La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I diritti sociali La legislazione sociale lo Stato sociale (o Stato del benessere) 1 i diritti sociali Prof.Colucci Donato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I diritti sociali La legislazione sociale lo Stato sociale (o Stato del benessere) 1 i diritti sociali Prof.Colucci Donato."— Transcript della presentazione:

1 I diritti sociali La legislazione sociale lo Stato sociale (o Stato del benessere) 1 i diritti sociali Prof.Colucci Donato

2 I diritti sociali Si definiscono sociali quei diritti che riguardano: 1.I servizi sociali che danno diritto a ricevere finanziamenti ( scola,sanità..); 2.La protezione del lavoro e dei lavoratori; 3.Interventi a favore di chi si trova in difficoltà (legislazione sociale,LIBERTA quindi assistenza e previdenza); LIBERTA DAL BISOGNO DOPPIO VALORE DEI DIRITTI SOCIALI:linteresse al miglioramento del singolo che diventa miglioramento dellinteresse collettivo 2 i diritti sociali Prof.Colucci Donato

3 I diritti sociali e Stato sociale Stato sociale Stato sociale :che si impegna in politiche di sostegno ai più deboli; che mira alla redistribuzione della ricchezza. Stato assistenziale. Se Esso, invece,incorrere nella crisi fiscale ossia nell aumento eccessivo della pressione fiscale e nella non gestione del deficit di bilancio rischia di diventare Stato assistenziale. 3 i diritti sociali Prof.Colucci Donato

4 I diritti sociali: la salute Se tutta la collettività è in salute ed è istruita anche il singolo trova giovamento. La salute è un diritto ma anche un dovere (un individuo ha lobbligo di curarsi). Un individuo deve mantenersi in buona salute e il SSN ha il dovere di provvedere. Lart. 32 della Cost. stabilisce: 1.Cure agli indigenti 2.Trattamenti sanitari obbligatori 3.Rispetto della dignità umana (es. diritto alla riservatezza dellammalato) 4 i diritti sociali Prof.Colucci Donato

5 I diritti sociali :listruzione scuole pubbliche Lo Stato ha assunto come compito proprio quello dellistruzione attraverso le scuole pubbliche. cultura di Stato Non esiste, quindi, una cultura di Stato, anche se esistono scuole statali; ecco perché nella definizione di scuola pubblica rientrano anche quelle non statali. organizzare i servizi scolastici libertà nella scuola. Allo stato spetta il compito di organizzare i servizi scolastici, stabilire i tipi di scuole e i programmi, MA NON DETERMINARE I CONTENUTI DEGLI INSEGNAMENTI ( libertà di insegnamento e di apprendimento) quello che si definisce libertà nella scuola. 5 i diritti sociali Prof.Colucci Donato

6 I diritti sociali :listruzione La scuola è obbligatoria per dieci anni ( obbligo scolastico). LE SCUOLE PRIVATE Libertà della scuola senza oneri per lo stato Libertà della scuola ovvero: la Costituzione stabilisce che anche i privati hanno il diritto di istituire scuole e istituti di educazione senza oneri per lo stato, di due tipi: 1.Confessionali ( es. quelle della chiesa cattolica) 2.Commerciali. parità Ma ad alcune scuole private, dei due tipi, è concessa la parità con quelle statali ecco spiegato il motivo per cui ricevono finanziamenti pubblici. 6 i diritti sociali Prof.Colucci Donato

7 I diritti economici : quelli dei lavoratori Il SINDACATO sciopero politico pubblici essenziali. Il SINDACATO ovvero : la possibilità che ha un lavoratore di organizzarsi per difendere e promuovere il propri diritti. Non sono organi dello stato ma libera associazioni a cui i lavoratori possono e non devono iscriversi. Nelle loro funzioni, hanno quella di stipulare, insieme ai sindacati dei datori di lavoro e ai rappresentanti dello Stato, i contratti collettivi. La Cost. riconosce il diritto di sciopero, ovvero di assentarsi dal lavoro senza incorrere in sanzioni come azione di protesta e rivendicazione. Esiste anche lo sciopero politico ossia quello che ha come contro parte lo Stato. Lo sciopero è da alcuni anni regolamentato per garantire i servizi pubblici essenziali. 7 i diritti sociali Prof.Colucci Donato

8 I diritti economici :quelli degli imprenditori I DIRITTI DEGLI IMPRENDITORI proprietà liniziativa economica I DIRITTI DEGLI IMPRENDITORI sono: la proprietà e liniziativa economica. La prima può essere sia pubblica che privata ovvero i beni economici possono appartenere sia al privato che allo stato, creando di fatto la così detta economia mista quindi lo stato imprenditore insieme ai privati. 8 i diritti sociali Prof.Colucci Donato

9 I diritti economici : lo stato imprenditore LO STATO IMPRENDITORE LO STATO IMPRENDITORE, oramai non esiste quasi più, in contrasto con quanto afferma la Cost. art. 43 ovvero lo stato può escludere le imprese private e sostituirle con il proprio monopolio. Di fatto con la nazionalizzazione di imprese private prima ( es. ENAL) e con la successiva privatizzazione si è passati da uno Stato capitalista ed imprenditore ad un altro, invece, che sostiene leconomie e le imprese dallesterno con manovre o apporti di indirizzo e sviluppo. 9 i diritti sociali Prof.Colucci Donato

10 I diritti economici : la proprietà privata Lart. 42 funzione sociale. Lart. 42 della Cost. parla della proprietà privata come accessibile a tutti e di come questa contiene una funzione sociale. Lart. 47 risparmio Lart. 47 della Cost. poi parla di tutela del risparmio e di come i risparmiatori possano accedere alla proprietà di: abitazione,fondi, azioni. espropriata. Per la sua funzione sociale la proprietà privata quando crea utilità sociale può essere espropriata. Ovviamente per questo esiste un indennizzo pari al valore di mercato del bene espropriato 10 i diritti sociali Prof.Colucci Donato

11 I diritti economici : tipi di proprietà conformare Ove non cè esproprio la legge può porre dei vincoli. Si dice in questo caso che la legge può conformare la proprietà al pubblico interesse. Un classico esempio di legislazione conformativa è quella della proprietà in aree edificabili sottoposta a vincoli di interesse pubblico e sottoposta per es.: al piano regolatore urbanistico, ai regolamenti edilizi ecc.. 11 i diritti sociali Prof.Colucci Donato

12 Diritto di iniziativa economica Secondo lart. 41 della Cost. liniziativa economica è subordinata : -allinteresse pubblico; -Non può svolgersi contro: lutilità sociale,la sicurezza, la libertà, la dignità umana; -Al fatto che il profitto non è il valore principale; -Alla programmazione economica fatta da incentivi e disincentivi; 12 i diritti sociali Prof.Colucci Donato


Scaricare ppt "I diritti sociali La legislazione sociale lo Stato sociale (o Stato del benessere) 1 i diritti sociali Prof.Colucci Donato."

Presentazioni simili


Annunci Google