DDR Pupilla: segno di Marcus-Gunn IOP: di solito più bassa dellocchio adelfo Camera anteriore: tyndall + Rotture retiniche Aspetto del distacco Mobilità del distacco Pieghe retiniche Linee di demarcazione sottoretinica Fibrosi sottoretinica Proliferazione vitreoretinica (PVR) Segni tardivi Segni precoci

37 PIEGHE RETINICHE SEGNI TARDIVI DEL DDR REGMATOGENO (importanza prognostica)

38 LINEE DI DEMARCAZIONE SEGNI TARDIVI DEL DDR REGMATOGENO (importanza prognostica)

39 FIBROSI SOTTORETINICA (importanza prognostica) SEGNI TARDIVI DEL DDR REGMATOGENO

40 OFTALMOSCOPIA INDIRETTA Preparazione del paziente Dilatazione delle pupille: a) anestetico locale minore disagio del paziente + lacrimazione riflessa ridotto wash out del midriatico b) tropicamide 1% + fenilefrina 1% Posizionamento del paziente: supino con spazio limitrofo sufficiente per poter girare attorno al paziente durante lesame dei vari settori retinici

41 OFTALMOSCOPIA INDIRETTA Lingrandimento (immagine invertita verticalmente ed orizzontalmente) è indipendente dal difetto refrattivo del paziente ed è determinato dalla potenza della lente asferica utilizzata: maggiore è il potere più ampio risulta il campo esaminato con conseguente diminuzione dellingrandimento dei particolari osservati + 20 D X 3,5 volte campo di 40° + 30 D X 2 volte campo di 60°

42 OFTALMOSCOPIA INDIRETTA Tecnica Controllare la distanza interpupillare ed allineare il fascio in modo che sia localizzato al centro del campo di osservazione Chiedere al paziente di tenere entrambi gli occhi aperti Tenere la lente con una mano e con laltra tenere aperte le palpebre Inizialmente esaminare la periferia e non il polo posteriore per evitare intensa fotofobia Essere preparati a girare attorno al paziente Eseguire lindentazione sclerale

43 OFTALMOSCOPIA INDIRETTA Indentazione sclerale Permette di esaminare le aree più anteriori della periferia del fundus Aumenta il contrasto tra coroide e retina sensoriale evidenziando aree poco o non apprezzabili

44 LOCALIZZAZIONE DELLE ROTTURE

45

46 INDICAZIONI ALLA CHIRURGIA DEL DDR AB EXTERNO Rotture giganti ( > 3 ore) Rotture multiple e/o complesse (es. lembo arrotolato) Proliferazione vitreoretinica ( PVR C2) Emovitreo, scarsa midriasi Pseudofachia ? Distacco essudativo Distacco secondario Il successo anatomico del trattamento ab externo del DDR regmatogeno è di oltre il 90%. Tutti i casi eccetto che:

47 PROGNOSI NEI DDR MACULA-OFF Occhi con DDR macula-off operati ab externo raggiungono ottima acuità visiva se operati entro i primi 10 giorni dal distacco maculare. Lacuità visiva è migliore rispetto quella di occhi macula off operati dopo 11 giorni. Pazienti di età 60 anni macula-off ottengono i migliori risultati funzionali postoperatori. La durata del distacco maculare e letà dei pazienti non influiscono sul successo anatomico. Hassan TS et al. Ophthalmology 2002;109:

48 OBBIETTIVI Chiusura di tutte le rotture retiniche Rilasciamento della trazione vitreale sulle rotture retiniche

49 Chiusura di tutte le rotture retiniche Rilasciamento della trazione vitreale sulle rotture retiniche diatermia criopessia fotocoagulazione OBBIETTIVI

50 Disinfezione del fornice congiuntivale Povidone iodato 5 %

51 Anestesia Generale (più frequente) Sottotenoniana + acinesia

52 Piombaggio (Custodis) Definizioni Piombaggio: è una procedura chirurgica che mira ad indentare la sclera verso linterno Impianto: viene utilizzato per indentare la sclera. Può essere intrasclerale( non più utilizzato) o episclerale Scopo Chiudere le rotture retiniche avvicinando lepitelio pigmentato alla retina sensoriale ed allentare la trazione vitreoretinica Orientamento Radiale: limpianto è orientato perpendicolarmente al limbus Circonferenziale: parallelo al limbus Cerchiaggio: parallelo al limbus, include lintera circonferenza bulbare, creando unindentazione per 360° Tecniche di indentazione

53 Indicazioni del Piombaggio 1. Radiale Ampie rotture a ferro di cavallo, specie quando si teme un aspetto a bocca di pesce Rotture posteriori (facile da suturare) 2. Circonferenziale Rotture multiple localizzate in uno o due quadranti e/o a varia distanza dallora serrata Rotture anteriori Rotture ampie, come le dialisi e le rotture giganti ( > 3 ore) 3. Cerchiaggio (Arruga) Rotture che coinvolgono tre o quattro quadranti Degenerazione a lattice che interessa tre o quattro quadranti Distacco retinico esteso senza rotture identificabili ( rotture preequatoriali) Proliferazione vitreoretinica grado C Distacco di retina nellafachico

54 Materiali e Tipi del Piombaggio Spugna di silicone morbido Banda o fascetta di silicone morbido Impianto scanalato di silicone morbido

55 Materiali e Tipi del Piombaggio Impianto in silicone: Spugna o Gomma ? SPUGNA contiene cellule daria chiusa non tra loro in comunicazione maggiore compressibilità ed elasticità il piombaggio aumenta postoperatoriamente se si rompono le cellette durante la manipolazione spazi morti irregolari irraggiungibili dalle difese immunitarie maggiore possibilità di sovrainfezioni piombaggio esteso, rilevato, regolare, meno delimitato, di dimensioni difficilmente regolabili. Impossibilità di modellamento dellimpianto superficie esterna irregolare capsula fibrosa postoperatoria più debole GOMMA facili da modellare, non forniscono supporto alla crescita batterica uniforme avvolgimento da parte della capsula fibrosa postoperatoria piombaggio regolare

56 Apposizione del Piombaggio Tecnica I mezzi piombanti sono suturati alla sclera con punti di sutura a materasso in Supramid o Dacron o Nylon 4.0 o 5.0 Lago deve penetrare la sclera per circa metà del suo spessore ed avanzare nel piano interlamellare per 2-3 mm prima di riaffiorare sulla superficie sclerale Evitare che lago ruoti nel porta aghi per evitare che così facendo i suoi margini taglienti resechino parzialmente o totalmente lesile strato sclerale sovrastante Non è necessario ottenere passaggi sclerali estremamente profondi o lunghi giacché il piombaggio deve essere ancorato fino a quando sarà circondato dalla fibrosi tissutale reattiva (poche settimane) Limpianto piombante deve essere sufficientemente largo da coprire la/e rottura/e con un margine di almeno 1-2 mm Il piombaggio deve avere la minore altezza necessaria a chiudere le rotture ed allentare la trazione vitreoretinica Leventuale drenaggio del liquido sottoretinico va eseguito prima di serrare il piombaggio

57 Apposizione del Piombaggio Complicanze Eccessiva compressione necrosi tissutale (sindrome da cerchiaggio) Estrusione Sovrainfezione

58 Drenaggio del liquido sottoretinico Contatto immediato tra la rottura retinica e la parete indentata del bulbo per lo sviluppo delladesione indotta dalla retinopessia Localizzare le rotture e/o il piombaggio in caso di distacco con ampie bozze Ridurre il volume intraoculare per portare a termine lindentazione del piombaggio Drenare il liquido sottoretinico viscoso nei distacchi di vecchia data Impedire la riapertura di rotture con sede nei quadranti inferiori, giacchè è proprio inferiormente che, in ortostatismo, il liquido sottoretinico tende sempre a depositarsi Ridurre i timori di complicanze da aumento della pressione intraoculare Obbiettivi

59 Drenaggio del liquido sottoretinico Sede della perforazione Zone relativamente avascolari: lontano dalle vene vorticose e dalle arterie ciliari lunghe. Sedi di elezione sono al di sopra ed al di sotto delle arterie ciliari lunghe (ore 3-9) e nasalmente alle ore 12 e temporalmente alle ore 6 dove si incontrano i vasi coroideali nasali e temporali Lontano dalle rotture retiniche Dove il liquido sottoretinico è abbondante Quasi sempre posteriormente al piombaggio. Può essere eseguita anteriormente al piombaggio in presenza di una scarsa quantità di liquido sottoretinico posteriormente o quando il liquido sia più abbondante anteriormente (ora serrata distaccata dalla coroide) o quando una perforazione posteriore sia tecnicamente pericolosa o difficile.

60 Drenaggio del liquido sottoretinico Fallimento del drenaggio Zona di perforazione priva di liquido sottoretinico Incompleta perforazione della coroide Non idonea (obliqua) perforazione della coroide

61 Drenaggio del liquido sottoretinico Complicanze della puntura evacuativa Incarceramento della retina improvvisa interruzione del drenaggio del liquido fossetta o piega retinica improvvisa interruzione del drenaggio del liquido foro al centro di una fossetta o di una piega retinica Foro retinico Foro retinico e perdita di vitreo Sanguinamento della coroide

62 Tecniche di Retinopessia Diatermia Criopessia Fotocoagulazione Cicatrice corioretinica Chiusura della rottura e adesione della retina

63 Retinopessia Diatermia Corrente elettrica (ioni) alternata ad intensità costante ed alta frequenza Lenergia perduta viene trasformata in calore Perdita di parte dell energia elettrica per la resistenza elettrica tissutale

64 Retinopessia Diatermia Attualmente non è utilizzata per retinopessia ma solo per marcare la sede del drenaggio e per evitare sanguinamenti coroideali precedentemente alla puntura trans-sclerale

65 Retinopessia Criopessia Un gas decomprimendosi, cioè passando da una elevata pressione a quella atmosferica, produce freddo senza necessità di passare da uno stato della materia ad un altro (effetto Joule- Thomson) Bombola di gas ad alta pressione tubo in argento (ottimo conduttore) punta della sonda a pressione atmosferica espansione del gas raffreddamento della punta della sonda ritorno del gas in senso inverso attraverso la sonda rilascio del gas nellaria ambiente

66 Retinopessia Criopessia Attraverso la sclera a tutto spessore La sclera va indentata con lestremità della sonda Dopo ogni applicazione aspettare pochi secondi con la sonda in situ per attendere che i tessuti si scongelino (evitare rotture sclerali o coroideali con sanguinamento ) Non causa necrosi tissutale (scleromalacia) Più elevato rischio di PVR

67 Retinopessia Fotocoagulazione laser Raramente utilizzata in sala operatoria (caschetto a diodi) durante intervento chirurgico ab externo, ma soprattutto nel trattamento ambulatoriale delle rotture retiniche senza distacco oppure negli interventi ab interno

68 Suggerimenti intraoperatori E auspicabile che il cerchiaggio sia equatoriale non solo per un ottimo effetto di detensione vitreoretinica ma anche per evitare un suo scivolamento anteriormente o posteriormente. Se ciò non è possibile, disporre il cerchiaggio lungo una delle sue circonferenze maggiori ed eventualmente usare una bandelleta asimmetrica Per risparmiare le vene vorticose modellare ad hoc la bandelletta

69 Problemi intraoperatori Muscoli obliqui Stafiloma Drenaggio prematuro (foro iatrogeno) Aumento della IOP da eccesso di depressione sclerale occlusione acr paracentesi Marcato ipotono oculare dopo il drenaggio del liquido sottoretinico iniezione intraoculare di aria o di fisiologica Pieghe retiniche (fenomeno della bocca di pesce) iniezione intraoculare di fisiologica od aria / bottone radiale

70 Cause di insuccesso Errata induzione della reazione corioretinica Errata disposizione del piombaggio Mancata identificazione di rotture retiniche Rotture retiniche di nuova formazione Rotture retiniche iatrogene Pieghe fisse o retrazione vitreoretinica massiva

71 Complicanze postoperatorie Glaucoma da chiusura angolare Ischemia del segmento anteriore Endoftalmite Edema maculare cistoide Membrane epiretiniche Infezione o espulsione del piombaggio Diplopia e strabismo Miopizzazione Vitreoretinopatia proliferativa Distacco di retina persistente o ricorrente Distorsione maculare da piombaggio malposizionato


Scaricare ppt "IL DISTACCO DI RETINA Maurizio Iacobone. RETINARETINA Rappresenta la tunica più interna dellocchio; è la sede dei fotorecettori."

Presentazioni simili


Annunci Google