La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 INPS Direzione Centrale Formazione e Sviluppo Competenze.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 INPS Direzione Centrale Formazione e Sviluppo Competenze."— Transcript della presentazione:

1 1 INPS Direzione Centrale Formazione e Sviluppo Competenze

2 2 Il processo di pianificazione, programmazione e budget dellIstituto rappresenta lespressione formalizzata di un complesso processo organizzativo-contabile avente come scopo, in fase preventiva, quello di allocare in modo ottimale le risorse disponibili in relazione al piano strategico, e di costruire, in fase consuntiva, un indispensabile parametro di riferimento per verificare landamento della gestione e il grado di conseguimento degli obiettivi prefissati. Il sistema di pianificazione e controllo di gestione

3 Il processo di pianificazione, programmazione e budget 3 Il modello di pianificazione, programmazione e budget consente di sviluppare lintegrazione tra indirizzi e obiettivi. In particolare, il modello ricerca lallineamento e la coerenza tra linee strategiche, obiettivi direzionali e azioni operative. 3

4

5 Dagli obiettivi strategici agli obiettivi operativi La misurazione e valutazione del grado di raggiungimento degli obiettivi assegnati alle strutture centrali e territoriali viene effettuata attraverso lutilizzo di un sistema di indicatori costruito in una prospettiva multidimensionale di efficacia, efficienza ed economicità. Il sistema permette di apprezzare il contributo dei singoli centri di responsabilità al raggiungimento dei Programmi obiettivo, e di valutare nel contempo il livello della performance di struttura organizzativa, in termini sia di efficacia che di efficienza nellimpiego delle risorse umane ed economiche. 55

6 6 Riguarda landamento degli indicatori di gestione ai vari livelli organizzativi, attraverso le rilevazioni relative a risultati (efficacia e qualità, efficienza e produttività, economicità:Cruscotto direzionale) in termini dellazione amministrativa, verificati con cadenza trimestrale; andamento delle attività (Piani delle attività), andamento dei volumi della produzione (Piani di produzione), consumo delle risorse economiche (Budget e Conto economico). Il monitoraggio 6 Verifiche trimestrali di budget che rappresentano i momenti di analisi e controllo dei risultati della produzione e dellandamento dei costi, che consentono valutazioni complessive sullandamento dei piani e la predisposizione, ove necessario, di azioni correttive. Le verifiche periodiche

7 Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione 7

8 8 Per azioni correttive o per recepire i cambiamenti intervenuti nel corso dellesercizio, relativamente alle variabili esogene che possono incidere nel perseguimento delle finalità dellIstituto La riprogrammazione

9 DG-DC TOP DOWN Il processo di Riprogrammazione DG-DC Direttore Generale PianoTrienale Variazione Programmi obiettivo Attività Correttivi ai Piani Attività / impiego risorse PianoTrienale Variazione Linee Guida DG-DC Direttori Centrali/Regionali Aree dirigenziali DG-DC Presidente PianoTrienale Variazione Piani Attività Consolidamento correttivi Piani Attività / impiego risorse TOP DOWN Determinazione DG variazione Programmi Obiettivo PianoTrienale Adozione aggiornamento Piano della Performance PianoTrienale Proposta Aggiornamento Piano della Performance 9

10 10

11 Il Cruscotto Direzionale Strumento di BENCHMARKING per il MIGLIORAMENTO CONTINUO COMPETERE COLLABORARE RIPROGRAMMARE REAGIRE CONDIVIDERE

12 Il Cruscotto Direzionale COMPETERE dal confronto con i risultati delle altre Strutture, lo stimolo a crescere COLLABORARE il risultato di una struttura è la risultante dei risultati di tutte le U.O. che la compongono – fare squadra RIPROGRAMMARE dal monitoraggio continuo la verifica degli eventuali scostamenti e ladozione degli opportuni correttivi CONDIVIDERE la diffusione dei risultati consente di mettere a fattore comune i problemi e condividere le soluzioni REAGIRE monitoraggio e verifica della congruità e degli effetti dei correttivi adottati

13 Il Cruscotto Direzionale Il Cruscotto direzionale consente il monitoraggio integrato di EFFICIENZA EFFICACIA attraverso il complesso degli INDICATORI SINTETICI che lo compongono

14 Il Cruscotto Direzionale Il Cruscotto direzionale è organizzato attraverso un insieme di INDICATORE SINTETICO GLOBALE che vengono aggregati a diversi livelli fino ad ottenere un INDICATORI DI EFFICACIA/QUALITA che rappresenta landamento della gestione a livello di Direzione regionale o provinciale INDICATORI DI EFFICIENZA

15 Il Cruscotto Direzionale Sulle attività di produzione il Cruscotto direzionale si compone di 7 LIVELLI e 233 INDICATORI Livello 1 Livello 2 Livello 3 Livello 4 Livello 5 Livello 6 Livello 7 Indicatori direzionali Indicatori operativi

16 La rappresentazione dei risultati gestionali (il reporting) Controllo Direzionale Controllo Operativo Organi (Presidente, Direttore generale) Direzioni centrali e regionali (management) Strutture di produzione Indicatori di efficacia ed efficienza Prodotti e servizi erogati La pianificazione e controllo di gestione 16

17 Il Cruscotto Direzionale Oltre agli indicatori di qualità, nei processi produttivi e nei processi ausiliari vengono poi rilevati una serie di indicatori di efficienza: Si tratta di indicatori che prendono in considerazione: PRODUTTIVITAe IMPIEGO RISORSE sul totale delle aree produttive

18 Tipologie di indicatori Tipo indicatori Strutture centraliStrutture regionali Indicatori di efficienza e innovazione - Impiego risorse umane sui programmi obiettivo (in %) - Impiego risorse straordinarie su ordinarie (in %) – su totale attività e su programmi obiettivo; - Impiego risorse economiche su programmi obiettivo; - Risorse disponibili (presenza al netto della formazione) su forza equivalente (FTE) (in %) - Scostamento risorse impiegate nellautofunzionamento nellanno rispetto allanno -1 (in %); - Per i piani di autofunzionamento le strutture, nellambito del processo di budget, individueranno obiettivi di efficienza e innovazione finalizzati allottimizzazione delle risorse. - Produttività globale di sede (in n. pezzi medi mensili procapite); - Produttività di processo (in n. pezzi medi mensili procapite); - Impiego risorse umane nei processi primari (in %) - Impiego risorse umane nei processi di supporto (in %); - Costo per unità di prodotto omogeneizzata (in euro); - Costo procapite (in euro); - Mq procapite (in mq); - Scostamento costi discrezionali rispetto al budget economico e allanno -1 (in %); - Per i piani di autofunzionamento le strutture, nellambito del processo di budget, individueranno obiettivi di efficienza e innovazione finalizzati allottimizzazione delle risorse. Indicatori di efficacia e qualit à - Gli indicatori presi a riferimento sono quelli indicati nei programmi obiettivo; - Le strutture, nellambito del processo di budget, possono individuare altri indicatori rappresentativi delle diverse attività ma comunque coerenti con gli obiettivi indicati nella Nota preliminare. - Gli indicatori di efficacia e qualità del servizio - Per i piani di recupero delle criticità regionali le direzioni regionali possono individuare gli indicatori più rappresentativi degli obiettivi che si intendono raggiungere. Indicatori di output - Gli indicatori presi a riferimento sono quelli indicati nei programmi obiettivo della Nota preliminare; - Le strutture, nellambito del processo di budget, possono individuare altri indicatori rappresentativi delle diverse attività ma comunque coerenti con gli obiettivi indicati nella Nota preliminare. - Volumi di produzione in pezzi omogeneizzati; - Valori finanziari espressi in euro (incassi, interessi passivi, conti transitori, ecc.); - Indici di giacenza in giorni: giacenza/(pervenuto annuo/365) - Produzione su carico di lavoro (pervenuto + giacenza) (in %) Indicatori di economicit à - Indicatore calcolato a livello di CdR calcolato attraverso il rapporto tra % di realizzazione degli obiettivi assegnati su % di assorbimento delle risorse economiche assegnate - Indicatore calcolato sul CdR di primo (direzione regionale) e secondo (direzione metropolitana, direzione provinciale, filiale di coordinamento) livello attraverso il rapporto tra la realizzazione degli obiettivi (scostamento vs budget dellindicatore sintetico dei processi primari) e lassorbimento delle risorse (scostamento vs budget dei costi discrezionali).

19 Il Cruscotto Direzionale Il Cruscotto direzionale consente quindi a ciascuna Struttura di produzione di calcolare gli SCOSTAMENTI rispetto a due variabili: dati di budget (OBIETTIVO) dati anno precedente (TREND)

20 Il Cruscotto Direzionale ALERT GIALLO I valori che risultano inferiori alla media nazionale, in un intervallo di valore compreso tra lo 0 e il 5% rispetto alla media, compaiono in campo giallo ALERT ROSSO I valori che risultano inferiori alla media nazionale oltre il 5,1%, compaiono in campo rosso Campo verde per valori in linea con la media nazionale Rispetto al POSIZIONAMENTO

21 Sede dir PIANO DELLE RISORSE AREE PRODUZIONE - (Totale personale A, B e C) anno CONSUNTIVO linea prodotto / servizio unità / mese in forza unità / mese in forza a risorse equiv. unità / mese temporanee (ricev.-cedute) FORZA EQUIV. EFF. (forza equ.+ ricev. - ced.) % assenze% straord.% formazione unità / mese disponibili Mix % ASSICURATO / PENSIONATO56,5753,63-0,0853,5521,23%1,76%0,65%42,7722,43% PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO44,1242,89-0,0342,8618,85%1,70%0,91%35,1218,42% SERVIZI AL SOGGETTO CONTRIBUENTE33,9632,040,8232,8615,82%0,97%0,46%27,8314,59% SERVIZI COLLEGATI A REQUISITI SOCIO-SANITARI10,119,05-0,498,5622,66%1,87%1,29%6,673,50% PRODOTTI AD ELEVATA SPECIALIZZAZIONE5,00 -0,034,9718,11%4,43%1,41%4,222,21% DIREZIONE FRONT OFFICE4,80 -0,014,7916,08%3,34%1,88%4,092,14% Totale FRONT OFFICE154,56147,410,18147,5919,15%1,71%0,79%120,7063,30% ANAGRAFICHE E FLUSSI15,0814,790,4615,2524,98%2,23%0,59%11,696,13% ACCERTAMENTO E GESTIONE DEL CREDITO14,5413,74-1,2312,5116,95%2,72%0,48%10,675,60% VERIFICA AMMINISTRATIVA3,00 0,123,1238,78%2,24%1,60%1,931,01% VIGILANZA ISPETTIVA18,67 0,2518,9214,32%3,28%0,48%16,748,78% CONTROLLO PRESTAZIONI8,00 -0,517,4920,29%2,80%0,53%6,143,22% GESTIONE RICORSI AMM.VI3,663,16-0,422,7416,79%1,46%2,19%2,261,19% DIREZIONE BACK OFFICE0,38 0,000,3821,05%2,63% 0,300,16% TOTALE BACK OFFICE63,3361,74-1,3360,4119,72%2,70%0,66%49,7326,08% totale217,89209,15-1,15208,0019,31%2,00%0,75%170,4389,38%

22 anno PROGRAMMATO unità / mese in forza al 1/1 unità / mese in forza a risorse equ. al 1/1 Uscite previste Entrate previste FORZA EQUIV. EFF. (forza equ.+ ricev. - ced.) Unità temporanee (ricev.-cedute) % assenze prevista % straordinario prevista % formazione prevista unità / mese disponibili previste Mix % 55,1053,290,00 53,290,0020,92%2,72%0,73%43,2023,37% 46,5044,520,00 44,520,0020,19%2,47%0,90%36,2319,60% 33,6931,430,000,8332,260,0020,37%2,51%0,53%26,3314,24% 5,45 0,00 5,450,0020,18%2,39%2,20%4,362,36% 5,00 0,00 5,000,0019,40%2,00%1,60%4,052,19% 5,00 0,00 5,030,0321,47%3,98%2,19%4,042,19% 150,74144,690,000,83145,550,0320,52%2,60%0,87%118,2163,94% 14,6614,530,000,5015,030,0023,29%2,99%0,93%11,846,40% 14,6613,900,83 13,900,0021,58%3,24%0,58%11,276,10% 3,00 0,000,503,500,0019,14%1,71% 2,831,53% 17,00 0,000,8317,03-0,8018,50%3,52%0,23%14,447,81% 9,00 0,750,839,080,0020,26%1,76%0,44%7,363,98% 3,492,990,00 2,990,0019,73%2,68%2,34%2,411,30% 1,00 0,00 1,000,0020,00%2,00%1,00%0,810,44% 62,8161,421,583,4962,53-0,8020,71%2,91%0,70%50,9627,56% 213,55206,111,584,32208,08-0,7720,57%2,70%0,82%169,1791,50%

23

24 Il principio guida è la flessibilità di utilizzo del personale in ragione dellandamento del processo produttivo rilevato attraverso il sistema di 24 Controllo di Gestione dalla rigidità della check list di competenze per funzioni definite allo sviluppo di competenze funzionali ad un contesto lavorativo dinamico ed in continua evoluzione La formazione a supporto della produzione Formazione tecnico operativa

25 Collegamento tra Formazione e Controllo di Gestione Controllo di Gestione Cruscotto Direzionale 1.Evidenza aree critiche 2.Mappatura dei prodotti critici 3.Adozione di azioni correttive di ricollocamento del personale 4.Verifica periodiche su miglioramenti nella gestione Formazione Pianificazione e Verifica 1.Individuazione ambiti di intervento 2.Rilevazione conoscenze tecnico procedurali da sviluppare 3.Realizzazione percorsi formativi di riconversione professionale 4.Verifica dellefficacia della formazione in collegamento con i dati produttivi 25 Focalizzazione sulla dimensione di gruppo

26 PROFILO DI PARTENZA qualifica funzionale esperienza abilità maturate FABBISOGNO attività alla quale si intende adibire il dipendente al termine della formazione tenuto conto: delle esigenze organizzative della sede della prossimità della nuova attività con il profilo di partenza DURATA FORMAZIONE data di inizio e fine della formazione on the job DURATA FORMAZIONE data di inizio e fine della formazione on the job SPAZIO DELLAPPRENDIMENTO unità organizzativa o linea prodotto servizio nella quale lavora lesperto di materia al quale è affidata, totalmente o parzialmente, lattività formativa SPAZIO DELLAPPRENDIMENTO unità organizzativa o linea prodotto servizio nella quale lavora lesperto di materia al quale è affidata, totalmente o parzialmente, lattività formativa

27 Individuo il deficit di produzione Associo il fabbisogno di competenze ai profili dei discenti Avvio i percorsi di formazione on the job, favorendo lo scambio di competenze Ottengo il riallineamento tra le risorse a disposizione e il fabbisogno produttivo Ruota di orientamento Istruzioni per luso

28 EMENS errati (anagrafici) Cessione del quinto Gestione Voucher Controllo autocertificazioni Deleghe sindacali Deleghe di pagamento Gestione detrazioni fiscali Cambio ufficio pagatore Iscrizione /Variazione Lavoratori Domestici e Gestione separata Variazioni anagrafiche ARCA Canalizzazione P.E.C. Rilascio e abbinamento PIN Stampa modelli CUD e duplicati Liste pensioni da verificare Ricostituzioni documentali Ricostituzione reddituali Trattamenti di famiglia Reversibilità Assegni sociali Ratei agli eredi Ratei al pensionato Gestione indebiti da prestazioni Servizio militare da Internet FA.SE. Figurativi e varie Riscatti di laurea inoccupati Estratti conto certificativi Pensioni con UNICARPE Trasformazioni in definitive ASPI e MINIASPI Indennità di malattia e maternità Riscatti con UNICARPE Autorizzazioni ai V.V. Pensioni gestione separata Supplementi di pensione Ricostituzioni contributive Certificazioni di salvaguardia Convenzioni internazionali Trattamenti nei Fondi speciali Riscatti in modalità manuale Illeciti penali Aziende Sistemazione F24 Verifica e Inserimento redditi ART/COM Rilascio DURC Iscrizioni aziende AGR Iscrizioni aziende DM Flusso delibere ART/COM EMENS errati (contributivi) Dilazioni amministrative Rettifiche aziende DM FA.SE. Dipendenti e autonomi Attività su Recupero Crediti Rimborsi e sgravi 90 giorni I riquadri contengono le tipologie di prodotti verso cui è consigliato rivolgere i primi mesi di formazione on the job, in relazione al profilo di esperienze già acquisite dal discente. Tale modalità di associazione tra profilo di partenza e famiglie di prodotti è esplicitata, con maggiore dettaglio, nel foglio di lavoro Excel disponibile in allegato 2

29

30 NOTA METODOLOGICA I prodotti sono enumerati per grado di difficoltà e tempi di apprendimento progressivi, ma solo in relazione al profilo professionale di partenza. Nel determinare i percorsi individuali di addestramento, sarà opportuno selezionare i prodotti in modo che garantiscano una coerente collocazione organizzativa e un giusto connotato di propedeuticità. Ad esempio, per i prodotti con grado di difficoltà "molto elevato", è consigliabile che l'addestramento specifico sia preceduto dalla piena competenza su prodotti similari sul piano del procedimento e della natura giuridica, ancorché più semplici nell'apprendimento (le pensioni in regime ordinario sono propedeutiche alle liquidazioni nei Fondi speciali; gli estratti conto certificativi sono propedeutici alle Certificazioni di salvaguardia della decorrenza, ecc.).


Scaricare ppt "1 INPS Direzione Centrale Formazione e Sviluppo Competenze."

Presentazioni simili


Annunci Google