La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lez 6, 7 Oligopolio collusivo 1 Economia Industriale, 2013.2014 (3° anno Corso di Laurea in Economia Aziendale) Augusto Ninni (Modulo I) 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lez 6, 7 Oligopolio collusivo 1 Economia Industriale, 2013.2014 (3° anno Corso di Laurea in Economia Aziendale) Augusto Ninni (Modulo I) 1."— Transcript della presentazione:

1 Lez 6, 7 Oligopolio collusivo 1 Economia Industriale, (3° anno Corso di Laurea in Economia Aziendale) Augusto Ninni (Modulo I) 1

2 Interdipendenza e oligopolio Tra le imprese oligopolistiche esiste interdipendenza dal momento che ogni variazione nel prezzo/produzione di una di esse modifica i profitti di tutte le altre. A = f Comportamento (A,B,C…) 2

3 Interdipendenza strategia In oligopolio va quindi elaborata una strategia che tenga conto delle possibili reazioni dei concorrenti. Una delle strategie storicamente più adottate è quella di cooperare con gli altri (oligopoli cooperativi) piuttosto che competere Negli oligopoli cooperativi le (poche) imprese coordinano le proprie attività per massimizzare i profitti congiunti 3

4 Collusione e cartelli Si può cooperare una tantum su un singolo progetto, oppure le imprese sono così piccole di fronte alla grandezza dellindustria che la loro cooperazione non ha effetti significativi sul livello dei prezzi Ma quando questa cooperazione altera la concorrenza in quanto riguarda accordi fra imprese che si spartiscono i mercati o fissano i prezzi, si parla di collusione Quando la collusione ha come obiettivo soprattutto la fissazione dei prezzi, si parla di cartelli 4

5 Oligopolio cooperativo collusione cartelli Oggi i cartelli sono attività illegali in praticamente tutti i paesi nel passato non è stato sempre così; nel 1890 veniva varato in USA lo Sherman Act, in Germania nello stesso anno un provvedimento che assolvevala tendenza verso i cartelli In Italia la norma costitutiva dell Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato (AGCM) è del

6 Cartellare e scartellare La prima caratteristica di questa struttura di mercato è che vi è un oggettivo incentivo per le imprese ad accordarsi, perché così il profitto aumenta (a scapito dei consumatori) La seconda caratteristica di questa struttura di mercato è che vi è un oggettivo incentivo per le imprese a scartellare dopo laccordo, perché così il profitto aumenta ulteriormente (a scapito delle altre imprese) 6

7 Distruzione di un cartello: esogena o endogena I cartelli sono illegali: quindi un primo pericolo alla loro formazione o sopravvivenza è dato dal timore della sanzione legale (deterrente) Daltra parte, come vedremo, lincentivo a scartellare esiste: se adottato da più imprese, il cartello si rompe indipendentemente dallazione legale 7

8 P MC Impresa rappresentativa AC P Impresa e settore Settore Q= Qi Supponiamo che esista una restrizione allentrata per cui nel settore operano solo N imprese Qi 8

9 P MC Impresa rappresentativa AC P Impresa e settore Settore Q= Qi Profitti dellimpresa rappresentativa Qi In equilibrio, se Qi = 10 e le imprese sono 10, loutput Q del settore è pari a 100 (Qi/Q = 1/10) 9

10 P MC Impresa rappresentativa AC P Cartello di settore Settore Q= Qi Agendo come un unico grande monopolista le quantità prodotte dalle N imprese diminuirebbero e il prezzo aumenterebbe Qi P 10

11 P MC Impresa rappresentativa AC P Cartello di settore Settore Q= Qi Agendo come un unico grande monopolista i profitti di ciascuna impresa aumenterebbero Qi P 11

12 12 P MC Impresa rappresentativa AC P Cartello di settore Settore Q= Qi Agendo come un unico grande monopolista i profitti di ciascuna impresa aumenterebbero Qi P 12

13 Apparente contraddizione: Le singole imprese se restano in concorrenza non hanno convenienza a ridurre la produzione, perché ciascuna non riesce a influire sul prezzo (se p è dato e Q i diminuisce, R i =pQ i diminuisce) Prese nel loro aggregato, agendo come parti di un unico monopolio, le singole imprese hanno convenienza a ridurre la produzione, perché nel suo complesso porta ad un prezzo più elevato 13

14 Massimizzazione del profitto derivante dal cartello: come ripartirlo? In base alla capacità produttiva In base alle quote storiche Q = 80, ogni impresa produce 8 I consumatori subiscono una riduzione del benessere 14

15 Fattori che facilitano la formazione di un cartello 1) Capacità di aumentare il prezzo dellindustria senza attrarre nuovi concorrenti (elevate barriere allentrata) 2) Punizioni attese basse (rispetto a guadagni attesi) 3) Bassi costi di transazione 4) Problema della collusione tacita 15

16 1) Capacità di aumentare il prezzo dellindustria: la curva di domanda fronteggiata dal cartello devessere anelastica (le imprese possono aumentare il prezzo temendo solo ridotte riduzioni della domanda, quindi aumentando i ricavi) Il cartello deve quindi interessare la massima parte del mercato rilevante (devono esserci pochi sostituti stretti) e deve riuscire a bloccare lentrata 16

17 17 P 0 La curva di domanda 1 (nera; anelastica) favorisce la formazione di un cartello più della domanda 2 (verde; elastica), perché il prezzo che si può ottenere è più alto e quindi, a parità di costo, il profitto è più alto q 17 D1 D1 D2 D2 P1 P1 Q1 Q1 P2 P2 Q2 Q2

18 2) Punizioni attese basse: dipende dal funzionamento dellAntitrust e dal monitoraggio degli altri partecipanti al cartello Limpresa attua una operazione costi-benefici Nel caso dellAntitrust, punizione = importo della sanzione * probabilità di essere scoperto Nel caso dellAntitrust, accordi tra imprese sempre illegali (a meno che non si dimostri che sono necessari ai fini di introdurre una innovazione) 18

19 3) Bassi costi di transazione per formazione e attuazione accordo: poche imprese Alta concentrazione Omogeneità del bene Ruolo egemone dellassociazione di categoria 19

20 Costi e benefici del cartello In situazioni normali (cartello grande, domanda anelastica, offerta extra-cartello anelastica) vi è unoggettiva convenienza per limpresa a partecipare a un cartello Non è così ovviamente per i consumatori, il cui benessere diminuisce in presenza di un cartello Un cartello in genere è in grado di costituire una barriera allentrata per potenziali partecipanti, quindi danneggia anche la concorrenza potenziale 20

21 sanzioni Limpresa che opera in un cartello deve temere due sanzioni: quella legale (cartelli sanzionati da tutte le legislazioni antitrust) quella degli altri membri del cartello (peer monitoring), se unimpresa tenta di scartellare 21

22 scartellare Come deviare: Producendo (un poco) di più di quanto concordato, agli stessi prezzi Praticando sconti sui prezzi In ogni caso, guadagnando quote di mercato Limpresa che vuole scartellare deve confrontare profitti di monopolio una tantum, o sommatoria profitti da concorrenza sempre 22

23 P MC Impresa rappresentativa AC Unimpresa scartella Settore Q= Qi Agendo in modo opportunistico la singola impresa può accrescere i profitti Qi P 23 Ma se lo fanno tutti?

24 24 Incentivi per il singolo partecipante a deviare dal cartello Curva dei costi marginali che cresce lentamente costa poco per la singola impresa aumentare lofferta Bassa incidenza dei costi fissi o economie di scala Capacità produttiva inutilizzata (es. Arabia Saudita in Opec)

25 Problemi di attuazione del monitoraggio: come accorgersi del tentativo di deviazione dallaccordo: -Basso numero di imprese -Variazione di prezzi non imputabile a fattori esterni -Prezzi e acquisizioni di mercati come conoscenza comune (la trasparenza dellappalto come fattore migliorativo della funzionalità dellaccordo) 25

26 Metodi usati in sede di fissazione del cartello per prevenire deviazioni dei partecipanti: Identificare mercati geografici Identificare quote fisse di mercato Stabilire prezzi e clausole di intervento 26

27 Cartelli proibiti in UE, ma : In recessione: concorrenza distruttiva (guerre dei prezzi) e cartelli di crisi coreani (possibilità che i cartelli abbiano effetti benefici)? 27


Scaricare ppt "Lez 6, 7 Oligopolio collusivo 1 Economia Industriale, 2013.2014 (3° anno Corso di Laurea in Economia Aziendale) Augusto Ninni (Modulo I) 1."

Presentazioni simili


Annunci Google