La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TRASMISSIONE DATI CON MODEM 1. C OSA SI INTENDE PER TRASMISSIONE DATI 1/2 E linsieme delle tecniche hardware e software per la propagazione a distanza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TRASMISSIONE DATI CON MODEM 1. C OSA SI INTENDE PER TRASMISSIONE DATI 1/2 E linsieme delle tecniche hardware e software per la propagazione a distanza."— Transcript della presentazione:

1 TRASMISSIONE DATI CON MODEM 1

2 C OSA SI INTENDE PER TRASMISSIONE DATI 1/2 E linsieme delle tecniche hardware e software per la propagazione a distanza d'informazioni digitali. Necessita di due o più sistemi teminali DTE (Data Terminal Equipement) Si serve di un'opportuna rete di comunicazione su cui far viaggiare i dati. 2

3 C OSA SI INTENDE PER TRASMISSIONE DATI 2/2 Faremo riferimento alla trasmissione a distanza, quindi: La trasmissione dei dati avviene in modo seriale, un bit alla volta in sequenza. Viene utilizzata la rete telefonica pubblica. E necessario adattare il segnale digitale alla rete telefonica. 3

4 P ROBLEMA DI ADATTAMENTO DEL SEGNALE Problema: il segnale numerico ha spettro infinito e il segnale fonico tra 300 Hz e 3400 Hz. Esistono soluzioni? 4

5 S OLUZIONI DI ADATTAMENTO DEL SEGNALE 1/3 Prima soluzione : Modulare una portante analogica,con frequenza compresa tra 300Hz e 3400Hz, con il segnale digitale; Trasmettere il risultato della modulazione nella rete telefonica come un normale segnale fonico, cioè analogico, che verrà demodulato quando raggiunge il ricevitore. 5

6 S OLUZIONI DI ADATTAMENTO DEL SEGNALE 2/3 Le operazioni di modulazione e demodulazione, insieme con altre complesse funzioni di controllo, codifica e compressione dei dati, sono svolte da un dispositivo di comunicazione (DCE = Data Communication Equipement) denominato MODEM (MODulatore DEModulatore). 6

7 S OLUZIONI DI ADATTAMENTO DEL SEGNALE 3/3 Seconda soluzione: Utilizzare reti adatte a trasmettere segnali numerici, ovvero reti digitali, come ad esempio: la rete CDN (Collegamenti Diretti Numerici) la rete ISDN (Integrated Service Digital Network) la rete ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line). 7

8 S CHEMA A BLOCCHI DI UN SISTEMA DI TRASMISSIONE DATI 8

9 I L MODEM 1/6 È il dispositivo periferico che consente il collegamento seriale tra due computer remoti o tra un computer e un terminale utilizzando come linea di comunicazione quella telefonica. Ma, qual è esattamente il suo compito? 9

10 I L MODEM 2/6 Il MODEM svolge loperazione di adattamento del segnale digitale alla linea telefonica attraverso una conversione digitale analogica. 10

11 I L MODEM 3/6 Osservazione: tra la linea telefonica e il dispositivo DTE ricevitore deve essere connesso un altro modem che svolge il compito opposto a quello inserito nel lato trasmettitore. 11

12 I L MODEM 4/6 Nella terminologia dei MODEM si parla di velocità di trasmissione esprimendola in bit/s o simboli/s (baud). I simboli che un MODEM può trasmettere sono quelli di un alfabeto predefinito e stabilito dallo standard impiegato e tipico di un determinato schema di modulazione. 12

13 I L MODEM 5/6 Per standardizzare le caratteristiche dei MODEM il CCITT (ITU) ha emesso una serie di raccomandazioni che regolano la trasmissione dati ovvero definiscono le specifiche dei MODEM, delle interfacce e delle linee. 13

14 I L MODEM 6/6 Le raccomandazioni sono suddivise in due gruppi: Serie V: per la trasmissione dati su RC o RD Serie X: riguardanti i collegamenti dei terminali dati di utente con reti pubbliche per la trasmissione dati. 14

15 P RINCIPALI STANDARD PER LE INTERFACCE DEI MODEM 15

16 I NTERFACCIA DTE – MODEM 1/3 16

17 I NTERFACCIA DTE – MODEM 2/3 17

18 I NTERFACCIA DTE – MODEM 3/3 18 Caratteristiche meccaniche : tipo di connettore e numero di PIN. Caratteristiche elettriche : polarità e valori massimi e minimi delle tensioni e delle correnti Caratteristiche funzionali : funzione di ogni circuito e numero dei segnali necessari al funzionamento dellinterfaccia. Caratteristiche procedurali : temporizzazione dei segnali di controllo.

19 C LASSIFICAZIONE DEI MODEM I modem possono essere classificati nelle seguenti categorie: modem fonici; modem a larga banda; modem in banda base. 19

20 M ODEM IN BANDA BASE 1/3 Viene utilizzato per accedere a reti specializzate che non trattano fonia e quindi non deve imporre ai segnali lappartenenza al range 300 – 3400 Hz. Consente collegamenti a breve distanza che non superano alcuni Km. Consente una trasmissione più veloce fino a 72000bps. 20

21 M ODEM IN BANDA BASE 2/3 Il segnale digitale transita su un doppino telefonico che collega direttamente i due utenti (rete telefonica dedicata) Il segnale subisce solo una conversione di codice. Non viene realizzano la modulazione e/o demodulazione analogica. 21

22 M ODEM IN BANDA BASE 3/3 22

23 M ODEM IN BANDA FONICA M ODEM IN LARGA BANDA 1/4 Vengono utilizzati per accedere a reti che trattano fonia e quindi deve imporre ai segnali lappartenenza al range 300 – 3400 Hz Consentono collegamenti a lunga distanza. 23

24 M ODEM IN BANDA FONICA M ODEM IN LARGA BANDA 2/4 Nei modem fonici la larghezza di banda, pari ad un canale telefonico, limita la velocità di trasmissione a: 56Kbps nei modem V Kbps nei modem V bps in quelli V

25 M ODEM IN BANDA FONICA M ODEM IN LARGA BANDA 3/4 I modem a larga banda utilizzano il gruppo primario che va da 60KHz a 108KHz costituito da 12 canali telefonici: Ciò consente velocità di trasmissione più elevate come, ad esempio, nei modem conformi alle raccomandazioni V.35, V.36 (48000bps) e V.37 (144000bps). 25

26 M ODEM IN BANDA FONICA M ODEM IN LARGA BANDA 4/4 26

27 M ODALITÀ DI SCAMBIO DEI DATI 27 I modem possono scambiare dati tra di loro in tre modalità: Simplex Half duplex Full duplex

28 M ODALITÀ DI SCAMBIO DEI DATI SIMPLEX 28 Nella comunicazione di tipo simplex, i dati transitano solo dal trasmettitore al ricevitore. Questa modalità di funzionamento non è, al giorno d'oggi, più utilizzata per limpossibilità di avere un riscontro sulla correttezza della trasmissione

29 M ODALITÀ DI SCAMBIO DEI DATI SIMPLEX 29

30 M ODALITÀ DI SCAMBIO DEI DATI HALF - DUPLEX 30 Nella comunicazione di tipo half- duplex, un tempo molto utilizzata, la trasmissione è bidirezionale ma in momenti diversi. Quando un dispositivo trasmette laltro riceve e viceversa.

31 M ODALITÀ DI SCAMBIO DEI DATI HALF - DUPLEX 31

32 M ODALITÀ DI SCAMBIO DEI DATI FULL - DUPLEX 32 Nella comunicazione di tipo full-duplex, la trasmissione è bidirezionale simultanea permettendo ai dati di viaggiare su canali fisici distinti. Il modem si collega alla linea telefonica con quattro fili.

33 M ODALITÀ DI SCAMBIO DEI DATI FULL - DUPLEX 33


Scaricare ppt "TRASMISSIONE DATI CON MODEM 1. C OSA SI INTENDE PER TRASMISSIONE DATI 1/2 E linsieme delle tecniche hardware e software per la propagazione a distanza."

Presentazioni simili


Annunci Google