La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Stage scienza e realtà 2011 Il finzionalismo di Harty Field Tutor: Flavio Zelazek Relatori (in ordine di presentazione) : Francesco Antilici Laura Lestini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Stage scienza e realtà 2011 Il finzionalismo di Harty Field Tutor: Flavio Zelazek Relatori (in ordine di presentazione) : Francesco Antilici Laura Lestini."— Transcript della presentazione:

1 Stage scienza e realtà 2011 Il finzionalismo di Harty Field Tutor: Flavio Zelazek Relatori (in ordine di presentazione) : Francesco Antilici Laura Lestini Giacomo Gusella Maria Teresa Cipollone Marco Pietrosanto Rocco Gerace

2 I. Introduzione

3 P 1 ) Se gli asserti matematici, presi alla lettera, sono veri, allora esistono oggetti matematici astratti C) Gli asserti matematici, presi alla lettera, non sono veri (finzionalismo) P 2 ) Non esistono oggetti matematici astratti (nominalismo)

4 P 1 ) Se gli asserti matematici, presi alla lettera, sono veri, allora esistono oggetti matematici astratti "Vi è un uomo politico onesto " è vera se e solo se Esiste almeno un oggetto che sia un uomo, sia un politico, e sia onesto.

5 "Vi è un numero primo pari" Esiste almeno un oggetto che sia un numero, sia primo, e sia pari. P 1 ) Se gli asserti matematici, presi alla lettera, sono veri, allora esistono oggetti matematici astratti è vera se e solo se

6 "Per ogni x, se x è un numero primo allora x è dispari" A = "x è un numero primo" B = "x è un numero dispari" A > B può essere vera anche se B è falsa ! C) Gli asserti matematici, presi alla lettera, non sono veri, oppure lo sono vacuamente.

7 In un senso non letterale, gli asserti matematici possono essere veri: ad esempio sono veri secondo la matematica standard, così come gli asserti su personaggi fittizi sono veri secondo la storia cui fanno riferimento. C) Gli asserti matematici, presi alla lettera, non sono veri, oppure lo sono vacuamente.

8 Dilemma di Benacerraf buona semantica buona epistemologia P1P1 P2P2 Finzionalismo

9 Dilemma di Benacerraf (Laura) Argomento dell'indispensabilità (Giacomo) Conservatività (Maria Teresa) Nominalizzazione (Marco) Argomento del miracolo (Rocco)

10 II. Il Dilemma di Benacerraf

11 Il dilemma di Benacerraf o Il problema di Platone o I numeri naturali che oggetti sono? o E importante capire che tipo di oggetti siano? o Che rapporto hanno con la nostra conoscenza?

12 Benacerraf (1965) o I numeri naturali sono insiemi? Benacerraf : i numeri naturali risultano differenti se considerati attraverso gli insiemi di Zermelo o di von Neumann e, poiché laritmetica non ci offre ragioni per stabilire quale dei due insiemi siano, i numeri naturali non sono insiemi. Dire esattamente cosa i numeri siano, o cosa non siano, è come cercare di stabilire quale è stata la vita adulta di Cappuccetto Rosso ( Wagner 1982, Field 1989)

13 Ma allora cosa sono? o Benacerraf conclude che i numeri naturali non sono né insiemi né oggetti o Field propone la spiegazione più naturale del finzionalismo : abbiamo una buona storia sia per i numeri naturali sia per gli insiemi, ed è del tutto irrilevante, allinterno della storia, se identifichiamo i numeri naturali con gli insiemi o meno.

14 Benacerraf (1973) Locus classicus : come possono gli enti matematici platonici, indipendenti dal linguaggio, dagli enti fisici e fuori dallo spazio-tempo, produrre conoscenza ? Contro lintuizione matematica : unintuizione matematica, che dà pieno accesso al reame dei numeri, sarebbe uguale a unintuizione speciale che ci dice cosa accade esattamente in un remoto villaggio del Nepal: se i matematici accettano p, allora p ( Field 1989)

15 Prima richiesta : una teoria della verità La teoria della verità matematica deve essere conforme con una teoria generale della verità, che certifichi che la proprietà degli asserti detta verità sia veramente la verità Vi sono almeno tre numeri perfetti maggiori di 17 Vi sono almeno tre grandi città più antiche di New York sono veri se esistono oggetti con proprietà rilevanti indipendentemente da ogni nostra giustificazione

16 Seconda richiesta Seconda richiesta: il problema dellaccesso non è possibile tenere conto della connessione fra le condizioni di verità degli asserti dellaritmetica e ogni evento rilevante connesso con coloro che sono supposti avere conoscenza matematica (Benacerraf) Conoscenza si produce quando un soggetto conosce che p solo se vi è qualcosa che rende vero che p e il soggetto è in relazione con questo qualcosa che gli permetta di stabilire se le condizioni di verità di p sono soddisfatte.

17 Il dilemma di Benacerraf Buona semantica Cattiva epistemologia (es. Gödel : viola la seconda richiesta) Buona epistemologia Cattiva semantica (es. Quine : viola la prima richiesta)

18 Platonismo IndispensabilitàVeritàAritmetica Le risposte di Hartry Field Finzionalismo DispensabilitàConservatività Nominalizzazione

19 III. L'argomento di indispensabilità

20 Argomento dellindispensabilità Una delle caratteristiche più interessanti della matematica è la sua applicabilità alle scienze empiriche. Partendo dallutilità della matematica alcuni filosofi hanno concluso, tramite uninferenza, lesistenza di oggetti matematici. Cosa sostiene: esistono gli oggetti matematici Come lo giustifica: esistono perché la matematica entra in maniera indispensabile nelle spiegazioni dei fenomeni fisici.

21 Il presupposto dell'argomento di indispensabilità è un'inferenza alla migliore spiegazione. Supponiamo che: a)Abbiamo delle credenze su certi fenomeni ai quali non siamo disposti a rinunciare b)Questa classe di fenomeni è ampia e complessa c)Abbiamo una spiegazione abbastanza precisa di questi fenomeni d) Una delle assunzioni che appaiono in questa spiegazione è lasserto S e non è possibile nessuna spiegazione dei fenomeni che faccia a meno di S Abbiamo forti ragioni per credere nellasserto S

22 Attacchi di Field allindispensabilità Nominalizzazione Le teorie fisiche si possono nominalizzare, spogliare di qualsiasi riferimento alla matematica Ruoli diversi Le entità matematiche, rispetto alle entità fisiche, hanno un ruolo completamente diverso allinterno delle teorie scientifiche Spiegazioni intrinseche Sono preferibili le spiegazioni intrinseche in quanto sono quelle che si avvicinano di più ai fenomeni e sono le più illuminanti

23 Il ruolo degli enti matematici nelle spiegazioni del mondo fisico è del tutto diverso dal ruolo delle entità fisiche nelle medesime spiegazioni. Le entità fisiche, osservabili o non osservabili, hanno un ruolo CAUSALE, sono sottoposte a leggi di causa-effetto e producono gli effetti che le leggi fisiche cercano di spiegare. Le entità matematiche vengono considerate come oggetti inerti, come oggetti ACAUSALI, senza alcun ruolo nelle interazioni dei fenomeni fisici. Come possono queste entità acausali avere un ruolo indispensabile per spiegare le entità causali?

24 VI. CONSERVATIVITA' On this account truth isnt required for goodness (no necessary truth isnt required either); what is required instead is something called conservativeness, which embodies some of the features of necessary truth without involving truth H. Field realism, mathematics and modality 1989 p.4

25 COSÈ / COSA NON È NON È un 'surrogato' del concetto di verità. NON È la sola proprietà di una teoria matematica: esitono 'virtù secondarie' -eleganza, semplicità etc.- che possono contribuire a determinare la bontà della teoria.

26 Una teoria matematica S è conservativa rispetto ad una teoria nominalista N se ogni enunciato nominalista che è una conseguenza di N+S è una conseguenza di N solo.

27 Questa definizione è piuttosto vaga e fa sorgere un PROBLEMA: Se N è una teoria nominalista allora potrebbe asserire qualcosa che ESCLUDE LESISTENZA DI ENTITÁ ASTRATTE e quindi N + S SAREBBE INCOERENTE!

28 ... PROVIAMO AD ESSERE PIU PRECISI Sia A un qualsiasi asserto nominalista, sia N un qualsiasi corpo di tali asserti; A* non è una conseguenza di N* + S a meno che non sia una conseguenza di N* solo.

29 S-> una qualsiasi teoria matematica; A-> un qualsiasi asserto nominalista; N-> un qualsiasi corpo di asserti nominalisti A; M(x) significa che x è un oggetto matematico; A* -> un qualsiasi asserto nominalista I CUI QUANTIFICATORI SONO RISTRETTI A ¬ M(x); N* -> il corpo degli asserti A*.... DI COSA STIAMO PARLANDO?!

30 A COSA SERVE? Il concetto di conservatività viene introdotto da Hartry Field per mostrare che non serve pensare la matematica come vera in senso platonista per spiegare la sua applicabilità al mondo fisico. It seems to me that the only non-question-begging arguments against the sort of nominalism sketched here (that is, the only non-question-begging arguments for the view that mathematics consists of truths) are based on the applicability of mathematics to the physical world. H. Field Science without numbers1980 p.4

31 Inoltre negare la pretesa di indispensabilità della matematica, non significa negarne anche lutilità pratica. Lintroduzione del concetto di conservatività consente quindi a Field di riconoscere come perfettamente legittimo luso della matematica anche da una prospettiva finzionalista. […]If we had a nominalistic theory, than we would be legitimate to introduce mathematics as an auxiliary device that aid us in drawing inferences […] and its usefulness as an auxiliary device is no ground for supposing that it consists of a body of truths. Field 1980 p.41

32 VERITA' Secondo il realismo matematico gli enti matematici - astratti- (numeri, insiemi, funzioni etc) esistono indipendentemente dalla mente e dal linguaggio umani e vanno dunque considerati veri rispetto al loro valore facciale, ovvero, gli asserti matematici vanno considerati come LETTERALMENTE VERI. QUELLA DEI REALISTI...

33 … E QUELLA DEI FINZIONALISTI! Al contrario essere finzionalisti, secondo Field, non significa negare agli asserti matematici la pretesa di essere VERI IN UN QUALCHE SENSO; tuttavia il senso in cui 2+2=4 è vero è lo stesso in cui lo è la proposizione Oliver Twist è nato a Londra. La seconda è vera according to a well- known story la prima according to standard mathematics.

34 IL 'NUCLEO' DI UNA TEORIA FISICA, ciò che in essa è davvero IMPORTANTE, È L'INSIEME DEGLI ASSERTI NOMINALISTI N. Questi costituiscono le PREMESSE dalle quali si ricavano CONSEGUENZE -anch'esse nominaliste- ovvero PREDIZIONI. QUAL È IL SENSO DI TUTTO CI Ò?

35 Dunque, tutto IL 'POTERE PREDITTIVO' DI UNA TEORIA FISICA STA INTERAMENTE NEL SUO 'NUCLEO nominalista. LA MATEMATICA GIOCA UN RUOLO MERAMENTE ACCESSORIO: E' UNO STRUMENTO CHE FACILITA LE INFERENZE DA N ALLE SUE CONSEGUENZE.

36 V. Nominalizzazione

37 Il programma di nominalizzazione L'obbiettivo di Field eliminare qualsiasi referenza ad entità matematiche Quali ? Quelle relative alle applicazioni al mondo fisico In che modo? mostrando che è possibile una formulazione della scienza che non necessiti di matematica

38 Postula l'esistenza di punti nello spazio-tempo x Bet yz xy Cong zw xyz A-Cong tuv z x y x y z w x y z t v u

39 1) per ogni x,y,z e w, xy Cong zw se e solo se d(x,y) = d(z,w); 2) per ogni x,y e z, y Bet xz se e solo se d(x,y)+d(y,z)=d(x,z);

40

41 cè un punto x tra a1 e a2 (x Bet a1a2) tale che xa1 Cong cd a xa2 Cong cd

42 VI. L'argomento del miracolo

43 L'argomento del miracolo WIGNER PUTNAM E IL REALISMO SCIENTIFICO FINZIONALISMO L'argomento del Miracolo dice che il realismo della scienza è la migliore spiegazione del successo della scienza, che altrimenti sarebbe 'miracoloso'.

44 "L'enorme utilità della matematica nelle scienze naturali è qualcosa che rasenta il misterioso di cui non c'è alcuna spiegazione razionale". Il miracolo dell'appropriatezza del linguaggio della matematica per la formulazione delle leggi della fisica è un dono meraviglioso che noi non comprendiamo né meritiamo. Dovremmo esserne grati e sperare che esso rimarrà valido nelle ricerche future e che si estenderà, nel bene o nel male, a nostro piacimento, anche se forse anche a nostro turbamento, alle più ampie branche del sapere. WIGNER The Unreasonable Effectiveness of Mathematics in the Natural Sciences" (L'Irragionevole Efficacia della Matematica nelle scienze naturali) 1960

45 PUTNAM E IL REALISMO SCIENTIFICO Scientific Realism is the only philosophy that doesn't make the succes of science a miracle" (1975:73) 1)La Verità delle teorie matematiche spiegherebbe il loro successo predittivo 2)Non c'è nessun'altra spiegazione plausibile di questo successo predittivo. 3)La scienza ha successo. Pertanto si conclude che le nostre teorie sono vere.

46 LA RISPOSTA DI FIELD E DEL FINZIONALISMO: NOMINALIZZAZIONE E ADEGUATEZZA NOMINALISTA. T->Teoria fisica che usa la matematica T'->Teoria altenativa a T non fisica che esprime il contenuto nominalista presente in T. T è estensione conservativa di T' Anche se la parte matematica di T è letteralmente falsa ci aspettiamo che abbia conseguenze nominalistiche (osservabili) vere. OBIEZIONI: 1) Circolarità della spiegazione 2) Spiegare come si può credere nelle conseguenze di T se non si crede a T RISPOSTE: 1) Problema anche dei realisti 2) C'è qualcosa di intrinseco e nominalista nelle teorie T e in particolare nel rapporto tra gli elementi non matematici che possiamo estendere con la conservatività alla matematica senza la verità.

47 TRE PUNTI FORTI PER IL FINZIONALISMO Un precedente Considerare l'ipotesi che il successo predittivo delle teorie matematiche non dipenda dalla loro verità(matematica). -Il Finzionalismo sostiene che il successo predittivo delle teorie matematiche che usano la fisica dipende da ragioni diverse dal fatto che queste teorie siano corrette nelle relazioni tra oggetti matematici e non matematici. - Dipende dalle sole regolarità tra oggetti non matematici. Un precedente? La teoria della gravitazione di Newton. Falsa nella sua porzione matematica Vera nominalisticamente. Le regolarità nella parte nominalistica della teoria garantiscono il successo predittivo di questa.

48 Fatti esplicativi fondamentali Meccanica quantistica->manca la versione nominalizzata O la teoria è vera O coincidenza Obiezione Finzionalista 1)La verità della teoria sostenuta dal realista spiega davvero perchè le regolarità osservabili concordano con le previsioni della teoria? 2) Può il realista affermare che a causa della verità della teoria la sue predizioni si avverano? 3) Perchè dovremmo pensare che il rapporto tra gli oggetti non- matematici di una teoria dipenda dalle relazioni acausali con gli oggetti matematici e non da motivi intrinsechi di adeguatezza nominalista? Perchè gli oggetti non-matematici sono tali da rendere una teoria vera?

49 Costruzione di teorie Asserti sulle relazioni tra oggetti matematici e non matematici che la teoria pone sono immaginari Si suppone come una finzione che gli oggetti non matematici si possano raccogliere in insiemi che soddisfano gli assiomi della nostra teoria degli insiemi se tali asserti immaginari ricadono sotto questa supposizione, allora rispetteranno qualunque relazione che di fatto intercorre tra ogg. non matematici. Perchè la nostra teoria è nominalisticamente adeguata senza essere vera? Assiomi di una teoria con urelementi-> ipotesi generative di una finzione.

50 Bibliografia Balaguer M. (2008). Fictionalism in the Philosophy of Mathematics. In Zalta N. E. (a cura di), The Stanford Encyclopedia of Philosophy, Field H. (1980). Science without numbers. Basil Blackwell, Oxford. Field H. (1989). Realism, mathematics and modality. Basil Blackwell, Oxford. Leng M. (2010). Mathematics and reality. Oxford University Press, Oxford. Panza M. e Sereni S. (2010). Il problema di Platone. Carocci, Roma.

51 Sito del gruppo


Scaricare ppt "Stage scienza e realtà 2011 Il finzionalismo di Harty Field Tutor: Flavio Zelazek Relatori (in ordine di presentazione) : Francesco Antilici Laura Lestini."

Presentazioni simili


Annunci Google