La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Famiglia e scuola nelleducazione delle giovani generazioni Incontro di aggiornamento per gli insegnanti di religione Manfredonia 27-29 marzo 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Famiglia e scuola nelleducazione delle giovani generazioni Incontro di aggiornamento per gli insegnanti di religione Manfredonia 27-29 marzo 2008."— Transcript della presentazione:

1 Famiglia e scuola nelleducazione delle giovani generazioni Incontro di aggiornamento per gli insegnanti di religione Manfredonia marzo 2008

2 Non influisco sul destino del globo, Non son io che incomincio le guerre. Sono con te o contro di te – non lo so. Non pecco. E proprio questo mi tormenta: Che non influisco, non pecco. Tornisco minuscole viti e preparo frammenti di devastazione, E non abbraccio linsieme, Non abbraccio il destino delluomo. […] Il mondo che io creo non è buono eppure non sono io che lo rendo malvagio! Ma questo basta? Andrej Jawin (Karol Wojtyla). 1958

3 Tre punti di riferimento 1. Il sistema educativo di istruzione e formazione (la scuola) va visto anzitutto come realtà caratterizzata da valori autentici che vanno promossi nella loro legittima autonomia. 2. Limpegno dei cristiani (e dei docenti e degli Idr) nella promozione dei valori umani della scuola si compie secondo una originalità che è fondata sulla appartenenza a una comunità che fa esperienza di Cristo morto e risorto.

4 E il terzo? 3. Come conclusione dei primi due punti: Autonomia dei valori umani della scuola Autonomia dei valori umani della scuola Evangelizzazione e missione come impegno del cristiano Evangelizzazione e missione come impegno del cristiano scaturisce una chiara considerazione, inscindibile e complementare alle prime due: La necessità della FORMAZIONE ECCLESIALE

5 Quale profilo per linsegnante? Nel delineare dunque oggi il profilo di una responsabilità docente allaltezza della nuova sfida educativa la questione centrale diventa: «la corretta impostazione del rapporto tra direttori diocesani degli uffici di pastorale della scuola e cristiani docenti (singoli o associati)» (CEI, Fare pastorale della scuola oggi in Italia n. 26)

6 Compito dellufficio diocesano Offrire occasioni di incontro e confronto per individuare le priorità pedagogiche e didattiche che contribuiscono oggi a definire lidentikit del docente (di religione) e i tratti essenziali della sua professione Offrire occasioni di incontro e confronto per individuare le priorità pedagogiche e didattiche che contribuiscono oggi a definire lidentikit del docente (di religione) e i tratti essenziali della sua professione Lottica ecclesiale (riprendiamo i tre punti) Lottica ecclesiale (riprendiamo i tre punti) –La scuola –Il magistero ecclesiale e il progetto pastorale –Gli incontri di formazione

7 Il progetto pastorale Un lungo itinerario di ascolto, confronto, dialoghi, approfondimenti, verifiche… Un lungo itinerario di ascolto, confronto, dialoghi, approfondimenti, verifiche… Una prima volta, pregi e difetti Una prima volta, pregi e difetti Un itinerario triennale di percorsi pastorali dedicato alla famiglia e ai giovani Un itinerario triennale di percorsi pastorali dedicato alla famiglia e ai giovani

8 Famiglia, scuola, giovani Centralità del POF Centralità del POF – strumento principale per la scuola dellautonomia – Logica del curricolo

9 Rapporto tra POF e curricolo Istanza di razionalità Istanza di razionalità –Diagnosi dei bisogni; –definizione degli obiettivi; –selezione dei contenuti; –organizzazione dei contenuti; –predisposizione delle esperienze di apprendimento; –determinazione di cosa e come valutare Istanza sociale Istanza sociale –Assicurare ai giovani la capacità di dominare le future situazioni di vita –Non solo contenuti, ma anche metodo e contesto

10 POF & Curricolo Il POF è il Curricolo Il POF è il Curricolo Il POF include il Curricolo, che ne costituisce il cuore… Il POF include il Curricolo, che ne costituisce il cuore… «Ogni istitutzione scolastica predispone, con la partecipazione di tutte le sue componenti, il Piano dellofferta formativa. Il Piano è il documento fondamentale costitutivo dellidentità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa e organizzativa che le singole scuole adottano nellambito della loro autonomia» DPR 275/99 art. 3

11 Tipi di POF POF – vetrina POF – vetrina –Si elencano nel documento le offerte allettanti per la domanda, e la stesura è orientata ad attirare le iscrizioni o a mostrare le proprie caratteristiche distintive rispetto agli altri istituti POF – Magna Charta POF – Magna Charta –Il documento si presenta con grandi affermazioni di principio nella prima parte, cui segue un elenco elaborato con una logica giustappositiva tra le parti

12 Tipi di POF /2 POF – patto sindacale POF – patto sindacale –Il documento risulta da una elaborazione svolta secondo una logica negoziale tra le parti POF – progetto POF – progetto –Il documento è il risultato di una logica progettuale che parte dallanalisi della domanda non per soddisfarla, bensì come segno di un bisogno educativo cui dare risposte. –Si rilevano i passaggi fondamentali di un progetto: analisi, intervento di miglioramento, valutazione

13 Caratteristiche di un progetto: sistema complesso: insieme di attività la cui realizzazione prevede limpiego e il coinvolgimento di più unità organizzative in modo trasversale e che necessita limplementazione di un sistema di programmazione e controllo; innovativo: non si riferisce allattività ordinaria dellorganizzazione ma nasce da cambiamenti dellambiente interno o esterno che comportano lesigenza di innovare, realizzando un risultato specifico, unico, non ripetibile; temporaneo: il progetto è unico, è caratterizzato da un inizio e una fine ben identificati.

14 La scuola come progetto Tutte le organizzazioni sono caratterizzate dallessere un sistema aperto e devono la propria capacità di raggiungere i propri obiettivi nel tempo alla loro capacità di adattamento allambiente di riferimento (sia interno che esterno). Analogamente per la scuola, se intesa come peculiare organizzazione complessa che è chiamata a interagire con attese sempre più diversificate provenienti da interlocutori diversi (famiglie, contesto istituzionale locale, ecc).

15 Che tipo di POF ha la vostra scuola? Logica Logica –Pubblicitaria, giustappositiva, negoziale, progettuale… Analisi del contesto Analisi del contesto –È chiaro/vago, cosa si è scelto di analizzare, come sono rilevati i bisogni degli allievi, è chiara la distinzione tra allievo e famiglia, è chiaro il concetto di bisogno:

16 Scuola Abilità Studente Struttura produttiva Mercato locale Contesto sociale Istituzione FamigliaCultura riuscita Competenze comportamenti Adempimenti benessere Valori e comportamenti

17 Chi ascoltare? Lo studente Lo studente –È il riferimento di tutti i soggetti interessati (se si toglie lo studente il resto non ha senso) –È quello che sta a scuola per tutto lorario –È committente (chiede il servizio) e risultato del servizio Bisogni o desideri? Bisogni o desideri? –Distinguere tra interessi, aspettative e bisogni

18 BISOGNIASPETTATIVEINTERESSI Ciò che è essenziale per lesistenza Indotte: Legati a situazioni contingenti e particolari Identità Identità Relazione Relazione competenze competenze capacità capacità … … Dal contesto esterno Dal contesto esterno Dalla storia personale Dalla storia personale Dalla famiglia Dalla famiglia Dalla storia della scuola Dalla storia della scuola … … Tempo libero Tempo libero borse di studio borse di studio … …

19 Che tipo di POF ha la vostra scuola (continua…) (Logica, analisi dei bisogni…) (Logica, analisi dei bisogni…) Curricolo Curricolo –Obiettivi, contenuti, esperienze, didattica, verifiche… Organizzazione Organizzazione – assembleare, dipartimentale, leadership diffusa o accentrata… Esperienze Esperienze Valutazione Valutazione

20 POF e progetto pastorale Riprendiamo le tre istanze di partenza Riprendiamo le tre istanze di partenza –Promozione dell Autonomia del valore scuola – evangelizzazione e missione – necessità del discernimento e della formazione Laicità Laicità «la contrapposizione forzosa e strumentale tra laici e cattolici non trova riscontro nella stragrande maggioranza del nostro popolo, né può desumersi dalla legittima diversità di posizioni su alcune pur rilevanti tematiche, che deve potersi esprimere con serenità e chiarezza, in un clima di rispettoso dialogo» (mons. Bagnasco, prolusione CEI maggio 2007)

21 Perché ci vuole un progetto pastorale «La scommessa vera dei cristiani è stare nel mondo non come se Dio non esistesse, ma in un mondo nel quale Dio non informa più la cultura, non è più un presupposto scontato» (Ernesto Preziosi, Nuovi confini per la laicità e la libertà religiosa. Proposta educativa, 2/2007)

22 Progetto pastorale e laicità della scuola «È evidente quali siano i compiti della scuola per lo sviluppo delle giovani generazioni: superare il falso dilemma tra istruzione ed educazione, ricoprire un ruolo fondamentale nellaiutare i minori ad affrontare razionalmente i problemi etici, sociali, politici, nellattuale società multietnica, multiculturale, miltireligiosa, nella prospettiva di una laicità riappacificata. La laicità moderna andrebbe concepita come un impegno al pluralismo, una partecipazione complementare dello Stato e delle religioni alla definizione e al conseguimento del bene comune»

23 Il bene comune Non è la somma algebrica degli interessi di tutti gli italiani o tutti gli europei Non è la somma algebrica degli interessi di tutti gli italiani o tutti gli europei Costituzione italiana, diritti delluomo… Costituzione italiana, diritti delluomo… Famiglia e giovani generazioni sono valori costituzionali!!! Famiglia e giovani generazioni sono valori costituzionali!!! –Lanalisi del POF si fa in riferimento alla Costituzione (alla quale hanno contribuito i cattolici di questo Paese in modo pregnante e sostanziale)

24 Il progetto pastorale 1. Il dato biblico e teologico –La famiglia di Nazareth e ladolescenza di Gesù 2. La situazione diocesana della famiglia e dei giovani 3. Conversione e missione La pastorale giovanile La pastorale giovanile La pastorale della famiglia La pastorale della famiglia

25 Seconda parte Partire dallo studente per giungere alla famiglia

26 Partire dallo studente… Identità Identità Affettività Affettività Manipolazione e artificio Manipolazione e artificio Lavoro Lavoro Interculturalità Interculturalità … … per giungere alla famiglia

27 IDENTITA

28 Oggi è difficile costruire lidentità Crisi della soggettività Crisi della soggettività Sconfitta delle ideologie Sconfitta delle ideologie Ma cè un nuovo riconoscimento della soggettività e dellindividualismo (la contraddizione è solo apparente): Ma cè un nuovo riconoscimento della soggettività e dellindividualismo (la contraddizione è solo apparente): –Paradigma economico: mercato senza limiti di tempo/spazio che valorizza la dimensione dell efficacia e dellefficienza, della globalizzazione e massificazione Passaggio dal fordismo-taylorismo alla cultura di impresa fondata sulle competenze e abilità Passaggio dal fordismo-taylorismo alla cultura di impresa fondata sulle competenze e abilità

29 Emergenze educative Il principale problema è quello di far nascere socialmente il bambino, farlo uscire dal guscio iperprotettivo di una famiglia che vive con disagio il proprio compito educativo Il principale problema è quello di far nascere socialmente il bambino, farlo uscire dal guscio iperprotettivo di una famiglia che vive con disagio il proprio compito educativo Famiglia affettiva più che responsabilizzante Famiglia affettiva più che responsabilizzante Bambino a scuola: sta bene? È accettato? Riceve affetto come avviene a casa? Bambino a scuola: sta bene? È accettato? Riceve affetto come avviene a casa?

30 Emergenze educative /2 Narcisismo e fragilità dei ragazzi alle soglie delladolescenza Narcisismo e fragilità dei ragazzi alle soglie delladolescenza Difficoltà ad accettare il proprio corpo e il senso della realtà Difficoltà ad accettare il proprio corpo e il senso della realtà Difficoltà a concepire il proprio corpo come complementare, maschile e femminile, a individuare le dimensioni verticali e orizzontali dellaffettività Difficoltà a concepire il proprio corpo come complementare, maschile e femminile, a individuare le dimensioni verticali e orizzontali dellaffettività

31 Emergenza scolastica Difficoltà della scuola a rispondere alle nuove domande che provengono dai ragazzi (e dalle famiglie), ai veri BISOGNI Difficoltà della scuola a rispondere alle nuove domande che provengono dai ragazzi (e dalle famiglie), ai veri BISOGNI Difficoltà a far percepire il SENSO DI QUANTO VIENE INSEGNATO, il legame tra le proposte degli insegnanti a la vita Difficoltà a far percepire il SENSO DI QUANTO VIENE INSEGNATO, il legame tra le proposte degli insegnanti a la vita

32 In sintesi (per riflettere…) Difficoltà dei ragazzi ad accettare di assumersi responsabilità ( e quindi a fare gli studenti…) Difficoltà dei ragazzi ad accettare di assumersi responsabilità ( e quindi a fare gli studenti…) Estraneità nei confronti della scuola (vista come controparte da quasi tutti i soggetti…) Estraneità nei confronti della scuola (vista come controparte da quasi tutti i soggetti…) Disillusione di molti insegnanti (troppi?) che non sono più positivi nei confronti del futuro Disillusione di molti insegnanti (troppi?) che non sono più positivi nei confronti del futuro Resistenza della scuola a ripensare il proprio curricolo, e delle discipline a riformulare le forme comunicative che ormai sono diventate estranee per i ragazzi Resistenza della scuola a ripensare il proprio curricolo, e delle discipline a riformulare le forme comunicative che ormai sono diventate estranee per i ragazzi

33 Proposte La dimensione progettuale La dimensione progettuale Reale e virtuale Reale e virtuale Oltre lindividualismo: la comunità Oltre lindividualismo: la comunità Educatore, autorità, autorevolezza, credibilità Educatore, autorità, autorevolezza, credibilità

34 Linee di esplorazione Come favorire il superamento di una concezione meramente affettiva del ruolo genitoriale, così da farne luogo non solo di soddisfacimento dei bisogni di affettività e di sicurezza, ma anche di responsabilizzazione, di introduzione alla vita sociale, di orientamento etico e valoriale? Come favorire il superamento di una concezione meramente affettiva del ruolo genitoriale, così da farne luogo non solo di soddisfacimento dei bisogni di affettività e di sicurezza, ma anche di responsabilizzazione, di introduzione alla vita sociale, di orientamento etico e valoriale? Come affrontare la crisi dei ruoli genitoriali, riportando il padre sulla scena della famiglia nel suo ruolo anche di contenimento e di orientamento e la madre ad integrare le esigenze di realizzazione sociale e lavorativa con quelle affettive e di presenza educativa? Come affrontare la crisi dei ruoli genitoriali, riportando il padre sulla scena della famiglia nel suo ruolo anche di contenimento e di orientamento e la madre ad integrare le esigenze di realizzazione sociale e lavorativa con quelle affettive e di presenza educativa?

35 Esplorazione /2 Come valorizzare la dimensione del corpo, lappropriata definizione dellidentità di genere, il valore della differenza contro lomologazione? Come valorizzare la dimensione del corpo, lappropriata definizione dellidentità di genere, il valore della differenza contro lomologazione? Quali possono essere le conseguenze per il curricolo scolastico? Cosa dovrebbe cambiare rispetto ad oggi? Quali possono essere le conseguenze per il curricolo scolastico? Cosa dovrebbe cambiare rispetto ad oggi? In che modo ripensare i termini della partecipazione e collaborazione con altri soggetti formativi (la famiglia in particolare…), nellottica della comunità educante? In che modo ripensare i termini della partecipazione e collaborazione con altri soggetti formativi (la famiglia in particolare…), nellottica della comunità educante? Come contrastare la crisi dellautorità senza nostalgie per forme del passato prive oggi di plausibilità? Come contrastare la crisi dellautorità senza nostalgie per forme del passato prive oggi di plausibilità?

36 AFFETTIVITA

37 Affettività Il Lessico Il Lessico –Il lessico dellaffettività è relazione, per parlarlo correttamente occorre riconoscere che lessere umano è per costituzione fatto di relazione (contro individualismo) Il senso delle differenze Il senso delle differenze –Non confondere affetti con le emozioni –Legami orizzontali e verticali –Legami volontari e involontari

38 Affetti - emozioni Emozione: intensità di una pulsione che ci tocca attraverso una stimolazione sensoriale (è transitoria, superficiale…) Emozione: intensità di una pulsione che ci tocca attraverso una stimolazione sensoriale (è transitoria, superficiale…) Affetto: rete di legami nei quali ognuno è legato(è storico, stabile, profondo – cioè non si vede subito a pelle Affetto: rete di legami nei quali ognuno è legato(è storico, stabile, profondo – cioè non si vede subito a pelle –…dalla pelle al cuore canta Venditti

39 Verticale e orizzontale Affetti orizzontali: fratelli, coetanei, coniugali, colleghi di lavoro… Affetti orizzontali: fratelli, coetanei, coniugali, colleghi di lavoro… Verticali: genitori-figli, insegnanti-alunni… Verticali: genitori-figli, insegnanti-alunni… Perdere di vista questa differenza, confonderla significa: Perdere di vista questa differenza, confonderla significa: –Impoverirsi –Essere incapaci di sviluppare, di farne esperienza di qualità, sia luna sia laltra

40 Volontari e involontari Tendiamo tutti (e i ragazzi-giovani in particolare) a privilegiare i legami volontari Tendiamo tutti (e i ragazzi-giovani in particolare) a privilegiare i legami volontari Ma Ma –Volontario non significa per forza buono –Involontario non significa per forza cattivo Legami con i propri genitori, insegnanti, ( e figli, alunni…) con il proprio corpo, la propria identità nazionale… Legami con i propri genitori, insegnanti, ( e figli, alunni…) con il proprio corpo, la propria identità nazionale…


Scaricare ppt "Famiglia e scuola nelleducazione delle giovani generazioni Incontro di aggiornamento per gli insegnanti di religione Manfredonia 27-29 marzo 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google