La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Per lintervista di oggi ho scelto lesperto di geometria GUIDO CASTELNUOVO raccontato dalla figlia EMMA, appassionata studiosa di matematica che ha dato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Per lintervista di oggi ho scelto lesperto di geometria GUIDO CASTELNUOVO raccontato dalla figlia EMMA, appassionata studiosa di matematica che ha dato."— Transcript della presentazione:

1

2 Per lintervista di oggi ho scelto lesperto di geometria GUIDO CASTELNUOVO raccontato dalla figlia EMMA, appassionata studiosa di matematica che ha dato grande impulso allinsegnamento della geometria.

3 GUIDO CASTELNUOVO (1865 – 1952) Matematico e statistico italiano, è principalmente conosciuto per i suoi fondamentali contributi alla GEOMETRIA ALGEBRICA.

4 EMMA CASTELNUOVO Figlia di Guido, è nata nel Si è laureata in Matematica a Roma nel Nel 1944 ha fondato lIstituto Romano di Cultura Matematica. Fu pubblicata nel 1946 una sua conferenza: Metodo attivo per linsegnamento della geometria intuitiva, che richiamò linteresse internazionale di matematici e pedagogisti, tra cui Piaget. Dal 1948 ha pubblicato varie edizioni di testi scolastici per la scuola media e per la scuola superiore.

5 INIZIAMO L INTERVISTA...

6 CARA EMMA, POTREBBE INNANZITUTTO SPIEGARCI CHI E UN GEOMETRA? L etimologia della parola è la stessa di geometria che, è composta di due parole greche "ge" e "metron", rispettivamente, "terra" e "misura, dico questo perché rivela la vocazione originale del geometra: quella cioè di "misuratore della terra". La geometria è quella parte della scienza matematica che si occupa delle forme nel piano e nello spazio e delle loro mutue relazioni.

7 SUO PADRE HA DISCUSSO UNA TESI DI GEOMETRIA ALGEBRICA: COSA TRATTA? È un campo della matematica che unisce l'algebra astratta alla geometria. L oggetto principale di studio sono le varietà algebriche: oggetti geometrici, definiti come soluzioni di equazioni algebriche. Mio padre diceva: …lo strumento è lalgebra classica, ma felicemente guidata dallintuizione geometrica…

8 QUALI STUDI HA CONDOTTO? Nellambito della geometria birazionale ha stabilito risultati e metodi fondamentali delle proprietà delle superfici algebriche; portando esempi di superfici irregolari.

9 QUALI LE MAGGIORI SCOPERTE? La dimostrazione della razionalità delle involuzioni piane.

10 Ha esteso alcuni risultati del teorema di Riemann-Roch, relativo alla dimensione di una serie lineare di gruppi di punti sopra una curva algebrica.

11 COME AFFRONTAVA IL LAVORO DI RICERCA? Quando aveva un progetto in corso vi si dedicava quasi ininterrottamente. Nei momenti di pausa percorreva con aria svagata le vie della città.

12 ERA APPASSIONATO ANCHE DI ALTRI CAMPI DI STUDIO? Ha dedicato tempo al calcolo delle probabilità, alla teoria della relatività, allopera di trattatista, di divulgatore e di storico della scienza.

13 CHE CARATTERE AVEVA SUO PADRE? Lo avrei definito una persona estremamente umana, teneva molto ai suoi studenti cui voleva trasmettere passione per la sua materia. Nello stesso tempo, aveva un carattere integerrimo, dallalta levatura morale con un rigido senso della giustizia.

14 CHI FURONO I SUOI PRINCIPALI COLLABORATORI? Di estremo rilievo fu la corrispondenza con il cognato e matematico Federigo Enriques. Importanti furono anche diversi colleghi della scuola italiana: molti dei concetti fondamentali della geometria algebrica portano ancor oggi i nomi dati da loro.

15 EMMA ANCHE LEI HA STUDIATO MATEMATICA, HA EREDITATO LA PASSIONE DA SUO PADRE? Direi di si. Sono sempre stata immersa nella materia, fin da bambina, e mi sono appassionata. Il mio principale interesse è però la didattica della matematica: bisogna rivalutare completamente il modo di insegnare la materia, in modo particolare la geometria euclidea.

16 PERCHE RITIENE COSI FONDAMENTALE LA GEOMETRIA? La geometria ha un ruolo formativo indispensabile. Si può coglierne il significato nel processo di osservazione e di comprensione del mondo: Guardo, osservo e poi passo dal concreto allastratto, cioè matematizzo il fenomeno osservato.

17 PENSA CHE GLI STUDENTI NE COLGANO LIMPORTANZA? La geometria ha subìto negli ultimi anni una caduta di interesse da parte sia degli studenti, sia degli insegnanti, anche per mancanza di direttive: è difficile sia apprendere che insegnare.

18 NEL 1949 HA PUBBLICATO GEOMETRIA INTUITIVA, QUALE METODO HA PROPOSTO PER LINSEGNAMENTO? Per catturare linteresse degli allievi è necessario prendere le distanze dall'approccio teorico-razionale. Ho proposto di privilegiare un approccio sperimentale, più pratico. Nel processo di apprendimento occorre prima presentare i fatti e poi le teorie che li spiegano, con i relativi simboli astratti della matematica.

19 PERCHE LOSSERVAZIONE DELLA REALTA DEVE DIVENTARE IL NUCLEO CENTRALE? Si comprendono meglio i principi geometrici attraverso un metodo empirico che vada al di là di ogni teorema o regola. Un simile metodo richiede dunque lo sforzo personale dellallievo chiamato a svolgere un vero e proprio lavoro creativo.

20 COME PORTARE GLI ALLIEVI A UNATTENTA OSSERVAZIONE DELLA REALTA? Il segreto sta nel dare all'insegnamento un taglio pratico, manuale, costruttivo. Ho costruito con dei semplici cartoncini un triangolo e un quadrato per offrire agli alunni dimostrazioni pratiche. Grazie alla costruzione di alcuni semplici materiali è stato possibile cogliere i principi geometrici. La costruzione e l'osservazione consentono di cogliere dal di dentro la realtà fermandola e analizzandola.

21 HA MAI PENSATO DI ABBANDONARE I SUOI STUDI? No, ho continuato a credere nello studio e soprattutto nel valore formativo della geometria, anche quando venni sospesa dallinsegnamento a seguito delle leggi razziali.

22 SE DOVESSE DARE UN CONSIGLIO A UN DOCENTE? … La cosa fondamentale per un docente, indipendentemente dalla materia che insegna, è mettersi allo stesso livello degli allievi, cioè suscitare interesse e quindi discussioni, accettare domande su domande, anche le più balorde… e non aver lo scrupolo di dire: Guardate, non lo so!….

23 Siti di riferimento e bibliografia Emma castelnuovo Pentole, ombre e formiche, La Nuova Italia, 1993 lhttp://mathematica.sns.it/media/volumi/217/castelnuovo.pdf =X9wyUviSOI-M7Ab5q4BI&ved=0CGQQ6AEwCA#v=onepage&q=geometria%20emma%20castelnuovo&f=false =X9wyUviSOI-M7Ab5q4BI&ved=0CGQQ6AEwCA#v=onepage&q=geometria%20emma%20castelnuovo&f=false yUruDIKuv7Aagx4CABA&ved=0CD4Q6AEwAg#v=onepage&q=guido%20castelnuovo%20scoperte&f=false yUruDIKuv7Aagx4CABA&ved=0CD4Q6AEwAg#v=onepage&q=guido%20castelnuovo%20scoperte&f=false geometria-algebrica-italiana_(Storia-della-Scienza)/


Scaricare ppt "Per lintervista di oggi ho scelto lesperto di geometria GUIDO CASTELNUOVO raccontato dalla figlia EMMA, appassionata studiosa di matematica che ha dato."

Presentazioni simili


Annunci Google