La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGETTO DI FORMAZIONE E DI RICERCA AZIONE SULLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELLINFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Dino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGETTO DI FORMAZIONE E DI RICERCA AZIONE SULLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELLINFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Dino."— Transcript della presentazione:

1 PROGETTO DI FORMAZIONE E DI RICERCA AZIONE SULLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELLINFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Dino Cristanini

2 LE COMPETENZE NELLE INDICAZIONI COMPETENZE-CHIAVE DELLA RACCOMANDAZIONE EUROPEA PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

3 LE COMPETENZE CHIAVE Lorizzonte di riferimento verso cui tendere è delineato dal quadro delle competenze-chiave per lapprendimento permanente definite dal Parlamento europeo e dal Consiglio dellUnione europea (Raccomandazione del 18 dicembre 2006) che sono: 1) comunicazione nella madrelingua; 2) comunicazione nelle lingue straniere 3) competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia 4) competenza digitale 5) imparare a imparare 6) competenze sociali e civiche 7) spirito di iniziativa e imprenditorialità 8) consapevolezza ed espressione culturale

4 IL PROFILO DELLE COMPETENZE Il profilo descrive, in forma essenziale, le competenze riferite alle discipline di insegnamento e al pieno esercizio della cittadinanza, che un ragazzo deve mostrare di possedere al termine del primo ciclo di istruzione. Il conseguimento delle competenze delineate nel profilo costituisce lobiettivo generale del sistema educativo e formativo italiano. La scuola finalizza il curricolo alla maturazione delle competenze previste nel profilo dello studente al termine del primo ciclo, fondamentali per la crescita personale e per la partecipazione sociale, che saranno oggetto di certificazione.

5 COMPETENZE-CHIAVE RACCOMANDAZIONE EUROPEA COMPETENZE PROFILO STUDENTE FINE PRIMO CICLO COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA COMPETENZA DIGITALE IMPARARE A IMPARARE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE SPIRITO DI INIZIATIVA E IMPRENDITORIALITÀ CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Iniziare ad affrontare in autonomia e con responsabilità, le situazioni di vita tipiche della propria età, riflettendo ed esprimendo la propria personalità in tutte le sue dimensioni Dimostrare padronanza della lingua italiana Esprimersi a livello elementare in lingua inglese e comunicare in modo essenziale in una seconda lingua europea Utilizzare le tecnologie dellinformazione e della comunicazione anche in lingua inglese Analizzare dati e fatti della realtà utilizzando le conoscenze matematiche e scientifico-tecnologiche Orientarsi nello spazio e nel tempo, osservare e interpretare ambienti, fatti, fenomeni e produzioni artistiche Possedere buone competenze digitali, usare con consapevolezza le tecnologie della comunicazione per ricercare e analizzare dati e informazioni Possedere un patrimonio di conoscenze e nozioni di base, impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo Avere cura e rispetto di sé, adottare sani e corretti stili di vita, rispettare le regole della convivenza civile Dimostrare originalità e spirito di iniziativa Impegnarsi in campi espressivi, motori e artistici congeniali

6 I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Rappresentano dei riferimenti ineludibili per gli insegnanti, indicano piste culturali e didattiche da percorrere e aiutano a finalizzare lazione educativa allo sviluppo integrale dellallievo. Nella scuola del primo ciclo i traguardi costituiscono criteri per la valutazione delle competenze attese e, nella loro scansione temporale, sono prescrittivi, impegnando così le istituzione scolastiche affinché ogni alunno possa conseguirli, a garanzia dellunità del sistema nazionale e della qualità del servizio

7 COMPETENZE DISCIPLINARI E COMPETENZE PER LA CITTADINANZA ATTIVA Le competenze sviluppate nellambito delle singole discipline concorrono a loro volta alla promozione di competenze più ampie e trasversali, che rappresentano una condizione essenziale per la piena realizzazione personale e per la partecipazione attiva alla vita sociale, e sono orientate ai valori della convivenza civile e del bene comune. Le competenze per lesercizio della cittadinanza attiva sono promosse continuamente nellambito di tutte le attività di apprendimento, utilizzando e finalizzando opportunamente i contributi che ciascuna disciplina può offrire.

8 IL PROGETTO FASE 1FASE 2 FORMAZIONE DI REFERENTI DISTITUTO PER RIELABORAZIONE DEL CURRICOLO RICERCA-AZIONE FINALIZZZATA ALLA ELABORAZIONE DI PERCORSI ED ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

9 LA FORMAZIONE DEI REFERENTI DISTITUTO OBIETTIVO Formare di referenti distituto che diventino i responsabili dellazione di revisione e rielaborazione del curricolo nella logica della continuità CONTENUTI Piste di lettura e interpretazione delle Indicazioni ai fini della programmazione Strumenti per connettere le competenze trasversali a quelle disciplinari e queste agli obiettivi di apprendimento PARTECIPANTI Un referente per ciascuno dei gradi di scuola (dellinfanzia, primaria, secondaria di primo grado) afferenti ad ogni istituzione scolastica partecipante CALENDARIO 9 e 10 settembre 2013 dalle alle 17.30

10 LA RICERCA-AZIONE PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVO Elaborare, sperimentare e validare sul campo esperienze di apprendimento finalizzate al perseguimento di uno o più traguardi di competenza nonché di una o più prove per la rilevazione del livello di sviluppo della competenza. CONTENUTI Competenze relative a Italiano, Matematica, Storia, Geografia, Scienze Competenze Sociali e Civiche, Imparare a Imparare, Iniziativa e Imprenditorialità PARTECIPANTI20 partecipanti max per ciascuno degli 8 gruppi CALENDARIO 5 incontri in presenza di due ore ciascuno Lavoro sul campo Altri incontri spontanei o forme di interazione tra partecipanti

11 IL CALENDARIO DEGLI INCONTRI IN PRESENZA Ottobre 2013: Incontro con il responsabile scientifico e con i referenti disciplinari per la messa a punto della ricerca e delle modalità di elaborazione delle esperienze di apprendimento Novembre 2013: Incontro con i referenti disciplinari per la discussione sulle esperienze e sulle prove ideate e avvio della sperimentazione sul campo Gennaio 2014: Incontro con i referenti disciplinari per lesame dellandamento della sperimentazione sul campo, delle eventuali difficoltà e delle possibili soluzioni, nonché per la messa a punto delle modalità di elaborazione di una o più prove per la rilevazione del livello di sviluppo della competenza Marzo 2014: Incontro con i referenti disciplinari per lesame degli esiti della sperimentazione delle esperienze di apprendimento e per la discussione sulle prove ideate Maggio 2014: Incontro con i referenti disciplinari per lesame degli esiti della utilizzazione delle prove per la rilevazione del livello di sviluppo della competenza.

12 DIFFUSIONE DEI RISULTATI Lesito dei lavori potrà essere oggetto di una pubblicazione che offra alle scuole e ai docenti esempi paradigmatici di percorsi per lo sviluppo delle competenze e di prove per la rilevazione dei livelli di sviluppo delle competenze


Scaricare ppt "PROGETTO DI FORMAZIONE E DI RICERCA AZIONE SULLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELLINFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Dino."

Presentazioni simili


Annunci Google