La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Rivoluzione francese La Francia era UN PAESE POVERO CON UNA CORTE MOLTO RICCA LUIGI XVI MARIA ANTONIETTA Cè generale malcontento. La popolazione urbana.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Rivoluzione francese La Francia era UN PAESE POVERO CON UNA CORTE MOLTO RICCA LUIGI XVI MARIA ANTONIETTA Cè generale malcontento. La popolazione urbana."— Transcript della presentazione:

1 La Rivoluzione francese La Francia era UN PAESE POVERO CON UNA CORTE MOLTO RICCA LUIGI XVI MARIA ANTONIETTA Cè generale malcontento. La popolazione urbana è al limite della sopravvivenza a causa della fame, delle tasse molto alte, del rincaro del prezzo del pane. Nelle campagne vige ancore un intollerabile sistema feudale. Il re quindi convoca lAssemblea degli Stati Generali: essa doveva decidere come risolvere la crisi economica della Francia. Era composta secondo queste proporzioni: 25% clero 25% nobiltà 50% Terzo stato I tre Stati si riuniscono a Versailles nel MAGGIO 1789

2 Il re si aspettava che la riunione si risolvesse in fretta e con la salvaguardia dei suoi interessi, non fu così. Gli Stati generali, per arrivare a prendere delle decisioni dovevano mettere le proposte ai voti; si chiedono come votare: -Un voto a persona? Avrebbero automaticamente sempre prevalso i voti del Terzo stato; -Un voto per gruppo? Avrebbero sempre prevalso gli interessi di clero e nobiltà, tendenzialmente sempre in accordo. NON SI TROVA ACCORDO Il Terzo stato si ritira e crea una sua ASSEMBLEA: LASSEMBLEA COSTITUENTE con lobiettivo di creare una NUOVA COSTITUZIONE Il re LEGITTIMA QUESTA ASSEMBLEA Il popolo di Parigi, per sostenere lAssemblea, crea un esercito, la GUARDIA NAZIONALE. Per procurarsi le armi, attacca il carcere della Bastiglia: 14 luglio 1789, PRESA DELLA BASTIGLIA

3 26 agosto 1789: lAssemblea Costituente emette la DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELLUOMO E DEL CITTADINO - si afferma il principio dellUGUALIANZA GIURIDICA - si abolisce il SISTEMA FEUDALE - si affermano i diritti inalienabili: VITA, LIBERTA, FELICITA, UGUALIANZA - si afferma il PRINCIPIO DI SOVRANITA NAZIONALE - si stabilisce la SEPARAZIONE DEI POTERI Per garantire questi diritti, lAssemblea stende una COSTITUZIONE – SETTEMBRE I poteri vengono suddivisi: POTERE LEGISLATIVO: ad un governo detto ASSEMBLEA LEGISLATIVA POTERE ESECUTIVO: al re (diritto di veto) POTERE GIUDIZIARIO: ai tribunali elettivi LA PRIMA FASE DELLA RIVOLUZIONE SI CHIUDE CON LA CREAZIONE DI UNA MONARCHIA COSTITUZIONALE

4 Le riforme dellAssemblea legislativa AMBITO RELIGIOSO: -I vescovi e i parroci vengono eletti e giurano fedeltà allo stato: COSTITUZIONE CIVILE DEL CLERO; -CONFISCA DELLE PROPRIETA ECCLESIASTICHE, rivendute a privati per sanare il deficit dello stato (questione degli Assegnati) AMBITO AMMINISTRATIVO: Vennero creati 83 dipartimenti (ex Province) AMBITO ECONOMICO: -Confisca dei beni ecclesiastici -Eliminazione dazi e tasse sul commercio. Il re si mostra accondiscendente (ad esempio si trasferisce a Parigi da Versailles), ma in realtà non condivide le scelte dellAssemblea: con il diritto di veto cerca sempre di bloccare ogni riforma, mostrando il suo dissenso. Addirittura, nel giugno 1791 cerca di fuggire da Parigi, non potendo più avere alcun potere decisionale. Lassemblea cerca di nascondere al popolo la verità: riporta il re a Parigi e diffonde la notizia di un tentato rapimento.

5 Al di fuori dellAssemblea nazionale la situazione è in fermento: si creano dei club politici che mettono in discussione le scelte rivoluzionarie. CORDIGLIERI Fondatore. Danton Principi: -Suffragio universale -Democrazia diretta GIACOBINI, primi sostenitori dellAssemblea Costituente Due fronti: MODERATI Sostenitori: La Fayette e Mirabeau RADICALI Sostenitori: Robespierre e Brissot Principi: -ideali rivoluzionari estremi -Non accettano dissenso SANCULOTTI Gruppo di partigiani rivoluzionari che agisce del tutto al di fuori dellAssemblea FOGLIANTI Ex giacobini Principi: -Legalità - sostegno alla monarchia GIRONDINI Monarchici moderati nei giudizi contro il re

6 Nel luglio 1791 le ali radicali emergono: SECONDA FASE DELLA RIVOLUZIONE GIACOBINI E CORDIGLIERI, CON ROBESPIERRE, MARAT E DANTON organizzano una protesta presso il CAMPO DI MARTE: non potevano accettare la presa in giro del finto rapimento del re!!! La protesta viene repressa dalla GUARDIA NAZIONALE, che tra laltro era comandata da La Fayette, che passa nellala dei Foglianti!! LAustria si mette in allarme per proteggere la monarchia francese Il governo dichiara preventivamente guerra allAustria sperando di esportare la Rivoluzione Il re finge di appoggiare il governo ma spera nella sconfitta!!!

7 E evidente ormai che il re sta tradendo il suo paese 1792: una massa di partigiani, i Sanculotti INVADE IL PALAZZO REALE LAssemblea legislativa DEPONE IL RE (la famiglia reale viene ghigliottinata) RICONOSCE UN NUOVO GOVERNO CITTADINO LA COMUNE RIVOLUZIONARIA, che sostituirà lAssemblea Legislativa PROCLAMA LA NASCITA DI UNA NUOVA ASSEMBLEA LA CONVENZIONE, che sostituirà lAssemblea nazionale VIENE PROCLAMATA LA REPUBBLICA (1792)


Scaricare ppt "La Rivoluzione francese La Francia era UN PAESE POVERO CON UNA CORTE MOLTO RICCA LUIGI XVI MARIA ANTONIETTA Cè generale malcontento. La popolazione urbana."

Presentazioni simili


Annunci Google