La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La dinastia FLAVIA (69-96 d. C.). Limpero di Vespasiano (69-79 a. C.) Aveva circa 60 anni quando venne nominato imperatore di origine sabina e figlio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La dinastia FLAVIA (69-96 d. C.). Limpero di Vespasiano (69-79 a. C.) Aveva circa 60 anni quando venne nominato imperatore di origine sabina e figlio."— Transcript della presentazione:

1 La dinastia FLAVIA (69-96 d. C.)

2 Limpero di Vespasiano (69-79 a. C.) Aveva circa 60 anni quando venne nominato imperatore di origine sabina e figlio di un publicano molto legato alle tradizioni latine espressione delle genti italiche tradizionaliste di cui favorì lascesa stimato per la sua saggezza designò come suoi eredi i figli: Tito e Domiziano

3 Limpero di Vespasiano Linea politicaRealizzazioneConseguenze Consolidamento del potere imperiale Lex de imperio VespasianiVengono stabiliti formalmente i poteri dellimperatore Consolidamento delle tradizioni latine contro gli influssi orientaleggianti Assunzione delle funzioni di censore Nomina a senatore di cavalieri italici e provinciali Estensione alla Spagna della condizione giuridica dei latini Istituzione di nuove legioni al comando di generali italici Ascesa e integrazione di italici e provinciali Limitazione del potere dellesercito Scioglimento delle legioni più indisciplinate Operazioni militari a consolidamento dei confini Diminuiscono i rischi di rivolte militari Aumenta il controllo dellimperatore sullesercito Controllo dellamministrazione dello stato Demolizione della Domus Aurea di Nerone Ricostruzione di Roma Costruzione di strade, ponti e fortificazioni in Italia e nelle province Risanamento delle finanze Conquista del favore popolare e dei provinciali

4 Lassedio di Gerusalemme Durante limpero di Vespasiano, il figlio Tito represse con grande durezza una vasta ribellione in Giudea (70 d. C.). A seguito della vittoria romana la città e il suo tempio furono distrutti; la distruzione del principale tempio ebraico è ricordata ancora oggi nell'annuale festa ebraica della Tisha BeAv, mentre l'arco di Tito, eretto per celebrare il trionfo del generale romano, si trova tutt'oggi a Roma.

5 Ricostruzione ideale del tempio

6 Ciò che resta del Tempio

7 Il Muro Occidentale È il luogo più santo per la religione ebraica. Conosciuto anche come il Muro del Pianto, si trova nel cuore della Città Vecchia di Gerusalemme. Secondo le credenze ebraiche, si tratterebbe del muro che sorreggeva il primo e secondo tempio di Salomone. Costruito da Salomone nel X secolo a. C, il primo Tempio fu una prima volta distrutto da Nabucodonosor. Intorno al 20 a.C, un secondo Tempio venne ricostruito dal re Erode, per essere nuovamente distrutto dal generale romano Tito. Il Muro Occidentale ne rimane la sua unica vestigia.

8 La preghiera del Papa al Muro del Pianto «Gerusalemme è stata sempre venerata da ebrei, cristiani e musulmani. Gerusalemme è la città santa per eccellenza. E' parte del comune patrimonio delle nostre religioni e di tutta l' umanità». E ancora: «Possa l' Onnipotente donare pace a tutta questa amata regione, così che ogni popolo che vive in essa possa godere dei propri diritti»

9 Gerusalemme: la città santa Ciò che rende davvero unica Gerusalemme è l'essere città santa per le tre grandi religioni monoteiste del mondo: EBRAISMO CRISTIANESIMO ISLAMISMO

10 La città è sacra per gli ebrei, in quanto storico simbolo della patria ebraica, luogo dove fu eretto il Tempio di Gerusalemme (l'edificio sacro più importante per la religione ebraica), nonché capitale del Regno di Giuda e Israele dal 1000 a.C. circa e del Regno di Giuda dal 933 a.C. al 597 a.C.

11 Allo stesso modo è sacra per i cristiani poiché luogo in cui Gesù Cristo ha vissuto e sofferto gli ultimi momenti della propria vita terrena, è stato sepolto e poi, secondo i cristiani, è risorto.

12 Moschea di Omar (o Cupola della Roccia). La cupola dorata conferisce al complesso una maestosità veramente notevole e rende la Moschea facilmente identificabile nel panorama di Gerusalemme. Altrettanto sacra è per i musulmani in quanto essi sostengono che Maometto vi sia giunto al termine d'un miracoloso viaggio notturno per ascendere poi al cielo pur rimanendo vivo.

13 Dunque Gerusalemme è da considerarsi uno dei luoghi più affascinanti e ricchi di storia del mondo. Il fatto stesso che un'unica città sia 'sospesa' tra le tre più grandi religioni monoteiste del pianeta è un evento assolutamente straordinario.

14 La distruzione del Secondo Tempio, dipinto di Francesco Hayez

15 L'arco di Tito a Roma, sullo sfondo del Colosseo (lato est)

16 Arco di Tito

17 Sacco di Gerusalemme, rilievo dall'Arco di Tito a Roma

18 La diaspora degli ebrei Per gli ebrei la distruzione del Tempio divenne la fine del proprio regno e da allora essi si dispersero nei paesi circostanti e in tutto il Mediterraneo dando luogo alla cosiddetta diaspora. Le fonti antiche parlano di morti e di decine di migliaia di Ebrei venduti come schiavi. Gerusalemme, divenuta colonia romana (Aelia Capitolina), venne vietata ai figli di Israele

19 Limpero di Tito (79-81 d. C.) Figlio di Vespasiano regnò solo per due anni Inaugurò il Colosseo con migliaia di gladiatori uccisi in combattimento Si trovò a fronteggiare una terribile catastrofe: leruzione del Vesuvio che sommerse le città campane di POMPEI, ERCOLANO E STABIA NEL 79 D. c. Si adoperò per aiutare le popolazioni colpite e altrettanto fece dopo un incendio che devastò nuovamente Roma nell80 d. C.

20 SITOGRAFIA Pompei ot.it/2013/04/documentario- completo-superquark-pompei.html

21 Domiziano (81 – 96 d. C. ) Continuò come il padre a governare ignorando il senato In pubblico era ostile alla cultura greca e orientale, in privato si faceva chiamare signore e dio Con il tempo accentuò i tratti dispotici del suo regno perseguitando gli oppositori Rimase ucciso in una congiura Il suo nome, insieme a quello di Caligola e Nerone fu colpito dalla damnatio memoriae (nemico dello stato)

22 Limpero di Domiziano Linea politicaRealizzazioneConseguenze Rafforzamento dellautorità imperiale Censore a vita Si circonda di un ristretto gruppo di consiglieri Indebolimento dellautorità senatoriale Politica estera espansionistica Celebra tre trionfiConquista del favore dellesercito

23 Imperatori tradizionalisti Si ispirano ai principi della tradizione romana, cercano unintesa con il senato, favoriscono gli italici e i provinciali: AUGUSTO TIBERIO CLAUDIO VESPASIANO TITO Imperatori orientaleggianti Si ispirano ai modelli del dispotismo orientale, al culto della persona dellimperatore favoriscono linfluenza culturale dellOriente: CALIGOLA NERONE DOMIZIANO


Scaricare ppt "La dinastia FLAVIA (69-96 d. C.). Limpero di Vespasiano (69-79 a. C.) Aveva circa 60 anni quando venne nominato imperatore di origine sabina e figlio."

Presentazioni simili


Annunci Google