La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A. 2001-02 1 Interazioni (Forze) fondamentali della natura 1.Interazione Gravitazionale (corpi dotati di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A. 2001-02 1 Interazioni (Forze) fondamentali della natura 1.Interazione Gravitazionale (corpi dotati di."— Transcript della presentazione:

1 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Interazioni (Forze) fondamentali della natura 1.Interazione Gravitazionale (corpi dotati di massa) 2.Interazione Elettromagnetica (fenomeni elettromagnetici, luce, radiazione) 3.Interazione Forte(nuclei atomici) 4.Interazione Debole(decadimenti radioattivi) Lorigine delle interazioni (forze) sono le cariche delle particelle interazione

2 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Struttura della materia ordinaria La materia ordinaria è composta da atomi Gli atomi sono costituiti da tre tipi di particelle: elettroni, protoni e neutroni RAPPRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA DELLATOMO Z = numero atomico A = numero di massa Nel Nucleo: Z protoni A – Z neutroni Z elettroni esterni m m

3 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Carica elettrica La carica elettrica (q) è la proprietà delle particelle sensibili alla forza (interazione) elettromagnetica, così come la massa (o carica) gravitazionale (m) è la proprietà delle particelle sensibili alla forza gravitazionale). Forza elettrica attrattiva o repulsiva due tipi di cariche elettriche: positiva e negativa cariche elettriche dello stesso segno (+ +) o (- -) si respingono cariche elettriche di segno opposto (+ -) o (- +) si attraggono La forza gravitazionale è solo attrattiva: esiste un solo tipo di massa (carica) gravitazionale Forza elettrica (elettrostatica) (interazione elettromagnetica tra particelle con carica elettrica) Particelle in quiete

4 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Osservazioni 1.Tutte le particelle che hanno carica elettrica hanno anche massa gravitazionale. Non tutte le particelle che hanno massa gravitazionale hanno carica elettrica (es.: neutrone, particella elettricamente neutra) 2.La carica di una particella non dipende dal suo stato di moto: essa è uno scalare invariante, indipendente dal sistema di riferimento in cui viene misurata (principio di invarianza della carica elettrica) (precisione: 1/ neutralità della molecola di idrogeno). 1897: scoperta dellelettrone (J. J. Thomson) e misura del rapporto tra il valore della carica elettrica e della massa: Carica elettrica elementare

5 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Evidenza sperimentale: nessuna particella libera ha una carica elettrica con un valore minore di quello della carica dellelettrone (carica elementare e) : serie di misure sperimentali del valore della carica dellelettrone (R. Millikan). Valore di e (Cohen e Taylor (1986)): Massa e Carica elettrica delle particelle fondamentali degli atomi Eguaglianza del valore della carica dellelettrone e del protone: precisione = 1/ ParticellaSimbolo Massa (kg) Carica (e) elettrone em e = e protone pm p = e neutrone nm n = m p /m e = 1836 m n /m p =

6 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Quantizzazione della carica elettrica Evidenza sperimentale: la carica elettrica è una grandezza quantizzata, cioè può avere solo valori multipli della carica elementare: Carica elettrica Atomi neutri e Ioni Atomo Neutro Ione +n Ione -n Numer o CaricaNumer o CaricaNume ro Carica protoni Z+Ze Z Z neutroni A-Z A-Z 0A-ZA-Z 0 A-Z A-Z 0 elettroniZ-Ze Z-n -(Z-n)e Z+n -(Z+n)e Carica totale 0 +ne -ne

7 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Conservazione della carica elettrica (uno dei principi fondamentali della Fisica) (sistema isolato: regione dello spazio chiusa la cui superficie di confine non può essere attraversata da materia elettricamente carica). Il principio di conservazione della carica elettrica è verificabile a livello macroscopico e, con precisazione molto elevata, anche a livello microscopico delle particelle subnucleari. Esempi: decadimernto alfa radioattivo; es.: nucleo di uranio che si trasforma in un nucleo di torio più un nucleo di elio (particella alfa): Z(U)=Z(Th)+Z(He) 92 = annichilazione materia-antimateria: una coppia elettrone - positrone si trasforma in due raggi gamma (pura energia): 1. e - +e + 2 Z(e)+ Z(anti-e) = Z( ) = 0 In un sistema isolato la somma algebrica delle cariche elettriche è costante

8 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Corpi carichi di elettricità La materia allo stato normale è elettricamente neutra: atomi neutri con lo stesso numero di elettroni (carica -e) e protoni (carica +e). Q = Carica elettrica di un corpo elettrizzato = (numero di elettroni in eccesso o in difetto) x (carica elementare) = ± n e Conduttori di elettricità: sostanze nelle quali alcune o tutte le cariche elettriche possono muoversi liberamente sotto l'azione di forze elettriche (elettroni di conduzione nei metalli, ioni nelle soluzioni acquose). Isolanti (dielettrici): gli elettroni sono vincolati agli atomi (es.: vetro, ebanite). Semiconduttori: classe di materiali intermedia tra i conduttori e gli isolanti per le loro proprietà di condurre elettricità (es. : silicio, germanio).

9 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Esempi di elettrizzazione 1. Strofinio (isolanti) V(+) (elettrizzazione vetrosa) V V R R(-) (elettrizzazione resinosa) R R V 2. Induzione (metalli)

10 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Intensità di corrente elettrica Carica totale che attraversa la sezione di area A nellunità di tempo: Unità di misura nel sistema SI: ampère (A = C s -1 ) Valori di cariche elettricheQ (C) Correnti in circuiti integrati (t = s) Fascio di elettroni (tubo televisivo) (t = s)10 -9 Tipica carica per strofinio10 -7 Corrente in una lampadina (t = 1 s) 1 Elettroni liberi in 1 mm 3 di rame 13 Elettroni in 1 mm 3 di silicio Corrente in un fulmine (t = 1 s) 10 4

11 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Distribuzioni di cariche elettriche Cariche puntiformi: costituite, nella realtà, da particelle come i protoni e gli elettroni. Distribuzione discreta N cariche puntiformi (q 1, q 2,..., q N ) distribuite nello spazio

12 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Distribuzioni continue Si introduce la grandezza scalare densità di carica elettrica. Densità volumica di carica (unità di misura nel SI: C m -3 ) Carica totale distribuita nel volume V :

13 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Densità superficiale di carica (unità di misura nel SI: C m -2 ) Carica totale distribuita sulla superficie S:

14 Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A Densità lineare di carica (unità di misura nel SI: C m -1 ) Carica totale distribuita sulla lunghezza l:


Scaricare ppt "Lezione n. 1Corso di Fisica B, C.S.Chimica, A.A. 2001-02 1 Interazioni (Forze) fondamentali della natura 1.Interazione Gravitazionale (corpi dotati di."

Presentazioni simili


Annunci Google