La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STUDIO DEI FENOMENI ELETTRICI. GRECI VII sec. a.C. Resina fossile che se strofinata con lana o pelli d'animale acquista la proprietà di attrarre piccoli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STUDIO DEI FENOMENI ELETTRICI. GRECI VII sec. a.C. Resina fossile che se strofinata con lana o pelli d'animale acquista la proprietà di attrarre piccoli."— Transcript della presentazione:

1 STUDIO DEI FENOMENI ELETTRICI

2 GRECI VII sec. a.C. Resina fossile che se strofinata con lana o pelli d'animale acquista la proprietà di attrarre piccoli oggetti come pezzetti di sughero o capelli elettricità élektronambra

3 W. GILBERT XVII sec. Studio sistematico delle proprietà elettriche Comportamento elettrico dellambra è comune anche a molti altri materiali, quali il vetro, lo zolfo… Elettricità, poiché così comune a molte sostanze diverse, è una specie di effluvio che si trasferisce tramite sfregamento da un corpo a un altro.

4 1729 S. GRAY Corpi conduttori: trasferiscono elettricità ad altri corpi conduttori (per esempio tramite un filo metallico) Corpi isolanti: non permettono passaggio di elettricità Elettricità è un fluido separabile dalle sostanze

5 1733 C. DU FAY Ipotizza due diversi tipi di elettricità: la vetrosa (propria del vetro o dei cristalli strofinati con seta ) e la resinosa (ambra strofinata con pelli di animale). Entrambi attraggono la materia e si attraggono fra loro Se sono dello stesso tipo di elettricità si respingono Osservazione: alcuni corpi si attraggono altri si respingono Esistono due fluidi elettrici distinti

6 B. FRANKLIN ( ) Propone la teoria a un unico fluido elettrico composto di particelle contenute nella materia; l'eccesso di fluido dà carica vetrosa o positiva, il difetto dà carica resinosa o negativa Strofinando il vetro con la seta si ha un passaggio di cariche positive dalla seta al vetro. Il vetro acquista carica positiva, la seta la perde e si carica negativamente. Teoria di Franklin spiegava la maggior parte dei fatti sperimentali.

7 Oggi sappiamo che esistono due tipi di cariche che si muovono da un conduttore allaltro: particelle dotate di massa POSITIVE E NEGATIVE (ma sono principalmente gli elettroni che si muovono da un conduttore allaltro) Interpretazione attuale della teoria di Franklin: Il vetro perde elettroni e si carica positivamente, la seta acquista elettroni e si carica negativamente.

8 Conservazione della carica Franklin ipotizza che quando si strofina una bacchetta qualunque, la quantità di fluido ceduta è uguale alla quantità di carica acquistata: LEGGE DI CONSERVAZIONE DELLA CARICA La carica totale, intesa come somma algebrica delle cariche, rimane invariata

9 Intensità dellinterazione elettrica Caratterizziamo attraverso la forza esercitata su uno degli oggetti che interagiscono: Aumenta in maniera evidente al diminuire della distanza tra gli oggetti Dipende dal tipo di oggetto considerato

10 Legge di Coulomb La direzione è quella congiungente i centri delle due sferette Il verso è determinato dal segno delle cariche FORZA REPULSIVA FORZA ATTRATTIVA

11 Interazione elettrica e gravitazionale La forza gravitazionale è più debole di quella elettrica: a livello microscopico è più importante la forza elettrica a livello cosmico è più importante quella gravitazionale FORZA ELETTRICAFORZA GRAVITAZIONALE Si esercita solo su corpi carichi elettricamente Si esercita su tutti i corpi Sia attrattiva che repulsivaSolo attrattiva Risente del mezzo in cui sono collocate le cariche Riamane invariata


Scaricare ppt "STUDIO DEI FENOMENI ELETTRICI. GRECI VII sec. a.C. Resina fossile che se strofinata con lana o pelli d'animale acquista la proprietà di attrarre piccoli."

Presentazioni simili


Annunci Google