La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La fisica del diodo e del transistor BJT. I conduttori Sostanze che permettono il passaggio di corrente se sottoposti a una d.d.p I conduttori sono i.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La fisica del diodo e del transistor BJT. I conduttori Sostanze che permettono il passaggio di corrente se sottoposti a una d.d.p I conduttori sono i."— Transcript della presentazione:

1 La fisica del diodo e del transistor BJT

2 I conduttori Sostanze che permettono il passaggio di corrente se sottoposti a una d.d.p I conduttori sono i metalli in generale; i migliori sono: rame, ferro, oro, platino. La caratteristica di conduzione di elettricità è dovuta alla struttura atomica: gli elettroni più esterni sono quasi liberi perché risentono poco dellinfluenza del nucleo a causa degli elettroni più interni che schermano la forza di attrazione del nucleo. Quando i conduttori sono sottoposti a temperature più o meno alte, la conducibilità diminuisce a causa dellaumento dellagitazione termica che impedisce il movimento degli elettroni di conduzione. La variazione della resistenza avviene secondo la seguente legge R=R 0 (1+ T) Dove: R 0 è la resistenza a temperatura ambiente di circa 25°C è una costante tipica del conduttore in considerazione detta anche coefficiente di temperatura T è la variazione di temperatura

3 I semiconduttori Hanno conducibilità intermedia tra quella dei conduttori e degli isolanti Il coefficiente di temperatura è negativo, quindi, la conducibilità aumenta allaumentare della temperatura Sono sensibili alle radiazioni luminose Sono sensibili ai campi elettrici Principali semiconduttori: germanio, silicio, boro, arseniuro di gallio, solfuro di cadmio

4 La resistività Resistività ( cm) Materiale <10 -3 Metalli < <10 5 Semiconduttori >10 5 Isolanti

5 Orbitali Per comprendere latomica si schematizza la struttura atomica come un sistema solare microscopico con il nucleo centrale formato da neutroni e protoni e, gli elettroni che ruotano attorno In realtà ciò non è possibile perché gli elettroni, essendo muniti di carica elettrica, possono perdere energia nel compiere una traiettoria non rettilinea e cadere di conseguenza sul nucleo

6 Orbitali Lorbitale non è unorbita come si intendeva in fisica classica Lorbitale rappresenta lo stato energetico dellelettrone Non esistono infiniti orbitali ma sono in numero limitato e stabilito da alcuni parametri detti numeri quantici Il numero quantico principale stabilisce il contenuto energetico dellelettrone e anche la vicinanza al nucleo Gli elettroni più vicini al nucleo hanno energia maggiore Per poter strappare un elettrone ad un atomo bisogna dare il giusto contenuto energetico che è quello che possiede lelettrone in quello specifico orbitale

7 Bande energetiche Quando gli atomi di elementi si uniscono in molecole, si formano le bande energetiche Le bande energetiche sono la sovrapposizione di orbitali dei singoli atomi Si distinguono bande di valenza e bande di conduzione } banda di valenza } banda interdetta } banda di conduzione eV Quando due atomi vengono avvicinati tra loro, si genera una forza che causa una distorsione delle loro nubi elettroniche ed un cambiamento dei livelli energetici.

8 Le bande energetiche in dettaglio La banda di valenza contiene gli elettroni che intervengono nei legami chimici La banda di conduzione contiene gli elettroni di conduzione ed è superiore a quella di valenza come energia La banda interdetta separa le due precedenti; essa è detta anche Gap. In base alla ampiezza energetica del Gap si possono distinguere tre casi: a) Materiali conduttori: il gap ha ampiezza nulla o negativa e i due livelli energetici sono sovrapposti b) Materiali isolanti: il gap è molto ampio e anche con un campo elettrico molto intenso gli elettroni non riescono a superare la banda interdetta c) Materiali semiconduttori: il gap è piccolo, prossimo a 1 eV; per effetto termico o per effetto di un piccolo campo elettrico gli elettroni potrebbero passare dalla banda di valenza a quella di conduzione. A temperatura ambiente 300 K, E G =0.72 eV per Ge e, E G =1.1 eV per Si Gli elettroni che possono prendere parte ad un legame covalente sono detti elettroni di valenza

9 Germanio e Silicio Il Germanio e il Silicio sono tetravalenti, cioè hanno quattro elettroni di valenza Gli elettroni liberi a temperatura ambiente sono pochi quindi, la conducibilità intrinseca è bassa aumentando la temperatura potrebbe aumentare la conducibilità

10 Semiconduttori drogati Per aumentare la conducibilità dei semiconduttori si introducono delle impurità allinterno di essi Si dice che il semiconduttore viene drogato Se si inserisce un elemento di valenza 3, il semiconduttore è drogato di tipo P; se si introduce una un elemento di valenza 5, il semiconduttore è drogato di tipo N

11 Struttura di un semiconduttore puro Nei semiconduttori gli atomi sono legati da legami covalenti secondo una struttura cristallina come in figura

12 Struttura di un semiconduttore drogato di tipo N Nel semiconduttore puro si inseriscono degli atomi di valenza maggiore per cui, alcuni elettroni risultano liberi perchè non sono impegnati nei legami covalenti. Il semiconduttore risulta però sempre neutro. Gli elettroni liberi sono detti portatori maffioritari

13 Struttura di un semiconduttore drogato di tipo P Nel semiconduttore puro si inseriscono degli atomi di valenza minore per cui, risultano zone prive di elettroni di valenza: le lacune o portatori minoritari.

14 La giunzione PN Se si unisce un semiconduttore drogato N con uno drogato P, si ottiene la giunzione PN PN Poiché la distribuzione di cariche non è omogenea, si crea una corrente di diffusione composta da cariche positive che vanno verso N e cariche negative verso P. Nei pressi della giunzione si forma una zona detta di svuotamento, carica positivamente in N e negativamente in P Zona di svuotamento V

15 Polarizzazione Quando poniamo in contatto due metalli differenti si crea tra essi una differenza di potenziale. Questo è leffetto Volta La barriera di potenziale può cambiare di ampiezza se si pone agli estremi della giunzione una d.d.p Si dice che il diodo è polarizzato direttamente se si pone il polo positivo della batteria sullanodo e il negativo sul catodo e il diodo conduce. La barriera di potenziale si abbassa e favorisce il passaggio di elettroni o cariche maggioritarie Si dice che il diodo è polarizzato inversamente se si pone il polo negativo della batteria sullanodo e il positivo sul catodo e il diodo non conduce. La barriera di potenziale si alza e gli elettroni non riescono più a passare

16 Barriera di potenziale e polarizzazione PN Polarizzazione negativa - + PN Polarizzazione positiva -+ Zona di svuotamento V Zona di svuotamento V

17 Polarizzazione in dettaglio Polarizzazione positiva Gli elettroni della zona drogata n vengono attratti dal polo positivo della batteria creando una zona di svuotamento non neutra; non cè passaggio di corrente Polarizzazione negativa Gli elettroni della zona drogata n vengono attratti dal polo positivo della batteria superando la zona di svuotamento che diventa di spessore nullo; cè passaggio di corrente

18 La corrente nella giunzione p-n Lo studio della distribuzione di carica e della corrente nei semiconduttori deve tener conto di tre fenomeni: La generazione e la ricombinazione di coppie elettrone-buca Il moto di deriva delle cariche in presenza di un campo elettrico La diffusione determinata da una disuniforme densità di carica

19


Scaricare ppt "La fisica del diodo e del transistor BJT. I conduttori Sostanze che permettono il passaggio di corrente se sottoposti a una d.d.p I conduttori sono i."

Presentazioni simili


Annunci Google