La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Realizzati da : - Francesco Filippo Mattioli - Andrea Deibianchi - Nicolò Piervittorio Massaccesi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Realizzati da : - Francesco Filippo Mattioli - Andrea Deibianchi - Nicolò Piervittorio Massaccesi."— Transcript della presentazione:

1 Realizzati da : - Francesco Filippo Mattioli - Andrea Deibianchi - Nicolò Piervittorio Massaccesi

2 Un terremoto o sisma è una vibrazione che si verifica sulla crosta terrestre. E si chiama Ipocentro la propagazione della vibrazione nel sottosuolo Epicentro la propagazione del terremoto lungo la crosta terrestre Quando le vibrazioni si propagano sottoforma di onde sono chiamate Onde sismiche Le aree più a rischio di terremoti sono chiamate Aree sismiche mentre invece quelle meno a rischio Aree asismiche

3 CROSTA : è linvolucro più superficiale,ed superato da quello sottostante dalla superficie di Mohorovich ed è nella crosta che avviene la propagazione finale del terremo MANTELLO: E Linvolucro che si estende al disotto della crosta la sua superficie è solida e qui le onde sismiche rallentano NUCLEO : Il nucleo è la parte centrale della terra……… gli studiosi hanno scoperto lesistenza di una zona che non viene raggiunta dalle onde sismiche e viene chiamata zona dombra

4 Le onde sismiche si dividono in : Onde P ovvero onde di compressione che al loro passaggio fanno oscillare le rocce nella direzione dellonda perché le onde P sono le più veloci Onde S ovvero onde trasversali o di taglio al loro passaggio provocano un cambiamento della forma della roccia facendola oscillare perpendicolarmente in base alla direzione dellonda Onde superficiali queste hanno forme diverse a seconda di come sono giunte in superficie le prime 2 onde e si propagano a partire dallepicentro Lo strumento con il quale si registrano le onde sismiche è detto Sismografo Compressione Onda trasversale

5 La forza di un sisma può essere espressa in due modi La sua Magnitudo che viene registrata dai sismogrammi cioè in base alle vibrazioni del suolo La sua Intensità che è valutata in base agli effetti provocati in una certa zona La magnitudo è misurata nella scala Richter Fu linventore della scala Richter infatti egli stesso costatò che Un terremoto più forte di un altro fa registrare sui sismografi oscillazioni più grandi

6 Magnitudo 8.6, questo terremoto provocò migliaia di morti sia per il grande terremoto sia per lo tsunami che ne susseguì Magnitudo morti, è stato il terremoto con più vittime nella storia La magnitudo più grande degli ultimi 50 anni 9.0, morti circa feriti a causa anche dello tzunami con onde di circa 20 metri

7 Il terremoto in Giappone del 2011 ha magnitudo 8.9 e ci sono state circa vittime un paio per il terremoto e il resto per il grande tzunami Il maremoto è un moto ondoso del mare, originato da un terremoto sottomarino o da altri eventi che comportino uno spostamento improvviso di una grande massa d'acqua quali, per esempio, una frana, un'eruzione vulcanica sottomarina o un impatto meteoritico. Negli ultimi anni è invalso, in Italia e nel resto del mondo, l'uso del termine giapponese tsunami (, "onda contro il porto") come sinonimo di maremoto. Tale espressione è diffusamente utilizzata dai mezzi di comunicazione e dalla comunità scientifica.ondosoterremotomassa franaeruzione vulcanicameteoriticoItaliagiapponese mezzi di comunicazionecomunità scientifica

8 Gli effetti di qualsiasi terremoto dipendono da tutta una serie di fattori estremamente variabili. Questi fattori sono di tipo: Intrinseco al terremoto, vale a dire la sua magnitudo, il tipo di fagliazione, la profondita'; geologico, cioe' legati alle condizioni geologiche ove l'evento viene risentito - distanza dall'evento, percorso dei raggi sismici, tipologia e contenuto in fluidi del suolo; sociali, cioe' dipendenti dalla qualita' delle costruzioni,preparazione della popolazione a fronteggiare un evento sismico, ora del giorno (ad es. ore di punta, evento di notte).

9

10 LItalia è uno dei Paesi a maggiore rischio sismico del Mediterraneo, per la frequenza dei terremoti che hanno storicamente interessato il suo territorio e per lintensità che alcuni di essi hanno raggiunto, determinando un impatto sociale ed economico rilevante. La sismicità della Penisola italiana è legata alla sua particolare posizione geografica, perché è situata nella zona di convergenza tra la zolla africana e quella eurasiatica ed è sottoposta a forti spinte compressive, che causano laccavallamento dei blocchi di roccia. Dallandamento della linea nellimmagine si capisce perché, di fatto, solo la Sardegna non risenta particolarmente di eventi sismici.

11 Se arriva un terremoto le cose da fare per difendersi sono cercare riparo allinterno di una stanza precisamente agli angoli per evitare i vetri al centro della stanza. Unaltra regola è non precipitarsi fuori per le scale che sono la parte più fragile di un eventuale edificio poi bisognerebbe chiudere gli interruttori perché alla fine del terremoto cè rischio di un incendio. Poi bisogna uscire alla fine della scossa indossando le scarpe e mettersi in uno spazio libero senza edifici e infine non bloccare le strade che servono per i mezzi di soccorso

12

13 Fonti: Wikipedia Immagini da internet


Scaricare ppt "Realizzati da : - Francesco Filippo Mattioli - Andrea Deibianchi - Nicolò Piervittorio Massaccesi."

Presentazioni simili


Annunci Google