La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1598 del 26 maggio 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Deliberazione della Giunta Regionale n. 1598 del 26 maggio 2009."— Transcript della presentazione:

1 Deliberazione della Giunta Regionale n del 26 maggio 2009

2 Intesa Programmatica dArea Presentazione Dgr 1598 del 26/ Bando 2009 Cofinanziamento regionale per progetti concordati nelle Intese Programmatiche dArea come da L.R. 13/99 con priorità ex L.R. 35/01

3 Qual è il finanziamento complessivo? Il bando 2009 prevede finanziamenti complessivi per tutte le IPA di euro Il contributo che può essere richiesto alla Regione Veneto, per ciascun intervento, dovrà essere compreso tra e Euro.

4 Quali sono gli interventi finanziabili? Opere e infrastrutture pubbliche dichiarate strategiche dai Tavoli di concertazione, nei settori: sviluppo locale sviluppo turistico promozione e diffusione di prodotti tipici locali beni culturali valorizzazione delle risorse paesaggistiche

5 progetti di miglioramento efficienza economica dei centri urbani (deve trattarsi di progetti unitari relativi a percorsi o aree pedonali, accessibilità e sosta per i centri storici, etc., tali da permettere il rilancio o linsediamento di attività commerciali, secondo le finalità della dgr n. 3099/2008); progetti integrati per il miglioramento della competitività economica dellarea dellIPA come centri polifunzionali e altri impianti o infrastrutture di area vasta (in tal caso è richiesta, con atto deliberativo di tutti gli Enti coinvolti, la condivisione del carattere sovracomunale dellintervento e la dichiarazione di partecipazione al cofinanziamento in misura non marginale). Tutti gli interventi devono aver raggiunto un livello di progettazione almeno preliminare, che risulti già approvata alla data di invio della richiesta di finanziamento. Quali sono gli interventi finanziabili?

6 I progetti relativi a piste ciclabili per essere tali devono rispettare gli standard del DM n.557 del 30/11/1999, (larghezza, pendenze, ecc...) e potranno essere finanziati nell'ambito dell' Asse prioritario 4 "Mobilità sostenibile" linea di intervento 4.4: Piste ciclabili del Programma FAS. Quelli che non soddisfano tali requisiti non possono ritenersi piste ciclabili ma itinerari/percorsi a valenza turistica che potrebbero, eventualmente, essere considerati nell'ambito di interventi di sviluppo locale.

7 Interventi nel campo delle infrastrutture per: la mobilità la difesa del suolo il ciclo dacqua lagricoltura le reti telematiche Quali sono gli interventi esclusi?

8 Che aree vengono finanziate? Regione Veneto sulla base dellart. 6 del regolamento CE 1083/2006

9 Enti pubblici su tutto il territorio regionale sottoscrittori dei protocolli dintesa delle IPA Le modalità di erogazione e rendicontazione saranno oggetto di disciplinare predisposto dalla Regione Chi sono i soggetti Beneficiari?

10 Chi sono i Soggetti che possono presentare richiesta? Soggetti responsabili di Intese Programmatiche darea riconosciute dalla Regione Veneto (DGR n.3323/2008) Soggetti responsabili di costituende Intese programmatiche darea che abbiano già provveduto: a sottoscivere un protocollo dIntesa fra le parti, a costituire un tavolo di concertazione, ad adottare un regolamento interno, ad individuare un soggetto pubblico capofila, in qualità di responsabile, a predisporre una sintetica analisi socio-economica del territorio a fare una relazione sugli esiti dellattività di concertazione locale

11 Chi sono i soggetti esclusi? Non possono beneficiare dei contributi gli enti attuatori che, con questa linea di finanziamento: – hanno beneficiato di contributi nellannualità 2007 e,alla scadenza del presente bando, non hanno ancora pubblicato il relativo bando di gara; – hanno beneficiato di contributi in annualità precedenti allultimo biennio e, alla scadenza del presente bando, non hanno ancora appaltato i lavori relativi alle opere pubbliche da realizzare.

12 Quali sono le modalità di presentazione? A)Numero di interventi presentabili per IPA: 5 per le aree con più di abitanti, o con territorio superiore a Km 2 3 per le aree con popolazione da a per le aree con popolazione compresa tra e

13 B) Requisiti del progetto: Gli interventi vanno presentati in ordine di importanza con adeguata motivazione Gli interventi devono aver raggiunto un livello di progettazione approvata almeno preliminare (Lr 27/2003) Va prevista una decisione formale del Tavolo di concertazione Quali sono le modalità di presentazione?

14 Quali sono i criteri di preferenza? 1.efficacia e motivazione della proposta rispetto allanalisi economico territoriale e alle priorità dei tavoli di concertazione 2.più efficacia e/o efficienza a parità di costo rispetto agli obiettivi prospettati 3.più avanzato stato di progettazione, già approvata, rispetto alla progettazione preliminare

15 4. localizzazione in Comuni (ex Ob. 2 o Phasing out) 5. un cofinanziamento minimo in base alla popolazione residente mai inferiore a: - 5% per comuni con popolazione inferiore a % per comuni con popolazione tra e % per comuni con popolazione tra e % per comuni con popolazione superiore a Per i progetti ad utilità sovracomunale è necessario il cofinanziamento pro-quota (in misura non marginale) da parte dei Comuni interessati, con una modalità di partecipazione proposta dagli stessi. Quali sono i criteri di preferenza?

16 Scadenza Le richieste di contributo devono essere fatte pervenire al protocollo della Direzione Programmazione Regione Veneto o mediante posta (tramite raccomandata A/R) entro le ore 13 del 24 agosto 2009 Dovranno contenere: - il documento o piano di sviluppo dellarea (se non già presentato/ aggiornato); - lelenco dei progetti di cui si chiede il finanziamento in ordine di priorità; - il verbale dei lavori del Tavolo di concertazione - una dichiarazione sullo stato di finanziamenti già concessi ex LR 13/1999; - i materiali progettuali aggiornati (3 copie), con il relativo atto di approvazione; - la scheda di descrizione dellintervento, in formato sia cartaceo che digitale; - almeno 5 immagini in formato digitale, in grado di illustrare lintervento da realizzare.

17 Istruttoria regionale La Giunta Regionale decide con provvedimento motivato sulla base di unistruttoria il cui coordinamento amministrativo è svolto dalla Direzione Programmazione, tenuto conto del parere tecnico delle competenti Direzioni di settore, nonché del parere del NUVV (Nucleo regionale di valutazione e verifica degli investimenti pubblici) in merito alla sostenibilità economico-finanziaria dei medesimi interventi

18 Azione Pilota Cosè? Azione sperimentale con lobiettivo di incrementare la ricettività turistica extra alberghiera con il riuso di edifici esistenti

19 Quali sono i criteri di partecipazione? Comuni appartenenti alle IPA riconosciute o costituende che abbiano un numero di posti letto compreso tra: e unità per comuni inferiori a abitanti e unità per comuni con più di abitanti

20 Quali sono le modalità di attuazione? Il soggetto responsabile dellIPA presenta una proposta in cui viene individuato un soggetto pubblico che prenda il ruolo di Ente Attuatore e beneficiario del contributo che può promuovere 2 azioni distinte: A. un bando rivolti ai privati B. unattività di patership rivolta ai soggetti pubblici (enti locali, comunità montane, consorzi…) e privati per individuare leventuale fabbisogno di interventi strutturali connessi o funzionali in modo diretto allazione A. da finanziare separatamente

21 Dovranno essere coinvolti almeno tre privati proprietari di immobili o porzioni di immobili indipendenti Il soggetto pubblico deve svolgere una verifica preliminare tramite unPRE-BANDO per accertare che i tre privati (fra loro coordinati per almeno 10 posti letto in aree circoscritte), si impegnino a partecipare poi al bando formale; E necessario che i soggetti privati che danno adesione alliniziativa, presentino una prima proposta tecnica di adeguamento degli edifici e di approntamento di servizi comuni e una proposta economica con i costi e la correlata richiesta di contributo successivamente partecipano al bando formale presentando elaborati e altri materiali richiesti. in caso di parita di punteggio, verra data priorita ai soggetti che hanno partecipato al pre-bando il contributo complessivo concedibile a ogni singolo soggetto privato non potra superare limporto di euro Azione A:

22 Quali sono gli interventi ammissibili? interventi concernenti la ristrutturazione e larredo, di immobili di proprietaprivata da destinare a strutture ricettive extra-alberghiere (comprese le attrezzature tecniche e informatiche): esercizi di affittacamere attivita ricettive a conduzione familiare (bed & breakfast) le attivita dovranno garantire un livello di servizio qualitativamente superiore a quanto previsto dalla L.R. del 4/11/02, n. 33, art. 25 e obbligatorio prevedere la dotazione di un servizio di bagno privato in ogni camera e obbligatorio prevedere un sito internet gestito in comune per la prenotazione/informazione Azione A:

23 Quali sono gli interventi ammissibili? Azione B: interventi pubblici infrastrutturali strettamente connessi o funzionali allazione di aiuto alla ricettivita extra- alberghiera (azione a) quali: miglioramento della qualita delle aree pubbliche (parcheggi, marciapiedi, spazi verdi, pavimentazione ecc.) recupero di borghi o di piccoli centri vialetti comunali di accesso agli edifici ricettivi pedonalizzazione di vie/piazze realizzazione di pontili di ormeggio in aree fluviolacuali lagunari

24 AZIONE A): per i soggetti pubblici vengono messi a disposizione 4 fondi di dotazione di ciascuno per i privati il finanziamento è al massimo di 50% del costo complessivo, elevabile all80% se ledificio è anteriore al 1900 AZIONE B) Le attività promosse dai soggetti pubblici possono essere finanziate sino a 70% del loro costo Quali sono le modalità di finanziamento?

25 Quali sono i criteri regionali per individuare i 4 fondi di dotazione? Numero dei privati che si sono impegnati nel pre-bando Qualità delle proposte Pregio storico-ambientale della località e degli edifici interessati Qualità innovazione e appropriatezza dellinfrastruttura pubblica complementare richiesta Localizzazione dellintervento in zone montane e del delta del Po IPA con maggior numero di abitanti Minor contributo richiesto per posto letto

26 I criteri per la scelta dei beneficiari finali sono: Ristrutturazione di edifici costruiti prima del 1900 Qualità dellofferta ricettiva Miglioramento della qualità degli edifici e degli spazi accessori Validità tecnico economica finanziaria delliniziativa Minor contributo richiesto per posto letto Quali sono gli elementi di priorità?

27 Spese per la ristrutturazione degli immobili e pertinenze Oneri di progettazione e spese tecniche nel limiti del 5% del costo complessivo di opere e attrezzature Spese per arredi funzionali al progetto I.V.A. per i soggetti che non possono recuperarla Quali sono le spese ammissibili?

28 I beni immobili e mobili oggetto di contributo sono soggetti a vincolo di destinazione per 6 anni e al divieto di alienazione a pena di revoca da parte del soggetto pubblico attuatore e la restituzione delle somme erogate Esistono vincoli di destinazione?

29 il mancato rispetto di tempi, modalità previste, la non corrispondenza dei lavori realizzati a quanto autorizzato e la rinuncia del contributo sono motivo di restituzione o di revoca dellassegnazione del contributo Deve essere richiesta apposita garanzia fideiussoria Esistono motivi di revoca o restituzione del contributo?

30 Quali sono le modalità di presentazione della richiesta? (a cura del soggetto responsabile IPA) le richieste di finanziamento devono pervenire entro le ore 13 del 24 agosto 2009 e dovranno contenere: le proposte tecnico-economiche formulate dai privati, ricevute in esito al pre-bando lo schema di bando che si intende utilizzare ai fini dellindividuazione dei soggetti privati un programma che individui: lente attuatore, il territorio, le opere infrastrutturali conesse allaz. a), con il costo e il contributo richiesto che si ritiene necessario realizzare a titolo di azione b) la documentazione dovra essere presentata in triplice copia

31 Informazioni e documentazione: Regione Veneto - Direzione Programmazione ?materia=Programmazione Provincia di Venezia – Attività Produttive Corso del Popolo 146/d Mestre


Scaricare ppt "Deliberazione della Giunta Regionale n. 1598 del 26 maggio 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google