La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 > (DPR 275/99, articolo 16, comma 3).. 2 Il progetto Percepito spesso come accessorio può rispondere a bisogni essere altamente formativo Se si sviluppa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 > (DPR 275/99, articolo 16, comma 3).. 2 Il progetto Percepito spesso come accessorio può rispondere a bisogni essere altamente formativo Se si sviluppa."— Transcript della presentazione:

1 1 > (DPR 275/99, articolo 16, comma 3).

2 2 Il progetto Percepito spesso come accessorio può rispondere a bisogni essere altamente formativo Se si sviluppa come processo continuamente monitorato per una riprogettazione e valorizzazione dellesperienza effettuata

3 3 Del. G. P. n. 2424/96 e 5222/97 <>

4 4 Come dovrebbe avvenire la scelta dellargomento? sentiti anche gli alunni – argomenti curricolari; Legando al programma e venendo incontro ad interessi ed esigenze alunni Insieme con alunni Discutendo con alunni e colleghi

5 5 >

6 6 AdP per l apprendimento attivo ; la memoria del come in luogo della memoria del cosa un patto comune di collaborazione un modo nuovo di valutare

7 7 La Scuola del progetto per interiorizzare le conoscenze risolvere compiti complessi, verificabili e finalizzati. cogliere l'unitarietà del sapere; applicare il sapere a problemi concreti e complessi; sperimentare metodi di indagine :

8 8 Realizzare progetti per rafforzare competenze trasversali riflettere sulle proprie capacità operative e organizzative; sviluppare senso di responsabilità Rispettare gli impegni Disporsi mentalmente a cercare nuove soluzioni, a modificare comportamenti, a rivedere giudizi.

9 9 Osservare e sperimentare >. ( Libro bianco su istruzione e formazione della Commissione Europea 1995 )

10 10 Per fare scuola come ricerca […] ciò che serve sono cultura e idee, più uno stato psicologico di tensione e interesse. Per cui se qualcuno vuole insegnare a fare scuola come ricerca, non ha altra via che raccontare esperienze (Wladimiro Bendazzi, La scuola come ricerca. Insegnanti e programmazione

11 11 Selezioni dati per trarne informazioni sviluppi capacità trasversali acquisisca competenze operative AdP per un apprendimento guidato in cui lo studente

12 12 Selezionare dati Indipendentemente dal loro linguaggio ricavarne informazioni Trasformarle in conoscenza

13 13

14 14 come luogo in cui coloro che apprendono possano lavorare aiutandosi reciprocamente, avvalendosi di una varietà di strumenti e risorse informative in attività apprendimento guidato o problem solving Il docente costruisce ambienti di apprendimento

15 15 Docente Da vita ad ambienti educativi in cui si insegni e si apprenda a pensare ed imparare si formino competenze Si stimoli la co-costruzione del sapere

16 16 AdP ambiente di apprendimento guidato in cui lo studente ha un ruolo attivo valuta risorse, le gestisce, pianifica il lavoro ed il successo lavora in gruppo si assume responsabilità

17 17 Cosa si richiede allinsegnante? lattitudine Alla progettazione; Alla collaborazione; a porsi come e-ducatore (e- ducere, tirar fuori); a valutare (colui che attribuisce valore) più che ad esaminare.

18 18 Strategia della ricerca richiede che linsegnante rinunci a proporsi come depositario del sapere- di discutere convinzioni consolidate; - tolleri la fatica della ricerca in vista del puro piacere della scoperta accetti fonti di conoscenze sempre più eterogenee Sia aperto allinnovazione e alla sperimentazione metodologica, Sia disposto alla trasformazione del proprio ruolo professionale.

19 19 Il docente /guida stimola lalunno Ad affrontare i problemi con autonomia e creatività - Ad imparare A provare soddisfazione nel lavorare in gruppo A sfruttare le sue qualità intellettive ma anche a esprimere emozioni e sentimenti

20 20 Docente abitua lalunno a essere protagonista del suo apprendimento programmare il successo guidandolo a constatarne la reale applicabilità della conoscenza ai problemi

21 21 Ambienti di apprendimento comunità di dialogo apprendimento ricerca, luoghi di interazione e collaborazione sinergica tesa al miglioramento continuo Per formare Personalità integrali, autonome, critiche

22 22 Ambiente dapprendimento = insieme di attori che agiscono secondo set di comportamenti concordati; serie di regole o vincoli comportamentali; Distinzione di compiti ed attività; Rispetto di tempi E avvalendosi di set di strumenti o artefatti, oggetto di osservazione, lettura,

23 23 LAdP può dar vita a «comunità di ricerca», in cui si organizza, progetta, costruisce conoscenza come prodotto della costruzione attiva del soggetto attraverso forme di collaborazione e negoziazione sociale processo interattivo in cui le persone imparano luna dallaltra spostamento dell'attività cognitiva dall'Interno all'esterno, dall'individuo al gruppo.

24 24 La ricerca deve avere 1) carattere problematico partire cioè da un problema, nato da un aspettativa delusa a causa dellindeterminatezza delle proprie conoscenze. 2) carattere intenzionale, partire dalla presa di coscienza del problema. 3) approccio metodologico sistematico: essere indirizzato allindividuazione, costruzione e applicazione di mezzi atti ad affrontare i problemi e ad arrivare a soluzioni efficaci

25 25 Individuare problemi, procedure, processi Il progetto dovrebbe svilupparsi come ricerca e presuppone: <

26 26 Progetto come problem solving Il progetto, individuato un problema coi suoi sottoproblemi dovrebbe svilupparsi come ricerca della strada per risolverlo; rappresentare il superamento dellostacolo che si frappone tra lo stato attuale (problema) e lo stato desiderato (soluzione); nella consapevolezza che importante non è la risoluzione del problema ma la strada percorsa per giungere alla risoluzione stessa

27 27 CONDIVISIONE > Un progetto deve favorire intesa sistematica informazione dei docenti (consigli di classe o gruppi pluriclasse), reciproca collaborazione; coinvolgimento degli allievi – sviluppando- in loro la consapevolezza di ciò che dovranno fare e il senso della partecipazione

28 28 Chi sono i destinatari? Quali sono i loro bisogni? Prima di accingersi a sviluppare un percorso progettuale e sarà opportuno definire variabili di contesto, cioè i destinatari e gli interlocutori del progetto; bisogni e aspettative degli utenti

29 29 Argomento comune Definito dai docenti della classe, dovrebbe essere: Interdisciplinare così da dare il senso della complessità trasversale; Sentito dagli alunni; Realizzabile e rispondente ad un bisogno

30 30 AdP come TERRENO COMUNE AdP deve esser luogo di incontro tra docenti, che spesso dovranno svolgere il ruolo di persuasori e gli studenti, che persuasi dovranno partecipare con entusiasmo. Perché questo avvenga: L argomento non deve essere vissuto come imposizione, ma come problema, anche se suggerito attraverso sollecitazioni dellinsegnante.

31 31 Conoscenza come processo dialogico La ricerca si configura come impresa ermeneutica, dialettica, critica e poliprospettica. Sviluppa una razionalità di tipo razionalità dialogico- ermeneutico in luogo di una razionalità analitico- deduttivo ad una di è un processo graduale, conflittuale, aperto di negoziazione e confronto

32 32 Strategie Di fronte ad unidea per un itinerario di ricerca è opportuno pensare su come: Problematizzare largomento così da suscitare curiosità; Da quanti e quali punti di vista può essere analizzato Come potrebbe procedere il percorso di ricerca Cosa devo conoscere io sul problema e sulle tecniche di ricerca

33 33 metodo della spiegazione o metodo della scoperta La progettazione di un percorso di ricerca non esclude, ma richiede, limpiego di lezioni prima, durante e dopo lo svolgimento del percorso. PRELIMINARI. - presentare largomento generale e il campo di indagine: - accertare le preconoscenze e i pre- giudizi degli allievi; - guidare nella problematizzazione largomento, mediante lutilizzo di tecniche di animazione (discussioni collettive, brain storming);

34 34 Linsegnante proponendosi come ricercatore tra ricercatori, che si aspetta dalla ricerca risposte non note, dovrebbe condurre: una sommaria presentazione dei contenuti principali; una discussione sullinteresse dellargomento e sugli obiettivi possibili; una dichiarazione delle implicazioni metodologiche. Linsegnante ricercatore

35 35 Scelta dellargomento (1 ora circa) Dopo aver deciso quale termine chiave utilizzare si effettua un brainstorming I termini sono distribuiti attorno alla Parola chiave Norme da osservare: La critica è esclusa. Il giudizio negativo sulle idee deve essere rimandato ad un secondo tempo; La > è ben accetta: lidea audace è accolta favorevolmente;non bisogna frenare la corrente di idee Si cerca la quantità Si cercano miglioramenti

36 36 Definizione del problema PROCEDURA Identificare la domanda principale che aiuti a mettere a fuoco largomento e ad individuare parole chiave Individuare i concetti principali e trascriverli su post- it Dopo aver riflettuto sulla domanda, iniziare la costruzione della mappa, collocando lidea più importante sulla parte alta del foglio; Sistemare i concetti secondari; Collegare i concetti con linee e parole di collegamento che esplicitano le relazioni e rendono il tutto come proposizione coerente; Rivedere la struttura della mappa Il risultato del brainstorming viene riordinato; quindi si assegna ad ogni ragazzo un sottotema su cui dovrà svolgere la sua ricerca; si fa una sintesi delle modalità con cui di dovrà svolgere il lavoro>>. si propone una scheda per una >; si presenta una griglia di verifica

37 37 Cosa ho bisogno di fare? Dove potrei andare? Come posso avere l'informazione? Quali risorse potrei utilizzare? Come posso usare le risorse? Ho avuto l'informazione di cui avevo bisogno? Come posso presentarla? Cosa ho raggiunto


Scaricare ppt "1 > (DPR 275/99, articolo 16, comma 3).. 2 Il progetto Percepito spesso come accessorio può rispondere a bisogni essere altamente formativo Se si sviluppa."

Presentazioni simili


Annunci Google