La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Rischio chimico I.P. Stefano German Dr. Inf. Pietro Valenta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Rischio chimico I.P. Stefano German Dr. Inf. Pietro Valenta."— Transcript della presentazione:

1 Rischio chimico I.P. Stefano German Dr. Inf. Pietro Valenta

2 Rischio infortunistico Rischio di malattia professionale incendio, esplosioni, contatto con sostanze aggressive e/o corrosive esposizione a sostanze tossiche e/o nocive e, se assorbite, potenziale compromissione dellequilibrio biologico RISCHIO CHIMICO

3 Quando sul posto di lavoro si realizzano le condizioni per cui risultano contemporaneamente presenti i due fattori di rischio: 1. presenza di agenti chimici (fattori di rischio chimico) 2. presenza di condizioni di esposizione (fattori di rischio espositivo) RISCHIO CHIMICO PRESENZA DI AGENTI CHIMICI) PRESENZA DI CONDIZIONI DI ESPOSIZIONE RISCHIOPERICOLOESPOSIZIONE X= Quando cè rischio chimico?

4 Modalità di contatto con agenti chimici INGESTIONE CONTATTO CUTANEO INALAZIONE Assorbimento app. digerente Assorbimento transcutaneo Assorbimento polmonare

5 Prevenzione Primaria Eliminazione del Rischio Prevenzione secondaria Controllo del Rischio Protezione e contenimento del Rischio Protezione collettiva Areazione, Formazione, Organizzazione Protezione personale Dispositivi di Protezione Individuali INTERVENTI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

6 D.Lgs. n. 25 del 2 febbraio 2002 Stabilisce i requisiti minimi per la protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza che derivano o possono derivare, dagli effetti di agenti chimici nellambiente di lavoro.

7 D.Lgs. 25/ Campo di applicazione Ogni attività lavorativa che comporti la presenza di agenti chimici (parte del ciclo, rifiuti o generati dallattività) I requisiti si applicano a tutti gli agenti chimici pericolosi presenti sul luogo di lavoro, compreso il trasporto salvo disposizioni specifiche per sostanze radioattive (230/95) e cancerogeni

8 Valutazione del rischio Rispetto alla sola pericolosità possiamo avere diverse classificazioni: Agenti pericolosi per la salute Agenti pericolosi per la sicurezza Agenti pericolosi per lambiente La classificazione può essere individuata dalle frasi di rischio (frasi R) presenti nelle schede di sicurezza

9 Il datore di lavoro provvede: eliminazione o riduzione del rischio mediante sostituzione con altri agenti o processi non pericolosi o meno pericolosi, qualora la natura dellattività lo consenta; se non è possibile la sostituzione, il datore di lavoro garantisce che il rischio sia ridotto mediante (in ordine di priorità): Progettazione di appropriati processi lavorativi e uso di attrezzature e materiali adeguati Misure organizzative e di protezione collettiva Misure di protezione individuali, compresi i DPI Sorveglianza sanitaria D.Lgs. 25/2002: Misure specifiche di protezione e prevenzione per le aziende in rischio NON moderato

10 Se i risultati della valutazione dei rischi dimostrano che, in relazione al tipo, quantità di un agente chimico pericoloso, alle modalità e frequenza di esposizione a tale agente presente sul luogo di lavoro vi è solo un RISCHIO MODERATO per la sicurezza e la salute dei lavoratori: NON SI APPLICANO LE DISPOSIZIONI RIGUARDANTI: Misure specifiche di protezione e prevenzione Disposizioni in caso di incidenti o di emergenze Sorveglianza sanitaria Cartelle sanitarie e di rischio Misure e principi generali per la prevenzione di rischi

11 Acidi, basi, e/o sostanze tossiche devono essere riposti negli armadi di sicurezza dotati di ripiani con bordo rialzato, vasca di raccolta alla base, indicazione dei pericoli dei prodotti contenuti e riferimenti su dove trovare le relative schede di sicurezza, e posti lontano da luoghi aperti al pubblico, corridoi, aree dilavoro; I liquidi infiammabili devono essere posti lontani da fiamme libere e sistemati in armadi antincendio ad uso esclusivo MISURE DI PREVENZIONE

12 Evitare di accumulare sul luogo di lavoro sostanze chimiche pericolose in quantità superiori alle necessità; deve essere disponibile il materiale per l'assorbimento e la neutralizzazione di eventuali versamenti accidentali; i prodotti corrosivi, caustici, irritanti devono essere posti al di sotto del livello degli occhi; per trasferire i prodotti conservati negli armadi di sicurezza alle unità produttiveusare trasportatori di sicurezza MISURE DI PREVENZIONE

13 Sono sottoposti a sorveglianza sanitaria, quando non vi sia rischio moderato i lavoratori esposti ad agenti classificati come: Tossici Molto tossici Nocivi Sensibilizzanti Irritanti Tossici per il ciclo riproduttivo Le visite periodiche : sono di norma annuali ; sono obbligatorie prima di adibire il lavoratore ad una mansione che comporta lesposizione ad agenti chimici; vanno eseguite sempre alla cessazione del rapporto di lavoro. D.Lgs. 25/ Sorveglianza sanitaria

14 Sorveglianza sanitaria

15 Sono il primo strumento per procedere ad una corretta valutazione del rischio ealluso consapevole dellesostanze e preparatipericolosi. SCHEDE DI SICUREZZA

16 (D.M. della sanità d.d ) (D.M. della sanità d.d ) 1) identificazione del preparato e del produttore 2) composizione/informazione sugli ingredienti 3) identificazione dei pericoli 4) misure di primo soccorso 5) misure antincendio 6) misure in caso si fuoriuscita accidentale 7) manipolazione e stoccaggio 8) controllo della esposizione e protezione individuale 9) proprietà fisiche e chimiche 10) stabilità e reattività 11) informazioni tossicologiche 12) informazioni ecologiche 13) considerazioni sullo smaltimento 14) informazioni sul trasporto 15) informazioni sulla regolamentazione 16) altre informazioni CONTENUTI

17 CATEGORIA DI PERICOLO LETTERA E SIMBOLO INDICAZIONI ESPLOSIVI E Sostanze e preparati che possono esplodere per effetto del calore (urti, sfregamenti ed accensione) COMBURENTI O Sostanze e preparati in grado di fornire ossigeno e, pertanto, di alimentare un incendio anche in assenza di aria FACILMENTE INFIAMMABILI F Sostanze e preparati i cui gas e vapori formano in aria miscele esplosive e/o facilmente infiammabili in presenza di innesco (punto di infiammabilità < 21°C) CARATTERISTICHE DI PERICOLOSITA

18 CATEGORIA DI PERICOLO LETTERA E SIMBOLO INDICAZIONI INFIAMMABILI Sostanze e preparati i cui gas e vapori formano con laria miscele esplosive e/o infiammabili in presenza di innesco (punto di infiammabilità <55°C) TOSSICI T Sostanze e preparati che possono provocare, anche in piccole quantità, seri danni alla salute con effetti anche letali NOCIVI Xn Sostanze e preparati che possono provocare danni alla salute più o meno gravi, in relazione alle quantità.) CARATTERISTICHE DI PERICOLOSITA

19 CATEGORIA DI PERICOLO LETTERA E SIMBOLO INDICAZIONI CORROSIVI C Sostanze e preparati in grado di provocare lesioni alla pelle e alle mucose IRRITANTI Xi Sostanze e preparati che possono provocare arrossamenti e reazioni infiammatorie della pelle e delle mucose SENSIBILIZZANTI Sostanze e preparati che possono provocare, per inalazione o assOrbimento cutaneo, una reazione di ipersensibilizzazione, per la quale una successiva esposizione provoca fenomeni allergici CARATTERISTICHE DI PERICOLOSITA

20 CATEGORIA DI PERICOLO LETTERA E SIMBOLO INDICAZIONI ESTREMAMENTE INFIAMMABILI F+ Sostanze e preparati i cui gas e vapori formano con laria miscele esplosive e/o infiammabili capaci di innescarsi facilmente per qualsiasi fonte di calore (punto di infiammabilità <0°C) ALTAMENTE TOSSICI T+ Sostanze e preparati in grado di provocare, anche in piccolissime dosi, gravi danni alla salute, financo la morte PERICOLOSO PER LAMBIENTE N Sostanze e preparati dannosI per lambiente ma non per luomo (ecotossiche) CARATTERISTICHE DI PERICOLOSITA

21 CATEGORIA DI PERICOLO LETTERA E SIMBOLO INDICAZIONI CANCEROGENI sostanze e preparati che possono provocare tumori MUTAGENI sostanze e preparati che possono interferire nella sintesi del DNA TERATOGENI sostanze e preparati capaci di dare effetti dannosi sulle capacità riproduttive e difetti generici ereditari CARATTERISTICHE DI PERICOLOSITA

22 NOME COMMERCIALE NOME, INDIRIZZO, N° DI TELEFONO DEL FABBRICANTE/IMPORTATORE/DISTRIBUTORE NOME CHIMICO DEI COMPONENTI PIÙ SIGNIFICATIVI SIMBOLO FRASI DI RISCHIO (R) CONSIGLI DI PRUDENZA (S) QUANTITÀ (SE AL DETTAGLIO)ETICHETTATURA E OBBLIGATORIA

23 ESSERE CONFEZIONATO E CHIUSO IN MODO DA IMPEDIRE FUORIUSCITE DEL CONTENUTO ESSERE COSTITUITO DA MATERIALE INATTACCABILE E NON SUSCETTIBILE DI FORMARE CON QUESTO COMBINAZIONI NOCIVE O PERICOLOSE POSSEDERE SOLIDITA E RESISTENZA SE MUNITO DI UN SISTEMA DI CHIUSURA DEVE POTER ESSERE RICHIUSO VARIE VOLTE SENZA PROVOCARE FUORIUSCITE DEL CONTENUTO IMBALLAGGIO

24 ORIGINE URBANI (art.7 comma2) SPECIALI (art.7 comma3) NON PERICOLOSI NON PERICOLOSI PERICOLOSITA CLASSIFICAZIONE DEL RIFIUTO

25 Rifiuti da attività agricole e agro industriali Rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti pericolosi che derivano dalle attività di scavo Rifiuti da lavorazioni industriali Rifiuti da lavorazioni artigianali Rifiuti da attività commerciali Rifiuti da attività di servizio Rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione ed altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi Rifiuti derivanti da attività sanitarie I macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti I veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti RIFIUTI SPECIALI

26 Grazie per lattenzione!!!


Scaricare ppt "Rischio chimico I.P. Stefano German Dr. Inf. Pietro Valenta."

Presentazioni simili


Annunci Google