La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AREA INFRASTRUTTURE E PATRIMONIO SETTORE PATRIMONIO Via Bella Rocca, 7 - 26100 CREMONA - tel. 0372/4061 - fax n° 0372/406499

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AREA INFRASTRUTTURE E PATRIMONIO SETTORE PATRIMONIO Via Bella Rocca, 7 - 26100 CREMONA - tel. 0372/4061 - fax n° 0372/406499"— Transcript della presentazione:

1 AREA INFRASTRUTTURE E PATRIMONIO SETTORE PATRIMONIO Via Bella Rocca, CREMONA - tel. 0372/ fax n° 0372/ posta elettronica certificata (PEC): LICEO CLASSICO, LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE RACCHETTI DI CREMA E LABORATORI DI CUCINA E SALA DELLISTITUTO SRAFFA. NUOVA SEDE IN VIA PIACENZA.

2 Definizione Lart. 3 del Codice degli appalti al comma 15-bis 1 (comma aggiunto dalla lettera a del comma 1 dellart. 44, D.L. 24 gennaio 2012, n. 1) definisce il contratto di disponibilità quale negozio mediante il quale sono affidate, a rischio e a spesa dell'affidatario, la costruzione e la messa a disposizione a favore dell'amministrazione aggiudicatrice di un'opera di proprietà privata destinata all'esercizio di un pubblico servizio, a fronte di un corrispettivo. Si intende per messa a disposizione l'onere assunto a proprio rischio dall'affidatario di assicurare all'amministrazione aggiudicatrice la costante fruibilità dell'opera, nel rispetto dei parametri di funzionalità previsti dal contratto, garantendo allo scopo la perfetta manutenzione e la risoluzione di tutti gli eventuali vizi, anche sopravvenuti. (comma 15-bis.1. art. 3 e art. 160-ter del D. Lgs. 163/2006) CONTRATTO DI DISPONIBILITA

3 Retribuzione dellaffidatario L'affidatario del contratto di disponibilità è retribuito con i seguenti corrispettivi, soggetti ad adeguamento monetario secondo le previsioni del contratto: 1.un canone di disponibilità, da versare soltanto in corrispondenza alla effettiva disponibilità dell'opera; il canone è proporzionalmente ridotto o annullato nei periodi di ridotta o nulla disponibilità della stessa per manutenzione, vizi o qualsiasi motivo non rientrante tra i rischi a carico dell'amministrazione aggiudicatrice; 2.l'eventuale riconoscimento di un contributo in corso d'opera, comunque non superiore al cinquanta per cento del costo di costruzione dell'opera, in caso di trasferimento della proprietà dell'opera all'amministrazione aggiudicatrice; 3.un eventuale prezzo di trasferimento, parametrato, in relazione ai canoni già versati e all'eventuale contributo in corso d'opera di cui alla precedente lettera b), al valore di mercato residuo dell'opera, da corrispondere, al termine del contratto, in caso di trasferimento della proprietà dell'opera all'amministrazione aggiudicatrice. (comma 15-bis.1. art. 3 e art. 160-ter del D. Lgs. 163/2006) CONTRATTO DI DISPONIBILITA

4 Rischi a carico dellAffidatario L'affidatario assume il rischio della costruzione e della gestione tecnica dell'opera per il periodo di messa a disposizione dell'amministrazione aggiudicatrice. Il contratto determina le modalità di ripartizione dei rischi tra le parti, che possono comportare variazioni dei corrispettivi dovuti per gli eventi incidenti sul progetto, sulla realizzazione o sulla gestione tecnica dell'opera, derivanti dal sopravvenire di norme o provvedimenti cogenti di pubbliche autorità. Modalità di selezione dellAffidatario L'affidatario è selezionato con il metodo dell'offerta economicamente più vantaggiosa ponendo a base di gara un capitolato prestazionale, predisposto dall'amministrazione aggiudicatrice, che indica, in dettaglio, le caratteristiche tecniche e funzionali che deve assicurare l'opera costruita e le modalità per determinare la riduzione del canone di disponibilità nel caso di indisponibilità parziale o totale dell'opera stessa durante il periodo di fruizione. (comma 15-bis.1. art. 3 e art. 160-ter del D. Lgs. 163/2006) CONTRATTO DI DISPONIBILITA

5 DESCRIZIONE DELLINTERVENTO E SCELTE PROGETTUALI (individuazione dellarea)

6 LOCALIZZAZIONE DELLINTERVENTO 1.Nuovo fabbricato, futura sede del Liceo Racchetti 2.Accesso allarea del nuovo complesso scolastico 3.Nuova corsia di sosta per i mezzi pubblici su via Libero Comune 4.Area destinata a verde nel complesso scolastico 5.Parcheggi per autovetture, ricavati in prossimità dellaccesso carraio. 6. Edificio esistente sede del Liceo artistico Munari e dellIstituto scolastico Sraffa

7 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO (Capitolato Prestazionale, Art. 160-ter D. Lgs 163/2006) Dimensionamento Ledificio sarà dimensionato secondo le norme di cui D.M. 18/12/1975 (edilizia scolastica), e nel rispetto dei D.M. 28/08/1992, D.M. 12/04/1996 e delle norme UNI-CIG rispettivamente per le prescrizioni antincendio e la realizzazione dei locali ove sono installate apparecchiature funzionanti a gas. Dovrà ospitare un massimo di alunni, in particolare 25 alunni/aula distribuiti in 51 aule, ai quali vanno aggiunti gli alunni presenti nei laboratori di cucina e sala (massimo 75 alunni), destinati all'istituto Sraffa, nonchè il personale docente e non docente. La superficie lorda del fabbricato sarà di circa mq. Tutte le strutture delledificio dovranno essere realizzate nel rispetto delle normative italiane, in particolare delle vigenti norme antisismiche. Le scuole, infatti,sono classificate nella categoria Edifici e opere rilevanti, poiché gli effetti di un eventuale collasso possono risultare particolarmente gravi stante lelevato grado di affollamento. La realizzabilità delle strutture è stata avvalorata dalla Relazione geologica e geotecnica che ne ha confermato la fattibilità. Aspetto esterno Laspetto esterno della costruzione dovrà essere realizzato richiamando le preesistenze della vicina cascina e delle costruzioni rurali circostanti, e riproponendo i materiali e colori caratteristici della zona. La qualità dell'ambiente interno dovrà essere curata anche per quanto riguarda l'aspetto del colore, preferendo tonalità naturali e gradevoli.

8 Sostenibilità ambientale Nello sviluppo del progetto si dovrà inoltre porre particolare attenzione agli aspetti della sostenibilità ambientale del fabbricato. Si dovrà valutare attentamente l'efficacia e la ecocompatibilità degli isolamenti, l'utilizzo di una forma compatta della struttura architettonica, l'uso passivo ed attivo dell'energia solare, l'utilizzo di serramenti e soluzioni impiantistiche ad alto rendimento. La scelta dei materiali e dei manufatti utilizzati dovrà essere dettata dalle loro caratteristiche di ecocompatibilità ponendo particolare attenzione al bilancio ecologico degli stessi, pertanto si dovrà considerare l'intero ciclo di vita del materiale Risparmio energetico Dovrà essere posta particolare attenzione al risparmio energetico: l'involucro esterno del fabbricato (pareti, finestre, copertura e solaio controterra) dovrà essere realizzato con spessori di isolamento adeguati, sia per le pareti opache che per le parti finestrate.Si richiede che ledificio sia almeno in classe B, ma si dovrebbe ottimizzare il progetto affinchè sia realizzato in classe energetica A. Fonti energetiche rinnovabili Dovranno, inoltre, essere previsti impianti per l'utilizzo dell'energia solare ovvero pannelli solari fotovoltaici per la produzione di energia elettrica (almeno 20 kW, aumentabile fino a 40 kW). Contenimento dei consumi elettrici Particolare attenzione andrà poi rivolta al contenimento dei consumi di elettricità: allinterno delledificio è richiesto lutilizzo di apparecchiature di accensione delle luci solo con presenza di persone, almeno in tutti i corridoi e, possibilmente, nei servizi igienici.

9 Impianti elettrici Ledificio sarà dotato di tutti gli impianti elettrici e speciali previsti dalle attuali tecnologie quali: impianti di trasmissione dati per la distribuzione segnali nelle segreterie, in tutte le aule e nei laboratori; impianti di trasmissione dati per n. 8 laboratori informatizzati (almeno 30 postazioni di lavoro in ogni laboratorio ); impiantistica a servizio delle lavagne multimediali in tutte le aule e i laboratori. Le reti telematiche dovranno collegare tutti i locali della scuola, sia quelli amministrativi che le aule e i laboratori, in quanto è oramai indispensabile che negli edifici scolastici superiori la cablatura e la trasmissione dati sia diffusa ovunque. Impianti di riscaldamento e ventilazione: Le sorgenti di calore, saranno alimentate dal teleriscaldamento derivato dalla rete cittadina che corre lungo la via Libero Comune; Limpianto di riscaldamento sarà dotato di un sistema di regolazione automatica delle temperature e collegato ad un sistema di telegestione e telecontrollo. Barriere architettoniche Il fabbricato verrà realizzato in modo che non vi siano barriere architettoniche Tutti i piani delledificio saranno raggiungibili mediante da almeno 3 ascensori collocati a fianco dei vani scala interni, Ad ogni piano sono previsti almeno due servizi per disabili collocati in zone differenti e contrapposte

10 CARATTERISTICHE DEGLI SPAZI INTERNI DEL LICEO RACCHETTI Il nuovo fabbricato scolastico sarà ubicato nella zona sud est della città di Crema su unarea di proprietà della Provincia di Cremona. Sono richieste 51 (cinquantuno) aule per la didattica aventi ciascuna una superficie in pianta di almeno 55 mq netti, potranno quindi essere ospitati fino a alunni del liceo Racchetti (attualmente – anno scolastico il liceo è frequentato da alunni con 46 classi), sono stati quindi previsti anche gli spazi necessari per un ulteriore incremento di alunni). Si dovranno realizzare anche 14 laboratori / aule per esercitazione che dovranno avere dimensioni variabili da 80 mq. (laboratori di media dimensione) a 100 mq circa (laboratori di ampia dimensione). Allinterno delledificio dovranno inoltre essere realizzati i locali amministrativi: la presidenza, la vicepresidenza, le segreterie amministrativa e didattica, ulteriori uffici di segreteria, la sala insegnanti, unaula C.I.C., una sala riunioni per circa 80 posti, linfermeria, uno spogliatoio per il personale, oltre a vari depositi e due archivi.

11 UBICAZIONE INDICATIVA SPAZI DIDATTICI ED AMMINISTRATIVI LICEO RACCHETTI - PIANO TERRA PIANO TERRA: Aule normali: n°5 Aula C.I.C.: n° 1 Spogliatoi e depositi: n° 2 Uffici e segreterie : n° 6 Sale riunioni e insegnanti: n° 2 Biblioteca: n°1 Archivi: n° 2

12 UBICAZIONE INDICATIVA SPAZI DIDATTICI ED AMMINISTRATIVI LICEO RACCHETTI - PIANO PRIMO PIANO PRIMO: Aule normali: n° 22 Laboratori/aule speciali: n° 6 Spogliatoi e depositi: n° 3

13 UBICAZIONE INDICATIVA SPAZI DIDATTICI ED AMMINISTRATIVI LICEO RACCHETTI - PIANO SECONDO PIANO SECONDO: Aule normali: n° 24 Laboratori/aule speciali: n° 4 Spogliatoi, depositi ripostigli: n° 3

14 CARATTERISTICHE DEI LABORATORI DELLISTITUTO SCOLASTICO SRAFFA Nel fabbricato sede del liceo Racchetti troveranno ubicazione al piano terra, in una zona opportunamente separata ed isolata dal resto dell'edificio, così da non interferire con l'attività didattica del liceo, alcuni laboratori e locali destinati alle esercitazioni dell'indirizzo alberghiero dellIstituto Sraffa, in particolare si prevede la realizzazione di due laboratori di cucina e di due ambienti per le esercitazioni di sala con annessi locali di servizio (dispense e depositi, lavaggi stoviglie, spogliatoi alunni e professori, servizi igienici, ecc.). Vi potranno svolgere le attività didattiche circa 75 alunni del vicino Istituto Sraffa. Per garantire la separazione tra le attività dei due istituti dovranno essere realizzati due accessi separati, ed anche le aree esterne dovranno essere ben delimitate. I laboratori di cucina, ove sono presenti attrezzature funzionanti prevalentemente a gas, dovranno rispettare tutte le specifiche normative in materia di prevenzione incendi.

15 UBICAZIONE INDICATIVA SPAZI DIDATTICI ISTITUTO SRAFFA PIANO TERRA

16 SPAZI ESTERNI – Aree a verde Dei percorsi pedonali interni consentiranno agli studenti di potersi muovere negli spazi a verde circostanti la scuola. Si dovranno prevedere alcuni parcheggi interni allarea recintata del complesso scolastico in grado di ospitare 23 autovetture, di cui 3 per disabili, nonchè aree per i parcheggi di biciclette e moto protetti dalle intemperie mediante adeguate pensiline.

17 SPAZI ESTERNI - Strada di collegamento sud Laccesso allarea del nuovo complesso scolastico avverrà tramite un tratto di strada esistente che si dirama dalla Via Piacenza e che già conduce allingresso carraio dellIstituto Sraffa; tale diramazione dovrà poi proseguire fino al recente insediamento residenziale posto a sud e da lì potersi ricongiungere con la via Macallè e il centro cittadino o la tangenziale di Crema.Lo sviluppo complessivo della nuova strada sarà di circa 150 m e dovrà avere una larghezza di 7 m.

18 SPAZI ESTERNI – Area sosta bus e percorso provvisorio di collegamento Si dovrà realizzare una nuova corsia di sosta per i mezzi pubblici su via Libero Comune (è prevista una fermata per 6 bus contemporaneamente), che consentirà un ulteriore miglioramento delle condizioni di salita e discesa degli studenti dai mezzi pubblici, nonché di accesso alla scuola. Si dovrà pertanto realizzare un allargamento della carreggiata esterna di Via Libero Comune, si otterrà così una zona protetta in cui gli studenti potranno accedere ai mezzi pubblici in sicurezza, percorrendo a piedi brevi distanze dalle rispettive scuole. Larea avrà una lunghezza di circa 200 metri, in modo di poter ottenere lo spazio necessario per sei stalli di sosta per altrettanti bus con relativi spazi di manovra. Si dovrà realizzare, inoltre, un percorso pedonale provvisorio per il collegamento dellarea bus alla nuova scuola, che avrà uno sviluppo di circa 250 metri.

19 SPAZI ESTERNI – area sosta autovetture I parcheggi per le autovetture, saranno ricavati in prossimità dellaccesso carraio.

20 FASE DI PROGETTAZIONE E COSTRUZIONE CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA E QUADRO ECONOMICO In base, a conteggi preliminari e di massima, facendo riferimento anche ad analoghi fabbricati ed a prezzari di tipologie edilizie similari, il quadro economico previsto per l'intervento è il seguente: a) LAVORI Fabbricato scolastico ed utenze, con laboratori e cucine. ( Circa mq slp ) Aree esterne Interne alla recinzione: Marciapiedi e piazzali (compreso tombinatura del fosso -circa 100 mt) per circa mq. Zona a verde per circa mq Esterne alla recinzione Marciapiedi e piazzali (compreso tombinatura del fosso – circa 80 mt ) per circa mq Zona a verde per circa 700 mq Strada di collegamento Strada esterna asfaltata, circa 150 ml (compreso tombinatura dei circa 90 metri del fosso) Fermata bus e percorso di collegamento Fermata bus: lunghezza circa 200,00 mt, con stalli per 6 bus, pensiline, pista ciclabile, illuminazione, spost. sottoservizi. Percorso collegamento: lunghezza circa 250 ml, larghezza 2,50 mt, in autobloccanti con con illuminazione Totale LAVORI Euro ,00

21 FASE DI PROGETTAZIONE E COSTRUZIONE b) ONERI PER PROFESSIONISTI (progetto, Direzione Lavori, Responsabili sicurezza, ecc.) Si è considerata una importo indicativo pari a circa 8-8,5 % dellimporto dei lavori. Negli importi NON è compresa l I.V.A. Si segnala che nel sopra indicato quadro economico non sono compresi gli arredi della nuova scuola (né i traslochi dalle sedi attuali e le pulizie del cantiere) né le attrezzature dei laboratori di cucina e sala.

22 CRONOPROGRAMMA DELLE FASI ATTUATIVE La tempistica delle fasi attuative sarà definita dalle ditte in sede di gara e sarà oggetto di apposito punteggio da valutare nellofferta economicamente più vantaggiosa. La previsione nel bando della Provincia indicherà un periodo massimo di 3 anni dallaggiudicazione alla data di consegna in disponibilità del fabbricato (comprendente quindi: progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva, validazione, acquisizione delle autorizzazioni, costruzione e collaudo).

23 FASE DI DISPONIBILITA DELLE OPERE Manutenzione straordinaria Nellarco della durata del contratto di disponibilità (20-30 anni), si sono ipotizzati interventi di manutenzione straordinaria dei manufatti edili ed impiantistici pari a ,00 Euro oltre IVA. Si evidenzia tuttavia che gli oneri di manutenzione straordinaria sono strettamente correlati alla qualità dei manufatti e delle apparecchiature installate ed alla esecuzione a regola darte del fabbricato e delle opere complementari. Manutenzione ordinaria Sulla base di conteggi che fanno riferimento anche ad analoghi fabbricati della Provincia, comprendendo anche la manutenzione dei presidi antincendio (estintori, idranti), ascensore, porte di sicurezza, rivelazione fumi, si è stimata unincidenza per la MANUTENZIONE ORDINARIA di circa ,00 Euro/anno + IVA


Scaricare ppt "AREA INFRASTRUTTURE E PATRIMONIO SETTORE PATRIMONIO Via Bella Rocca, 7 - 26100 CREMONA - tel. 0372/4061 - fax n° 0372/406499"

Presentazioni simili


Annunci Google