La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Diritto dellUnione Europea Progredito Prof. Massimiliano Montini Mercato Unico Europeo: La libera circolazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Diritto dellUnione Europea Progredito Prof. Massimiliano Montini Mercato Unico Europeo: La libera circolazione."— Transcript della presentazione:

1 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Diritto dellUnione Europea Progredito Prof. Massimiliano Montini Mercato Unico Europeo: La libera circolazione delle persone Lezione 9,

2 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond 2) La libertà di circolazione delle persone Inizialmente, la libertà di circolazione e stabilimento delle persone era concepita come funzionale alla realizzazione del mercato unico: era perciò finalizzata a rendere possibile ed agevolare i cittadini nellesercizio di unattività economica oltre i confini nazionali Il Trattato di Maastricht del 1992 ha introdotto ufficialmente la cittadinanza europea, che attribuisce ai cittadini dellUnione il diritto di circolare e soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri Oggi il legame tra libera circolazione delle persone e svolgimento di attività economiche è stato sciolto 2

3 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond La libera circolazione delle persone alle origini In origine, le norme del Trattato non riguardavano la persona in quanto tale, bensì in quanto soggetto che esercita unattività economicamente rilevante (oppure ad essa collegata, ad es. per vincolo familiare) 3 gruppi di norme disciplinavano le tre ipotesi principali: -Lavoro subordinato (per i lavoratori dipendenti) -Lavoro autonomo localizzato stabilmente nel territorio di uno Stato Membro (diritto di stabilimento) -Prestazione di servizi, che si risolve in unattività economica prestata occasionalmente in uno Stato Membro diverso da quello di stabilimento

4 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Il contributo della Corte di Giustizia La giurisprudenza della Corte di Giustizia ha contribuito ad ampliare il più possibile la sfera dei soggetti ammessi a beneficiare della libera circolazione Come? Interpretando estensivamente le categorie di persone espressamente indicate e il concetto stesso di attività lavorativa, nonché introducendo altre categorie di persone non espressamente indicate dal Trattato Ad esempio: la ricerca di un lavoro in un altro Stato Membro, lo spostamento degli studenti ai fini della formazione universitaria e professionale, ma anche la mera visita a esercizi commerciali in un altro Paese

5 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Il contributo del diritto derivato Il diritto derivato ha ulteriormente contributo ad estendere i benefici connessi alla libertà di circolazione ad altre categorie In particolare, nel 1990 si é riconosciuto un diritto di soggiorno generalizzato con 3 direttive sul: -Diritto di soggiorno -Diritto di soggiorno dei lavoratori salariati e non salariati che hanno cessato la propria attività professionale (pensionati) -Diritto di soggiorno degli studenti Direttiva 2004/38/CE: ha unito in un unico testo il diritto di circolare e soggiornare nel territorio degli Stati Membri dei cittadini dellUnione e dei loro familiari

6 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond La libera circolazione delle persone oggi Art. 18 TFUE che vieta ogni discriminazione effettuata in base alla nazionalità Artt TFUE: norme sulla cittadinanza europea Artt TFUE: relativi ai lavoratori Artt TFUE: relativi al diritto di stabilimento Artt TFUE: relativi alla prestazione di servizi 6

7 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Art TFUE LArt. 20 TFUE riproduce la disposizione introdotta col Trattato di Maastricht che prevede listituzione esplicita della cittadinanza Europea In particolare, ai sensi dellart TFUE: È istituita una cittadinanza dell'Unione. È cittadino dell'Unione chiunque abbia la cittadinanza di uno Stato membro. La cittadinanza dell'Unione si aggiunge alla cittadinanza nazionale e non la sostituisce. Unica condizione per essere cittadino dellUnione: avere la cittadinanza di uno Stato Membro È una cittadinanza aggiuntiva a quella nazionale

8 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond I diritti dei cittadini dellUE: art TFUE Lart elenca i diritti dei cittadini europei: I cittadini dell'Unione godono dei diritti e sono soggetti ai doveri previsti nei trattati. Essi hanno, tra l'altro: a)il diritto di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri; b)il diritto di voto e di eleggibilità alle elezioni del Parlamento europeo e alle elezioni comunali nello Stato membro in cui risiedono, alle stesse condizioni dei cittadini di detto Stato;

9 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond c) il diritto di godere, nel territorio di un paese terzo nel quale lo Stato membro di cui hanno la cittadinanza non è rappresentato, della tutela delle autorità diplomatiche e consolari di qualsiasi Stato membro, alle stesse condizioni dei cittadini di detto Stato; d) il diritto di presentare petizioni al Parlamento europeo, di ricorrere al Mediatore europeo, di rivolgersi alle istituzioni e agli organi consultivi dell'Unione in una delle lingue dei trattati e di ricevere una risposta nella stessa lingua. I diritti dei cittadini dellUE: art TFUE

10 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Diritti dei cittadini: la libera circolazione (Art. 21 TFUE) Il diritto alla libertà di circolazione del cittadino dellUnione è ulteriormente ribadito nellart TFUE: Ogni cittadino dell'Unione ha il diritto di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri, fatte salve le limitazioni e le condizioni previste dai trattati e dalle disposizioni adottate in applicazione degli stessi Il valore aggiunto di questo articolo, insieme agli altri sulla cittadinanza europea, è quello di eliminare il riferimento alla valenza economica dellattività svolta dalla persona, ma di considerare il soggetto persona in quanto cittadino 10

11 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Il divieto di discriminazione in base alla nazionalità Il godimento della libertà di circolazione e di soggiorno, così come, più in generale, dello status di cittadino dellUnione é collegato al divieto di discriminazione sulla base della nazionalità (art. 18 TFUE) Tutti i cittadini europei hanno diritto a non essere discriminati in base alla nazionalità e a ricevere, a parità di condizioni, lo stesso trattamento nazionale dei cittadini dello Stato Membro sul cui territorio si trovano

12 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Effetto diretto delle norme sulla libera circolazione delle persone Le norme del Trattato che disciplinano la materia della libera circolazione delle persone hanno effetto diretto Quindi producono effetti diretti per i cittadini, che possono farle valere davanti anche direttamente ai Tribunali nazionali in caso di violazioni delle stesse da parte di normative nazionali 12

13 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Gli altri diritti del cittadino europeo: lelettorato attivo e passivo Il cittadino europeo gode del diritto di voto, nonché di candidarsi alle elezioni: - del Parlamento europeo - comunali, nel Paese dello Stato Membro in cui risiede Le modalità di esercizio del diritto di voto e di eleggibilità per le elezioni comunali sono disciplinate dalla direttiva 94/80/CE La direttiva specifica che gli Stati Membri hanno la facoltà di riservare la carica di capo di un ente locale (es. sindaco) per i propri cittadini

14 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond La libertà di circolazione dei cittadini dei paesi terzi La libera circolazione dei cittadini di paesi terzi ricade nellambito di materie, quali limmigrazione e la sicurezza, ancora di competenza concorrente tra UE e Stati Membri Lesercizio del diritto di circolazione per i cittadini di paesi terzi, inteso come diritto di attraversare le frontiere interne dellUE senza controlli, rimane collegato alladozione di disposizioni comuni sui controlli alle frontiere esterne La maggior parte delle decisioni è presa nellambito della cooperazione intergovernativa tra gli Stati Membri dellUE

15 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Il primo Accordo di Schengen (I) Nel corso degli anni '80 si è aperto un dibattito sul significato di libera circolazione delle persone: per alcuni Stati membri, il concetto di libera circolazione doveva applicarsi esclusivamente ai cittadini europei: ciò imponeva di mantenere i controlli alle frontiere per distinguere i cittadini europei da quelli dei paesi terzi; altri Stati membri auspicavano invece una libera circolazione per tutti (quindi includendo i cittadini di paesi terzi), con la conseguente abolizione di detti controlli alle frontiere. Vista limpossibilità di giungere a un accordo tra tutti i paesi, il 14 luglio 1985 Francia, Germania, Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi hanno firmato il primo Accordo di Schengen

16 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Il primo Accordo di Schengen (II) LAccordo di Schengen del 1985 ha creato fra i cinque stati firmatari un territorio senza frontiere, il cosiddetto «spazio Schengen» Entro tale spazio si applicano regole e procedure comuni in materia di visti, soggiorni brevi, richieste d'asilo e controlli alle frontiere. Contestualmente, per garantire la sicurezza all'interno dello spazio di Schengen, è stata potenziata la cooperazione e il coordinamento tra i servizi di polizia e le autorità giudiziarie In virtù della firma del trattato di Amsterdam, tale cooperazione intergovernativa è stata integrata nellUnione europea (UE) dal 1° maggio 1999 (acquis communautaire)

17 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond LAcquis Schengen I progressi compiuti dallUE grazie a Schengen sono stati integrati nel trattato di Amsterdam mediante un protocollo addizionale, entrando così a far parte del c.d. acquis communautaire Alla libera circolazione delle persone, che già figurava tra gli obiettivi dellAtto unico europeo del 1986, è stato inoltre assicurato un controllo parlamentare democratico Inoltre, si è fornito ai cittadini i cui diritti vengono contestati la possibilità di adire le istituzioni giudiziarie competenti (Corte di giustizia e/o giurisdizioni nazionali, a seconda dei settori).

18 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Il Sistema dinformazione Schengen (SIS) Per conciliare libertà e sicurezza, la libera circolazione è stata affiancata dalle cosiddette misure compensative volte a migliorare la cooperazione e il coordinamento fra i servizi di polizia e le autorità giudiziarie al fine di preservare la sicurezza interna degli Stati membri e segnatamente per lottare in maniera efficace contro la criminalità organizzata. È in questo contesto che è stato sviluppato il Sistema dinformazione Schengen (SIS). Il SIS è una base di dati articolata e sofisticata che consente alle competenti autorità degli Stati del sistema Schengen di scambiare dati relativi allidentità ed altre informazioni rilevanti per determinate categorie di persone e di beni

19 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond I successivi Accordi di Schengen Lo spazio Schengen si è esteso progressivamente a quasi tutti gli Stati membri. Gli accordi sono stati firmati dallItalia il 27 novembre 1990, dalla Spagna e dal Portogallo il 25 giugno 1991, dalla Grecia il 6 novembre 1992, dallAustria il 28 aprile 1995 e da Danimarca, Finlandia e Svezia il 19 dicembre Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Lituania, Ungheria, Malta, Polonia, Slovenia e Slovacchia si sono unite il 21 dicembre 2007, mentre la Svizzera si è associata il 12 dicembre 2008; Bulgaria, Cipro e Romania non sono ancora membri a pieno titolo dello spazio Schengen

20 Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Danimarca, Irlanda, Regno Unito Questi 3 stati applicano soltanto parzialmente le regole dello Spazio Schengen LIrlanda e il Regno Unito non sono parti della Convenzione Schengen Nel marzo del 1999 il Regno Unito ha chiesto di partecipare ad alcuni aspetti della cooperazione basata su Schengen: la cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale, la lotta contro il narcotraffico e il SIS Similmente, nel giugno del 2000 anche lIrlanda ha chiesto di partecipare ad alcune disposizioni dellacquis di Schengen La Danimarca, nonostante sia firmataria della Convenzione di Schengen, può scegliere nellambito dellUE se applicare o meno ogni nuova misura sulla libera circolazione delle persone, sebbene tale misura costituisca uno sviluppo dellAcquis di Schengen. La Danimarca è tuttavia vincolata da alcune misure in materia di politica comune dei visti


Scaricare ppt "Environmental Legal TeamEnvironment and Beyond Diritto dellUnione Europea Progredito Prof. Massimiliano Montini Mercato Unico Europeo: La libera circolazione."

Presentazioni simili


Annunci Google