La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ci concentreremo, oggi, sulla concezione bruniana dellInfinito e sulle sue tesi cosmologiche rivoluzionarie, ripartendo dal concetto di rovesciamento e.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ci concentreremo, oggi, sulla concezione bruniana dellInfinito e sulle sue tesi cosmologiche rivoluzionarie, ripartendo dal concetto di rovesciamento e."— Transcript della presentazione:

1 Ci concentreremo, oggi, sulla concezione bruniana dellInfinito e sulle sue tesi cosmologiche rivoluzionarie, ripartendo dal concetto di rovesciamento e dalla rivoluzione copernicana Mondi infiniti campodeifioriurbani.wordpress.com X

2 Rovesciamenti… Dovendo riflettere sul concetto di rovesciamento, viene quasi spontaneo rivolgere lattenzione al caso della rivoluzione copernicana, sia perché essa rappresentò, senza dubbio, un profondo rovesciamento in fatto di certezze cosmologiche, sia anche perché, pur essendo un fenomeno culturale e scientifico della massima portata per la nostra civiltà, purtroppo la sua vicenda storica è ancor oggi solo superficialmente nota ai più, e la sua percezione – per giunta – è accompagnata, nellopinione pubblica, da una notevole quantità di equivoci. 1.Il primo equivoco è che la teoria copernicana si diffuse come un fuoco per tutta lEuropa, rapidamente: il De revolutionibus orbium coelestium di Nicolò Copernico, invece, uscito nel 1543 (postumo), solo decenni più tardi cominciò ad essere discusso a fondo, specie da Bruno e Galilei. 2.Secondo equivoco: il copernicanesimo scandalizzò le masse del tempo. Si trattò invece di un fenomeno socialmente limitato alle sole classi colte, e non interessò in minima parte il popolo. 3.Terzo: fu una filosofia nata dal mondo laico. Il suo fondatore, Copernico, era in realtà canonico (cattolico) del duomo di Frauenburg, città della Warmia, e il suo massimo sostenitore, Giordano Bruno, un frate domenicano. 4.Quarto equivoco: solo il papato di Roma si mosse contro il copernicanesimo. È certo invece che anche il mondo protestante, specie nelle figure di Lutero e Filippo Melantone, si schierò risolutamente contro le nuove teorie del cielo

3 La reazione della cultura scientifico-letteraria alla cosmologia copernicana, fra Sei e Settecento, è fedelmente rispecchiata nelle seguenti osservazioni di Nicola Abbagnano: […] nonostante reazioni e scossoni vari, la nuova cosmologia finì per affermarsi, tantè vero che dalla fine del Seicento divenne quasi «di moda». […] Per uno dei tanti paradossi di cui è piena la storia, quella visione che aveva suscitato odio e disprezzo per Bruno, finì per affermarsi proprio grazie agli argomenti teologici già delineati dal Nolano. Infatti, langoscia cosmica e le difficoltà religiose furono superate in virtù dellidea secondo cui un universo infinito risultava più «adatto» a rispecchiare linfinita potenza di Dio. Se i cieli e la terra narrano la gloria del loro Creatore, che cosa meglio di un cosmo infinito si prestava a celebrarla e magnificarla in tutta la sua grandezza? 5.Quinto equivoco: il copernicanesimo fu una forma di anti-teocentrismo. A onor del vero, fu soltanto un anti-antropocentrismo, nel senso che decentrò lessere umano dallordine naturale, e non la deità cristiana, che fino ai (pochi, per la verità) philosophes ateo-materialisti francesi di metà 700 ed ai giacobini della rivoluzione francese non fu mai messa in discussione dagli scienziati copernicani (Kepler, Galilei, Newton, Derham, ecc., furono tutti fervidi cristiani). Spesso, anzi, leliocentrismo fu usato dagli scrittori per magnificare il Creatore, e non per diminuirne il prestigio: è il caso, ad esempio, degli Entretiens sur la pluralité des mondes(1686) di Fontenelle, cui potremmo aggiungere a buon diritto i Night Thoughts (1745) di Edward Young. L«eresia» bruniana si era dunque capovolta in convincente «ortodossia», spianando la strada – grazie a questo avvenuto «recupero» teologico delle tesi cosmografiche rivoluzionarie – al suo completo assorbimento nella cultura «ufficiale»

4 Copernico - Bruno: Dal mondo chiuso di Copernico all'universo aperto di Bruno Il secondo momento della rivoluzione astronomica è dunque ad opera di Giordano Bruno, il filosofo che ha definitivamente superato il mondo degli antichi e prospettato le linee fondamentali di quello dei moderni. Il mondo di Copernico, a parte l'eliocentrismo, è ancora fondamentalmente un mondo del passato poichè secondo lui l'universo continua a fare tutt'uno con il sistema solare, pensato come un suo centro intorno al quale ruotano sfere solide e reali ma risulta limitato dall'ultima e suprema sfera del mondo contenente se stessa e tutte le cose. Di conseguenza l'universo copernicano è ancora finito anche se egli ha notevolmente ampliato il cielo delle stelle fisse affermandone l'immensità. Quindi la rivoluzione copernicana avrebbe rischiato di fermarsi a metà senza un'ulteriore apertura del cosmo. Con Democrito e Lucrezio(sulla Natura) appare per la prima volta la molteplicità dei mondi e linfinità del Tutto Cusano pur negando che luniverso sia finito e racchiuso dalle sfere celesti, non ne afferma la positiva infinità Palingenio afferma che è il cielo di Dio, non il suo mondo ad essere infinito Digges Thomas afferma come Palingenio che è lultima sphera mundi ad essere di infinita grandezza Con Giordano Bruno si raggiunge lesplicita affermazione dellinfinità delluniverso

5 Giordano Bruno giunge a conclusioni che non derivano da osservazioni astronomiche o calcoli matematici, bensì dallintuizione riguardo allinfinità delluniverso alimentata dal copernicanesimo. Se la terra è un pianeta che gira attorno al sole, le stelle che si vedono nelle notti serene e che gli antichi immaginarono attaccate allultima parete del mondo, non potrebbero essere tutte, o almeno in parte, immobili soli circondati da rispettivi pianeti? Per cui luniverso anziché essere composto da un sistema unico, il nostro, non potrebbe ospitare in sé un numero illimitato di stelle- soli, disseminate nei vasti spazi del firmamento e centri di rispettivi mondi? Non è chi io labbia osservato Sono dunque soli innumerabili, sono terre infinte, che similmente circuiscono quei soli, come veggiamo queste sette circuire questo sole a noi vicino Di conseguenza luniverso è infinto poiché la creazione di Dio per essere allaltezza del creatore deve essere essa stessa infinita e straripante di vita

6 Le tesi cosmologiche rivoluzionarie di Bruno 1.Abbattimento delle mura esterne delluniverso 2.Pluralità dei mondi e loro abitabilità: così si magnifica leccellenza di Dio, si manifesta la grandezza de limperio suo: non si glorifica in uno, ma in soli innumerevoli: non in una terra, un mondo, ma in duecentomila, dico infiniti 3.Unificazione del cosmo 4.Geometrizzazione dello spazio cosmico: uno è il loco, uno il spacio immenso che chiamar possiamo liberamente vacuo, sostituzione dello spazio aristotelico(gerarchico), in quello euclideo infinito e omogeneo, in cui non esiste punto di riferimento assoluto 5.Infinità delluniverso Bruno pur non essendo uno spirito moderno, ha un intuizione possente e profetica per il fatto che è raggiunta mediante strumenti extrascientifici La prima tesi implica la distruzione dell'idea secolare dei confini del mondo, cui lo stesso Copernico era rimasto fedele.Bruno afferma che le muraglie celesti non esistono perchè l'universo è aperto in ogni direzione e le stelle fisse si trovano disperse in uno spazio senza limite. La seconda tesi, connessa alla prima, implica la moltiplicazione all'infinito dei corpi che corrono per il cielo, ossia il concetto di una pluralità illimitata di sistemi solari che Bruno ritiene popolata da creature viventi, senzienti e razionali. La terza tesi, già presente negli atomisti e in Cusano implica il superamento del dualismo astronomico tolemaico, e l'unificazione astronomica del cosmo in una sola grande regione. La quarta tesi, strettamente ricollegata alla terza considera lo spazio come qualcosa di unico e omogeneo, ossia di fondamentalmente simile a se stesso in tutto l'universo. La quinta tesi è invece in realtà la prima poichè è l'idea madre secondo Bruno che lo porta a ritenere l'esistenza di infiniti mondi, infinite creature e infinite vite.

7 La fredda accoglienza alle tesi bruniane In queste tesi è facile riconoscere in gran parte l'universo dei moderni. Da un lato ciò può sembrare un paradosso: Bruno usa un armamentario concettuale del passato e parte da intuizioni extrascientifiche per approdare a risultati nuovi. Tuttavia la sua concezione ha influenzato così profondamente la scienza e la filosofia moderne che Bruno è considerato parte della storia dello spirito umano. Queste tesi apparivano come il frutto di una mente esaltata. Anche i più grandi astronomi del tempo accolsero freddamente le sue tesi respingendo soprattutto l'idea della pluralità dei mondi e dell'infinità dell'universo. Ciò avvenne anche perchè le tesi del filosofo apparivano troppo rivoluzionarie ai padri dell'astronomia moderna. Keplero ad esempio negava la moltiplicazione bruniana dei mondi ritenendo il sistema solare qualcosa di unico, creato per l'uomo e i suoi bisogni. Ben più netta fu la reazione degli ambienti legati alla religione e alla vecchia cultura, che fin dalla comparsa dell'opera di Copernico erano apparsi preoccupati dalle nuove idee astronomiche anche se dovette passare del tempo affinchè si percepissero chiaramente le novità implicate dalle nuove dottrine astronomiche. Brahe, Keplero, Galileo lo accolsero freddamente e lo rifiutarono in gran parte, respingendo la pluralità dei mondi

8 Le tesi cosmologiche rivoluzionarie e la scienza contemporanea Nonostante la mancata certificazione scientifica della tesi dellesistenza di altri esseri viventi e dellinfinità spaziale delluniverso, e nonostante la dichiarata insolubilità critica di questa ultima ipotesi, la visione bruniana delluniverso fu accettata in bloccoNonostante la mancata certificazione scientifica della tesi dellesistenza di altri esseri viventi e dellinfinità spaziale delluniverso, e nonostante la dichiarata insolubilità critica di questa ultima ipotesi, la visione bruniana delluniverso fu accettata in blocco Un colpo decisivo di questo quadro verrà soltanto nel Novecento, in particolare con Einstein che utilizzerà geometrie non euclidee per ipotizzare un universo finitoUn colpo decisivo di questo quadro verrà soltanto nel Novecento, in particolare con Einstein che utilizzerà geometrie non euclidee per ipotizzare un universo finito La materia infatti si incurverebbe, secondo la teoria della relatività, su se stessa per cui il mondo sarebbe illimitato ma finito, simile ad una sfera illimitatamente percorribileLa materia infatti si incurverebbe, secondo la teoria della relatività, su se stessa per cui il mondo sarebbe illimitato ma finito, simile ad una sfera illimitatamente percorribile

9 Infrangendo una plurisecolare tradizione, Bruno ritiene che possa esistere un corpo infinito in atto sia dal punto di vista dellestensione spaziale, sia della quantità numerica: luniverso è dunque infinito e infiniti sono i mondi che lo compongono, ossia i sistemi planetari. Netta è dunque lopposizione alla fisica e alla cosmologia aristotelica e tolemaica, in nome di una filosofia che unisce in maniera originale ladesione al copernicanesimo, motivi di ispirazione cusaniana, eredità lucreziane ed elementi averroisti. Lelaborazione di questo modello cosmologico infinitista comporta una profonda revisione dei concetti-cardine della fisica aristotelica: diversa è la nozione di spazio, così come quella di moto e di elemento. Bruno è intimamente convinto della radicale novità del suo pensiero. La sua opera si inserisce anzi in una filosofia della storia in cui si assegna un ruolo fondamentale a quel ritorno allautentica comprensione della natura e del suo rapporto con Dio, propria degli antichi Egizi, offuscata e stravolta prima da Aristotele, poi dai cristiani e infine dai luterani e dai calvinisti. Infinito, Natura e Dio. Ma luniverso infinito è tale in quanto strettamente correlato, fino a diventare inseparabile, allinfinito divino: di esso è immagine e simulacro. Certo, nellattribuire a Dio linfinità, Bruno non fa che rielaborare una lunga tradizione teologica; ma il modo in cui essa viene declinata è decisamente originale: come luniverso, ma con caratteri peculiari, Dio è perfettamente omogeneo. Riprendendo ladagio anassagoreo e rileggendolo alla luce di un monismo rigoroso, il Nolano afferma che nella divinità tutto è in tutto e tutto è in ogni parte. In breve, gli attributi divini coincidono perfettamente fino a diventare indistinguibili luno dallaltro: per questo Dio, infinito in atto, può solo generare un infinito altrettanto attuale, luniverso, senza che nel divino vi sia spazio per nessun tipo di diversificazione tra atto e potenza, tra intelletto e volontà, tra potenza attiva e potenza passiva, tra potenza assoluta e potenza ordinata, come invece avveniva nella tradizione teologica precedente a Bruno.

10 Come vedremo, spesso Bruno si serve di sintagmi simili per caratterizzare Dio e luniverso, pur mantenendo fermo il presupposto che essi non siano identificabili. La radice metafisica della sua scelta teorica va individuata nel fatto che entrambi sono luno, lente, il vero e il buono, il primo sotto la forma complicata propria alla monade delle monadi, il secondo come sua immagine esplicata. Dio e luniverso sono insomma due aspetti della sostanza: con vocabolario spinoziano, potremmo dire che Dio è la natura naturans e il cosmo la natura naturata. Le differenze con Spinoza, tuttavia, sono di peso: intanto, per Bruno luniverso non è un modo infinito, ma è anchesso sostanza; in secondo luogo, profondamente diversa è lantropologia e la gnoseologia del Nolano, che non concede alla mente umana la conoscenza chiara e distinta di Dio, ma solo quella, umbratile, delluniverso. differenze Lo stretto legame che Bruno istituisce tra la metafisica e la cosmologia lascia dunque trasparire una radicale contestazione dei dogmi della Trinità e dellIncarnazione e una concezione di Dio che nulla ha a che fare con quella che deriva dalla Bibbia, ma che è così polemica con il Dio-persona del cristianesimo da essere lontana anche da quella di filosofi, come Cusano, per altri versi molto amati dal Nolano. Bruno concorda, invece, con una lunga tradizione filosofica antica che, da Parmenide a Plotino, letto tramite Ficino, aveva concepito Dio come assolutamente uno: il suo monismo è evidente fin dalla prima giovinezza, come ci attestano le tracce di processi subiti già nel 1575 per la difesa delle opinioni di Ario. In maniera altrettanto precoce, a partire dal Sigillus, vivace è la polemica contro la figura di Cristo, mostro mitologico che pretenderebbe di riunire in una sola natura finito e infinito, mediandoli, mentre solo luniverso infinito può aspirare a mostrarci il volto della divinità, per quanto unicamente come unombra, uno specchio.

11 È a partire dai dialoghi italiani, stampati nel 1584, che linfinità delluniverso diventa uno dei temi caratteristici e centrali della filosofia di Bruno. Fin dalla Cena delle ceneri questa dottrina si presenta come una conseguenza del copernicanesimo e come una tappa fondamentale di una più generale riforma del sapere che avrà importanti conseguenze sulla morale e sulla religione, restaurando un corretto concetto della divinità, del cosmo, del loro reciproco rapporto e del ruolo delluomo nelluniverso. In pagine celebri, riprese poi nellAcrotismus, Bruno si presenta in termini che ricalcano quelli usati da Lucrezio per esaltare lopera di Epicuro ma che, al tempo stesso, riprendono stilemi evangelici: Bruno, e non Cristo, è colui che ha ridato la vista ai ciechi, la parola ai muti e ha reso gli zoppi capaci di camminare. Bruno non è il primo a conferire linfinità alluniverso: accenni in questo senso si trovano anche in Palingenio, Thomas Digges e Francesco Patrizi. Ma il cosmo bruniano non è solo infinito: è anche fisicamente uniforme. Il Nolano ci offre limmagine di un mondo in cui vige una duplice analogia: spodestata dalla sua sede al centro del tutto, la Terra è simile agli altri pianeti che girano intorno al Sole, mentre le stelle non sono altro che dei Soli, centro delle orbite di pianeti a noi invisibili per leccessiva lontananza. I pianeti sono dunque delle terre, ossia hanno una composizione simile a quelle del corpo celeste su cui viviamo e sono abitati. Luniverso è composto quindi dalla ripetizione allinfinito di sistemi tra loro simili, come avveniva nel modello cosmologico proposto dagli atomisti. Tuttavia, questi sistemi sono eliocentrici, non possono avere forme e aspetti completamente diversi dal nostro, in nome del principio di uniformità, e sono in collegamento tra di loro, non isolati dagli intermundia. Linfinito come tutto: luniverso. Uno spazio inteso come ente infinito e, quel che forse conta ancora di più, uniforme. Se le analogie con la dottrina atomista sono evidenti, bisogna anche tener conto delle differenze: lo spazio per Bruno non è il vuoto assoluto, ma finisce per coicidere con letere Differenze con gli atomisti: lo spazio per Bruno non è il vuoto assoluto

12 Nel De immenso Bruno fa proprie le considerazioni di Filopono sullo spazio: si tratta di una quantità continua, che precede per natura le cose corporee, indifferente a ciò che contiene, impenetrabile (ossia non separabile in parti), un ente che comprende tutto e non è compreso da nulla e che non è né sostanza né accidente. lo spazio infinito è popolato da uninfinità di sistemi solari. Proprio questo principio è alla base di due altre dimostrazioni dellinfinità del cosmo. La più celebre, quella che ha valso a Bruno lonore di essere inserito da Arthur O. Lovejoy tra i principali rappresentanti del principio di pienezza, parte da Dio per arrivare al mondo: chi crede che la potenza divina non si traduca immediatamente e completamente in atto ne fa un essere ozioso e invidioso, rendendo vana e inutile quella parte di potenza che non viene esplicata (temi di ascendenza averroista e platonica). Laltra ha un ruolo solo marginale del De infinito, ma assume invece maggiore importanza nellAcrotismus e si ritroverà, come vedremo, sotto altre spoglie anche negli Eroici Furori: se potenza attiva e passiva coincidono, è impossibile affermare, come invece aveva fatto Aristotele, che la nostra capacità di immaginare spazi e corpi sempre più grandi, senza fine, sia un semplice atto mentale, cui non corrisponde niente di reale. Al contrario, operazioni mentali e realtà in questo caso sono perfettamente isomorfe. Nel De la causa e nei Furori luniverso e Diana sono luno, lente e il vero; simile è anche lelenco delle proprietà dellente infinito nellAcrotismus, ente infinito che Bruno precisa subito essere il cosmo. Il monismo parmenideo, ladagio anassagoreo della presenza del tutto nel tutto, la sfera infinita, la coincidenza di atto e potenza: sono temi che Bruno, come nelle sue fonti, applica a Dio ma che, diversamente dalle sue fonti, usa anche per definire le caratteristiche delluniverso. Che, come si è già accennato, differisce da Dio solo per il rapporto tutto-parti: pur non essendo composto da parti, nel cosmo possono infatti essere individuate delle parti. La condizione è che esse siano altrettanto infinite del tutto cui si riferiscono: nellinfinito non vi è distinzione tra maggiore e minore, tra pari e dispari, tra ununità di misura e i suoi multipli. Prive di consistenza metafisica (sono puri accidenti), le parti delluniverso incarnano, ognuna a suo modo, uno dei suoi modi di essere, senza poter essere, in un medesimo istante, tutti i modi di essere. La vicissitudine che regna nel mondo farà sì che ognuna di esse, in un tempo eterno, diventerà di volta in volta diversi modi di essere; ma ciò avverrà secondo le modalità di quellinfinito esplicato e non complicato che è luniverso. Bruno sancisce così definitivamente limpossibilità per qualunque ente finito di presentarsi come una rappresentazione dellinfinito o addirittura una mediazione tra finito e infinito: solo luniverso, un tutto infinito, può essere limmagine, il vestigio, il simulacro dellinfinito divino. Il tentativo cristiano di proporre Cristo come ununione, e dunque una mediazione, tra linfinito e il finito è dunque altrettanto mostruoso e impossibile di quelle unioni tra natura umana e animale che sono i centauri della mitologia classica.


Scaricare ppt "Ci concentreremo, oggi, sulla concezione bruniana dellInfinito e sulle sue tesi cosmologiche rivoluzionarie, ripartendo dal concetto di rovesciamento e."

Presentazioni simili


Annunci Google