La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le linee di intervento relative allarea incidenti domestici Cristina Aguzzoli - Sara Sanson Coordinamento regionale A.S.S. n.2 Isontina A.S.S. n.1 Triestina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le linee di intervento relative allarea incidenti domestici Cristina Aguzzoli - Sara Sanson Coordinamento regionale A.S.S. n.2 Isontina A.S.S. n.1 Triestina."— Transcript della presentazione:

1 Le linee di intervento relative allarea incidenti domestici Cristina Aguzzoli - Sara Sanson Coordinamento regionale A.S.S. n.2 Isontina A.S.S. n.1 Triestina

2 Gli incidenti domestici rappresentano un problema di Sanità Pubblica perché: Incidente domestico: oltre agli incidenti che accadono nellambito delle mura domestiche si intendono quelli avvenuti nelle pertinenze dellabitazione (cortili,garage,spazi condominiali comuni…) Costi in termini di vite umane Invalidità Costi-socio sanitari

3 Sorveglianza epidemiologica A livello europeo ed extra europeo sono attivi programmi di sorveglianza (EHLASS-European HOME and Leisure Accident Surveillance System) In Italia: legge 493/99 indica le funzioni del Servizio Sanitario Nazionale in materia di sorveglianza e prevenzione degli incidenti domestici Ogni anno in Italia avvengono circa incidenti domestici, che comportano decessi Pitidis A. La sorveglianza degli incidenti domestici in Italia. ISS (Roma) 2005; ISTAT; Indagine multiscopo annuale sulle famiglie anno 2006 Aspetti della vita quotidiana. Informazioni. 2007; Piano Sanitario Nazionale della Prevenzione con proroghe 2009 recepisce tale problematica in molti casi recepita nei Piani Sanitari Regionali.

4 Piano della Prevenzione in FVG Linee di intervento S1 Sorveglianza sanitaria S2 Indagine campionaria per lo studio delle modalità di accadimento degli infortuni da sviluppare nellambito di PASSI S3 Indagine campionaria per la valutazione delle condizioni di rischio nelle abitazioni dei lavoratori immigrati S4 Indagine campionaria per la conoscenza del lavoro domestico e dei rischi connessi S5 Attivazione di un sistema di sorveglianza degli eventi di violenza domestica

5 Linee di intervento in FVG P1 Rilevazione mediante sopralluoghi dei rischi connessi agli aspetti strutturali e impiantistici delle abitazioni(esperienza MICROAREE ASS 1 Triestina su richiesta dei residenti): CHECK LIST P2 Realizzazione di interventi informativi e formativi rivolti alla popolazione P3 Semplificazione del percorso relativo ai pareri del Dipartimento di prevenzione sulledilizia civile abitativa. Piano della Prevenzione in FVG

6 Proroga 2008 Punti di forza evidenziati Costituzione di un gruppo regionale di referenti aziendali molto partecipato La presenza in regione del gruppo di riferimento nazionale del CCM per gli incidenti domestici ha dato slancio e supporto tecnico metodologico Processo di condivisione della programmazione verso obiettivi raggiungibili da tutti, in modo da rendere omogenea lattività nel territorio regionale

7 Linee Gestione 2009 FORMAZIONE TECNICA A) realizzare iniziative/programmi di formazione per operatori delle ASS, associazioni di categoria tecnicamente idonee, Comuni FORMAZIONE BASE B) realizzare iniziative/programmi di formazione per lempowerment di coloro che gestiscono le fasce di popolazione a maggior rischio: badanti, caregivers, baby sitter e nonni. Indicazioni per la programmazione aziendale

8 I° CONFERENZA REGIONALE INCIDENTI DOMESTICI Una casa sicura…. per ogni fase della vita Promozione della cultura della sicurezza per un aumento della qualità esistenziale 19 novembre 2009 MONFALCONE(GO)

9 PIANO PREVENZIONE Obiettivi generali di salute Linee di supporto Linee di intervento -riduzione della mortalità da eventi traumatici,in particolare frattura di femore nella popolazione anziana(età > 65 aa) - riduzione dei ricoveri per eventi traumatici da caduta e dei ricoveri per avvelenamento e ustione nei bambini di età compresa tra 0 e 4 anni -elaborazione dei dati di mortalità ISTAT e delle SDO per monitorare il fenomeno e sviluppo di ulteriori sistemi di sorveglianza(SINIACA) -Interventi formativi e di comunicazione da avviare in partenariato con enti,istituzioni,organizzazioni interessate --monitoraggio dei modelli di intervento globale attivati nelle regioni mediante un approccio multifattoriale di promozione della salute -Promozione di interventi mirati ad incidere sui rischi infortunistici nelle istituzioni sanitarie,con particolare riguardo alla popolazione anziana -Promozione di interventi mirati ad incidere sui rischi ergonomici ed infortunistici nelle civili abitazioni,da sviluppare in particolare in collaborazione con gli Enti Locali -Promozione di interventi che prevedano lintegrazione dei diversi soggetti che agiscono sul target attraverso un approccio multifattoriale di promozione della salute

10 0-4 (52.498*) CASANIDO AREA GIOCO * residenti, fonte Istat 2009 > 65 ( *) CASA STRUTTURE PROTETTE ( RSA, CdR, Case albergo) Centri di aggregazione SETTING DI INTERVENTO TARGET MMG-PLS Farmacie PERCORSO DI CONDIVISIONE DI LINEE DI COMPORTAMENTO E DI SCELTE DI ADEGUAMENTO AMBIENTALE Cultura della sicurezza

11 RETE SANITARIA LA RETE PROMUOVE ALLEANZE CON STAKEHOLDERS O-4 aa. Dip Mat Infantile Cons Familiare Dip Prevenzione Percorsi Nascita PLS 65 aa Ortopedia Riabilitazione RSA ADI MMG Rischio Clinico 0-4 aa Asili Nido Ludoteche Comuni Province Ass.Categoria Commercianti prodotti e arredi prima infanzia 65 aa Case riposo Ambiti sociosanitari Comuni Province Ass categoria Ass. volontariato Commercianti arredamento…. GRUPPO AZIENDALE ATTI DI INTESA I DUE LIVELLI DI INTERVENTO

12 AZIONI CONDIVISIONE E DIFFUSIONE DI STRUMENTI E STRATEGIE COMUNICAZIONE Empowerment INDIVIDUALE Empowerment AMBIENTALE 0 – 4 > 65 IDONEITA E ADEGUAMENTO AMBIENTE ISTITUZIONALE IDONEITA E ADEGUAMENTO DOMESTICO……Inviolabilità domicilio SOGGETTI A RISCHIO CAREGIVERS COMPETENZE E ABILITA Mettere in grado… Project Cycle Management

13 Serve una badante? Meglio essere informati Messaggero Veneto 7 settembre 2010 MONFALCONE. Quindicimila in Regione e 200 nel Basso Isontino, almeno secondo i dati ufficiali che però non tengono conto del sommerso, le badanti ovvero le assistenti familiari che in numerose famiglie si prendono cura degli anziani restano uno dei fenomeni sociali più importanti. Proprio per cercare di dare una corretta informazione alle famiglie che ne fanno ricorso, ma anche una corretta formazione alle donne (in particolare transfrontaliere) che si trovano a operare con anziani e comunque con persone appartenenti a fasce deboli della popolazione, lAmbito distrettuale Basso Isontino, in collaborazione con il distretto socio-sanitario Basso Isontino, le organizzazioni sindacali pensionati Cgil,Cisl, Uil e Capla e lAssociazione Alzheimer Isontino hanno organizzato una serie di incontri e corsi dedicati al tema……………I corsi PrenderSi cura per le badanti, che saranno tenuti dalla cooperativa Itaca, prevedono sette incontri per un totale di 20 ore occupandosi di temi quali la tutela degli anziani, alimentazione, sicurezza, igiene, mobilizzazione, tutela della badante (contratto, diritti e doveri). ……

14 "Caldaia sicura, casa sicura, aria pulita" - campagna informativa sulla sicurezza domestica Nel 2008 in Italia si sono registrati 175 incidenti con 19 morti e 374 feriti. Questo il bilancio del malfunzionamento della caldaie domestiche. Un problema serio, dovuto ad una cattiva prevenzione e manutenzione degli impianti. Nellambito del "Progetto fiducia" nasce così "Caldaia sicura, casa sicura, aria pulita", una campagna di informazione sulla sicurezza domestica voluta dalla Provincia di Gorizia. Ogni famiglia ha ricevuto, assieme alla bolletta dellacqua, un opuscolo informativo ricco di semplici regole per una corretta manutenzione, i pericoli e rischi che si corrono, le cose da fare La brochure è stata un esempio di sinergia tra Aziende Sanitarie, EE.LL. e S.r.l (Irisacqua) al fine di trasferire competenze e favorire adeguamenti ove possibile

15 PRIORITAdegli aspetti di comunicazione INTERNA ED ESTERNA COMUNICAZIONE INTERNA Il valore di pianificare la comunicazione della rete sanitaria interna per un dialogo chiaro con lesterno Chiarire i livelli di responsabilità allocazione di risorse COMUNICAZIONE ESTERNA La comunicazione verso il cittadino e gli altri stakeholders: le politiche integrate e i vantaggi secondari di chi promuove le iniziative……..una sana competizione con regole etiche….. sinergia = vincere insieme QUALITA DI VITA

16 Prevenzione: diversi livelli di attività Linee di intervento PROMOZIONE PREVENZIONE PROTEZION E

17 Interventi di protezione Controllo/sorveglianza e intervento nelle strutture assistenziali pubbliche, Residenze Sanitarie Assistite, convenzionate e private, altri luoghi di cura e di vita … Implicano investimenti sulla eliminazione/riduzione dei fattori di rischio ambientale e organizzativo-assistenziale.

18 Interventi di prevenzione Azioni a sostegno: rivolto allassistenza della patologia cronico-degenerativa o del cittadino portatore di disabilità permanente o della rete relativa alla dimissione protetta.

19 Es. formazione specifica dei caregivers, in particolare badanti (linee di gestione del 2009): attivati i corsi per lacquisizione delle competenze minime nellassistenza Monitoraggio di processo: dai primi dati risulta una attivazione di 3 corsi nella provincia di Trieste e di 1 corso nella provincia di Gorizia. Il gradimento dei corsi nella provincia di Trieste è stato del 96% (Studio multicentrico nella Regione FVG sulla prevenzione Incidenti Domestici 2009) Interventi di prevenzione

20 A.S.S. n°3: due corsi personale O.S.S. Formazione di volontari, familiari (100 persone) A.S.S. n°4: prevenzione incidenti nellambito di corsi rivolti a badanti che assistono malati di tumore (CERICOT onlus) A.S.S. n°5: ha partecipato in collaborazione A.S.S. n°1 A.S.S. n°6: ha realizzato 1 corso badanti Interventi di prevenzione

21 Lavoro di rete con gli ospedali di Trieste per la presa in carico (a cura di Maila Mislej Direttore SC Infermieristica ASS 1 Triestina) Attività degli infermieri in pronto soccorso per un nursing abilitante e proattivo Interventi di prevenzione

22

23 Logica preventiva Infortunidomestici eventi/anno decessi/anno Infortuni stradali eventi/anno decessi/anno Infortuni sul lavoro eventi/anno* decessi/anno** * 17% dovuti ad incidenti stradali in itinere o in occasione di lavoro ** 55% dovuti ad incidenti stradali in itinere o in occasione di lavoro Logica preventiva privilegiabile/possibile: informazione intervento tecnico od organizzativo intervento tecnico od organizzativo

24 Vincolo normativo per lindividuo/infortunato: 10%95%50% Vincolo normativo per terzi: 30% 5% 5%80% Ipotesi di responsabilità penale: 10% 90% 90%90% Responsabilità dellindividuo/infortunato: 90%100%30% Infortuni domesticiInfortuni stradali Infortuni sul lavoro

25 Sistema di sorveglianza PASSI 2009 In Friuli Venezia Giulia sono state effettuate 1862 interviste Il sistema PASSI indaga aspetti relativi ai principali fattori di rischio inseriti nel programma Guadagnare salute e, fra essi, sicurezza in ambito domestico percezione dello stato di salute e dei rischi Nel 2009, un intervistato su 10 ha dichiarato di ritenere alto o molto alto il rischio di un incidente domestico SORVEGLIANZA E CONFERME DAL TERRITORIO

26 Linformazione funziona? Chi ha riferito di aver ricevuto informazioni, ha adottato misure per rendere labitazione più sicura? SORVEGLIANZA E CONFERME DAL TERRITORIO

27 SORVEGLIANZA E CONFERME DAL TERRITORIO Risultati coerenti con quelli di PASSI

28 Interventi di promozione Potenziamento dei comportamenti sani, ad esempio dellattività motoria rivolta a tutte le fasce di età, con particolare attenzione alla disabilità; utilizzo di spazi cittadini per lattivazione di eventi a carattere sportivo/ricreativo per favorire la mobilità e la socializzazione in tutte le fasce di età. Promozione del concetto di Casa sicura, attraverso una rete tra: Comuni, Aziende Sanitarie, Associazioni di categoria (artigiani e imprenditori che intervengono nelle abitazioni sia per la progettazione che per la manutenzione), Aziende per ledilizia residenziale Terzo settore Provincia FederSanità Anci

29 TARGET BAMBINI Avvio di azioni nel periodo perinatale, con proseguo negli asili nido e nelle scuole di ogni ordine e grado, per la promozione della cultura della sicurezza (domestica, stradale, collegata agli ambienti di vita e lavoro). Interventi di promozione

30 COMUNICARE LA CULTURA DELLA SICUREZZA A TUTTI I LIVELLI! Comunicazione per la salute: promozione di comportamenti di salute (risultato autonomo e indipendente dai processi sanitari) Comunicazione sanitaria: accompagna i processi sanitari di prevenzione, diagnosi cura e riabilitazione mira allempowerment della persona Comunicazione istituzionale: a livello di azienda e sistema, ne favorisce la legittimazione nel rapporto con i diversi portatori di interesse e con differenti pubblici di riferimento

31 Strategia vincente? Alleanze e reti Prossimo Forum PA 9-12 maggio 2011, Fiera di Roma:FARE RETE Siamo sulla giusta strada…

32 Grazie!


Scaricare ppt "Le linee di intervento relative allarea incidenti domestici Cristina Aguzzoli - Sara Sanson Coordinamento regionale A.S.S. n.2 Isontina A.S.S. n.1 Triestina."

Presentazioni simili


Annunci Google