La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli oggetti in Hitchcock. Le cose gli oggetti Sul Grande Dizionario della lingua italiana di Salvatore Battaglia (Torino UTET 1964) il lemma cosa predilige.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli oggetti in Hitchcock. Le cose gli oggetti Sul Grande Dizionario della lingua italiana di Salvatore Battaglia (Torino UTET 1964) il lemma cosa predilige."— Transcript della presentazione:

1 Gli oggetti in Hitchcock

2 Le cose gli oggetti Sul Grande Dizionario della lingua italiana di Salvatore Battaglia (Torino UTET 1964) il lemma cosa predilige la natura filosofica del concetto: Nome indeterminato e di valore semantico estesissimo che indica in modo generico ogni elemento di quanto esiste sia nella realtà sia nellimmaginazione tanto concreto quanto astratto

3 Le cose gli oggetti Nelle specificazioni che seguono sempre nel medesimo Dizionario appaiono le cose belle la cosa celeste la cosa divina la minima cosa le presenti cose la cosa creata le cose materiali la cosa cara le cose incorporali la cosa in sé la cosa pubblica la cosa animata la cosa terrena le segrete cose le cose mondane la cosa sperata le cose temporali le cose morte

4 Le cose gli oggetti Accade dunque consultando il dizionario di Battaglia che la cosa intesa come oggetto naturale, corpo e oggetto materiale subito sfuma nelluso filosofico Si intende qui invece portare lattenzione sulle cose che occupano uno spazio che sono pesanti e il nostro procedere assumerà valore proprio perché avrà bisogno soprattutto di aggrapparsi alla materia degli oggetti

5 Le cose gli oggetti Proprio oggetto è il lemma che appare sul Dizionario Analogico della lingua italiana (Garzanti Milano 2001) dove non appare il lemma cosa Rispetto ad oggetto dunque il grappolo di parole per definirlo si allarga: cosa roba affare coso attrezzo utensile arnese aggeggio congegno ordigno marchingegno accessorio suppellettile gingillo ninnolo carabattola ammenicolo cianfrusaglia minutaglia ciarpame materiale articolo pezzo

6 Le cose gli oggetti In questo stesso dizionario le persone che si relazionano agli oggetti e quindi anche alle cose sono classificate come trovarobe collezionisti e feticisti

7 Primo Levi Se questo è un uomo ( ) Quando il mondo si restringe quando si è costretti a vivere in condizioni estreme allora come scrive primo Levi anche le cose minime riacquistano la loro dignità: «Si immagini ora un uomo a cui, insieme con le persone amate, vengano tolti la sua casa, le sue abitudini, i suoi abiti, tutto infine, letteralmente tutto quanto possiede»

8 Primo levi Se questo è un uomo ( ) « Sarà un uomo vuoto, ridotto a sofferenza e bisogno, dimentico di dignità e discernimento, poiché accade facilmente, a chi ha perso tutto, di perdere se stesso... si potrà a cuor leggero decidere della sua vita o morte al di fuori di ogni affinità umana... si comprenderà allora il duplice significato del termine "campo di annientamento e sarà chiaro che cosa intendiamo esprimere con questa frase: giacere sul fondo»

9 Le cose gli oggetti Se dunque il potere delle cose e soprattutto delle cose semplici è quello di dare forza agli uomini e ai concetti ecco allora che il rebus che alcuni definiscono un caposaldo dellenigmistica è soprattutto una parola latina un caso ablativo che significa appunto con le cose

10 Le cose gli oggetti Le cose a cui si guarderà in questa lezione che spesso chiamiamo e chiameremo oggetti saranno intesi nella loro natura semplice e concreta il prodotto di unarte o di una tecnica che poi sono la stessa cosa perché parlando di arte e tecnica luna proviene dallars latina e laltra dalla techne greca sempre ad indicare una azione che modifica lo stato e la forma di una materia e il fare è sempre allorigine della natura dellhomo faber anche nelle situazioni più estreme

11 Le cose gli oggetti Le modalità di coabitazione tra persone e cose sembrano favorire ogni sorta di ibridazione immaginabile Gli uomini non si sono mai privati né senza dubbio si priveranno mai del ricorso agli oggetti come mediatori dei loro rapporti; e allopposto gli oggetti non saranno mai del tutto soli al mondo quasi fossero pezzi di un gioco che si giocherebbe da sé senza di noi

12 Le cose gli oggetti Gli oggetti infatti sono quel che sono grazie a noi e per noi e se un giorno dovessero emanciparsi da noi trasformandosi a loro volta in soggetti starebbe dunque a noi divenuti ormai loro oggetti svolgere in modo diverso il ruolo di mediatori delle loro relazioni. E quel che accade a Charlie Chaplin per esempio in La febbre delloro (The Gold Rush 1925) o in Tempi moderni (Modern Times 1936)

13 La febbre delloro Charlie Chaplin (1925)

14

15

16 Tempi moderni Charlie Chaplin 1936

17 Le cose gli oggetti Quando si dice: la forma il colore il materiale di quelle sedie va daccordo o non si accorda con quel tavolo o quel divano si ragiona come se quegli oggetti provassero essi stessi gli uni nei confronti degli altri alcune forme di affinità o repulsione come se gli oggetti si attraessero o respingessero di testa propria

18 Le cose gli oggetti Evidentemente invece siamo noi soli a giudicare positivamente o negativamente di alcuni effetti di senso (ad esempio estetici) nati dalla compresenza fra oggetti stabilendo compatibilità o incompatibilità fra di essi Perciò quando spesso si dice a proposito di elementi di questo tipo che interagiscono fra loro si sta solo facendo uso di una metafora. In realtà essi interagiscono solo sotto il nostro sguardo e in virtù di esso adeguandosi a regole che noi stessi (cioè la nostra cultura) abbiamo stabilito

19 Le cose gli oggetti E proprio a partire dal concetto che gli oggetti interagiscono sotto il nostro sguardo che si può sciogliere il nodo tra cose e oggetti infatti si può stabilire un confine pur non sempre facile da tracciare tra due diversi status. Lo faremo usando come esempio una automobile

20 Lautomobile da oggetto a cosa Sulla strada la presenza di una lastra di ghiaccio basterà a far sì che la nostra bella automobile un oggetto se è guidata con abilità si trasformi pur guidata con tutta labilità possibile in unautomobile-cosa un pezzo di ferro soggetto esclusivamente alle leggi della dinamica

21 Le cose gli oggetti Per ovviare a questa dicotomia a questa scissione noi parleremo di interoggettività e lo faremo organizzando la coabitazione fra oggetti allinterno delle dimensioni relativamente circoscritte dei film di volta in volta citati Potrà capitare anche però di fare ricorso al termine interoggettività in forma reificata ovvero considerando come concreto ciò che è astratto o facendo decadere a cosa a mero oggetto (res facere) un concetto astratto (per esempio arte o cultura)

22 Le cose gli oggetti Non bisogna mai dimenticare poi e dunque bisogna evidenziarlo che i legami di affinità che connettono gli oggetti fra di loro determinano per chi si relaziona con essi tanto dei programmi dazione predefiniti guanto gli stati danimo corrispondenti

23 Le cose gli oggetti Per questo gli oggetti interagendo fra loro agiscono su di noi a un duplice livello: quello della modalità funzionale del far fare e quello passionale del far essere

24 Le cose gli oggetti Ciò significa che le modalità di coabitazione fra oggetti ovvero i regimi di interoggettività non si limitano a organizzare da un punto di vista pragmatico i modi di utilizzo del tempo e dello spazio; essi contribuiscono anche a regolare i modi dello stare assieme fra soggetti mettendo in luce e spesso addirittura creando identità e differenze pertinenti fra individui o più spesso fra gruppi e le loro rispettive forme di vita

25 La casa nobile o borghese La casa nobile o borghese che ricorre spesso per esempio nei film di Visconti è un buon esempio di come gli oggetti non solo fanno fare ma anche fanno essere infatti nei mobili dellinterno tipo nobile o borghese si rileva una tendenza alla accumulazione a occupare lo spazio a chiuderlo

26 La casa nobile o borghese In queste case dunque gli oggetti hanno una funzionalità univoca inamovibilità presenza imponente e etichetta gerarchica. Ogni mobile ha una precisa destinazione che corrisponde alle diverse funzioni della cellula familiare e rimanda a una immagine della persona concepita come un sistema equilibrato di diverse facoltà

27 La casa nobile o borghese Tutta la casa ogni stanza diventa segno dellintegrazione dei rapporti personali nel gruppo semichiuso della famiglia. La dimensione reale in cui vivono gli oggetti è prigioniera della dimensione morale che devono significare

28 La casa nobile o borghese Esseri e oggetti sono legati e gli oggetti assumono in questa collusione una densità un valore affettivo che si accetta di chiamare presenza Gli oggetti quindi spiegano di fronte ai nostri occhi i contorni di una configurazione simbolica chiamata casa

29 La casa nobile o borghese In questa casa allora gli oggetti come dèi lari antropomorfi incarnano nello spazio i legami affettivi e la permanenza del gruppo Alla struttura chiusa della casa nobile o borghese si oppone lambiente funzionale che più aperto e più libero è strutturato frantumato tenendo conto delle sue diverse funzioni

30 Luchino Visconti Senso 1954

31

32

33 Luchino Visconti Il gattopardo (1963)

34

35

36 Luchino Visconti Gruppo di famiglia in un interno (1974)

37

38

39 Il dio oggetto Marc Augé Meltemi Roma 2002 Loggetto, in quanto tale, rinvia a ogni individuo unimmagine di se stesso ma questa immagine, se riosservata da vicino[...] è sempre quella di un altro. [...] Il soggetto riosserva loggetto per cercarvi la propria identità e la cerca riosservandosi in esso.

40 Il dio oggetto Marc Augé Meltemi Roma 2002 Questa citazione di Marc Augé ci presenta gli oggetti come se parlassero facendoli partecipare in maniera inscindibile alla vita delle persone e volendo riportare questa citazione alla vita che racconta il cinema facendoli partecipare alla vita dei personaggi

41 Emilie Muller di Yvon Marciano (1993) Emilie Muller la protagonista del cortometraggio di Yvon Marciano catalogatrice di ordine istintivo e psicologico fa vivere gli oggetti trovati in una borsa nel sentimento del possesso confondendo continuamente il funzionale nel soggettivo e soprattutto mostrando che la voce o la mano che narrano o catalogano le cose sono in mezzo a loro come in un serraglio i padroni assoluti

42 Emilie Muller di Yvon Marciano (1993)

43

44

45

46

47 Gli oggetti di Hitchcock Il racconto di Emilie Muller il suo investire gli oggetti di unanima ci riporta al mondo degli oggetti di Hitchcock Hitchcock è lunico regista che riesce a creare un mondo di storie e simboli attraverso luso di immagini familiari ovvero immagini che sono la composizione di scene in cui luso di oggetti familiari permette la creazione di un dialogo muto con lo spettatore che impotente si gode il brivido

48 Gli oggetti di Hitchcock E come se gli oggetti parlassero perché essendo sempre al centro della storia (si pensi allaccendino e agli occhiali di Delitto per delitto o al bicchiere di latte con la lampadina dentro in Il sospetto o ancora alla fila di bottiglie in Notorius) partecipano in maniera inscindibile alla vita degli stessi personaggi

49 Il bicchiere di latte in Il sospetto Hitchcock 1941

50

51

52 La fila di bottiglie in Notorius Hitchcock 1946

53

54

55 Laccendino in Delitto per delitto Hitchcock 1951

56

57 Gli occhiali in Delitto per delitto Hitchcock 1951

58

59 Gli oggetti di Hitchcock Spingendoci oltre possiamo allora affermare che gli oggetti nei film di Hitchcock non parlano semplicemente con lo spettatore ma ricoprono veri e propri ruoli attanziali (in campo semiotico attante si definisce colui che fa o subisce una azione) in grado di interagire con gli utilizzatori o con gli altri oggetti attanti

60 Gli oggetti di Hitchcock E se un artista o un designer è colui che informa il materiale ovvero soprattutto il designer è quel professionista che partendo da un determinato materiale attraverso studi tecnici e scelte artistiche ne determina la forma sia esso un oggetto duso (industrial designer) o un elemento della comunicazione (graphic designer) allora si può affermare che gli artisti i designer e Hitchcock fanno lo stesso mestiere ovvero non progettano e/o disegnano solo oggetti ma anche la loro storia

61 Gli oggetti di Hitchcock Infatti quando Hitchcock o un qualsiasi altro artista realizza un determinato prodotto disegno o scena inscrive in esso le modalità di lettura dello stesso e di conseguenza il suo futuro modo di relazionarsi con gli utenti

62 Gli oggetti di Hitchcock Gli oggetti (interfacce con elementi cromatici scritte e forme ergonomiche) e le riprese cinematografiche (scene ben definite in inquadrature illuminazione audio) elargiscono una serie di segnali che attirando lattenzione dellosservatore lo invitano a relazionarsi con essi e stipulando con lui contratti o conflitti gli fanno rispettare il programma narrativo desiderato dallautore

63 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard Il sistema hitchcockiano degli oggetti che Godard racconta in Histoire(s) du cinéma (1998) ci presenta Alfred Hitchcock come il più grande inventore di forme del XX secolo afferma infatti Godard: Alfred Hitchcock è stato il più grande inventore di forme del XX secolo e sono le forme che ci dicono alla fine ciò che cè al fondo delle cose.

64 Histoire(s) du cinéma Jean- Luc Godard (1998)

65

66

67 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard […] Abbiamo dimenticato perch è Joan Fontaine si sporga sul ciglio della scogliera (Il sospetto, 1941)

68 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard e cosa Joel McCrea sen'andasse a fare in Olanda (Il prigioniero di Amsterdam, 1940)

69 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard abbiamo dimenticato su cosa Montgomery Clift mantenga eterno silenzio (Io confesso, 1953)

70 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard e perch é Janet Leight si fermi al Motel Bates (Psycho, 1960)

71 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard e perchè Teresa Wright sia ancora innamorata di Zio Charlie (L'ombra del dubbio, 1943)

72 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard abbiamo dimenticato di cosa Henry Fonda non sia del tutto colpevole (Il ladro, 1956)

73 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard e perché esattamente il governo americano ingaggi Ingrid Bergman (Notorius, 1946)

74 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard ma ci ricordiamo di una borsetta (Marnie, 1964) ci ricordiamo di un camion nel deserto (Intrigo internazionale, 1959)

75 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard ma ci ricordiamo di un bicchiere di latte (Il sospetto, 1941) delle pale di un mulino (Il prigioniero di Amsterdam, 1940) di una spazzola per capelli (Vertigo, 1958)

76 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard ma ci ricordiamo di una fila di bottiglie (Notorius, 1946) di un paio di occhiali (Delitto per delitto, 1951)

77 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard di uno spartito (L'uomo che sapeva troppo, 1956) di un mazzo di chiavi (Delitto perfetto, 1954)

78 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard perchè con questi e attraverso questi Alfred Hitchcock riusc ì la dove fallirono Alessandro, Giulio Cesare, Napoleone avere il controllo dell'universo

79 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard forse diecimila persone non hanno dimenticato la mela di C é zanne ma sono un miliardo gli spettatori che ricorderanno l'accendino dello sconosciuto del Nord Express (Delitto per delitto, 1951)

80 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard e se Alfred Hitchcock è stato il solo poeta maledetto a avere successo è perch é è stato il pi ù grande creatore di forme del ventesimo secolo

81 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard e perch é sono le forme che ci dicono alla fine ciò che c' è al fondo delle cose

82 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard ora, che altro è l'arte se non ciò per cui le forme diventano stile e che altro è lo stile se non l'uomo

83 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard è allora una bionda senza reggiseno pedinata da un detective che ha paura del vuoto (Vertigo, 1958)

84 Gli oggetti di Hitchcock secondo Jean-Luc Godard a portarci la prova che tutto questo non è che cinema in altre parole l'infanzia dell'arte [...]

85 Hitchcock et lart

86 Questo il titolo della mostra curata da Guy Cogeval e Dominique Paini: in questa esposizione gli oggetti dei film di Hitchcock attraverso la Mise-en-scène museale diventano oggetti della memoria Il brano che Godard dedica a Hitchcock nelle Histoire(s) du cinéma introduceva la sezione centrale di questa mostra

87 Hitchcock et lart Il sistema hitchcockiano degli oggetti che Godard racconta era da Paini illustrato attraverso una serie di piccole teche di vetro collocate su colonnine di media altezza: su ognuna sistemato su un fondo di raso rosso e illuminato violentemente un oggetto una targhetta di avorio con il titolo di un film e una immagine in bianco e nero di piccole dimensioni con i bordi sfrangiati che è quasi una istantanea del film stesso

88 Hitchcock et lart La mostra di Paini è dunque la messa in scena dellintuizione godardiana circa le risonanze attivate nella nostra memoria di spettatori dagli oggetti di Hitchcock più ancora che dalle storie Si possono definire tre campi dazione degli oggetti di Hitchcock: una funzione strumentale una funzione indiziaria e una funzione vicaria

89 Oggetto con funzione strumentale Funzione strumentale ha la borsetta in Marnie (1964) o il camion nel deserto in Intrigo internazionale (1959) Essi sono meri utensili prodotti della tecnica che assumono il valore di aiutanti modali ovvero oggetti che forniscono servizi

90 La borsetta in Marnie Hitchcock (1964)

91 Il camion nel deserto Intrigo internazionale Hitchcock (1959) Come racconta Hitchcock a Truffaut: La scena dellaereo nel deserto è affascinante perché gratuita. E una scena svuotata di ogni verosimiglianza e di ogni significato [...] E questa gratuità, che mi rimproverano spesso, [...] è sottolineata molto bene dal dialogo, quando il contadino prima di salire sul camion dice a Cary Grant, parlando dellaereo che comincia a fare delle evoluzioni da lontano: Toh! Ecco un aereo che sparge il solfato di rame sui campi e tuttavia non ci sono raccolti da disinfestare…

92 Il camion nel deserto Intrigo internazionale Hitchcock (1959) A queste parole del maestro del brivido Truffaut risponde: Laereo non sparge niente e non si dovrebbe mai muoverle dei rimproveri a proposito della gratuità nei suoi film, perché lei ha la religione della gratuità, il gusto della fantasia fondata sullassurdo

93 Il camion nel deserto Intrigo internazionale Hitchcock (1959)

94 Laereo nel deserto Intrigo internazionale Hitchcock (1959)

95

96

97 Oggetto con funzione indiziaria E oggetto con funzione indiziaria la chiave in Il delitto perfetto (1954) Oggetto tipico del genere poliziesco è in grado di offrire la soluzione del caso al pubblico

98 La chiave in Il delitto perfetto Hitchcock (1954)

99

100 Oggetto con funzione vicaria Hanno funzione vicaria gli occhiali e laccendino in Delitto per delitto (1951) o la spirale in Vertigo (1958) In questi film loggetto è da intendersi come protesi del corpo del soggetto un vero e proprio elemento umano in grado di interagire con lesterno

101 Gli occhiali in Delitto per delitto Hitchcock (1951)

102

103 Laccendino in Delitto per delitto Hitchcock (1951)

104

105 La spirale in Vertigo Hitchcock (1958)

106

107

108

109 La funzione vicaria degli oggetti Concentriamoci ora sulla funzione vicaria degli oggetti analizzando la spirale in Vertigo e laccendino e gli occhiali di Delitto per delitto

110 La spirale in Vertigo Hitchcock (1958) Vertigo è un film in cui per dirla con Rohmer: tutto diventa cerchio, ma il cerchio non si chiude Fin dai titoli di testa siamo immersi in una atmosfera tesa e spasmodica. La prima inquadratura è uno zoom che mostra una bocca simbolo generale delloralità come se Hitchcock stesse dicendo: adesso vi racconto una bella storia

111 La spirale in Vertigo Hitchcock (1958) Ma per catturare lattenzione degli spettatori Hitchcock non ha bisogno soltanto della trasmissione orale ma anche di quella visiva: ecco dunque spiegato il risalire verso gli occhi

112 La spirale in Vertigo Hitchcock (1958) La visione è tema dominante nellopera hitchcockiana: la sua magistrale suspense come lui stesso ha spiegato nasce dal fatto che noi spettatori guardando porzioni di realtà precluse invece al protagonista ne sappiamo più di lui e tendiamo perciò a identificarci in esso

113 La spirale in Vertigo Hitchcock (1958) Inoltre certamente si ha bisogno di vedere oltre che di sentire chi racconta una fiaba per potere avere maggiore paura e così anche lacrofobico anche chi soffre di vertigini ha bisogno di vedere perché gli si risveglino le vertigini e provare così quella strana sensazione di ottundimento dei sensi

114 La spirale in Vertigo Hitchcock (1958)

115 Si constata tuttavia che la spirale pur possedendo così tanti significati non è un oggetto non ha nulla di protesico del corpo umano ma è un semplice elemento figurale una conformazione geometrica in grado però di rimandare alla famosa ciocca di capelli che ritroveremo più volte nel film

116 La spirale in Vertigo Hitchcock (1958) Questa incastonatura genera una serie di condizioni simboliche tra cui la volontà di creare la Madeleine dei sogni tramite un continuo inseguimento tra negozi e incontri menzogna e verità Fin da subito si può notare la volontà di trasformare la protagonista in altro: Kim Novak deve recitare il ruolo di Judy che deve fare finta dessere Madeleine

117 La spirale in Vertigo Hitchcock (1958) Questo meccanismo perverso è definito da Victor Stoichita effetto pigmalione a indicare la volontà da parte di un creatore di plasmare la vita in un oggetto (un artefatto) che in realtà abbia anima e corpo e sia simulacro dei suoi desideri

118 La spirale in Vertigo Hitchcock (1958) Le spirali tornano nuovamente nella paura dellaltezza (le vertigini) di Scottie: il film si è aperto con un poliziotto che cade da un palazzo; alla fine e nel mezzo cè una donna che cade da una torre campanaria; in termini pratici la vicenda parla di un uomo che inizia a soffrire di vertigini ma riesce a guarirne vedendo due persone a lui care morire a causa dellaltezza

119 La spirale in Vertigo Hitchcock (1958) La spirale allora questo anello che diventa cerchio un cerchio che non si chiude è come uno specchio che riflette tutto ciò

120 Delitto per delitto Hitchcock (1951) incipit Il regista alterna le inquadrature in modo che vi sia uno scontro di direzioni: Bruno il primo uomo con le scarpe lucide e vistose si muove sempre verso sinistra mentre Guy il secondo uomo sempre verso destra sia in stazione che nello scompartimento del treno

121 Delitto per delitto Hitchcock (1951) incipit Inoltre fino allentrata nel salone daccesso ai binari la loro direzione non solo è opposta ma pure obliqua il che dà un ulteriore senso di incrocio alle traiettorie dei due personaggi e questo disegno viene ripreso dalla inquadratura dei binari che da paralleli si incrociano nei vari scambi a far sembrare quindi inevitabile lo scontro tra i due che arrivano dai lati opposti dello scompartimento si siedono e finalmente si scontrano

122 Delitto per delitto Hitchcock (1951)

123 Delitto per delitto Hitchcock (1951) incipit Tutto questo accade senza che noi fino a quando i loro piedi si toccheranno vediamo in faccia i due protagonisti: una scelta ardita che crea suspense raccontando due perfetti sconosciuti attraverso le loro gambe

124 Le scarpe dei due protagonisti in Delitto per delitto Hitchcock (1951)

125 Limportanza del tennis in Delitto per delitto Hitchcock (1951) Guy uno dei due è tennista e il tennis ha un ruolo fondamentale nelleconomia del film perché è un gioco preciso schematico in apparenza simmetrico ma che in realtà è segnato da una disparità di partenza In esso tutto è speculare tranne lazione dei giocatori infatti uno solo di essi (quello nel cui campo si trova la pallina) è impegnato nel gioco mentre laltro rimane in attesa del proprio turno

126 Limportanza del tennis in Delitto per delitto Hitchcock (1951) Il tennis diviene così una metafora dellelemento centrale del film: la simmetria interrotta e incompiuta che si rispecchia anche nello scambio mancato dei delitti infatti al delitto di Bruno non corrisponde inizialmente nessuna azione criminosa da parte di Guy

127 Delitto per delitto Hitchcock (1951) sequenza finale Nellultimo montaggio alternato in cui il punto di incontro è un duello su una giostra impazzita che scagionerà linnocente Guy si alternano in una crescente tensione i campi dei due giocatori del match di tennis i primi piani dellamante di Guy e della sorella e il piano diabolico di Bruno mentre tenta di recuperare laccendino caduto nel tombino

128 Delitto per delitto Hitchcock (1951) sequenza finale lo scontro su una giostra

129

130 Delitto per delitto Hitchcock (1951) sequenza finale Qui laccendino oltre a rappresentare lelemento vicariale del corpo di Guy (se raggiunge il luna park sarà la prova che il tennista è stato sul luogo del delitto) ricopre il ruolo di artefatto umano di oggetto inteso come qualcosa che intralcia è un ostacolo gettato sul nostro cammino e infatti ostacola la corsa di Bruno verso la salvezza

131 Delitto per delitto Hitchcock (1951) locchiale come attante Locchiale come attante compare nella sequenza in cui Bruno uccide la moglie di Guy Miriam: rintraccia lindirizzo della donna lattende fuori fino a che vedendola uscire in compagnia di due uomini per una serata al luna park la segue

132 Delitto per delitto Hitchcock (1951) locchiale come attante Segue il gruppo e si avvicina alla donna che flirta di buon grado persino con lui oltre che con i due amici. Poi la uccide nellisola che si raggiunge attraversando con la barca il tunnel dellamore

133 Delitto per delitto Hitchcock (1951) locchiale come attante Nel momento in cui Bruno procede con la massima calma allo strangolamento gli occhiali caduti per terra riflettono lassassino mentre strangola la donna: non sono più Bruno e Miriam i soggetti dellinquadratura ma gli occhiali stessi che riflettono la scena (visione oggettiva) la guardano (visione soggettiva) insieme a noi

134 Delitto per delitto Hitchcock (1951) locchiale come attante

135 Lo spettatore vede ciò che in quel frangente sta vedendo lattante-occhiale attraverso lattante stesso. Inoltre nel resto del film loggetto occhiale crea continui rimandi al momento dellomicidio portando Bruno a momenti di raptus incontrollabili: vede riflessa sugli occhiali la fiamma dellaccendino e proietta sulla sorella della fidanzata di Guy la sua crescente ossessione

136 Delitto per delitto (1951) locchiale come attante Non sarà dunque un caso se la ragazza raccontando la cosa alla sorella appunto la fidanzata di Guy terrà gli occhiali in una posizione che ricorda gli occhiali caduti di Miriam al momento del delitto Inoltre ogni volta che compaiono gli occhiali la musica di sottofondo è quella che si sentiva al lunapark e così noi siamo dei testimoni impotenti del delirio di Bruno

137 Per concludere Dopo questa analisi Hitchcock si conferma grande artista delle forme e infatti i suoi programmi narrativi danno origine a complessi intrecci tra artefatti gettati sul sentiero e attori che vi si imbattono

138 Per concludere In Hitchcock gli oggetti sono in grado di suggerire vere e proprie sequenze dazione e la loro morfologia ci spinge anche grazie al modo in cui Hitchcock li riprende a usarli in un determinato modo ovvero ci suggerisce di interpretarli affidando loro un determinato ruolo

139 Per concludere Se Hitchcock ha puntato tutto sulla creazione di suspense e se lartista in genere ma soprattutto il designer invece si prefigge lo scopo di realizzare oggetti duso in grado di eliminare altri oggetti che intralciano il percorso del suo successo ecco che gli artisti i designer e Hitchcock risultano tutti creatori di forme di arte in movimento

140 Bibliografia M. Augé Il dio oggetto Meltemi Roma 2002 G. Cogeval D. Paini, Hitchcock et lart catalogo della mostra Montreal 16 novembre marzo 2001 V. Flusser, Filosofia del design Bruno Mondadori Milano 2001 J.L. Godard, Histoire(s) du cinéma Galimard Paris vol. IV 1998

141 Bibliografia P. Levi Se questo è un uomo Einaudi Torino 1971 V. Marchis Storie di cose semplici Springer Editore 2008 J. Saramago Oggetto quasi Einaudi Torino 1997 V. Stoichita Leffetto Pigmalione Il Saggiatore Milano 2006

142 Filmografia La febbre delloro C. Chaplin 1925 Tempi moderni C. Chaplin 1925 Il sospetto A. Hitchcock 1941 Notorius A. Hitchcock 1946 Delitto per delitto A. Hitchcock 1951 Il delitto perfetto A. Hitchcock 1954 Senso L. Visconti 1954 Vertigo A. Hitchcock 1958

143 Filmografia A. Hitchcock Intrigo internazionale 1959 L. Visconti Il gattopardo 1963 A. Hitchcock Marnie 1964 L. Visconti Gruppo di famiglia in un interno 1974 Y. Marciano Emilie Muller 1993 J.L. Godard Histoire(s) du cinéma 1998


Scaricare ppt "Gli oggetti in Hitchcock. Le cose gli oggetti Sul Grande Dizionario della lingua italiana di Salvatore Battaglia (Torino UTET 1964) il lemma cosa predilige."

Presentazioni simili


Annunci Google