La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La delusione storica dei siciliani di fronte al processo di unificazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La delusione storica dei siciliani di fronte al processo di unificazione."— Transcript della presentazione:

1 La delusione storica dei siciliani di fronte al processo di unificazione

2

3 Libertà Le berrette bianche si rivoltarono contro i galantuomini e, scendendo in piazza,cominciarono a gridare: Abbasso i cappelli! Viva la libertà. Iniziarono ad assaltare i galantuomini -A te, prete del diavolo!che ci hai succhiato lanima! […] A te, ricco epulone, che non puoi scappare nemmeno, tanto sei grasso del sangue del povero! e così continuarono a versare sangue. Non importa! Ora che si avevano le mani rosse di quel sangue, bisognava versare tutto il resto. Tutti! Tutti i cappelli!. (G. verga, Libertà) Non gli restava che spartirsi quei boschi e quei campi.

4 Ladro tu e ladro io […] Ora che cera la libertà, chi voleva mangiare per due avrebbe avuto la sua festa come quella dei galantuomini! Ma tutto questo fu bloccato dallarrivo del generale e dei giudici. I berretti furono rinchiusi nel gran carcere. Il processo durò tre anni. Tre anni di prigione e senza vedere il sole. Un carbonaio, mentre lo stavano arrestando, disse: Mi state portando in galera? Non mi è toccato neppure un palmo di terra! Allora dove è la libertà? ( G. Verga, Libertà )

5 Tutta roba di Mazzarò. Pareva che fosse di Mazzarò perfino il sole che tramontava […]. Pareva che Mazzarò fosse disteso tutto grande per quanto era grande la terra, e che gli si camminasse sulla pancia. Invece egli era un omicciattolo, diceva il lettighiere, che non gli avreste dato un baiocco, a vederlo [… ]. ( G. verga, La roba)

6 Aveva la testa chera un brillante, quelluomo. Infatti, colla testa come un brillante, aveva accumulato tutta quella roba, dove prima veniva da mattina a sera a zappare, a potare, a mietere; […]; che tutti si rammentavano di avergli dato dei calci nel di dietro, quelli che ora gli davano delleccellenza,e gli parlavano col berretto in mano. Quando uno è fatto così, vuol dire che è fatto per la roba. Ed anche la roba era fatta per lui, che pareva ci avesse la calamita, perché la roba vuol stare con chi sa tenerla. A lui non gliene importava del denaro, diceva che non era roba, e appena metteva insieme una certa somma, comprava subito un pezzo di terra; perché voleva arrivare ad avere della terra quanta ne ha il re, ed essere meglio del re, chè il re non può né venderla, né dire chè sua. ( G. Verga, La Roba)

7 I berretti dovendo soddisfare tutti i bisogni dei cappelli venivano trattati peggio degli animali. I galantuomini cosiddetti cappelli insultavano i berretti con affermazioni del tipo: Ti pago a sangue d uomo, val più un pezzente di un potente; chè non si può cavargli la pelle per suo debito. ( G. Verga, I galantuomini )

8 Una figura rilevante dei Galantuomini è Don Piddu, un uomo che non gliene andava bene neanche una: le malannate, le mortalità nel bestiame, la moglie inferma, le figliuole da maritare, tutte già bell e pronte. La sua più grande vergogna: la storia clandestina della figlia Marina con un berretto. Non esistevano più le differenze sociali? La figlia di un cappello poteva innamorarsi di un berretto ? Che fine aveva fatto la dignità dell antica aristocrazia terriera?

9 Un mondo chiuso, egoistico, quello dell Acitrezza dei Malavoglia (metafora della Sicilia post-unitaria), tutto teso e incentrato sull obbedienza e sulla ricerca del proprio interesse. I grandi eventi storici non lo hanno per nulla toccato: è passato quasi inosservato il fatto che per la Sicilia sia passato Garibaldi e che da qualche anno non sia più borbonica, ma faccia parte di uno stato unitario la cui nascita aveva generato molte attese e grandi speranze. ( G. Verga, I Malavoglia )


Scaricare ppt "La delusione storica dei siciliani di fronte al processo di unificazione."

Presentazioni simili


Annunci Google