La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

APPRENDIMENTO LAPPRENDIMENTO È UN PROCESSO NATURALE ATTIVO CHE IMPEGNA LA VOLONTÀ ED È MEDIATO INTERNAMENTE. È UN PROCESSO DI COSTRUZIONE DI SIGNIFICATI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "APPRENDIMENTO LAPPRENDIMENTO È UN PROCESSO NATURALE ATTIVO CHE IMPEGNA LA VOLONTÀ ED È MEDIATO INTERNAMENTE. È UN PROCESSO DI COSTRUZIONE DI SIGNIFICATI."— Transcript della presentazione:

1 APPRENDIMENTO LAPPRENDIMENTO È UN PROCESSO NATURALE ATTIVO CHE IMPEGNA LA VOLONTÀ ED È MEDIATO INTERNAMENTE. È UN PROCESSO DI COSTRUZIONE DI SIGNIFICATI IN BASE ALLE INFORMAZIONI E ALLE ESPERIENZE, DIRETTO A UN OBIETTIVO E FILTRATO ATTRAVERSO LE PERCEZIONI, I PENSIERI E I SENTIMENTI DI CIASCUN ALLIEVO. (PIETRO BOSCOLO)

2 MODIFICARE LA DIDATTICA PER LA CLASSE DIDATTICA COSTRUTTIVISTA APPRENDIMENTO COOPERATIVO/TUTORING APPROCCIO METACOGNITIVO (per linsegnante e per lalunno) COSTRUZIONE DI ABILITÀ DI STUDIO

3 DIDATTICA COSTRUTTIVISTA BASATA SU PROCESSI DI COSTRUZIONE ATTIVA DI SIGNIFICATI UTILIZZO DI SCHEMI APPRENDIMENTO RISULTATO DELLINTERAZIONE TRA * CARATTERISTICHE INDIVIDUALI DEL SOGGETTO, * ATTIVITÀ DI APPRENDIMENTO, * CARATTERISTICHE DEL MATERIALE DA APPRENDERE, * CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ DELLISTRUZIONE, * COMPITO CRITERIALE.

4 APPROCCIO METACOGNITIVO CONSAPEVOLEZZA DI CIÒ CHE SI STA FACENDO DEL PERCHÉ LO SI FA QUANDO È OPPORTUNO FARLO IN QUALI CONDIZIONI FARLO Assumere un atteggiamento di costante attenzione metacognitiva allinterno delle diverse discipline

5 OPERARE A QUATTRO LIVELLI CONOSCENZA SUL FUNZIONAMENTO COGNITIVO IN GENERALE CONSAPEVOLEZZA DEL PROPRIO FUNZIONAMENTO COGNITIVO CONTROLLO DEI PROCESSI COGNITIVI RICONOSCIMENTO DELLE VARIABILI PSICOLOGICHE CHE SOTTOSTANNO AI PROCESSI DI APPRENDIMENTO: - Locus of control - Attribuzione - Autoefficacia - Autostima - Motivazione

6 SISTEMA NUMERICO PROCESSI LESSICALI: capacità di attribuire un nome ai numeri PROCESSI SEMANTICI: capacità di comprendere il significato dei numeri PROCESSI SINTATTICI: relativi alle relazioni spaziali tra le cifre COUNTING: capacità di conteggio CALCOLO A MENTE CALCOLO SCRITTO PROCESSI COGNITIVI PRINCIPALI

7 DIFFICILE MEMORIZZAZIONE DELLE TABELLINE LENTEZZA E SIGNIFICATIVI ERRORI AD ENUMERARE ALLINDIETRO DA 20 A 0 DIFFICOLTÀ NELLA LETTURA E NELLA SCRITTURA DEI NUMERI AD UNA CIFRA DIFFICOLTÀ A SOMMARE NUMERI IN COPPIA RICORRENDO AL FATTO ARITMETICO LENTEZZA DI ESECUZIONE DI SEMPLICI CALCOLI RICONOSCIMENTO DEL DISTURBO VERSO LA FINE DELLA TERZA CLASSE. PRIMA SI POSSONO RILEVARE ALCUNI SEGNALI

8 DIFFICOLTÀ LA CONOSCENZA NUMERICA ERRORI A LIVELLO - LESSICALE - SINTATTICO - SEMANTICO IL CALCOLO ERRORI - PROCEDURALI E APPLICAZIONE STRATEGIE - RECUPERO DEI FATTI ARITMETICI - DOVUTI A DIFFICOLTÀ VISUO-SPAZIALI POSSONO RIGUARDARE

9 MECCANISMI DEL PROCESSO DI LETTURA MECCANISMO DI ANTICIPAZIONE: SI BASA SU INDICI LINGUISTICI ED EXTRALINGUISTICI. MECCANISMO COGNITIVO. MECCANISMO DI DECIFRAZIONE: LO SCRITTO VIENE ANALIZZATO NELLE UNITÀ CHE LO COMPONGONO. MECCANISMO PERCETTIVO

10 ERRORI DI SCRITTURA ERRORI FONOLOGICI - SCAMBI DI SUONO (p/b f/v s/f r/l …) - RIDUZIONE DI GRUPPO O DITTONGO (pota per porta, seda per sedia) - AGGIUNTE/OMISSIONI DI SUONI (torota per torta) - INVERSIONI/MIGRAZIONI (cimena per cinema) ERRORI FONETICI - DOPPIE - ACCENTO

11 ERRORI ORTOGRAFICI - H - APOSTROFO - SCAMBI DI SUONI OMOFONI NON OMOGRAFI (quore, cuaderno, ecc.) - FUSIONI/SEPARAZIONI ILLEGALI (in sieme, conla) - ERRORI DI REGOLE(cie/ce) - ERRORI NELLA RAPPRESENTAZIONE DEI DI- TRIGRAMMI (cs/sc)

12 ERRORI DI LETTURA ERRORI DI SUONI - SCAMBI DI SUONI - OMISSIONE/AGGIUNTA DI SUONI - RIDUZIONE DI GRUPPI O DITTONGHI - ERRORI DI LINEA (INVERSIONI, MIGRAZIONI rase per resa) ERRORI FONETICI - DOPPIE - ACCENTO ERRORI DI RECUPERO ERRATO DEI DIGRAMMI (magnone per maglione) ERRORI DI RECUPERO ERRATO DEL LESSICO ORTOGRAFICO (pesce per pace)

13 ERRORI DI ANTICIPAZIONE - LESSICALE (Andò sotto il tavolo per Andò sotto il divano) - MORFOSINTATTICA (mangiavano per mangiano) OMISSIONE DI PAROLA SALTI/RIPETIZIONI DI RIGHE Possono essere revisionati o no

14 INTERVENTO ERRORI ORTOGRAFICI DIGRAMMI E TRIGRAMMI Gli stessi grafemi rappresentano suoni diversi ca co cu che chi cia cio ciu ce ci ga go gu ghe ghi gia gio giu ge gi gna gno gnu gne gni scia scio sciu sce sci glia glio gliu glie gli Memorizzazione delle strutture utilizzando la lettura - riferimenti visivi stabili – graduare la presentazione dei digrammi

15 INTERVENTO ERRORI ORTOGRAFICI ALTRI ERRORI ORTOGRAFICI QUALI: SCAMBIO DI SUONI OMOFONI NON OMOGRAFI (C/Q), FUSIONI E SEPARAZIONI ILLEGALI, REGOLE ORTOGRAFICHE (CIECO, CIELO … ) Memorizzazione della forma corretta della parola (in fase dapprendimento non proporre esercizi di decisione ortografica in cui viene mostrata al bambino la forma scorretta)

16 STRUMENTI COMPENSATIVI TABELLE: MESI, ALFABETO, DIVERSI CARATTERI TAVOLA PITAGORICA TABELLA DELLE MISURE E DELLE FORMULE CALCOLATRICE SCHEMI PER I PROBLEMI REGISTRATORE CARTINE GEOGRAFICHE E STORICHE COMPUTER PER LA SCRITTURA E LA LETTURA CASSETTE O CD REGISTRATI

17 MISURE DISPENSATIVE DISPENSA DA ALCUNE PRESTAZIONI QUALI: LETTURA A VOCE ALTA, SCRITTURA VELOCE SOTTO DETTATURA, STUDIO MNEMONICO DELLE TABELLINE, … DISPENSA DALLO STUDIO DELLE LINGUE STRANIERE IN FORMA SCRITTA TEMPI PIÙ LUNGHI PER LE PROVE SCRITTE E PER LO STUDIO INTERROGAZIONI PROGRAMMATE ASSEGNAZIONE DI COMPITI A CASA IN MISURA RIDOTTA POSSIBILITÀ DUSO DI TESTI RIDOTTI NON PER CONTENUTO, MA PER QUANTITÀ DI PAGINE

18 COSA FARE? GRADUARE LE DIFFICOLTÀ DELLE PROPOSTE A SCUOLA E A CASA DURANTE LE INTERROGAZIONI PORRE DOMANDE PRECISE E DARE TEMPO PER LA RISPOSTA (IL RAGAZZO CON DSA DEVE ELABORARE LA DOMANDA PRIMA DI DARE LA RISPOSTA). DOMANDE CON LINGUAGGIO CHIARO E SENZA DOPPIE NEGAZIONI. DURANTE LE CONVERSAZIONI, I MOMENTI DI DISCUSSIONE, I BRAINSTORMING, … NON RIVOLGERSI AL RAGAZZO CON DSA PER PRIMO, MA NEMMENO PER ULTIMO (per evitare che un altro alunno dica ciò a cui aveva pensato)

19 QUANDO USIAMO LA LAVAGNA SCRIVERE IN MODO CHIARO (POSSIBILMENTE IN STAMPATO) E PARLARE RIVOLTI VERSO I RAGAZZI DURANTE LE VERIFICHE, FORMULARE ANCHE ORALMENTE LE CONSEGNE LIBRETTO DEGLI AIUTI: possono anche essere uno per casa e uno per scuola (per la scrittura, lortografia, la grammatica, i problemi,il lessico)

20 COSA RICORDARE? VI SONO ALCUNI FATTORI LINGUISTICI CHE INFLUENZANO LA POSSIBILITÀ DI LEGGERE: - FREQUENZA DUSO E VALORE DIMMAGINE (CASA / PENA) - LUNGHEZZA - COMPLESSITÀ ORTOGRAFICA (MATITA / STRADA) IL BAMBINO SI ESERCITERÀ PIÙ FACILMENTE SE DEVE LEGGERE PAROLE SEMPLICI, BREVI, FREQUENTI E IMMAGINABILI. PUÒ APPOGGIARSI SULLE CONOSCENZE LESSICALI PER COMPENSARE LE DIFFICOLTÀ DI LETTURA

21 IL METODO DINSEGNAMENTO NON ORIGINA LA DISLESSIA, MA LE PROPOSTE CHE FACCIAMO POSSONO RIDURNE GLI EFFETTI IN PRESENZA DI UNA SPECIFICA DISABILITÀ, LA RIPETIZIONE COME FATTORE DI APPRENDIMENTO È INEFFICACE. LA LETTURA NON È LUNICO CANALE DI APPRENDIMENTO PER UN ALUNNO CON DSA ANCHE LA COPIA È PIÙ DIFFICILE

22 PESO LORDO PESO NETTOTARA

23

24

25


Scaricare ppt "APPRENDIMENTO LAPPRENDIMENTO È UN PROCESSO NATURALE ATTIVO CHE IMPEGNA LA VOLONTÀ ED È MEDIATO INTERNAMENTE. È UN PROCESSO DI COSTRUZIONE DI SIGNIFICATI."

Presentazioni simili


Annunci Google