La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il mercato agroalimentare cinese ed il settore vino Lonigo, 22.01.2014 Thomas Rosenthal.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il mercato agroalimentare cinese ed il settore vino Lonigo, 22.01.2014 Thomas Rosenthal."— Transcript della presentazione:

1 Il mercato agroalimentare cinese ed il settore vino Lonigo, Thomas Rosenthal

2 Principali fattori di sviluppo e trend macro Crescita economica e diffusione della ricchezza Ri-orientamento delle fonti di crescita Urbanizzazione

3 Contributo alla crescita del Pil, Fonte: CeSIF; CEIC

4 Contributo al PIL, Fonte: CeSIF; CEIC

5 Contributo consumi privati alla crescita del pil Consumi privati/Pil, in rapporto a paesi selezionati 2012 Fonte: CeSIF, CEIC Perché? 1.Repressione finanziaria 2.Investimenti infrastrutturali 3.Alto risparmio prudenziale

6 Urbanizzazione e consumi 30% 42% 54% 66% % 51% La Cina è nel pieno del più rapido e grande processo di urbanizzazione nella storia: 1% annuo La popolazione urbana crescerà di 230 milioni di persone tra oggi ed il 2020; raggiungendo un tasso di urbanizzazione del 58% La crescita di circa milioni di persone allanno non è confinata alle città di prima fascia Entro il 2020 la Cina avrà tra le 70 e le 100 città con oltre 1 milioni di residenti. LUE ne ha 35 oggi. Tasso di urbanizzazione (%) Fonte: CeSIF; CEIC Il driver della crescita dei consumi è lo sviluppo delle città cinesi Questo sviluppo va governato: ci sono distorsioni che necessitano riforme

7 Urbanizzazione e consumi Le città emergenti:dalle attuali 40 città, ne entrano in gioco ca 600 Copyright Fondazione Italia Cina Per raggiungere 80% della classe media: 2005, 60 città; oggi 155 città; 2020, 212 città. La classe media cinese, ,1% PIL 23,2% poplazione 50,5% mercato beni consumo

8 Consumi alimentari Consumi alimentari pro capite e per nucleo famigliare, aree urbane e rurali, , RMB

9 Il consumatore tipo: una nicchia in crescita 0,4 litri lanno in media 0,7 litri lanno nelle aree urbane Reddito medio alto Età anni Alto livello di scolarizzazione Frequenti viaggi allestero Vive in grandi città Consuma fuori casa: anche in hotel Percepisce il vino come uno status symbol Scegli in base al brand, al prezzo e allorigine.

10 Dimensione e struttura del mercato dei prodotti importati Importazioni, prodotti alimentari e bevande, , USD milioni 0,41% 0,01% 0,99% 0,78% ITA

11 Struttura del mercato - import Importazioni, prodotti alimentari e bevande, 2012 Import prodotti di origine vegetale, 2012, quote di mercato Fonte: CeSIF; CEIC

12 Struttura del mercato - import Fonte: CeSIF; CEIC

13 Dimensione del mercato. E lItalia? Fonte: CeSIF; CEIC LItalia ha aumentato le sue esportazioni verso la Cina negli ultimi anni: si tratta di un mercato prioritario Nel 2012 le esportazioni di prodotti agroalimentari dellItalia verso la Cina hanno totalizzato 332 milioni di dollari USA (+7,7%) sul 2011 Esportazioni si sono concentrati specialmente nel segmento dei prodotti dolciari e a base di cioccolato (111 milioni di dollari USA; +10% sul 2011) e in quello del vino e bevande alcooliche (104 milioni di dollari USA; +6% sul 2011) Nei primi 4 mesi del 2013 lexport italiano è cresciuto del 38% rispetto allo stesso periodo del 2012

14 Dimensione del mercato. E lItalia? Fonte: CeSIF; CEIC ; ICE Fine anno 2012: 332 milioni di dollari (+ 7,7%)

15 Dimensione del mercato. E lItalia? Fonte: CeSIF; CEIC; ICE ProdottiValore% Quota% Var.Posizione% Quota di mercato nel settore (gen-ago) 13/12 Tipici ,0 Cioccolato ,8 Pasta ,5 Olio doliva ,2 Acqua ,2 Kiwi ,4 Caffè ,3 Vino ,5 Prodotti caseari ,3 Prodotti da forno ,1 [1] [1] Tale aggregato include: vino, acqua, formaggio, marmellate, cioccolato, caffè, kiwi, olio di oliva e derivati, gelati, pasta, prodotti da forno, preparati e conserve di pomodori, prosciutti. IMPORTAZIONE IN CINA DEI PRINCIPALI PRODOTTI AGROALIMENTARI ITALIANI, , milioni USD Per questi prodotti: ITA: 2° nel e 3° nel 2012

16 Dimensione del mercato: Vino E lItalia? Fonte: CeSIF; CEIC ; ICE

17 Dimensione del mercato: vino. E lItalia? Fonte: CeSIF; CEIC ; ICE

18 Le eccellenze nel settore dei macchinari MACCHINARI AGRICOLI: ITALIA 5° nel 2012 MACCHINE PER IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO: ITALIA 2° nel 2012 MACCHINE PER LA LAVORAZIONE ALIMENTARE: ITALIA 5° POSTO nel 2012 Problema nellexport dei prodotti alimentari di consumo: perché? Rimane un problema di frammentazione del settore e di scala di produzione della produzione nonché un problema di distribuzione

19 Sviluppo canali retail Dal 1992, gli ipermercati e i grandi magazzini a partecipazione estera hanno iniziato a sviluppare una presenza contribuendo a determinare evoluzione verso moderni canali di distribuzione. Fino al 1997, oltre 20 punti vendita stranieri hanno ricevuto lapprovazione per fare business in Cina. Lingresso della Cina nel WTO nel 2001 ha ufficialmente inaugurato lera della liberalizzazione degli investimenti stranieri e più di 25 dei 50 principali operatori globali della grande distribuzione presenti.

20 Sviluppo retailer: assenza italiana Principali retailer FMCG Fonte: CeSIF; CEIC

21 Distribuzione geografica dei principali operatori esteri settore Fonte: CeSIF; CEIC LItalia, diversamente da altri competitors stranieri, sconta la grande debolezza di non disporre di operatori nazionali nella grande distribuzion.e I nostri prodotti vengono fortemente penalizzati rispetto ad esempio a quelli francesi che possono godere dei vantaggi di una capillare presenza di catene come Carrefour e Auchan o a quelli tedeschi, con Metro.

22 Che fare? Negoziare maggiore accesso al mercato per i prodotti italiani: per incrementare le vendite di prodotti italiani è necessario risolvere con le autorità cinesi AQSIQ (dall'Amministrazione Generale della Supervisione della Qualità, Ispezione e Quarantena) CFDA (China Food and Drug Administration), Monopoli di Stato le difficoltà che incorrono i produttori italiani che esportano o intendono esportare in Cina: 1.discrepanze tra standard cinesi e internazionali per la sicurezza alimentare 2.insufficiente coordinamento tra autorità centrali e periferiche nellesecuzione delle normative relative agli standard di sicurezza alimentare 3.Diversità ci comportamento tra diverse autorità portuali e doganali per limportazione degli stessi prodotti 4.Mancanza di prove scientifiche nella valutazione del rischio degli alimenti 5.Ostacoli per ottenere licenze di distribuzione e licenze per importazione per prodotti alimentari non coperti da una normativa nazionale Incrementare canali di distribuzione e ridurre asimmetria di informazione tra le aziende italiane e cinesi Promozione più incisiva Partnership strategiche per la distribuzione; accogliere investimenti di minoranza in aziende alimentari italiane Uno dei 4 settori prioritari della collaborazione sino italiana!

23 Il mercato agroalimentare cinese Lonigo, Thomas Rosenthal


Scaricare ppt "Il mercato agroalimentare cinese ed il settore vino Lonigo, 22.01.2014 Thomas Rosenthal."

Presentazioni simili


Annunci Google